Articoli filtrati per data: Lunedì, 07 Gennaio 2019 - Rete Gargano
Lunedì, 07 Gennaio 2019 23:24

Dimissioni Di Gioia, Emiliano le respinge

Succede tutto su facebook. Leo Di Gioia annuncia di volersi dimettere ed Emiliano sempre sul social più letto del mondo, le respinge. "Caro Leo sono costretto a scrivere su Facebook avendo tu scelto questa platea. Stasera non ho avocato nulla, ci mancherebbe. La registrazione te lo confermerà. D’altra parte il Presidente, come tu dici bene, non ha bisogno di avocare nulla, disponendo insieme alla giunta, totalmente della funzione di indirizzo politico. Ho ricevuto i manifestanti nonostante la mia grave indisposizione  di salute e con molte ore di anticipo Ti ho chiesto di essere con me nel corso dell’incontro. Ma un grave lutto di famiglia te lo ha impedito. Nel corso dell’incontro si è deciso - come avviene ogni giorno in Regione - un tavolo di lavoro esclusivamente sulle materie oggetto della manifestazione. Tutto qui. Per queste ragioni le tue dimissioni sono ingiustificate e per questa ragione è mio dovere respingerle prima ancora che tu me le offra. Stai sopportando in questi anni un peso assai gravoso in un mondo agricolo sempre più diviso e conflittuale. Ma bisogna comprendere anche le loro ansie, non farsi prendere dallo sconforto. Bisogna combattere non solo andando a Roma venerdì, ma portando a termine il nostro compito fino all’ultimo giorno del nostro mandato. Se le mie condizioni di salute me lo consentiranno ti accompagnerò a Roma dal Ministro Centinaio, speriamo per festeggiare un risultato positivo del tuo lavoro. Dormici su e svegliati con nuova energia".

Pubblicato in Notizie

L'assessore alle Politiche agricole della Puglia, Leo Di Gioia, pochi minuti fa con un post sulla sua pagina facebook annuncia le sue dimissioni. "Il prossimo mercoledì parteciperò a Roma all’incontro convocato dal ministro Gian Marco Centinaio e lo farò per onorare fino in fondo l’impegno assunto con gli agricoltori pugliesi e per risolvere, così come ho promesso sin da subito, la questione delle gelate di febbraio e marzo 2018. Sarà questo il mio ultimo atto politico come componente della Giunta regionale. Dopo ciò rassegnerò le mie dimissioni come assessore in considerazione del fatto che, come nelle sue prerogative, il Presidente Emiliano ha avocato a sé la regia politica sulla materia agricola e comunicato l’istituzione di un tavolo presso la presidenza dedicato al PSR, alla Xylella, alle gelate 2018, al patto della Puglia. A tal proposito, convochero' una conferenza stampa per il prossimo venerdì 11 gennaio alle ore 11.00".

Pubblicato in Notizie

Il nuovo anno ha portato un bellissimo regalo ai cani di quartiere che da anni vivono presso il centro commerciale Gargano. Grazie infatti, alle volontarie che li accudiscono, ad ENPA Manfredonia che le ha donate e grazie al direttore del centro commerciale  Gargano che ne ha autorizzato il posizionamento, i cani potranno ripararsi dal freddo nelle calde ed accoglienti cucce. Anche  gli abitanti di Manfredonia hanno fatto la loro parte mettendo nelle cucce coperte calde per questi giorni di gelo  "Un grande segno di civiltà e rispetto che dovrebbe essere imitato" afferma Beatrice Buo una delle volontarie che ha promosso l'iniziativa e rappresentante del Coordinamento Provinciale delle associazioni animaliste della provincia di Foggia. Le quattro mascotte del centro commerciale ora, dopo aver svolto tutto il giorno scodinzolando il loro compito di accoglienza ai clienti del centro,  potranno dormire al caldo sereni.

Pubblicato in Ambiente
 Il Gruppo Sportivo dell'Atletico comunica di aver perfezionato in data odierna - lunedì 7 gennaio 2019 - l'ingaggio a titolo temporaneo del giovane estremo difensore classe 2001 Ahmedeo Mejri dal Foggia Calcio. 

Nonostante la giovane età, per il giovane portiere in passato già esperienze con Herdonia Calcio, Sporting Ordona, Allievi Virtus Lanciano e Primavera del Foggia.

La società ringrazia per la disponibilità il Foggia Calcio.

Pubblicato in Sport

Ennesimo record conseguito da una delle tante realtà locali. 

È stato un fine settimana culturale, storico ed emozionante nella "Perla del Gargano", portato in scena, con amore e professionalità, dalla più grande Compagnia Teatrale della Provincia di Foggia, che può vantarsi di contare ben 150 persone, tra direttivo, soci, attori, addetti e partner: incredibile!!! 

Trattasi dell'Associazione "Ars Nova Peschici", operante da 5 anni (correva l'anno 2014) la quale ogni qualvolta firma un Progetto Artistico, lascia il cosiddetto "segno"...sul Palcoscenico e nei cuori di ognuno.

Anche in questa chiusura delle Festività, si è confermata leader assoluta, con "La Sacra Famiglia", tenendo incollati, col fiato sospeso, sulle poltrone dell'Auditorium "Paolo Granieri", ben 550 spettatori (250, nella prima; 300, in replica). Nemmeno il freddo ed alcuni accenni di pioggia, hanno fermato il pubblico: numeroso, partecipe e generoso. Ad oggi, tenendo conto dei numeri da capogiro, la citata Rappresentazione resta tra le più seguite ed acclamate di sempre...qualitativamente e quantitativamente, così tanto da essere definita un vero e proprio Kolossal! 

La stesura del copione, il riadattamento "Biscottiano" dell'Opera, le infinite prove, la magistrale interpretazione degli Attori, l'impeccabile introduzione iniziale del Presidente, l'imponente scenografia a 6 mani, i costumi confezionati da un'Artista, la maniacale cura delle quinte, il servizio in sala, la martellante pubblicità sui giornali e sui social...sono la somma di un unico e soddisfacente risultato: successo!!!

Grazie a quanti hanno collaborato a rendere tutto più bello.

A breve, uscirà il dvd e sarà possibile visualizzare alcuni contributi fotografici.

L'Epifania, solo le Feste ha spazzato via...non gli Eventi dell'Associazionismo: tanta "roba", fioccherà! 

Peschici c'è. 

Francesco D'arenzo

Pubblicato in Spettacolo

A beneficiare della cosiddetta “Pace Fiscale”, emanata dal nuovo Governo e che ha riscosso il consenso di tutte le forze politiche, saranno 5 milioni di italiani, piccoli debitori che vedranno cancellate vecchie cartelle esattoriali dal 2000 al 2010. L’ex Equitalia, ora Agenzia delle Entrate-Riscossione, ha provveduto alla cancellazione in automatico di oltre 12 milioni di carichi fino a mille euro: c’è però una novità, chi ha già pagato anche un solo giorno prima dell’entrata in vigore del decreto legge non potrà più chiedere indietro le somme.

Un vero e proprio colpo di spugna: in altri termini non ci sarà bisogno di pagare niente, neanche il capitale. Per usufruirne non bisognerà nemmeno inviare alcuna domanda: il condono toccherà i piccoli importi a prescindere dalla natura del debito; vi rientrano perciò le multe, il bollo auto, l’imposta sulla spazzatura, le tasse locali come la Tasi e l’Imu, ecc. Resta esclusa solo l’Iva.

Nella misura rientrano tutti i contribuenti, a prescindere dal reddito: sia quelli “benestanti” che chi non può pagare.

Gli interessati non riceveranno alcuna lettera o comunicazione, in nome della spending review. Per verificare se ci sono multe o tasse “condonate” bisognerà recarsi nella sezione dedicata del sito dell’Agenzia delle Entrate, a questo link, - https://servizi.agenziaentrateriscossione.gov.it/equitaliaServiziWeb/home/login.doe - inserire pin e password personali.

Nella norma “strappa-cartelle”, entrata in vigore il 24 Ottobre 2018 con il Decreto Legge n.119/2018, sono esclusi i carichi affidati agli agenti della riscossione recanti: risorse proprie tradizionali, iva riscossa all’importazione, somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato, crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti, multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna. Con riferimento a tali debiti, pertanto, l’esattore potrà intraprendere le azioni di riscossione forzata.

Pubblicato in Economia

Si sono radunati in piazza prefettura, a Bari, i Gilet Arancioni pugliesi che protestano contro Governo e Regione, chiedono "il riconoscimento dello stato di calamità dopo le gelate di febbraio 2018, interventi mirati e decisi contro la Xylella, seguendo la scienza e non i santoni, e lo sblocco delle risorse del Programma di sviluppo rurale (Psr)". Sono attesi 150 trattori e oltre 3.000 agricoltori e olivicoltori.
    Accanto ai Gilet Arancioni, coordinamento che raggruppa le organizzazioni Agci, Associazione frantoiani di Puglia, Cia, Confagricoltura, Confocooperative, Copagri, Italia olivicola, Legacoop, Movimento nazionale agricoltura, Unapol, Liberi agricoltori, scendono in piazza i sindacati dei lavoratori (Cgil, Cisl e Uil), l'Anci, l'Ordine degli agronomi, il Collegio regionale dei periti agrari e rappresentanti di alcune forze politiche. I trattori sono arrivati in città, in parte in piazza Prefettura, circa 60, e gli altri sul lungomare fin sotto la sede della Regione.

Pubblicato in Ambiente

La capolista Peschici passa sul campo della seconda della classe, la Gioventù calcio San Severo, e prende il largo nel torneo di terza categoria. Vincono anche il S. Agata, la Dinamo S. Nicandro e l’Atletico Cagnano. Non si sono giocate due partite: a San Marco in Lamis e a Deliceto.

Vola dunque il Peschici che con una rete di Carlo Sicignano passa sul campo dei sanseveresi della Gioven­tù ormai in caduta libera. E pensare che i granata del tecnico Teodoro Vlassis hanno giocato per oltre un’ora in inferiorità numerica. Sbanca anche il Sant’Agata che in questo periodo sembra non cono­scere avversari. Battuto lo United Monte Sant’Angelo con una rete di Messaggiero, una di Delli Carri ed un’altra di Benvenuto Buonomo. Pe­riodo d’oro per l’Atletico Cagnano del dg Michele Pelusi: dall’ultimo posto ad un passo dai play-off. In rete per i cagnanesi Coccia (tripletta), Caputo e Di Fiore.

I RISULTATI

A.Cagnano-A.San Severo 5-1

E.Deliceto-Ischitella rinv.

G. San Severo-A.Peschici 0-1

Poggio Imperiale-D.San Nicandro 0-2

S.Agata-U.Monte S.Angelo 3-1

Sammarco-Ascoli Satriano rinv.

LA CLASSIFICA - Peschici 23

Gc S.Severo e Ascoli Satriano 19

S.Aga­ta 18

A.Cagnano 12

Sammarco 11

D. S.Nicandro 10

Ischitella 9

Monte S.Angelo ed Elce Deliceto 7

  1. Poggio Imperiale 1
Pubblicato in Sport

Cade e male la Bisanum. Non ha portato bene la sosta natalizia al quintetto viestano. Si è ripresentato ai blocchi di ripartenza ancora più dimesso e in crisi. Crisi di identità, scarica in tanti, troppi giocatori. Alcuni dei quali sembrano capitati dalle nostre parti (quasi) per caso. Irritanti e ineducati. Senza se e senza ma, meriterebbero la porta. Un dimesso e scarso Mola ha fatto sua la gara, giocando con il solo Gachette. Domenica contro l’ultima in classifica, a Monterone, sarà l’ultima chiamata?

 

SUNSHINE VIESTE 69

MOLA NEW BASKET 76

 

VIESTE: Sorrentino 18, Samija 22, Lauriola 8, Compagnoni 5, Hoxha, Simeoli 16. N.e: Castriotta, Gimma, Agalliu, Tavaglione. All. Desantis.

MOLA: Cairns 14, Gachette 26, Preite 15, Cordici 12, Stimolo 3, Tartaglia 5, Tanzi, Galantino. N.e.: Salerno, Susca. All. Castellino.

ARBITRI: Procacci e Stanzione

 PARZIALI:   19-21;  37-39;  59-56; 69-76.

 

1° GIORNATA DI RITORNO

 

Sunshine BK Vieste

69

Mola New Basket

76

 

 Cestistica Ostuni

75

N.P. Ceglie

77

 

Virtus Ruvo di Puglia

95

N.P. Monteroni

73

 

Action Now! Monopoli

75

Libertas Altamura

76

 

Pall. Lupa Lecce

88

Cus Jonico

73

 

Bk1963 Francavilla

99

Valentino Basket Castellaneta

105

Bk1963 Francavilla

99

Valentino Basket Castellaneta

105

 

CLASSIFICA

 

LA PROSSIMA - 2a giornata di ritorno -

 

Cus Jonico

Virtus Ruvo di Puglia

 

12 Gen 18:00

 

N.P. Ceglie

Pall. Lupa Lecce

 

13 Gen 18:00

 

N.P. Monteroni

Sunshine BK Vieste

 

13 Gen 18:00

 

Mola New Basket

Action Now! Monopoli

 

13 Gen 18:00

 

Valentino Basket Castellaneta

Cestistica Ostuni

 

13 Gen 18:15

 

Libertas Altamura

Bk1963 Francavilla

 

13 Gen 18:30

----------------------------------------------------------

Pubblicato in Sport

Forza Italia contro la vendita ai francesi delle saline di Margherita di Savoia. «La notizia del passaggio in mani francesi delle saline di Margherita di Savoia non può non ri­chiamare l’attenzione della politica, in primis del presidente Emiliano. Le sa­line rappresentano economia, lavoro, valore del nostro territorio. La cessione del credito vantato dal Monte dei Paschi di Siena nei confronti di Atisale e Sa­lapia Sale ai francesi si inserisce nei faldoni che con­tengono tutte le notizie di beni italiani svenduti o ceduti a socie­tà straniere. Il tutto quasi in si­lenzio, senza ga­ranzie per i la­voratori che da anni prestano la loro opera nelle saline più vaste d’Europa. Riten­go che il caso meriti un impe­gno comune e chiedo al presi­dente Emiliano di convocare con ur­genza un tavolo con le rappresentanze dei lavoratori e delle società coinvolte, per avere un quadro chiaro e traspa­rente della situazione e poter valutare con anticipo ogni forma di protezione e di mantenimento dei livelli occupazio­nali»: questa la presa di posizione di Nino Marmo, capogruppo dei berlusconiani in Via Capruzzi, e leader della destra forzista.

Pubblicato in Economia
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Reporter della tua città

16 Marzo 2019 - 10:46:29

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ Fedeltà di Marco Missiroli

Candidato al Premio Strega 2019 Con una scrittura ampia, carsica, avvolgente, Marco Missiroli apre le stanze e le strade, i pensieri e i desideri inconfessabili, fa risuonare…
- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -