Articoli filtrati per data: Lunedì, 11 Novembre 2019 - Rete Gargano
Lunedì, 11 Novembre 2019 22:24

San Paolo di Civitate, aiutiamo Pierpaolo

Pierpaolo ha compiuto da poco 42 anni,  oggi vive a San Paolo di Civitate in provincia di Foggia con la moglie Daniela e i due figli Maria Chiara e Sergio Paolo di 11 e 8 anni. Si è trasferito per amore nel 2005 ma è nato e cresciuto a Cagliari, in Sardegna. Pierpaolo ama moltissimo la sua terra natia e la sua ridente città dove vivono i suoi genitori, Maria e Paolo, il fratello Enrico, la sorella Barbara e i nipoti. Purtroppo Pierpaolo ha scoperto nel mese di febbraio 2019 di avere un tumore, sviluppato in una delle forme più aggressive e non responsive alle chemioterapie alle quali si è sottoposto in questi ultimi otto mesi. Pierpaolo è affetto da una forma di linfoma non-Hodgkin refrattario, chiamato Dlbcl (linfoma diffuso a grandi cellule B), tumore del sangue inoperabile, che gli sta impedendo di poter  portare avanti la sua normale vita e la sua professione ma, cosa ancor più triste, che lo sta tenendo lontano dall’affetto e dall’amore dei suoi figli e della moglie durante i cicli di chemioterapia. Per curarsi occorrono 500 mila euro, troppi per la sua famiglia. Di qui la necessità di avviare una campagna di solidarietà per aiutare Pierpaolo.  Tutte le informazioni per poter aiutare Pierpaolo su  www.gofundme.com

Pubblicato in Notizie

Si torna ad uccidere sul Gargano. Questa volta a finire sotto i colpi di fucile è stato Pasquale Ricucci che è stato freddato mentre stava rincasando nella sua abitazione di Macchia di Monte Sant'Angelo, frazione tra Manfredonia e Mattinata. Ricucci è  ritenuto vicino al clan Romito. Sul posto sono giunti i Carabinieri della Compagnia di Manfredonia.

 

Pubblicato in Notizie
Lunedì, 11 Novembre 2019 20:04

Puglia: 24 ore di allerta meteo arancione

La Protezione Civile Pugliese ha emanato per l'intera regione una allerta meteo arancione per forti pioggie anche a carattere temporalesco che potrebbero provocare danni idrogeologici. Nelle 24 ore a partire dalle 20 di oggi, è previsto anche forte vento e mare agitato.

Questo è quanto scritto nel bollettino consultabile tramite il link in fondo a questo articolo: 

Precipitazioni diffuse e persistenti, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sul settore tarantino della Puglia, con quantitativi cumulati da elevati a molto elevati; diffuse e persistenti, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sul resto della Puglia centromeridionale, con quantitativi cumulati da moderati a elevati; da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sui restanti settori della Regione, con quantitativi cumulati generalmente moderati. I fenomeni saranno accompagnati da frequente attività elettrica.
Venti di burrasca sud-orientali, con rinforzi da burrasca forte a tempesta. Forti mareggiate lungo le coste esposte.

Pubblicato in Avvisi

Al via i servizi online per oltre 1,8 milioni di contribuenti che hanno aderito ai due provvedimenti della pace fiscale, la “rottamazione-ter” e il “saldo e stralcio” delle cartelle, e che entro il 2 dicembre dovranno versare la rata prevista dal loro piano dei pagamenti.

Da oggi si può richiedere sul sito internet di Agenzia delle entrate-Riscossione la copia della “Comunicazione delle somme dovute”, la lettera già inviata ai contribuenti con il conto degli importi da pagare e i relativi bollettini. Un servizio utile in particolare per coloro che, per qualsiasi motivo (assenza, recapito postale non andato a buon fine o altro), non sono entrati in possesso della comunicazione originaria. Al via anche “ContiTu”, il servizio web che consente di scegliere, in pochi passaggi e in autonomia, quali degli avvisi o cartelle contenuti nella “Comunicazione” si vogliono effettivamente pagare.

Rientrano nel “saldo e stralcio” (Legge n. 145/2018) i contribuenti persone fisiche che versano in una situazione di grave e comprovata difficoltà economica (ISEE del nucleo familiare inferiore a 20 mila euro). Per questa tipologia di agevolazione è previsto il pagamento nella misura che varia dal 16 al 35% dell’importo dovuto, già scontato di sanzioni e interessi. La “rottamazione-ter” (Decreto Legge n. 119/2018) prevede invece l’annullamento esclusivamente delle sanzioni e degli interessi di mora.

I NUMERI. Sono circa 1 milione 820 mila i contribuenti chiamati a versare la rata prevista dal proprio piano dei pagamenti entro il 2 dicembre (la scadenza del 30 novembre, coincidente con la giornata del sabato, slitta al lunedì successivo). In particolare, la scadenza riguarda il pagamento della prima rata di circa 385 mila contribuenti che hanno aderito al “saldo e stralcio” e di circa 267 mila “ritardatari” della “rottamazione-ter”, cioè chi ha usufruito della riapertura dei termini fino al 31 luglio 2019 per presentare la domanda (la scadenza iniziale era fissata al 30 aprile 2019).

A questa platea si aggiungono circa 1 milione 170 mila contribuenti che hanno aderito alla “rottamazione-ter” entro il 30 aprile, compresi coloro che hanno mancato l’appuntamento della prima rata fissato allo scorso 31 luglio. Per questi ultimi, infatti, il recente Decreto Fiscale (Decreto Legge n. 124/2019 in fase di conversione in Parlamento) prevede la possibilità di rientrare nei benefici previsti dalla rottamazione saldando prima e seconda rata entro il 2 dicembre. Alla stessa data è fissato il termine per il pagamento della seconda rata della rottamazione-ter per i contribuenti che hanno versato la prima entro lo scorso 31 luglio. Anche loro possono richiedere online, in caso l’avessero smarrita, la copia della lettera con il conto degli importi dovuti e i relativi bollettini.

Si ricorda che il mancato, insufficiente o tardivo pagamento anche di una sola rata, oltre la tolleranza di cinque giorni prevista per legge, determina l’inefficacia della definizione agevolata, il debito non potrà essere più rateizzato e l’Agenzia della riscossione dovrà riprendere, come previsto dalla legge, le azioni coattive di recupero.

BOLLETTINI E IMPORTI VIA WEB. I contribuenti che hanno aderito al “saldo e stralcio” e alla “rottamazione-ter” possono chiedere una copia della “Comunicazione” accedendo al sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it. È possibile ottenere la copia della lettera sia nell’area riservata del portale, accendendo con le credenziali personali e scaricandola direttamente, sia nell’area pubblica, senza necessità di pin e password, compilando la scheda “Richiesta comunicazione” presente nelle sezioni del sito dedicate ai due provvedimenti, alla voce “Comunicazione delle somme dovute”, allegando un documento di riconoscimento. In tal caso, verranno inviate tutte le comunicazioni relative a “rottamazione-ter” e “saldo e stralcio” riferite al codice fiscale inserito nella richiesta.

L’Agenzia delle entrate-Riscossione ha già inviato ai contribuenti interessati via Pec o tramite posta raccomandata, in base alla modalità scelta in fase di adesione, la “Comunicazione delle somme dovute” ovvero la lettera con cui si informa sull’accoglimento o l’eventuale rigetto della adesione alla definizione agevolata, così come su possibili debiti che non possono rientrare nella definizione agevolata, sugli importi da pagare e sulle scadenze entro cui effettuare il pagamento.

PARTE IL SERVIZIO CONTITU. Sul portale dell’Agenzia delle entrate-Riscossione prende il via anche “ContiTu”, il servizio web che consente di scegliere in pochi passaggi e in autonomia quali degli avvisi o cartelle contenuti nella “Comunicazione” e ammessi al pagamento agevolato si vogliono effettivamente pagare e ricalcolare l’importo dovuto. Ad esempio, chi ha chiesto la “rottamazione” per 7 cartelle, ma si rende conto che potrà riuscire a pagarne soltanto 4, può scegliere i debiti che intende definire e “ContiTu” fornirà un nuovo totale e i relativi bollettini indispensabili per poter saldare i debiti prescelti. 

Per i restanti debiti riportati nella “Comunicazione” che non saranno oggetto di versamento, la definizione agevolata non produrrà effetti e l’Agente della riscossione dovrà riprendere - come prevede la legge - le azioni di recupero. Le cartelle e gli avvisi contenuti nella domanda presentata e per i quali il contribuente sceglie di non aderire alla definizione agevolata, non potranno essere rateizzati.

La scelta delle cartelle e il ricalcolo delle somme dovute si possono effettuare accedendo nella sezione dedicata al servizio ContiTu, presente nella home page del sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it. Sarà sufficiente compilare la scheda online e specificare le cartelle/avvisi che si intendono “rottamare”. Il servizio calcolerà il nuovo totale e l’importo di ciascuna rata. Dopo aver confermato la scelta, Agenzia delle entrate-Riscossione invierà all’indirizzo email indicato dal contribuente i nuovi bollettini con cui sarà possibile effettuare il pagamento entro le scadenze previste. 

Pubblicato in Economia

“Oggi è stato avviato il processo che consentirà a tutti coloro che utilizzano servizi ferroviari di diversi gestori in Puglia, di avvalersi di una sola piattaforma di vendita per viaggiare con un biglietto unico su più vettori.

La Giunta ha stanziato 354.000 euro per l’implementazione della piattaforma di vendita, gestita da Trenitalia, mediante la quale verranno rilasciati titoli di viaggio ferroviario validi in ambito regionale, anche su itinerari che includono gli operatori ferroviari: Ferrovie Sud Est, Ferrotramviaria, Ferrovie Appulo Lucane e Ferrovie del Gargano. Sulla piattaforma, inoltre, sarà possibile visualizzare in tempo reale qualsiasi cambiamento di orario e nuove offerte di vendita.

Dopo una prima fase sperimentale in cui il valore dei biglietti combinati sarà pari alla somma delle tariffe attualmente in vigore nei piani tariffari delle singole società, si procederà a verificare la possibilità di passare a un sistema di calcolo chilometrico, che tenga conto dell’effettiva lunghezza di viaggio, applicando le corrette fasce chilometriche e i relativi sconti progressivi previsti della tariffa regionale pugliese.

L’obiettivo è quello di avvicinarsi a una integrazione tariffaria che permetta di utilizzare una sola piattaforma di vendita per l’acquisto di un’unica relazione di viaggio vendibile con un’unica transazione economica, garantendo all’utenza di organizzare in maniera più agevole gli spostamenti in ambito regionale, pur utilizzando treni di diversi gestori ferroviari.

Questa iniziativa permette di completare l’offerta di trasporto pubblico locale, inteso nel Piano Regionale dei Trasporti come integrazione sia di interventi materiali (infrastrutture, tecnologie e materiale rotabile), che di servizi e politiche incentivanti l’uso del mezzo pubblico. Insieme a quanto già realizzato in termini di interoperabilità (cioè libera circolazione dei treni su tutte le reti senza soluzione di continuità), tale iniziativa rappresenta un significativo passo avanti verso la cooperazione tra i cinque gestori dei servizi ferroviari e verso il raggiungimento di standard comuni grazie alla condivisione di programmi di esercizio, orari, linee e tariffe.

Considerata l’importanza del progetto, si procederà in modo da velocizzare i tempi di realizzazione, per poi dare all’utenza ampia e diffusa comunicazione non appena le nuove modalità di bigliettazione saranno disponibili”.

(com.)

Pubblicato in Economia

Sono già 20 le imprese del settore agroalimentare e dell’artigianato che hanno aderito all’idea, lanciata dalla CNA di Foggia, di promuovere una DE.CO. dei Laghi del Gargano. 

Le imprese hanno avuto un primo incontro a Lesina per verificare la fattibilità della proposta e soprattutto se c’erano le condizioni e la massa critica necessaria a lanciare in modo forte i prodotti  degni di ricevere una Denominazione Comunale.

La partecipazione e la qualità del dibattito hanno dimostrato che i tempi sono maturi per un intervento forte dei Comuni a sostegno della microimpresa soprattutto giovanile che sta emergendo sia nel settore primario che in quello della trasformazione artigiana. 

Il territorio dei laghi, che soprattutto grazie all’impegno profuso dalla CNA e dalle istituzioni locali,  in questi anni sta sempre più imponendosi all’attenzione regionale, vive una fase di forte vivacità imprenditoriale. L’innovazione di prodotto ( salicornia, bottarga, salse pronte ) la valorizzazione nella cucina dei prodotti del territorio, i forti investimenti sulla valorizzazione dei prodotti tradizionali ( olio, pomodori ) anche gli importanti interventi di riqualificazione territoriale ed urbana impongono a tutti i soggetti di proseguire in un’azione che mattone dopo mattone deve costruire un percorso di sviluppo sostenibile di un territorio che ha tante risorse che finora non sono state adeguatamente utilizzate. 

La DE.CO. dei laghi del Gargano vuole richiamare l’attenzione dei consumatori sull’identità di questo territorio che è centrata sulla presenza delle dei due laghi più importanti dell’Italia meridionale e su un portato di cultura materiale ed immateriale costruito attorno al rapporto con gli ambienti lagunari. 

Unicità gastronomiche e culturali che è possibile trovare solo in questi comuni così come l’offerta di turismo esperenziale che inizia a strutturarsi sul territorio. 

Tutte queste novità vanno accompagnate e valorizzate e questo è possibile farlo grazie all’istituzione di una De.Co. sovracomunale che consentirebbe di censire i prodotti e soprattutto di mettere a sistema l’attività promozionale dei Comuni. 

Nella DE.CO verrebbero registrate anche tutte le istituzioni culturali e gli eventi tradizionali candidati ad essere il primo strumento di valorizzazione dei prodotti identitari. 

La De.Co, che non è uno strumento di certificazione di qualità, si rivolge soprattutto ai piccoli produttori che cercano un contatto diretto con il mercato locale che nella nostra provincia, soprattutto nei mesi estivi, diventa notevolmente interessante grazie alla presenza di turisti, con cui è possibile restare in rapporto anche commerciale grazie all’e-commerce. 

“Siamo protagonisti di cambiamenti che interessano anche i consumatori che vogliono andare oltre l’omologazione alimentare e culturale e affermare la propria diversità svolgendo una funzione diversa sul mercato”, ha detto Antonio Trombetta, segretario provinciale della CNA presentando l’idea della De.Co. agli operatori. “Questi nuovi consumatori ricercano prodotti nuovi, identitari e vogliono avere un rapporto diretto con i territori, sentirsi partecipi e costruttori del territorio che frequentano. Arricchirsi di relazioni umane”. 

La De.Co. dei Laghi del Gargano, che CNA proporrà ai Sindaci nell’ambito del Piano d’Area Integrato che è in corso di definizione, è anche uno strumento per condividere con gli operatori le politiche a sostegno delle economie locali. “La condivisione è strumento essenziale per costruire politiche di sviluppo partecipate e quindi sostenibili non solo dal punto di vista ambientale ed economico ma anche sociale”. 

Il programma di lavoro della CNA sul tema della DE.CO. prevede un ulteriore incontro con gli operatori a Carpino, un incontro con il Presidente del Parco Nazionale del Gargano per discutere delle necessarie relazioni con la concessione del Marchio prodotti del Parco ai prodotti DE.CO, e un incontro con l’assemblea dei Sindaci dei Comuni dei Laghi del Gargano per definire gli aspetti  amminIstrativi legati alla istituzione della DE.C

Antonio Trombetta

Pubblicato in Economia

Si terrà mercoledì 13 novembre, alle 10.30, presso la Sala Consiliare di Palazzo Dogana, la conferenza stampa di presentazione di #foggiaterradilegalità, la manifestazione indetta da CGIL, CISL e UIL FOGGIA per il prossimo 5 dicembre in Piazza Cesare Battisti a Foggia.

Interverranno Maurizio Carmeno, Segretario Generale CGIL FOGGIA, Carla Costantino, Segretario Generale CISL FOGGIA, Gianni Ricci, Segretario Generale UIL FOGGIA.
Alla conferenza sono stati invitati i sindaci e i rappresentanti di imprese e associazioni di Capitanata.

Pubblicato in Società
Lunedì, 11 Novembre 2019 14:00

Vieste – CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE

Il  Consiglio Comunale di Vieste è convocato, in seduta di prima convocazione,  per lunedì 11 novembre alle ore  9,30 ed in seconda convocazione per martedì 12 novembre alle ore 11,30 per la trattazione del seguente ordine del giorno:

1)        Num. 57       del 27-09-2019      Approvazione bilancio consolidato per l'esercizio 2018.

2)        Num. 64       del 04-11-2019      XIV VARIAZIONE AL BILANCIO AI SENSI DELL'ART. 175 C. 1 DEL DLGS. 267 DEL 18.08.2000 E VARIAZIONE AL PIANO DELLE OO.PP. 2019 - 2021.

3)        Num. 62       del 09-10-2019      Approvazione bozza di convenzione per la gestione associata delle funzioni e dei servizi socio-assistenziali per l'attuazione del Piano Sociale di Zona 2018-2020 dell'Ambito Territoriale di Vico del Gargano.

4)        Num. 63       del 04-11-2019      Prat. SUAP 119/2017  "Formazione variante urbanistica ex art. 8, D.P.R. 160/2010 per la sistemazione a parcheggio di un terreno in Loc. San Lorenzo (Foglio 9 P.lla 40)

5)        Num. 65       del 04-11-2019      Prat. SUAP 115/2015  "Formazione di una variante urbanistica ai sensi dell'art. 8 del D.P.R. 160/2010 per la realizzazione di un impianto turistico in Vieste alla Loc. Scialara (Foglio 29 P.lle 174, 175, 183, 184, 185)".

Pubblicato in Politica

Tutti assolti i tre imputati, giudicati con il rito ordinario dal tribunale collegiale di Pescara, nell’ambito del processo sui presunti esami truccati all’università 'D’Annunzio' di Pescara. Assolti, perché il fatto non sussiste, dalle accuse di corruzione, l’ex sindaco di Manfredonia (Foggia) Angelo Riccardi, l’imprenditore foggiano Michele D’Alba e Joelle Toitou, ex compagna del docente universitario Luigi Panzone, che invece per la stessa vicenda è stato giudicato nel 2016, con il giudizio immediato, riportando una condanna a una pena che in appello è stata ridotta a 3 anni e 11 mesi. Riccardi questa mattina è stato assolto anche dalle accuse di falso e peculato perché il fatto non costituisce reato. Il pm Marina Tommolini aveva chiesto una condanna a 4 anni per Riccardi, esclusivamente per i reati di falso e peculato, e l’assoluzione per gli altri due imputati.

Secondo l’accusa il professor Panzone avrebbe consentito agli studenti lavoratori Riccardi e D’Alba, esercitando pressioni su alcuni colleghi, di superare gli esami, in alcuni casi senza sostenerli e in altri con il minimo sforzo, in cambio di denaro o della promessa di denaro. Inoltre Riccardi era accusato di peculato per essersi recato a Pescara, per sostenere gli esami, a bordo dell’auto di servizio del Comune di Manfredonia. Una circostanza, quest’ultima, che l’ex sindaco ha giustificato spiegando che in seguito alla perdita della madre dovette entrare in psicoanalisi e non poteva restare solo, e sostenendo di avere comunque versato 50 euro al mese per l’utilizzo dell’auto.

EX SINDACO MANFREDONIA: ASSOLUZIONE NON RIPAGA - Sono una persona pulita e ho sempre gestito la cosa pubblica con la massima trasparenza. E' arrivata questa assoluzione che però non mi ripaga di tutto quanto è accaduto, dal momento che in questi otto anni di processo è successo di tutto e io sono stato diffamato, insultato, denigrato». Così l’ex sindaco di Manfredonia (Foggia) Angelo Riccardi, questa mattina in tribunale a Pescara, subito dopo la lettura della sentenza di assoluzione, dalle accuse di corruzione, falso e peculato, nell’ambito del processo sui presunti esami truccati all’università 'D’Annunziò.
«Evidentemente Panzone non si è difeso bene - aggiunge Riccardi, in riferimento al fatto che il docente universitario, per le stesse vicende, era stato invece precedentemente condannato - Io mi sono difeso utilizzando tutti gli argomenti e le prove che avevo a disposizione ed era evidente, fin dall’inizio, che questo processo era basato su elementi di prova insussistenti».

Pubblicato in Cronaca

Finanzieri del Comando Provinciale di Foggia, nell’ambito di specifica intensificazione dei servizi tesi al contrasto dei traffici illeciti in Capitanata, hanno individuato e posto sotto sequestro un opificio clandestino per la produzione e l’imbottigliamento di distillati di contrabbando, rinvenendo sul luogo della abusiva produzione 650 litri circa di prodotto alcolico e vari macchinari artigianali (alambicchi per distillati, recipienti in rame, etilometri), non previamente denunciati, e accertando, nel corso dell’intervento, un consumo in frode di quasi 1.000 litri di prodotto alcolico, interamente sottratto all’assolvimento degli obblighi in materia di accisa sull’alcole etilico.

La scoperta effettuata dai militari della Guardia di Finanza di Vieste, in una area, in località San Salvatore, a ridosso della boscaglia, trae spunto da una attenta attività investigativa con la quale era stato attenzionato un soggetto, di nazionalità bulgara, che aveva acquistato un cospicuo quantitativo di bottiglie, generalmente utilizzate per il confezionamento di liquori e distillati.

All’esito di servizi di osservazione, pedinamenti e sopralluoghi, le Fiamme Gialle di Vieste sono riuscite ad individuare lo stabile dove venivano stoccate le forniture di bottiglie, appurando che all’interno dello stesso era in attività un opificio artigianale destinato alla illecita produzione – e successiva commercializzazione – di prodotti superalcolici, nel caso specifico di grappe.

Nell’opificio abusivo, mantenuto peraltro in violazione delle più elementari norme igienico-sanitarie, i distillati prodotti erano imbottigliati, senza etichettatura e contrassegni di stato per prodotti alcolici, ovvero custoditi in piccole botti di legno (c.d. “barrique”), per poi essere illegalmente immessi sul mercato illegale, sottraendo il tutto all’accertamento e al pagamento dell’accisa dovuta.

Il responsabile della produzione e commercializzazione illegale è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria per fabbricazione clandestina di alcole e di bevande alcoliche e sottrazione all’accertamento ed al pagamento dell’accisa sull’alcole e sulle bevande alcoliche.

L’attività di contrasto alle frodi in argomento è finalizzata a tutelare non solo gli operatori del settore, sottoposti a insidiose forme di concorrenza sleale, ma anche i potenziali consumatori del superalcolico che, ignari della sua illecita provenienza, non ricevono alcuna informazione sulla concreta pericolosità per la salute del prodotto di contrabbando.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

BELLA NAPOLI

Reporter della tua città

09 Dicembre 2019 - 15:14:11

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ La forza di essere migliori di Vito Mancuso

Viviamo secondo un modello di sviluppo che adora gli oggetti, non la lettura, la cultura, la partecipazione sociale e politica. Consumiamo, inquiniamo, ma così devastiamo noi…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -