Articoli filtrati per data: Mercoledì, 13 Novembre 2019 - Rete Gargano

Nel 2020 arriverà l’ingiun­zione di pagamento per le multe stradali, uno strumento alternativo alla cartella esattoriale a cui siamo abituati, che il Comune potrà utiliz­zare per recuperare le somme che il trasgressore non ha ancora pagato dopo che gli è stata notificata la multa. L’ingiunzione è infatti un ordine di pagamento, che viene emesso dal competente ufficio comunale, che concede 30 giorni per provvedere, pe­na il pignoramento dell’importo do­vuto. Si tratta dell’ultimo atto del procedimento di accertamento del debito che quindi anticipa il pignoramento o il fermo, che per essere valido deve essere preceduto dalla comunicazio­ne al debitore del dettaglio delle sua posizione debitoria. In assenza, in­fatti, l’ingiunzione fiscale sarà nulla.Questo strumento garantisce senza dubbio una maggiore autonomia ai Comuni, che proprio grazie all’in­giunzione di pagamento non sono co­stretti ad avvalersi degli agenti di ri­scossioni. L’opposizione all’ingiun­zione di pagamento deve pervenire nel temine di 30 giorni al giudice di pace competente territorialmente. In mancanza, l’ente creditore procede­rà, per mezzo di un ufficiale giudi­ziario addetto alla pretura o di un usciere dell’ufficio di conciliazione, al pignoramento dei beni mobili del de­bitore, eccettuati quei mobili che per legge non possono essere pignorati.

Non è possibile suddividere le spese di riscaldamento in un condominio per il 50% in base al consumo e per il restante 50% in base ai millesimi. Lo ha deciso la Cassa­zione. Per gli Ermellini infatti, nel momento in cui in un condominio viene adottato un sistema di conta­bilizzazione del calore, le spese di riscaldamento dei condomini devono essere ripartite in base al consumo effettivamente registrato e non alla stregua delle tabelle millesimali. La quota da suddividere per millesimi deve riguardare solo la spesa gene­rale di manutenzione dell’impianto e di combustibile non direttamente im­putabile, perché legata alla dispersio­ne termica dell’edificio, dovendosi pertanto accollare quella residua in proporzione ai consumi effettivi dei condomini.

 Ai parenti che assistono giorno e notte la vittima di un incidente in stato vegetativo devono essere rico­nosciuti i danni riportati nel periodo in cui assistono il parente oltre a quel­li dovuti in caso di morte. Lo ha sta­bilito la Cassazione ribadendo che: «A loro non spetta solo il risarcimento del danno per la morte del congiunto, ma vanno riconosciuti anche i danni non patrimoniali subiti per l’impos­sibilità di condurre, a causa dell’im­pegno e dello stato di angoscia, una normale vita sociale e relazionale per tutto il periodo in cui prestano as­sistenza al parente». L’invalidità civile comporta una serie di agevolazioni. Per tutti è pre­vista l’assistenza sanitaria, l’esenzio­ne parziale del ticket a partire da un’invalidità superiore ai due terzi, cioè pari ad almeno il 66%, la com­pleta deducibilità delle spese mediche generiche e di quelle relative all’even­tuale assistenza sanitaria e la pos­sibilità di detrarre il 19% delle spese relative all’acquisto di ausili sanitari e di altre spese mediche specifiche. Le agevolazioni fiscali, invece, riguarda­no l’acquisto di autoveicoli, qualora dal verbale di invalidità civile risul­tino importanti limitazioni alla ca­pacità di deambulazione o alla vista. In questo caso si ha diritto all’acqui­sto auto con iva agevolata al 4%, la possibilità di detrazione del 19% della spesa sostenuta, l’esenzione dal bollo auto, il diritto al rilascio del contrassegno invalidi. Una importante mi­sura di sostegno per gli invalidi civili consiste nella possibilità di iscriversi nelle liste speciali di collocamento presso i Centri per l’Impiego competenti, al fine di favorire l’assunzio­ne agevolata dell’interessato. Le pre­stazioni economiche riservate agli in­validi civili vengono erogate solo per un’invalidità pari o superiore al 74%.

Altro Consumo, così come ave­va fatto per Tim, ha inviato una se­gnalazione all’Autorità per le garan­zie nelle comunicazioni (Agcom) chiedendo che venga interrotta la pratica scorretta dopo i tagli di ri­carica più economici. Per camuffare questa operazione, l’operatore offre in cambio 3 giga di traffico dati all’utente da utilizzare entro un mese. Il meccanismo è piuttosto semplice, in pratica chi acquista una ricarica Vodafone da 5 o da 10 euro non ha più lo stesso importo corrispondente di traffico telefonico, ma si ritrova sol­tanto con 4 o 9 euro disponibili. In cambio l’azienda offre 3 giga di traf­fico internet che, però, devono essere consumati entro lo stesso mese. Non si tratta di una libera scelta, l’utente non ha infatti possibilità di fare al­trimenti se non acquistare questa nuova modalità di ricarica o scegliere tagli superiori. Quindi, se non utilizza il traffico dati o se il suo piano ta­riffario ha già le soglie sufficienti per il proprio consumo, di fatto questi 3 giga aggiuntivi risulteranno del tutto inutili.

Pubblicato in Società

------ Nell'epoca dell'incertezza, tra i giovani serpeggia un grande malessere, mascherato da benessere. Un segnale chiarissimo è la dipendenza digitale: l'abuso dello smartphone può portare a disturbi del sonno, a stati di panico e di ansia, a isolarsi dagli amici, dalla famiglia e da ogni attività sociale o sportiva.

Una vera e propria malattia che in Italia coinvolge ormai un adolescente su dieci. Paolo Del Debbio ci invita ad aprire gli occhi. Ci racconta le storie di ragazzi la cui esistenza virtuale è arrivata a confondersi con quella reale e ci insegna a riconoscere i campanelli d'allarme della dipendenza.

Anche senza contare i casi patologici, troppo spesso la vita dei "nativi digitali" è tanto ricca di stimoli social quanto apatica, priva di slanci e di interessi reali: un viaggio senza meta e senza bussola. Precarietà del lavoro e mancata indipendenza economica si sommano alla crisi di valori fondanti come quelli cristiani o delle grandi ideologie politiche.

E se la rete finisce per sostituire le tradizionali fonti di approvvigionamento culturale e sociale, il rischio più grande è quello di allevare generazioni deboli nelle capacità di scelta, privata e pubblica. Non è un fenomeno inesorabile, ma i divieti e i rimproveri non servono a contrastarlo.

Dobbiamo invece sforzarci di far immergere i nostri figli nella vita vera, perché crescano a contatto con la strada, la natura e la gente in carne e ossa, non con le foto "filtrate" su Instagram; perché sentano la pelle d'oca dell'empatia profonda, non le emozioni artefatte dei social network. Più liti vere e più riappacifica

Dopo il pareggio ottenuto a Bisceglie, l’Atletico Vieste torna al “Riccardo Spina”, ancora contro l’UC Bisceglie, ma questa volta per l’andata della semifinale della Coppa Italia di Eccellenza. L’Atletico Vieste è in semifinale di coppa dopo 5 anni, dopo aver eliminato l’Orta Nova ai quarti di finale, mentre l’UC Bisceglie dopo appena due anni, dopo aver eliminato il Barletta.

Queste le parole di mister Bonetti:” Mi aspetto che la squadra si diverta a giocare e faccia divertire me e chi ci verrà a sostenere. La nostra filosofia è quella di provare in tutte le partite, provare ad ottenere sempre il massimo, ma sappiamo anche che dando il massimo si potrebbe anche perdere. Il Bisceglie è sicuramente un organico che collabora molto bene con i singoli e non mollano mai, sarà una bella partita!”.

Appuntamento quindi a giovedì 14 Novembre alle ore 14:30 al “Riccardo Spina”, per sostenere i nostri ragazzi verso  la finale di Coppa!

Pubblicato in Sport

Il tema 2019: le Torri costiere del Gargano, sentinelle marine del Sud Italia (Monte Pucci-Calalunga-San Felice). Le visite si terranno da mercoledì 27 a sabato 30 novembre, sempre dalle 10 alle 12:30, a cura delle classi III, IV e V Accoglienza Turistica.

 Maggiori informazioni al sito https://www.fondoambiente.it/luoghi/torri-costiere?mfi

Cell.3289146810 

Tiziana Vescera

Pubblicato in Ambiente
Mercoledì, 13 Novembre 2019 15:37

PEN PAL PROJECT a VIESTE

"La lingua inglese unisce i bambini di Vieste con la Polonia e l'Inghilterra". Anche quest'anno riparte il progetto gratuito Pen Pal Project ideato dalla scuola di inglese FIND OUT ENGLISH CLUB di Jolanta. E' una scuola privata dove i bambini, su di un tappeto colorato, usando vari materiali didattici, imparano la lingua inglese in modo naturale e ludico attraverso diverse attivita' di ascolto, dialogo, teatro e musica.

Find Out English Club e' stata la prima scuola privata di inglese a Vieste ad introdurre il progetto di scambio di lettere proponendolo ai suoi piccoli corsisti. Quasi tre anni fa, i bambini hanno avuto la possibilità di fare amicizia con altri bambini della scuola polacca e inglese. Scrivendo lettere a mano e ricevendone diverse in inglese, i bambini hanno avuto l'opportunita' di conoscere altre scuole, culture e paesi e nello stesso tempo hanno avuto un motivo in piu' per imparare la lingua inglese. I bambini della Find Out English Club, nei loro lavoretti in forma di poster, cartoline e album, presentano in lingua inglese la Citta' di Vieste, raccontando la sua storia, la cultura, la bellezza, nonchè le tradizioni, le legende, i prodotti tipici e la vita quotidiana di loro stessi.

Attraverso queste lettere, i nostri ragazzi hanno insegnato agli amici di penna di Londra diverse parole e espressioni italiane. Durante l'estate 2018, insieme alle tante lettere ricevute dagli amici polacchi, la scuola riceve anche due pupazzetti di nomi Bolek e Lolek, i quali rappresentano due protagonosti di un famosissimo cartone animato polacco. Bolek e Lolek vengono "ospitati" nelle famiglie di alcuni corsiti per trascorrere insieme diversi giorni.

Tutte le avventure vengono raccontate e scritte in inglese dai bambini. Ed è proprio così che viene creato il primo piccolo libro di avventure di Bolek e Lolek a Vieste. Il libro e' stato inviato alla scuola polacca e presentato anche nello studio della productions del cartone animato a Bielsko-Biala durante il loro 50° anniversario.

Nella nostra scuola di inglese abbiamo anche ospitato una famiglia della scuola partner a Londra. Carolina e Peter facevano parte del Pen Pal Project e hanno raccontato dal vivo ai nostri bambini la vita a Londra e nella scuola inglese. L'estate scorsa due bambine della Find Out hanno conosciuto di persona le loro amiche di penna in Polonia. Hanno partecipato alle lezioni regolari con i propri coetani e hanno fatto diverse attivita' extrascolastiche.

Il progetto PEN PAL PROJECT presso la scuola di inglese FIND OUT ENGLISH CLUB di Jolanta continua con le sue amicizie e si sta sviluppando questa volta anche oltre l'Oceano.

La gioia, l'interesse e l'impegno di tutti i bambini del progetto e' veramente da apprezzare e premiare in quanto studiano la lingua inglese e rappresentano la loro citta' all'estero.

Pubblicato in Cultura

Notevoli miglioramenti sono stati evidenziati dalla Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio Onlus in 22 piccoli pazienti degli "Angeli di Padre Pio» di San Giovanni Rotondo, affetti da paralisi cerebrale e 'drooling' (scialorrea), sottoposti a trattamento con l’uso di vibrazioni muscolari focali.

Questo passo importante per la ricerca sulla riabilitazione dei bambini giunge con un recente studio pubblicato sull'International Journal of Medical Sciences, definito il primo del genere in letteratura. Lo studio mostra i progressi registrati nei pazienti che presentano 'drooling' dovuto a disfunzioni del controllo motorio orale, oppure a disfagia, disordini sensitivi intra-orali, difficoltà nel coordinare testa, tronco e muscolatura oro-facciale.

«I bambini che presentavano una scialorrea da moderata a grave, sono stati poi sottoposti al trattamento di vibrazione locale con Crosystem sui muscoli sottomandibolari - spiega Serena Filoni, direttrice sanitaria degli Angeli di Padre Pio e firmataria dello studio -. Abbiamo incluso 22 pazienti nello studio. Dopo il trattamento, tutti i bambini sono stati rivalutati e i risultati sono stati sorprendenti. C'è stato un miglioramento statisticamente significativo in tutti i test effettuati sia subito dopo il trattamento che a distanza di 3 mesi».

Pubblicato in Sanità

Tragedia questa mattina nelle campagne di Cerignola. Un uomo di 69 anni ha sparato contro la sua compagna ma ha colpito un’amica rumena, ammazzandola. Poi ha fatto nuovamente fuoco contro la compagna, ferendola gravemente. Infine si è ucciso. L’omicidio suicidio è avvenuto in località Posta Aucello nelle campagne ofantine. La donna ferita è stata trasportata all’ospedale Tatarella di Cerignola. Le sue condizioni sono gravi.

Pubblicato in Cronaca

I portavoce M5s della provincia di Foggia esprimono solidarietà nei confronti della consigliera di Vieste, Mariateresa Bevilacqua, per gli attacchi verbali subiti nel corso del consiglio comunale dello scorso 11 novembre da parte del sindaco, Giuseppe Nobiletti.
“A Vieste si è consumato solo l’ultimo atto di una guerra personale ingaggiata dal primo cittadino nei confronti delle consigliera Bevilacqua - si legge nella nota. Una guerra che non colpisce solo Mariateresa, ma l’intera città.”
“Tutto è cominciato - continuano i portavoce M5s - con la bocciatura della mozione presentata dalla consigliera Bevilacqua in cui si chiedeva al Sindaco di emanare un’ordinanza per il censimento dei manufatti contenenti amianto.
Passi che la mozione sia stata respinta, sebbene ciò desti più di un dubbio in merito all’attenzione e all’operato dell’Amministrazione sul tema della tutela della salute pubblica e dell’ambiente, e passi anche il fatto che Nobiletti definisca la mozione “inutile e fantasiosa”; ciò che proprio non possiamo permettere, tuttavia, è che Nobiletti abbia esplicitamente e pubblicamente affermato che, come capo della maggioranza del gruppo “Vieste sei tu”, non approverà mai nessuna mozione che provenga dalla consigliera M5s.
Un fatto gravissimo poiché, per quanto a parole egli lasci agli altri gruppi di maggioranza la facoltà di decidere in autonomia, è lecito pensare che gli stessi si atterranno alla sua linea politica, in quanto sindaco, votando contro ogni proposta della nostra rappresentante, anche su temi importanti per la città e sui quali concordino.
Ci piacerebbe sbagliarci, così come ci piacerebbe vedere una reazione della minoranza o la volontà di dissociarsi dalle inaccettabili dichiarazioni del primo cittadino da parte della maggioranza, eletta per lavorare a favore della città e non contro.
Ad oggi tutti tacciono. D’ora in avanti - concludono - saremo ancora più vicini all’attività che Mariateresa Bevilacqua svolge in Consiglio e vigileremo perché le antipatie personali non abbiano la meglio sulla tutela degli interessi dei cittadini di Vieste”.

M5s della provincia di Foggia

Pubblicato in Politica

In riferimento al bando del GAL Gargano per il sostegno ad aziende extra-agricole (Intervento 3.2 del Piano di Azione Locale – Misura 19.2 PSR Puglia 2014/2020), mercoledì 13 novembre alle ore 17,00 presso la sede della Confcommercio di Vieste si terrà un incontro informativo per fornire l’assistenza tecnica e amministrativa per la partecipazione al bando.

I beneficiari sono, oltre agli agricoltori e coadiuvanti familiari, anche microimprese e piccole imprese che avviano o ampliano attività extra agricole (quindi anche, ad esempio, strutture ricettive e della ristorazione, per servizi complementari).

L’investimento massimo ammissibile è di euro 70.000, con un contributo pubblico a fondo perduto massimo di euro 35.000.

Pubblicato in Economia

Annata buona per la produzione di olio d’oliva, ma pessima per il prezzo. Per Confagricoltura Puglia la campag­na olivicola del 2019 rischia di restare imbrigliata, ancora una volta, nel meccanismo perverso del prezzo, sempre più stagnante e legato a dinamiche di mercato sfavorevoli ai produttori puglie­si.

Secondo l'ultima rilevazione ufficiale di Ismea, infatti, il prezzo medio mensile dell’olio extravergine di oliva ad ottobre viaggia intorno ai 4,34 euro al chilo, con una flessione secca del 15,2% rispetto allo stesso mese del 2018. Non va meglio il DOP Terre di Bari che, sempre ad otto­bre, si attesta sui 4,43 euro al chilo, con una perdita netta del 10,4% rispetto al mese precedente e del 13,1 nel confron­to con l’anno prima.

“Un’annata dai due volti - spiega Luca Lazzaro, presidente di Confagricoltura Puglia - in cui regis­triamo un’ottima produzione in Terra di Bari e nella BAT, buoni risultati anche nel sud Foggiano, a Taranto e Brindi­si, ma paghiamo pesantemente il crollo produttivo del Salento, almeno del 75-80 per cento, un territorio falcidiato dalla Xylella e dalla lentezza delle risposte in termini di contrasto del batterio killer, ma dove l’olio sarà di altissima qualità’.

Pubblicato in Economia
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Lilly Frutta

Reporter della tua città

29 Novembre 2019 - 17:46:14

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ Successe il ‘48 di Vincenzo Gulì

I nipoti dei briganti e dei lazzari del 1799 seppero rispondere alla grande alle seduzioni e ai tormenti rivoluzionari, pur nel formidabile potenziamento che essi dispiegarono…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -