Articoli filtrati per data: Sabato, 02 Novembre 2019 - Rete Gargano

Dopo la nomina nel direttivo dell’Associazione Avvocati Garganici, come unico avvocato donna eletta, Antonella Laganella ha conseguito un ancor più ambito obiettivo professionale, legato al suo impegno nella tutela dei minori. Tale dedizione è da tempo coltivata anche mediante il conseguimento di master, attività convegnistica sui diritti del fanciullo e attraverso la formazione dei giovani studenti al rispetto dei principi del diritto e della legalità contro ogni forma di criminalità, compresa quella mafiosa.

L’ambizione della professionista era inoltre quella di poter aver “voce in capitolo” sulle tante ingiustizie che vedono i minori e di conseguenza, molte famiglie, soccombere di fronte al sistema.

L’avv. Laganella è riuscita a superare il giudizio della Commissione di valutazione, del Presidente della Corte d’Appello e poi del Consiglio Giudiziario per la Regione Molise e ad essere nominata GIUDICE ONORARIO DELLA SEZIONE PER I MINORENNI DELLA CORTE D’APPELLO DI CAMPOBASSO.

La severa selezione che ha escluso centinaia di aspiranti, ha premiato i soli 13 consiglieri nominati, tra cui l’Avv. Antonella Laganella, che “vantano un profilo professionale ed un’esperienza adeguata all’incarico da ricoprire in termini di attualità e concretezza rispetto agli altri candidati, ed un pluralismo delle competenze specialistiche, delle attitudini e delle qualifiche professionali”.

Oltre alla laurea in Giurisprudenza, l’avv. Laganella ha infatti conseguito il master di alta formazione come pedagogista e psicologa forense con votazione 110 e lode e plauso della commissione esaminatrice.

Di questi tempi, in cui i minori spesso non sono tutelati proprio da chi dovrebbe garantire la loro salute psico fisica e la loro integrità, come il caso tristemente noto di Bibbiano ha documentato, sapere di poter contare su professionisti che esercitano la propria professione con competenza e determinazione, conforta la comunità intera e la rende orgogliosa di annoverare Antonella Laganella, come figlia di quella terra Garganica che può vantare persone di grande spessore.

Michele Lauriola

Pubblicato in Personaggi

Le prime piogge rimettono in «moto» l’invaso di Occhito, inesauribile serbatoio in questi mesi di lauti consumi idrici. Per l’irriguo sono stati prele­vati circa cento milioni di me­tri cubi. Ora, si spera, può co­minciare il riempimento dell’invaso attualmente fermo a 101 milioni di metri cubi.

Ma il Consorzio di bonifica della Capitanata s’interroga sulla ve­tustà della grande diga, in fun­zione ininterrottamente da cin- quant’anni. «Avrebbe bisogno di un ciclo di manutenzione straordinario», dice il presi­dente Giuseppe De Filippo che toma a porre il tema di un’altra diga a valle, Piano dei limiti.

Pubblicato in Ambiente

"I risultati correnti di bilancio della Regione Puglia sono migliorati considerevolmente negli anni recenti". È il giudizio complessivo, informa una nota della Regione, "della credit opinion che l'agenzia internazionale di rating Moody's ha espresso, martedì 30 ottobre, "attestando che il profilo creditizio 'Baaa3, Stabile' della Regione Puglia, 'riflette i solidi risultati di bilancio, favoriti dall'equilibrio del settore sanitario e da un livello di indebitamento modesto".

"I pugliesi - sottolinea Emiliano - possono essere orgogliosi della reputazione internazionale della loro Regione". Circa la spesa sanitaria, prosegue l'ente, "Moody's sottolinea che 'la Regione ha ridotto il proprio deficit da 350 milioni di euro del 2009 ad appena 46 milioni nel 2018 (pari allo 0,5% delle entrate correnti)', evidenziando che 'le aziende sanitarie hanno migliorato la loro posizione di liquidità e ridotto il livello dei debiti commerciali'".

Pubblicato in Economia

Causa avverse condizioni meteorologiche, l'Evento previsto dal pomeriggio di ieri, è stato rimandato ad oggi.

Il Comitato “Peschici Eventi”, col Patrocinio del Comune di Peschici e degli Sponsor locali, per il nono anno consecutivo, torna ad allietare le giornate autunnali, in occasione della Commemorazione dei Defunti. 

E’ abitudine secolare, infatti, che nei giorni immediatamente precedenti il “2 Novembre” bambini e bambine, ragazzi e ragazze, vadano di casa in casa bussando alle porte di chi si aspetta la visita – praticamente tutti visto che l’usanza è da ciascuno molto sentita e chieda qualcosa per le “anime dei morti”: “Dammë ’na causë p’ll’anëmë ‘i mortë / sennò të sfascë ‘a portë”. Alla richiesta si risponde in genere con un sorriso e si mette mano al portafoglio oppure si cedono dolciumi, caramelle, frutta, etc. Terminato il giro delle piccole squadre di “cercatori”, il bottino viene diviso fra i partecipanti e le discussioni non mancano, ovviamente. 

I membri del Comitato hanno allora pensato di finalizzare meglio tutto l’impegno che i ragazzini mettono, innanzitutto a mantenere viva una usanza antichissima (niente di assimilabile alle americanate di Halloween!) e poi a coprire distanze veramente da maratoneti, premiando i “cercatori” più dinamici ed efficienti.

La consegna avverrà quando finirà la ricerca e tutte le squadre - che da questo momento sono messe in allarme - saranno passate, al termine dei loro giri, dalla postazione sistemata fin dalle ore 16.00 di sabato 2 novembre in P.zza Pertini, per la pesatura del loro “bottino”.

Il sale e scendi dei gonfiabili, una spumeggiante animazione, musica, balli...faranno da cornice al tradizionale evento, oramai diventato una vera e propria attrazione per locali ed ospiti. 

Peschici c'è. 

Pubblicato in Società

In nome di dio Io Jois di Ianolo della terra di Rodi faccio ordinario attuario in foglio tenni giurato predetto ed anche in formazione e mi prendessi e con testi trascrissi a lui in segreto e presso il M.co capitano di detta terra privata formazione e provvisioni e scrivesse le parole come detto con i testi nella presentata istanza in fede.

Io Jois di Ianolo attuario.

Oggi in detta magnifica Università di Rodi del presente anno facemmo fede come Jois de Ianolo della terra di Rodi e mastrodatto di questa magnifica corte del M.co capitano della terra di Rodi imposto in formazione scritto per mandato di esso formato e in formazione e fede del vero l’abbiamo fatta fare la predetta in fede e per mano del mastrodatta ordinario camerario sigillata dal mastrodatta con il solito sigillo sempre esaminata dal mastrodatta per domandata trascrizione

In Rodi il 24/7/1579.

Io Marcello di Marcello Sindaco

Segno di croce di Orazio di Giovanni Donato eletto con segno di croce per non sapere scrivere.

Francesco Antonio di Avedio eletto.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

ReteGargano consiglia...

Reporter della tua città

13 Novembre 2019 - 15:42:50

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ Cosa rischiano i nostri figli. L'incertezza di una generazione DI Paolo Del Debbio

------ Nell'epoca dell'incertezza, tra i giovani serpeggia un grande malessere, mascherato da benessere. Un segnale chiarissimo è la dipendenza digitale: l'abuso dello smartphone…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -