Articoli filtrati per data: Martedì, 09 Aprile 2019 - Rete Gargano

Dopo l'approvazione definitiva in Consiglio regionale della Legge che indennizza i danni fauna selvatica, spiragli positivi sono stati annunciati dal Parco Nazionale del Gargano, riferisce Coldiretti Foggia. "Il nostro pressing per trovare soluzioni all'annoso problema della fauna selvatica che danneggia agricoltori e allevatori di Capitanata, grazie all'intervento del Prefetto che ringraziamo, sta portando i primi risultati. Nel corso dell'incontro odierno da noi richiesto, il management del Parco ha annunciato che riconoscerà il 20% in più sugli indennizzi per i danni da fauna selvatica, aumento autorizzato dal Ministero dell'Ambiente, oltre al riconoscimento delle spese per il pagamento del certificato sanitario e dello smaltimento delle carcasse", riferisceGiuseppe De Filippo, presidente di Coldiretti Foggia, al termine dell’incontro, a cui hanno partecipato i Sindaci dell’area del Gargano e i rappresentati regionali e della ASL.  Importante sarà l’attività di gestione dell’attività preventiva con l’Ente Parco e con le amministrazioni comunali, dice Coldiretti Foggia, elemento discriminante per il calcolo degli indennizzi.

I danni provocati dalla fauna selvatica alle aziende agricole, agli allevamenti zootecnici e alle imprese che praticano l’acquacoltura rappresentano spesso la voce negativa più importante nei bilanci aziendali – denuncia Coldiretti Foggia - e rischiano di compromettere la presenza e la sussistenza delle imprese agricole sia nelle aree più interne, dove le alternative occupazionali sono praticamente inesistenti e le aziende agricole svolgono un ruolo di presidio territoriale, sia nelle aree di pianura, dove l’attività agro-pastorale e l’acquacoltura sono una voce rilevante del PIL provinciale.

"Il Comune di Vieste, tra l'altro, intende avviare una 'buona pratica' replicabile - aggiunge il presidente De Filippo - prevedendo di usare una parte delle entrate dell'amministrazione dalla concessione dei terreni del demanio civico comunale per l’esercizio dell’attività pascoliva, il cosiddetto Fida pascolo, per risarcire parte dei danni causati dalla fauna selvatica".

E’ necessario, inoltre, snellire e semplificare le procedure amministrative per ottenere il risarcimento dei danni causati dalla fauna selvatica alle aziende ricadenti nel Parco Nazionale del Gargano – aggiunge Coldiretti Foggia - utilizzando parametri più aggiornati e abbattendo i tempi di attesa per il risarcimento, migliorare i controlli statistici sul numero degli esemplari.

“La provincia di Foggia è diventata l’isola felice per la fauna selvatica. I lupi ibridi o cani inselvatichiti, che negli ultimi anni sono cresciuti a dismisura, impattando negativamente sugli allevamenti ovini, bovini soprattutto nel periodo dell’alpeggio e le tradizionali misure di protezione – ricorda il presidente De Filippo - si rivelano spesso inefficaci anche in considerazione delle vaste aree destinate al pascolo brado estivo. I cinghiali, ormai numerosissimi in tutte le aree, presenti persino a ridosso dei centri abitati, portano distruzione in tutte le colture agrarie, soprattutto legumi e ortaggi, ma anche nei campi seminati. Si tratta di esemplari particolarmente resistenti e di grossa taglia che praticamente non registrano un antagonista naturale, in quanto anche il lupo preferisce attaccare vitelli o agnelli. Gli storni non sono più una specie migratoria, sono diventati stanziali e trovano ricovero in capannoni abbandonati, nei lidi durante la stagione invernale e negli uliveti - conclude De Filippo - soprattutto durante e dopo la nidificazione, arrecando danni ingentissimi agli uliveti e ai seminativi, perché si cibano di olive e di semi, e agli ortaggi perché sporcano di guano le produzioni, abbattendone il valore commerciale. I cormorani, infine, sono i “nemici” indiscussi degli impianti di acquacoltura che devono, tra l’altro, difendersi dai predatori acquatici come i tonni che penetrano nelle recinzioni”.

 

Pubblicato in Notizie

La Giunta regionale, nel corso della seduta odierna  ha assegnato le risorse FSC 2014-2020 Patto per lo Sviluppo della regione Puglia – Area Tematica “Ambiente” Interventi di gestione dei rifiuti urbani – chiusura/adeguamento delle discariche ai sensi del D.lgs. n. 36/2003, pari a  20 milioni di euro per il finanziamento degli interventi di seguito indicati:

  1. Procedura di infrazione comunitaria 2011/2215 ex discarica R.S. Co.Be.Ma. srl – Comune di Canosa di Puglia – Soggetto Attuatore Provincia BAT;
  2. Procedura di infrazione comunitaria 2011/2215 discarica R.S. ex F.lli Acquaviva – Comune di Andria – Soggetto Attuatore AGER;
  3. Ex discarica rsu in località S. Nicola La Guardia - Comune di Andria – Soggetto Attuatore Comune di Andria;
  4. Ex discarica rsu in località Puro Vecchio - Comune di Trani - Soggetto Attuatore Comune di Trani;
  5. Ex discarica rsu in località S. Pietro Pago - Comune di Giovinazzo - Soggetto Attuatore AGER;
  6. Ex discarica rsu in località Landa la Serpe - Comune di Vieste – Soggetto Attuatore Comune di Vieste;
  7. Ex discarica rsu in località Li Cicci - Comune di Manduria - Soggetto Attuatore Comune di Manduria

Il Governo pugliese ha quindi proceduto alla variazione al Bilancio di Previsione 2019 e pluriennale 2019-2021, al Documento Tecnico di Accompagnamento ed al Bilancio gestionale finanziario per l’esercizio finanziario 2019 e pluriennale 2019-2021, per garantire la copertura finanziaria agli interventi richiamati.

Sul tema delle risorse per la chiusura del sito ne aveva parlato in un’intervista il sindaco Giuseppe Nobiletti lo scorso mese di novembre.

Pubblicato in Ambiente

Si è disputato domenica 7 aprile, al campo sportivo “Riccardo Spina”, il primo incontro di calcio amatoriale tra una rappresentativa locale di “over 40” e i giocatori del Foggia Calcio U.N.V.S “G. Pirazzini”. La partita, giocata correttamente da entrambe le squadre e con il giusto agonismo, è terminata con il punteggio finale di 3-3. Un ringraziamento speciale al G.S.D. Atletico Vieste che, mettendo a disposizione tutto quanto necessario, ha reso possibile lo svolgimento della gara!

Pubblicato in Sport

Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato all’unanimità due mozioni in materia di sanità, riguardanti l’attivazione del certificato oncologico e la prenotazione di esami diagnostici e di prevenzione nei parenti di primo grado di pazienti affetti da neoplasie.
La prima mozione è diretta ridurre al minimo la fase di accertamento dello stato invalidante degli ammalati oncologici ed a consentire l’erogazione dei presidi e degli ausili riabilitativi direttamente dai distretti di appartenenza, sulla base della richiesta dell’oncologo specialista. A tal fine il Consiglio ha impegnato la Giunta ad attivare in sede di Conferenza Stato-Regioni le opportune iniziative.

La seconda mozione impegna invece il presidente della Giunta regionale, Michele Emiliano, a valutare l’attivazione di agende di prenotazione automatica di esami nei parenti di primo grado di pazienti affetti da neoplasie, rispetto alle quali - è stato sottolineato in aula - è rilevante il rischio connesso alla familiarità.
«Senza alcun onere finanziario le nostre due mozioni tendono a semplificare l’iter burocratico per il riconoscimento dell’invalidità e a tutelare il diritto alla salute in quelle famiglie già segnate dal dolore e dalla malattia di un parente diretto». Lo sostengono i consiglieri regionali de La Puglia con Emiliano, Paolo Pellegrino e Giuseppe Turco, esprimendo in una nota soddisfazione per l’approvazione in Consiglio delle due mozioni dal loro presentate in materia di sanità (`certificato oncologico introduttivo´ e `attivazione agende dedicate a parenti di soggetti oncologici a rischio´).
La mozione relativa alla prenotazione di esami diagnostici e di prevenzione nei parenti di primo grado di pazienti affetti da neoplasie, è stata sottoscritta e fatta propria anche dai consiglieri di Direzione Italia, Luigi Manca e Renato Perrini. «Oggi abbiamo raggiunto un ottimo risultato per i malati oncologici e le loro famiglie. Sono infatti passate - sottolineano i fittiani - due mozioni di buonsenso, quelle dove si mettono da parte le divergenze politiche in nome della tutela dei cittadini».

Pubblicato in Sanità

"Sento spesso parlare di Moldaunia, come la panacea a tutti i mali dei foggiani che evidentemente vogliono lasciare la Puglia, considerata lontana dalle loro aspettative. Bene. Io sono molisano, vivo in provincia di Campobasso e lavoro in quella di Isernia. Ma vedo la Puglia come una grande oltre che bella regione, esempio e modello per noi molisani. Credetemi, rimanete in Puglia. E' molto meglio. Forse non conoscete i problemi del Molise. Voi in Puglia attingete a tanti finanziamenti: dalla cultura al turismo, a tante altre iniziative. Noi qui in Molise, tutti questi benefici ce li sogniamo. E voi che fate volete venire in Molise e creare la Moldaunia? Ridicolo! E poi, attenzione, i molisani non vogliono i foggiani. Vi considerano poco affidabili e vi paragonano alle tante forme di criminalità che spesso vengono messe in atto anche in Molise con furti, rapine e truffe. Quindi, fatevene una ragione, restate in Puglia. Anzi, se è possibile vorremmo venire noi da voi, magari creando una macroregione insieme all'Abruzzo e alla Basilicata. Questo si chè è un grande progetto, ma la Moldaunia è solo una barzelletta che sa di inferiorità e di reverenzialità".

Lorenzo dal Molise 

Pubblicato in Politica

Aquapulia è un progetto legato a fragranze che nel nome, ma soprattutto nelle essenze, richiamino i concetti più riconoscibili della regione: due farmaciste di Vieste hanno trasformato il loro modo di lavorare.

Quando si parla genericamente di profumi e odori di Puglia il pensiero corre al collegamento olfattivo con il cibo, il mare le tipicità del territorio. Un duo di farmaciste di Vieste, invece, ha trasformato il concetto in un'idea di marketing e in un prodotto. Paola Azzarone e a Maria Elia Perta hanno fondato Aquapulia, un progetto legato a fragranze che nel nome, ma soprattutto nelle essenze, richiamino i concetti più riconoscibili della regione. La loro ultima creazione è una fragranza che si ispira alle gesta di Federico II di Svevia chiamata 'Secondo Federico', un profumo da uomo con richiami di bergamotto, mandarino, gelsomino, vetiver e legno di sandalo. Lo spazio scelto per il lancio è quello degli eventi milanesi del Fuorisalone, collegati al Salone del mobile, in collaborazione con l'agenzia regionale Pugliapromozione. Ma questo è solo il più recente di un ideale viaggio nato dal Gargano e che vuole raggiungere il Salento. Al primo posto c'è la conoscenza del territorio e così sono nate già tre fragranze: due eau de parfum e un profumatore d'ambiente. I nomi scelti, naturalmente, sono estremamente pugliesi. I due profumi, rispettivamente per donna e per uomo, si chiamano Cristalda e Pizzomunno, come i protagonisti della leggenda di Vieste rilanciata a Sanremo 2018 dal brano di Max Gazzè. Il profumatore, invece, si chiama Trabucco, come le grandi strutture in legno da pesca tipiche garganiche oggetto di un importante progetto di riqualificazione come patrimonio pugliese. Quella di Aquapulia, vincitore del bando regionale Pin, è di fatto una piccola impresa meridionale per un progetto di under 40 formati a Roma, Bologna, Heidenberg e Oxford: insieme alle due farmaciste che hanno creato il minilaboratorio in cui vengono create le fragranze, ma anche confezionamento e packaging, ci sono i loro compagni, Agostino e Matteo Silvestri, e la sorella dei due Antonella che si occupa della parte marketing. L'identità grafica invece è stata affidata al pittore viestano Teodoro Palatella. 

Gianvito Rutigliano

repubblicabari

Pubblicato in Società
Martedì, 09 Aprile 2019 15:11

La Puglia al Travelux di Venezia

La Puglia è presente in questi giorni (dal 7 al al 10 aprile) al workshop Travelux a Venezia. Si tratta di un evento di networking, giunto alla terza edizione, che favorisce gli incontri Business to Business tra operatori turistici e Buyer internazionali del turismo  Luxury, 100 top buyer di viaggi di lusso da tutto il mondo. 

Un target cui la Puglia- fanno sapere dall’Assessorato dell’Industria turistica e Culturale- guarda con  molto interesse. La partecipazione al B2B coinvolge alcuni operatori turistici pugliesi specializzati nel prodotto Luxury che hanno modo di incontrare top Buyer del segmento per approfondire e rafforzare  le relazioni commerciali già esistenti e sviluppare nuove occasioni di business : Agenti e T.O. luxury travel, travel designers, concierge service suppliers, event e wedding planners. Ogni  operatore ha un agenda di 52 appuntamenti; molti buyer vogliono conoscere meglio la Puglia, in particolare dal mercato UK ,USA e Brazil ed elogiano il lavoro di Pugliapromozione per il posizionamento della destinazione.

 Il luxury ed il wedding sono mercati che generano indiscussi vantaggi economici per il livello di spesa sul territorio della clientela big spender. Il lusso, ormai lontano dalla concezione di sfoggio e di sfarzo, tende oggi alla esclusività, unicità e personalizzazione, cerca esperienze  e itinerari cuciti su misura. Per i turisti del Lusso non è sufficiente visitare un posto, l’importante e viverlo in modo esclusivo e riservato. La Puglia guarda con sempre maggiore interesse ai turisti del target Lusso che, sebbene rappresentino una nicchia, consentono un ritorno consistente visto che non rinunciano a spendere, e rappresentano uno stimolo a migliorare e personalizzare la qualità dell’offerta turistica.

Secondo l’Assessore, la Puglia vuole intercettare sempre più turisti di alta gamma, una clientela ricercata che in Italia ha sempre soggiornato, affollando i numerosi resort di lusso e le classiche mete da sogno della Penisola : quindi si candida a diventare una delle mete da sogno in Italia perché è in grado di offrire un ventaglio di proposte sempre più personalizzate e una esperienza di vacanza su misura, in una terra ancora autentica e al di fuori dei circuiti di massa. Il Lusso in Puglia è lontano dalla vecchia tendenza di sfoggio e sfarzo e trova nella esclusività, nella unicità di masserie e centri benessere, nel cibo a km zero e nella personalizzazione delle esperienze di vacanza le sue nuove parole d’ordine

Pubblicato in Turismo

Il Gip del Tribunale di Foggia, a seguito del l'interrogatorio di garanzia, ha revocato la misura cautelare degli arresti domiciliari all'indagato Biscotti Alessio, misura cautelare applicata il 29 Marzo 2019, nell'ambito della Operazione " Grecale ", ordinanza che ha visto il coinvolgimento di sette persone, indagate a vario titolo per reati di droga ed altro. Il Gip del Tribunale di Foggia, ha accolto la richiesta del difensore del Biscotti , l'Avvocato Salvatore Vescera, che chiedeva la scarcerazione del proprio assistito per la assoluta assenza di gravi indizi di colpevolezza e delle esigenze cautelari ad essa connesse.

Pubblicato in Cronaca

La Regione Puglia ha superato positivamente il Tavolo di Verifica Ministeriale in materia di Conto Economico consolidato 2018 garantendo l’equilibrio dei conti ai fini del comma 174 L. 311/2004 e ciò nonostante il blocco del payback farmaceutico a tutt’oggi “congelato” per tutte le regioni in attesa della risoluzione del contenzioso con AIFA.

I conti 2018, dopo le coperture garantite dalla Regione per il rinnovo dei CCNL del personale e per la mancata iscrizione dei ricavi del payback chiudono con un avanzo di 2,1 mln di euro.

Il notevole risultato è stato reso possibile anche grazie alle azioni di risparmio e contenimento dei costi prodotti dalle singole Aziende Sanitarie.

Il tavolo ha confermato anche per il 2018 che la media ponderata dei tempi di pagamento dei fornitori delle aziende sanitarie è  in linea con la direttiva comunitaria, registrando un ulteriore miglioramento.

Si conferma il punteggio dei LEA a 179 per il 2017, valore superiore rispetto alla soglia minima di 160.

Sono in corso le verifiche del dato 2018.

Per quanto riguarda l’assistenza ospedaliera è stata verifica la coerenza della programmazione rispetto agli standard ministeriali, nonché sono state valutate positivamente le Reti cliniche predisposte nell’ambito del riordino complessivo .

In questi mesi la Regione, al fine di consolidare i risultati ottenuti ed in attesa della verifica degli obiettivi di qualità 2018, proseguirà le attività già intraprese su alcuni specifici aspetti:

-          Completamento della riorganizzazione  in materia di screening oncologici;

-          risoluzione delle problematiche in materia veterinaria e randagismo;

-          consolidamento delle azioni in materia di assistenza territoriale attraverso la definizione di un documento unico di organizzazione;

-          accelerazione delle procedure degli acquisti centralizzati

-          messa a regime del sistema degli accreditamenti delle strutture ospedalierie e non.

Per il Presidente della Regione Puglia il Tavolo congiunto di verifica e Comitato LEA ha validato l’equilibrio economico dei conti 2018 (ai fini della verifica ex comma 174, L. 311/2004) ed i notevoli risultati ottenuti nell’attuazione della maggior parte degli obiettivi sanitari previsti dal Piano Operativo. A conclusione dei lavori odierni si ritiene che si siano gettate le basi per l’uscita dal Piano Operativo, per la quale occorrerà, in analogia a quanto accaduto per le altre regioni, attendere il completamento delle residue azioni già avviate, la valutazione degli adempimenti ed obiettivi LEA 2018 ed il mantenimento dell’equilibrio economico.

Pubblicato in Sanità
Pagina 1 di 3

ReteGargano consiglia...

Osteria degli Archi

Reporter della tua città

20 Luglio 2019 - 10:45:02

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ La casa degli sguardi di Daniele Mencarelli

Venerdì 26 luglio al Ristorante IL CAPRICCIO, dalle ore 21,30 tornano gli APERITIVI LETTERARI. Daniele è un giovane poeta oppresso da un affanno sconosciuto, “una malattia…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -