Articoli filtrati per data: Mercoledì, 02 Ottobre 2019 - Rete Gargano
Da ormai diverso tempo si assiste ad un fenomeno di notevole diffusione del lupo in tutto il territorio italiano, diffusione che sta creando un allarmismo giustificato in parte dalla non conoscenza di alcuni fenomeni naturali, in parte dall’impreparazione di alcuni comparti zootecnici ed in parte dalla inefficienza della pubblica amministrazione da sempre afflitta da carenza di fondi. Il fenomeno è perfettamente comprensibile se inquadrato nelle leggi della natura e, con un minimo di programmazione, sarebbe stato prevedibile e si sarebbero potuti predisporre gli adeguati provvedimenti per il contenimento delle conseguenze. La diffusione di una specie comporta sempre l’alterazione degli equilibri preesistenti ed è comunque la conseguenza di una serie di cause, in gran parte addebitabili all’uomo, che spesso hanno origini lontane. Non potendo in questa sede effettuare una analisi approfondita, si vogliono comunque evidenziare alcuni passaggi fondamentali di questo fenomeno, ripercorrendo brevemente la storia del lupo, peraltro comune a tanti altri predatori. Negli anni ’70 si assiste al minimo storico della presenza del lupo sul territorio italiano, portando la specie sull’orlo dell’estinzione. Le cause che avevano condotto a quella situazione risiedono nella caccia spietata al predatore ma, soprattutto ad un calo vertiginoso delle prede tradizionali e ad un degrado significativo degli ambienti in cui tradizionalmente la specie si sviluppava. Piccoli nuclei sopravvivevano nelle aree più impervie e meno frequentate ed alterate dall’uomo. I decreti di protezione sia a livello nazionale che a livello internazionale hanno evitato che alla specie fosse assestato il colpo di grazia. In seguito sono accaduti alcuni fatti che hanno permesso alle residue popolazioni di lupo di riprendersi e aumentare di consistenza. Sotto questo aspetto, la diminuzione della pressione di caccia (questa non è mai cessata del tutto) ha contribuito a favorire la salvezza della specie. Il progressivo abbandono della montagna da parte dell’uomo unito ad una serie di interventi di ripopolamento degli ungulati (cervi, caprioli e, soprattutto, cinghiale) hanno iniziato a ricostituire la base alimentare tradizionale del lupo. Occorre fare due importanti precisazioni: la prima riguarda il potenziale riproduttivo degli erbivori. Esso è molto elevato, talvolta per il numero dei piccoli che viene prodotto ogni volta (il cinghiale), talvolta per la struttura della popolazione (cervo) in cui un singolo maschio possiede un harem di femmine e ciò incrementa notevolmente il numero delle nascite. La seconda considerazione riguarda il potenziale riproduttivo del lupo che, pur avendo la possibilità di produrre una prole numerosa nell’unica riproduzione annuale, vede la sopravvivenza dei cuccioli legata strettamente alle risorse alimentari disponibili sul territorio. Di conseguenza, maggiori saranno le prede e maggiore sarà la possibilità di espansione del predatore. Un’altra considerazione importante da fare è quella riguardante il possibile controllo delle popolazioni di erbivori da parte del lupo. Per quanto le predazioni da parte dei predatori siano efficaci nel controllo delle popolazioni di erbivori, nella nostra particolare situazione il lupo è partito svantaggiato per cui l’equilibrio fra predatori e prede, necessariamente, non potrà essere raggiunto facilmente. È comunque vero che al momento attuale il lupo ha a disposizione una quantità enorme di prede e ciò favorisce la sopravvivenza dei cuccioli e l’incremento delle popolazioni del predatore. Nel contesto ambientale del territorio italiano, il lupo appenninico costituisce branchi di piccole dimensioni, per lo più costituiti da consanguinei (genitori, cuccioli dell’anno e, talvolta dell’anno precedente). Al raggiungimento della soglia numerica critica, alcuni elementi del gruppo familiare si staccano ed iniziano una fase di erratismo allo scopo di formare, con esemplari provenienti da altri gruppi familiari, nuovi branchi. Questo fenomeno ha una sua ragione di essere e deriva dalla necessità di assicurare scambi genetici ed evitare che il possibile reincrocio fra consanguinei porti ad una degradazione del patrimonio genetico. Una volta formati nuovi branchi, si verifica l’occupazione del territorio familiare. È evidente che verranno scelte aree libere più favorevoli, ma quando queste si esauriscono, la colonizzazione interesserà aree marginali fino ad occupare aree di minima compatibilità con la specie che, comunque, grazie alla sua estrema adattabilità, riuscirà a sopravvivere. In tale contesto si inserisce il problema del cane “vagante” (randagio, inselvatichito). Quest’ultimo ha, per il territorio, una valenza molto simile al lupo e, essendo pur esso territoriale, impedirà al predatore selvatico l’occupazione degli spazi adeguati. Di conseguenza si può ragionevolmente affermare che l’espansione del lupo in aree non vocate viene accentuata e favorita dalla presenza, talvolta molto consistente, del cane randagio, presenza che rappresenta una competizione territoriale ma anche alimentare. Chiarito, anche se in forma molto semplice, il fenomeno e le sue dinamiche, appare necessario fornire indicazioni sul come salvaguardare le attività umane, produttive e non. Va, preliminarmente chiarito un concetto fondamentale: il lupo non aggredisce l’uomo, fatto salvo che non si trovi in evidente pericolo, sia perché stretto in un ambito senza via di fuga, sia perché provocato dal comportamento umano. Se nelle aree vocate, con abbondanza di prede selvatiche, il lupo stenta ad avvicinarsi all’uomo ed agli animali allevati, nelle aree meno vocate e con scarsa presenza di prede, può essere spinto dalla fame ad aggredire il patrimonio zootecnico. La presenza di cani di adeguata attitudine alla difesa dei domestici (mastino abruzzese, ma anche altre razze, a seconda del contesto) scoraggia i predatori ad aggredire le greggi. Anche la presenza, fra gli equini al pascolo, dello stallone nella stragrande maggioranza dei casi tiene lontani i predatori, con un significativo abbattimento delle predazioni. Recinti elettrici possono essere utili per minimizzare i danni all’atto della stabulazione degli animali, sempre con la presenza dei citati cani all’interno ed all’esterno del gregge (CSEBA – PWE, ricerche triennali di Andrea Gallizia nel teramano, tutt’ora in corso). A ciò, naturalmente, deve aggiungersi un efficiente intervento della pubblica amministrazione nel tempestivo e totale rimborso degli inevitabili danni che dovessero continuare a verificarsi. La convivenza fra uomo e natura (intesa nella più ampia accezione del termine) è possibile, a patto che l’uomo capisca che una sua interazione troppo aggressiva nei confronti degli elementi naturali porterà solo a disastri e che lui stesso, in quanto elemento integrante della natura, per primo ne subirà le conseguenze. Gli effetti dei cambiamenti climatici indotti dall’uomo dovrebbero insegnarci qualcosa.
Pubblicato in Notizie
L’Atletico Peschici dopo la promozione in Seconda Categoria è pronto ad affrontare il più impegnativo torneo con lo stesso entusiasmo e determinazione della passata stagione. Il presidente Giovanni Ranieri e il DG Vincenzo Borgia hanno allestito un buon organico in grado di affrontare squadre sicuramente più blasonate rispetto alla Prima categoria. Il club garganico si è presentato alla stampa e alla città attraverso una manifestazione di piazza presentata dal duo Veronica Buono-Leo angelicchio. Tutti confermati i giocatori reduci dal primo posto dello scorso anno, ma con l’arrivo di altri elementi di spiccata esperienza come l’attaccante Pasquale Masanotti, i centrocampisti Luigi De Vita, Massimo De Leo provenienti dall’Atletico Vieste e Rocco D’Avolio dall’Ischitella. Confermato anche il tecnico Teodoro Vlassis Per il presidente Gianni Ranieri l’obiettivo prioritario è fare bella figura. L'esordio in campionato domenica 6 ottobre in casa con la Ruvese.
Pubblicato in Notizie
Peschici chiama, Sperone risponde. Nel segno della Madonna del SS Rosario che si celebra domenica 6 ottobre con una serie di riti civili e religiosi organizzati dalla Confraternita del Purgatorio di Peschici. Ma c'è di più in questa festa che il priore della Confraternita, Nicola Acerra, vuole trasformare in un vero e proprio evento religioso. Perchè la collaborazione con il comune di Sperone? Perchè nel piccolo comune della provincia di Avellino si festeggia S. Elia, lo stesso santo protettore che il 20 luglio si venera a Peschici. Ecco perchè Nicola Acerra domenica prossima 6 ottobre ha invitato a Peschici l'intera comunità irpina per celebrare insieme la Madonna del Rosario. Per il momento una semplice collaborazione religiosa, domani, perchè no, il gemellaggio tra i due paesi protetti da S. Elia Profeta. Il programma di domenica prevede alle ore 8 l'inizio della festa con lo sparo dei classici mortaretti, alle 10 la Santa Messa nella Chiesa Madre, alle 11 la solenne processione in onore della Madonna del SS Rosario, alle 12 la recita della supplica alla Madonna. In serata alle 21,30 il gran finale con i fuochi pirotecnici terra-cielo mare sul molo di Peschici. Previsto l'arrivo da Sperone di circa 200 fedeli guidati dal sindaco della cittadina campana, Marco Santo Aiala.
Pubblicato in Notizie

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -