Articoli filtrati per data: Giovedì, 04 Luglio 2019 - Rete Gargano

Mai vista tanta acqua cadere con intensità pazzesca. L'estate 2019, dopo oltre un mese di caldo africano, si concede una pausa. Nel pomeriggio di oggi una vera e propria ondata temporalesca ha colpito la fascia meridionale del Gargano con nubifragi, grandine e  forti raffiche di vento. I comuni interessati sono stati soprattutto Manfredonia, San Giovanni Rotomdo, Monte Sant'Angelo e Mattinata. A Manfredonia allagate diverse zone dell'abitato, auto in panne, traffico in tilt e numerose segnalazioni al centralino della Polizia Locale e dei Vigili del Fuoco. Un albero è caduto sulla provinciale che collega Manfredonia a Monte S.Angelo, invadendo l'interia carreggiata e determinando il blocco del traffico per alcune ore. Allagamenti vengono segnalati anche nei villaggi della Riviera a sud di Manfredonia, Disagi al traffico sulla provinciale delle Matine tra Manfredonia e San Giovanni Rotondo a causa di fango e detriti.  

Pubblicato in Notizie

La Puglia nella stagione estiva 2019, secondo stime della Federalberghi regionale, potrà vantare incrementi sensibilmente maggiori a quelli registrati in tutta Italia dalla recente indagine della Federalberghi nazionale. Questi risultati positivi derivano soprattutto dalla componente straniera che la nostra regione ormai attrae in grande numero, con incremento a due cifre rispetto al 2018.
Secondo l`indagine dell’Istituto ACS Marketing Solutions, le previsioni per le vacanze degli italiani durante l’estate 2019 mostrano un lieve incremento rispetto all’estate 2018 pari al +0,3%. Circa il 57,1% della popolazione, pari a 34,6 milioni di persone, tra maggiorenni (26,0 milioni) e minorenni (8,6 milioni), ha già fatto una vacanza nel mese di giugno o si appresta a farla nei mesi di luglio, agosto e di settembre. L’84% dei viaggiatori resterà in Italia prediligendo il mare mentre, al secondo posto delle preferenze, conquista la postazione la vacanza culturale. Per effetto della crisi, però gli italiani ridurranno la spesa che si attesterà mediamente su 837 euro pro capite, per un giro d`affari di 21,8 miliadi di euro (-9,5% rispetto al 2018).
"Al netto dell`ossessione mediatica sui numeri - commenta a caldo Francesco Caizzi, presidente della Federalberghi Puglia - che ci ha regalato un mese di maggio ai limiti dell`isteria, quando non orientato da sotterranee speculazioni di destinazioni consolidate rispetto a una Puglia emergente, il nostro mare continua ad avere un andamento in salita e le nostre bellezze dell`entroterra crescono con sempre più slancio. La stagione 2019, dunque, si presenta secondo i miglioti auspici. Altri indicatori (traffico di Aeroporti di Puglia, sentiment e sondaggi reputazionali, attività di promozione in tutto il mondo) non fanno che confortare le nostre stime".
“Abbiamo avuto una partenza difficile – aggiunge Caizzi – Il mese di maggio anche da noi è stato flagellato dal maltempo, con una conseguente rinuncia da parte di molti viaggiatori. Tutto questo non ha aiutato il decollo della stagione più importante dell’anno. In giugno abbiamo registrato un recupero significativo nel circuito alberghiero e nelle strutture balneari. Abbiamo scoperto, inoltre, con piacere, l`incremento a due cifre delle presenze straniere che si sono distribuite in tutti i territori della regione, non necessariamente solo al mare. Sono sempre più richiesti, infatti, i nostri borghi, le nostre bellezze naturali, le cattedrali, i castelli federiciani, i nostri siti Unesco, i trulli, le masserie, l`enogastronomia, ma anche le nostre città come Bari, Taranto, Lecce, Brindisi che hanno cominciato ad aggiungere importanti flussi di turismo leisure al consolidato movimento business."
"Se per il turismo dell`intera Italia - conclude il leader degli albergatori pugliesi - ci dobbiamo accontentare del bicchiere mezzo pieno, in Puglia possiamo considerarci soddisfatti. Il nostro lavoro sarà orientato al miglioramento delle infrastrutture viarie e ferroviarie (gli aeroporti ci hanno dato più di una soddisfazione) e, soprattutto, con le nuove normative e con una sempre più efficace azione repressiva, alla lotta contro l`abusivismo ricettivo che resta la vera piaga della regione."

Pubblicato in Turismo

È accaduto ieri 3 luglio, in piena stagione irrigua, un importante problema tecnico alla diga di Occhito: la principale fonte di approvvigionamento idrica per il potabile e per l’agricoltura.

Alle ore 6.00, durante le operazioni ordinarie, riferisce l’ing. Giuseppe Di Nunzio, ingegnere responsabile della diga di Occhito, si è verificato il distacco dell’asta di manovra dalla paratoia che consente la regolazione del flusso idrico verso la Capitanata e la conseguente interruzione dell’erogazione. L’allerta è stata immediata per scongiurare il rischio di lasciare a secco i campi ed i rubinetti ed il delicato intervento di ripristino all’interno della “galleria di derivazione” è stato eseguito dal personale consortile di Occhito, in perfetta sintonia e coordinamento con gli operatori addetti alla regolazione della vasta rete irrigua.

Per non alterare l’equilibrio della rete è stato necessario assicurare la graduale interruzione del servizio con modalità tali da consentire successivamente una rapida e regolare ripresa dell’esercizio, limitando per quanto possibile i disagi all’utenza. Nello stesso tempo sono stati concordati con l’AQP , tempi e modi di riduzione del flusso e il successivo ripristino dell’erogazione per il potabile.

Alle ore 19:30, dopo una serrata attività per assicurare la riparazione nei tempi più rapidi possibili, è stato ripristinato il flusso di acqua al ripartitore di Finocchito ed al potabilizzatore AQP e, nella notte, è stata regolata la messa in carico della rete irrigua.

Questo il resoconto di una giornata intensa che ha richiesto una prova di efficienza di grande valore a cui il personale ha risposto con un senso di responsabilità e abnegazione, riferisce Francesco Santoro, Direttore Generale del Consorzio, ma anche il segnale di quanto sia necessario  ed urgente un intervento strutturale straordinario  per provvedere finalmente alla riqualificazione generale e complessiva  dell’infrastruttura.

Quello che è accaduto, rileva il Presidente Giuseppe De Filippo, rappresenta emblematicamente quanto il Consorzio ha evidenziato da tempo in merito alla criticità rappresentata dal disporre di una unica fonte di approvvigionamento di acqua per gran parte della Provincia di Foggia e sulla necessità di prevedere la realizzazione di fonti alternative ed integrative, quali la Diga di Piano dei Limiti e l’adduzione Ponte Liscione-Finocchito.

Ed è ancora l’occasione per rimarcare che l’ordine di priorità degli interventi nell’ambito del Contratto istituzionale di Sviluppo debba essere assolutamente rivisto e che le vere “misure in grado di incidere davvero sull’economia locale” sono quelle che riguardano le risorse primarie come l’acqua sulla quale si basa l’economia di Capitanata e l’approvvigionamento civile. Senza dimenticare, come più volte ribadito, che qualsiasi avaria agli organi di manovra o alla galleria di derivazione Occhito-Finocchito - che non è possibile ispezionare e manutenzionare per la necessità di tener in funzione permanentemente l’approvvigionamento potabile - metterebbe in ginocchio l’intera economia di Capitanata, non solo il comparto agricolo, e lascerebbe la popolazione senza l’approvvigionamento potabile. Una situazione drammatica che bisogna assolutamente prevenire.

Pubblicato in Ambiente

"Ci sono stati elementi caratteriali incompatibili nell'espletare le nostre deleghe. Chi è delegato deve svolgere il suo compito in autonomia. In alcuni casi il presidente è stato la Cassazione che modifica le strategie. Ci sono state decisioni che non ho condiviso e così si è arrivati al coronamento nefasto. Prendo atti che non si può lavorare così". Con queste parole Leonardo Di Gioia ha spiegato le ragioni delle sue dimissioni da assessore regionale all'Agricoltura durante una conferenza stampa fiume nel Palazzo del Consiglio regionale, evidenziando in passaggi tecnici le criticità su Psr, organico dell'assessorato, caso Xylella e rapporti con le confederazioni agricole. Di Gioia ha anche sottolineato che per svolgere al meglio le sue funzioni era necessaria "la legittimazione politica", la "condivisione del presidente" e la "comprensione" del mondo agricolo "in un mondo che cambia".

Pubblicato in Politica

Verranno presentati i risultati degli studi sul Corallo Nero e la Pinna Nobilis ed illustrati i nuovi progetti di tutela e valorizzazione della biodiversità delle Isole. Immersioni con sub non vedenti e performance di arte sul tema ‘mare e plastic-free’ completeranno il programma della giornata che si chiuderà in musica con l’omaggio di RON a Lucio Dalla.

Il 14 luglio è una data importante per le Isole Tremiti che celebrano i trent’anni dell’Area Marina Protetta, istituita nel 1989 proprio per proteggere e preservare il suo incomparabile patrimonio floro-faunistico. A distanza di trent’anni, proprio in quella stessa data, il Parco Nazionale del Gargano (Ente gestore dal 1995), insieme a Comune delle Isole, Ministero dell’Ambiente e Regione Puglia, ha deciso di celebrare questo importante anniversario.

Lo farà con una intensa giornata che prenderà il via alle 10.30 al Centro Polifunzionale, con un incontro durante il quale verranno illustrati gli importanti progetti sulla biodiversità che coinvolgeranno le Isole Tremiti nei prossimi anni. Nell’occasione verranno presentati anche i risultati delle ultime ricerche scientifiche sulla foresta di Coralli Neri, utili a fornire indicazioni sui cambiamenti climatici in atto nella fauna e nella flora marina, e sulla Pinna nobilis, il mollusco che nel mare delle Tremiti continua a vivere a dispetto della mortalità ormai diffusa in tutto il Mediterraneo. A fornire i dettagli degli studi, finanziati dall’Ente Parco e dalla National Geographic Society saranno Giovanni Chimienti, zoologo e biologo marino dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari e Angelo Tursi, professore del CoNISMa (Consorzio Interuniversitario per le Scienze del Mare). Nell’occasione verranno presentate alcune pubblicazioni e proiettati dei filmati inediti sui ritrovamenti.

Oltre al vicepresidente dell’Ente Parco Nazionale del Gargano Claudio Costanzucci e al sindaco delle Isole Tremiti Antonio Fentini, all’incontro parteciperanno Nicola Ungaro, direttore scientifico dell’ARPA Puglia e Angela Costantino, presidente dell’associazione ALBATROS - Progetto Paolo Pinto, con cui l’Ente Parco ha avviato “Fondali aperti a tutti”, progetto di formazione di guide sub per non vedenti. L’evento vedrà la presenza di numerosi rappresentanti istituzionali tra cui:

Antonio Maturani – Dirigente della Divisione II - Biodiversità, aree protette, flora e fauna della Direzione generale per la protezione della natura e del mare del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Francesco Carlucci - Direttore Federparchi

Alessandro Cicciolella - Direttore AMP Torre Guaceto in rappresentanza delle AMP Italiane

Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Giovanni Pettorino - Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto

Aldo PATRUNO - Direttore Dipartimento Turismo, Economia della Cultura, Gestione valorizzazione dei beni Culturali Regione Puglia

Raffaele Piemontese - Assessore Bilancio, Demanio e Patrimonio della Regione Puglia

Giovanni Vianello - Deputato della Repubblica Italiana e Componente della VIII Commissione (Ambiente, Territorio e Lavori pubblici)

Maria Luisa FARO - Deputato della Repubblica Italiana e Componente della V Commissione (Bilancio, Tesoro e Programmazione)

Salvatore Micillo - Sottosegretario di Stato per l'Ambiente e la Tutela del Territorio e del Mare

La giornata proseguirà alle 16.30 con un’escursione in barca durante la quale si terrà un’immersione con ragazzi non vedenti accompagnati dalle guide specializzate dell’AMP Isole Tremiti. Alle 18.30, sulla banchina del porto di San Domino, spazio all’arte con una performance dal vivo sul tema ‘mare e plastic-free’ a cura dell’illustratore e vignettista Fabio Magnasciutti (autore di sigle ed animazioni di programmi come ‘Che tempo che fa’, ‘Anno Zero’ e ‘Servizio Pubblico’), affiancato dall’illustratore satirico foggiano Umberto Romaniello.

 

L’evento del 14 luglio si chiuderà a San Domino con il concerto di RON, che tornerà a suonare nel nome e nel ricordo di Lucio Dalla. Il concerto si terrà alle 21.30 nella piazza adiacente il Centro Polifunzionale.

 

La giornata del 14 luglio darà il via alla “Settimana della cultura del mare”, in programma dal 15 al 21 luglio. Tra gli appuntamenti più importanti, il workshop sul futuro dell’AMP Isole Tremiti (17 luglio), cui seguiranno escursioni in barca, attività didattiche per bambini e prove di immersione tra i 14 siti archeologici custoditi nel mare delle isole. La settimana si chiuderà il 20 e 21 luglio quando protagonista sarà l’isola di San Nicola, cornice ideale per accogliere videomapping, concerti multimediali e incontri con attori a cura del MAD (Memore audiovisive della Daunia) e del gruppo musicale Rione Junno.

Il trentennale è stato organizzato in sinergia con le realtà del territorio che da anni lavorano per la tutela e la valorizzazione delle isole, come il Laboratorio del Mare Marlin Tremiti, la Pro Loco Isole Tremiti e la CDP Service e con il supporto di Regione Puglia, Puglia Promozione, WWF, Legambiente, Marevivo e Teatro Pubblico Pugliese.

Pubblicato in Manifestazioni

  L’hanno chiamata la scalinata della legalità e si trova a Vieste, in via Verdi. Giovedì 4 luglio alle ore 18, l’inaugurazione di uno dei progetti più interessanti della storia di Vieste. Un progetto che porta la firma dell’assessorato alla cultura, l’associazione Cantieri dell’innovazione sociale e Arci ragazzi, e che è stato curato dalle docenti Ida Patrizia Grassi, MariaGrazia Cortellino e dall’architetto Paola Minervino. Obiettivo: creare a Vieste un centro estivo della legalità. All’iniziativa ha preso parte l’intero consiglio comunale dei ragazzi coinvolto dall’assessore Grazia Maria Starace. Tutti insieme hanno risistemato la scalinata di via Verdi dove verranno incisi i nomi delle vittime della mafia, ma anche di personaggi pugliesi caduti per difendere la patria. Un vero e proprio memoriale dedicato a uomini come Falcone, Borsellino, Impastato, Grassi e Della Chiesa. 51 gradini per altrettante persone, uomini e donne che hanno perso la vita in nome della legalità. Da Vieste parte un messaggio forte e chiaro: la città non dimentica chi ha sacrificato la propria vita per servire il Paese.

Pubblicato in Società

         “Ancora un passo in avanti e un’azione concreta da parte della Regione Puglia per la tutela dell’ambiente e nello specifico per rendere maggiormente fruibili e più sicure le nostre splendide spiagge”.

         Così Gianni Stea, assessore alla Qualità dell’Ambiente in seguito all’approvazione della delibera riguardante le “Linee guida per la manutenzione stagionale delle spiagge” approvata oggi durante la Giunta regionale, d’intesa con l’assessore al Bilancio Raffaele Piemontese, delegato in materia di erosione costiera e con l’assessore alla Pianificazione Territoriale, Alfonso Pisicchio.    

         “Si tratta di un ulteriore provvedimento a favore dei Comuni costieri. – dichiara Stea – La Regione Puglia già da tempo sta attuando dei provvedimenti rivolti alla difesa dell’ambiente e del mare. Dopo il finanziamento di 4 milioni di euro per sostenere i comuni costieri nelle attività di rimozione dei rifiuti e le iniziative plastic free, con le quali tutti i lidi dovranno rinunciare alla plastica monouso a favore di materiale ecocompatibile.

         Le  linee guida  approvate oggi, rappresentano un ulteriore ed  importante strumento con lo scopo disciplinare le attività di manutenzione degli spiagge e tutelare e valorizzare così le coste pugliesi che rappresentano una risorsa, dal punto di vista ambientale, di conservazione del suolo sociale ed economico”.

         Le linee Guida  - redatte da un gruppo di lavoro composto da esperti della  Regione Puglia, Arpa Puglia e Politecnico di Bari  – definiscono le competenze per la manutenzione  stagionale delle spiagge, disciplinandone i criteri di progettazione, le procedure autorizzative e le metodologie di monitoraggio degli interventi.  Sono indirizzate ai Comuni Costieri, a forme associative di più comuni costieri e ai concessionari di stabilimenti balneari.

         Nello specifico le operazioni di manutenzione stagionale riguardano: il ripristino degli arenili; la preparazione e sistemazione delle spiagge; la pulizia e manutenzione durante la stagione balneare. Quest’ultima consiste, nella rimozione e nell’appropriato conferimento dei rifiuti, da differenziare, presenti sulla spiaggia.

         Tale attività è a carico dei concessionari degli stabilimenti. Questi ultimi durante il periodo di apertura degli stabilimenti, devono curare l’estetica, il decoro, l’igiene e la perfetta manutenzione delle aree in concessione, nonché la pulizia delle aree limitrofe.

Pubblicato in Ambiente

BRICO IN propone una vasta scelta di PRODOTTI al prezzo migliore.

Macchine da giardino & Orto

Rasaerba & Pompe

Potatori e spaccalegna & Tagliasiepi

Siepi & tralicci

Reti & teli

Piastrelle decoro giardino

Impregnati & Prati sintetici

Ombrelloni & gazebo

Tutto per il mare

Dublicazioni radiocomandi

Duplicazioni chiavi

Set giardino & Salottini

Barbecue & Zanzariere

Aspiratori & Idropulitrici

Elettroutensili & Ferramenta

Vernici & Pitture

Spray & Vernici da Legno

Pennelli Rulli & Accessori

Climatizzatori & Scaldabagni

Articoli per animali

Decorazioni & Elementi Decorativi

Idraulica & Irrigazione

Cornici & Stampa

Casalinghi & Hobbistica

Tappeti & Tende

Carte & Confezionamento

Rubinetteria & Sanitari

Bagni & Accessori

Materiale Elettrico & Illuminazione

VIA ANTICO PORTO AVIANE

– VIESTE –

Pubblicato in Avvisi

Sono cinque in poco più di un mese le interdittive antima­fia adottate dal nuovo prefet­to di Foggia Raffaele Grassi. Le azioni rientrano nelle attività di contrasto alle infiltra­zioni della malavita nel tessu­to economico. Nel dettaglio: - nell’Area Garganica nei con­fronti di tre imprese operan­ti nei comuni di Cagnano Vara­no, San Marco in Lamis e Man­fredonia, di cui una richiedente l’erogazione di fondi pubblici e le altre due concessioni dema­niali; - nel Basso Tavoliere: nei confronti di due imprese oper­anti nel Comune di Cerignola nel settore della gestione dei rifiuti e dei servizi. Le iniziative si prefiggono lo scopo di “ag­gredire”, attraverso verifiche svolte in collaborazione con le forze di polizia, le infiltrazioni e condizionamenti della mala­vita organizzata nell’econo­mia legale. Attraverso le inter­dittive antimafia, a cui Gras­si ha voluto dare massimo im­pulso, si intende proseguire, in piena condivisione con l’azione della “Squadra Stato”, nell’op­era di “bonifica” del territorio dalle ingerenze della criminal­ità organizzata. Utilizzando al meglio gli strumenti offerti dal decreto legislativo n. 159/2011 in materia di cautele antima­fia, si vuole rafforzare “la ca­pacità di contrasto dello Stato su questo territorio, contribu­endo - si legge nella nota della prefettura - a favorire un clima di rinnovata fiducia nelle Isti­tuzioni da parte delle comuni­tà’ locali”.

Pubblicato in Società

Questa sera alle ore 19:00 presso il Lido la Bussola lungomare Europa,verrà presentato il nuovo libro su Don Antonio Spalatro dal titolo “Una vita per la santità“

Pubblicato in Cultura
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Reporter della tua città

12 Agosto 2019 - 15:39:52

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ Regine. Carolina e Antonietta di Paolo Sciortino

Alla corte di Vienna, dove sono nate entrambe, arciduchesse, figlie dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria, l'infanzia di Carolina e Maria Antonietta scorre serena, tra i…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -