The news is by your side.

I GARGANICI CHE DISOBBEDIRONO (UN PO’) AL DUCE …

252

FAMIGLIE DI REGIME/LA GRANDE STORIA

Gli abitanti delle zone limitrofe al lago di Varano non aderirono all’autarchia del Regime fascista in fatto di scelta dei tessuti. Ma reclamavano i premi per le famiglie. Singolare una lettera di protesta del 1937 per un mancato “premio” di natalità a un’attivista di Cagnano Varano

Il fascismo, in vista all’autarchia, aveva incoraggiato le ditte che producevano prodotti tessili sintetici. Dalla guerra etiopica in poi la qualità dei tessuti era progressivamente degradata. Secondo Venè, l’italiano medio continuò ad associare mentalmente il senso di calore con la lana, quello del fresco con il cotone, quello della robustezza con il cuoio e forse usò ancora per poco le stesse parole per definire la stoffa dell’abito pesante, della giacchetta estiva, le buone scarpe. Ma nei fatti capì che, per un tempo indefinito, forse per sempre, non avrebbe più potuto permettersi indumenti fatti con quei prodotti.

Fu Andrea Ferretti, Commendatore e poi Cavaliere del lavoro, il primo a studiare l’utilizzo dei cascami del cuoio, dalla cui lavorazione inventò il “cuoio rigenerato” che brevettò con il nome di salpa. Fu ancora lui a scoprire che dalla caseina del latte si poteva ricavare un prodotto tessile, qualitativamente simile alla lana: il lanital.

Niente più seta, ma raion; niente più cotone, ma cafioc, ossia fiocchi di canapa. Questi nuovi tessuti si imposero presso i ceti medio-bassi come espressione tangibile della modernità italiana, come conquista il cui merito, oltre che al genio nazionale, andava a tutta la nuova Italia.

Nel dicembre del 1940 arrivò, nel comune di Cagnano, una lettera della ditta Leumann di Torino: «Nell’Aprile scorso, il Duce, cui abbiamo l’onore di sottoporre tessuti autarchici al 100% di nostra nuova produzione, ci impartì precise direttive per la divulgazione di questi nostri tessuti in tutta Italia, direttive che egli rese di pubblica ragione con il suo comunicato Stefani del 7 aprile scorso. Con questa consegna di “andare verso il popolo”, abbiamo messo a disposizione della battaglia autarchica tutta la nostra organizzazione produttiva e, poiché lo svolgimento di un simile programma richiede un meticoloso lavoro di penetrazione presso tutti i rivenditori di tessuti del Regno, ci rivolgiamo alla vostra cortesia, per conoscere i nominativi di tutti i negozi di stoffe e dei rivenditori di piazza (con banco), siti nel vostro comune. Vi ringraziamo sin d’ora per le comunicazioni che vorrete favorirci».

Fino a che punto l’invito della ditta Leumann fu accolto dai Cagnanesi? Forse non lo fu affatto perché non c’era bisogno di tessuti autarchici.

Nelle zone limitrofe al lago Varano, nella stagione primaverile veniva seminato, oltre al cotone ed alla canapa, il lino. Questo fatto è testimoniato da un documento del 26/12/1924 dell’Archivio comunale di Ischitella.

La Giunta Comunale si era riunita per deliberare sulla chiusura della Foce di Capoiale. Conseguenza dell’apertura di questa era la iniziata salsedine del lago, che influiva negativamente sulla macerazione del lino, lungo le rive del lago stesso.

Le piante del lino venivano carpite nel mese di agosto. Dopo aver tolto il seme, usato per l’estrazione dell’olio “siccativo”, che si impiegava principalmente per la fabbricazione delle vernici e per la preparazione del tessuto di juta, il lino si legava in fasci e si portava sulle rive del lago a macerare. Per farlo ben sommergere dall’acqua, sopra si mettevano delle pietre. Dopo una quindicina di giorni il processo di macerazione era aumentato e così si toglievano le pietre e i fasci, si portavano in un prato e si lasciavano asciugare sotto il sole cocente. Finita questa operazione il lino si portava a casa e si metteva sotto qualche capanna, fino a che non si asciugava completamente. Avvenuto questo, veniva maciullato con un arnese creato per l’occasione, poi si pettinava e si ammatassava. In seguito, la stoppa si metteva nella rocca e veniva filata dalle nostre donne durante le sere invernali. Infine si ordiva il telaio e si tesseva la tela.

I tessuti fatti in casa, con prodotti naturali, avevano qualità di robustezza che le stoffe di città certo non eguagliavano.

L’autarchia casalinga dei braccianti e contadini garganici produceva lini, maglie e calze in lana di pecora che l’autarchia statale, quella dei lanital e del cafioc, aveva di fatto e per principio, sacrificato. Certo, il contadino che, all’inizio della giornata lavorativa, infilava maglia e pantaloni non aveva gran che da scegliere, ma la sua tenuta era forse più protettiva di quella di un impiegato e con meno toppe di quella di un operaio.

La fatica delle massaie tessitrici era confortata dalla tradizione che le voleva, fin da bambine, intente alla preparazione del loro corredo, spesso prezioso per qualità di stoffa e raffinatezza di ricami.

L’artigianato delle campagne diventò un privilegio inaspettato negli anni di precipitosa decadenza del regime, dopo la dichiarazione della seconda guerra mondiale: i contadini diventarono arbitri del mercato nero di qualsiasi genere di prima necessità.

Nel 1935, dichiarata la guerra d’Etiopia e avutone come contropartita le sanzioni internazionali, Mussolini ebbe l’idea propagandisticamente più felice di tutto il Ventennio, per dimostrare non solo agli stranieri, ma anche agli Italiani tiepidi, quale fosse la forza del consenso che lo circondava: “Oro alla patria”.

Gli sposi furono invitati a donare le fedi d’oro e di argento allo stato in cambio di fedi di ferro. E’ risaputo. Pochi invece ricordano – come ci informa Vené – che in quella occasione decine di migliaia di genitori-donatori chiesero qualcosa di più: l’iscrizione, all’Opera balilla, dei figli che non avevano ancora compiuto gli otto anni regolamentari.

Probabilmente le richieste furono guidate. È certo che, in questo caso, la ricevuta delle fedi, recante la grammatura delle offerte in metallo e la caratura di eventuali pietre, era accompagnata da una lettera intestata Partito nazionale fascista, il cui testo, firmato dal segretario del fascio locale, diceva: «Pregiatissimo signor… Le rimetto la ricevuta per il versamento dell’oro da lei effettuato e La ringrazio vivamente. Ho dato disposizioni all’Opera Balilla perché il suo piccolo… sia iscritto con la data del… corrente mese. La prego perciò di rivolgersi alla Presidenza dell’Opera Balilla per il ritiro della tessera».

Sul finire del 1935, Mussolini decise, dunque, che la iscrizione all’Opera poteva essere estesa anche ai neonati. Da quel momento, le puerpere e i loro mariti ricevettero a ogni nascita di figlio un biglietto di auguri prestampato, che vale la pena di rileggere per intero, anche perché, come l’atto di ricevuta dell’oro alla patria, non risulta sia menzionato dagli storici. «L’Opera balilla di… ha appreso con vivo piacere la nascita del bambino… venuta ad allietare la sua famiglia ed a portare il suo promettente sorriso nella gaia schiera dei ragazzi di Mussolini, e, certa di far cosa gradita, porge insieme agli auguri più sinceri la tessera di iscrizione all’Opera Balilla per l’anno». In carattere molto più piccolo seguiva un “nota bene”: «Le SS.LL. vorranno versare la somma di lire 5, corrispondente al prezzo della tessera, a mezzo dell’unito modulo di versamento in c.c. postale, alla tesoreria dell’Opera Balilla in via… . In caso diverso la tessera sarà cortesemente restituita al Comitato provinciale dell’Opera Balilla in via…».

Probabilmente, nei nostri paesi, pochi ebbero la possibilità di versare le cinque lire per comprare questa tessera.

Il Regime, condizionato dal Concordato del 1929 a rispettare l’enciclica Casti Connubi di Pio XI (1930) che ammetteva rapporti sessuali solo al fine di procreare, arroccato sul principio che il numero fa la forza della nazione, si lanciò in quella ossessionante campagna demografica che, a poco a poco, da calorosa raccomandazione, prese forma e forza di legge. In effetti la campagna demografica fu un’iniziativa del regime destinata a penetrare nella vita coniugale, attentamente valutata prima di essere disattesa. Si trattava di accettare o rifiutare i benefici immediati in denaro che il fascismo offriva agli sposi e moltiplicava in proporzione al numero dei figli. Alle madri, riconosciute ufficialmente con almeno sette figli, Mussolini inviava o consegnava personalmente in fastose cerimonie a Palazzo Venezia 5000 lire, più una polizza di assicurazione di 1000 lire. Anche gli assegni familiari erano ragguardevoli. Le madri prolifiche, additate ad esempio d’italianità, venivano soprattutto dalle campagne del Sud e del Veneto.

Anche nei nostri paesi furono concessi premi per la campagna demografica.

Le somme disponibili per i premi di nuzialità venivano usate, però, più a scopi assistenziali, che per l’intensificazione della campagna demografica disposta dal Governo.

Le domande erano sempre numerose; molte venivano respinte perché non ricorrevano i termini per la concessione dei benefici richiesti.

I Cagnanesi non si scoraggiavano per le mancate concessioni e, in modo abbastanza polemico, si rivolgevano alle autorità superiori per avere spiegazioni e per ottenere “giustizia”. Lo testimoniano le lettere ritrovate nell’archivio comunale di Cagnano Varano

Il fatto che i premi di natalità non fossero distribuiti a tutte le famiglie con nascituri è dimostrato da una lettera di protesta che Papantuono Grazia scrive all’Opera Maternità e Infanzia di Foggia il 20-01-1937. La donna fa presente la situazione di favoritismo nei confronti di altre mamme che ricevono dei premi, mentre lei ne è esclusa: «Nello scorso anno uscì al pubblico un decreto che tutte le donne che partorivono nel mese di ottobre li spettava il premio. In questo paese il 18 corrente mese tutte le buone donne e le moglie dei ladri che sono sgravidate dal mese di ottobre fino a tutto dicembre li hanno segnato quasi tutto perché sono messi di accordo non solo con questa assistenza che sono tutte moglie di signori e anche la levatricia fa il suo porco comodo».

La sua vuole essere una denuncia contro le ingiustizie verso i poveri: «Chi avi di sua proprietà una casa a un solo vano è proprietario e lo stesso chi avi un pezzo di terra e proprietario, le moglie dei ladri anno capri pecore e altri cosi sono tutti povere, le mali donne anno fino a un palazzotto di fabbricato con 4 o 5 stanzi, sono tutti povere perché così vogliono tutti questi signori di questo paese». Lei invece che è “proprio sgravidata” non li può avere perché possiede giusto una casa per riparare la testa dalla pioggia.

La chiusa è rivendicativa: «Prego la S.V. Ill.ma di darmi tale schiarimenti a me povera donna che questo premio mi tocca o pure non mi tocca e voglio risposta quanto prima se non mi dati tali schiarimenti io scriverò più avanti. Saluti fascisti anticipati da me Papantuono Grazia fu Giovanni».

Teresa Maria Rauzino

rauzino.wordpress.com


I commenti sono chiusi.

error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright