Articoli filtrati per data: Lunedì, 12 Agosto 2019 - Rete Gargano

La movida del Gargano anche quest'anno è a Peschici. Il centro storico della rinomata località turistica, soprattutto in questo caldo mese di agosto, sta facendo registrare numeri da record. I giovani del posto e i tanti turisti preferiscono trascorrere le notti agostane nelle caratteristiche viuzze del borgo antico dove si trovano diversi locali per trascorrere fantastiche serate tra un bicchiere di buon vino, un piatto tipico garganico e tanta buona musica. Ma per qualcuno non è cosi. In questi giorni ci sono state diverse denunce con articoli di giornali che hanno evidenziato che Peschici è diventata il ritrovo di spacciatori e ubriachi. Ed ecco le prime smentite. "Non permettiamo a nessuno di infangare il nome di Peschici che mai come quest'anno - ha spiegato Daniele, titolare del Giarrone Cocktail&Wine a retegargano.it -. Finiamola di dire chiacchiere. A Peschici la sera ci si diverte come in nessun altro posto. Non è vero che si spaccia e che dilaga la delinquenza. Da noi arriva tanta gente oltre che dai comuni del Gargano, anche dai vari villagi turistici. Tutta bella gente, non è mai successo nulla. Rispettiamo le regole, abbiamo l'obbligo di non suonare dopo la mezzanotte e trenta e quando siamo andati oltre abbiamo pagato le multe". Sulla questione è intervenuto anche il sindaco, Franco Tavaglione. "Voglio tranquillizzare tutti che a Peschici l'estate prosegue bene, anche la sera nel centro storico dove qualcuno che ha casa nei pressi dei locali, a causa della musica non riesce a dormire".

Pubblicato in Notizie

Il Comune di San Giovanni Rotondo vuole 2 milioni dalla santa Sede per l'Imu non pagata sull'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza. E' quanto scrive il Corriere della Sera nell'ambito di una inchiesta dedicata proprio sull'ospedale di Padre Pio. Al centro del caso ci sono l'immobiliare Casa Sollievo che possiede gli immobili ospedalieri (oltre ad una stalla con 700 bovini) e la Fondazione Casa Sollievo che gestisce la struttura  ospedaliera con 900 posti letto a San Giovanni Rotondo. Ad entrambe sono stati notificati avvisi di accertamento salatissimi. La Fondazione, presieduta da Padre Franco Moscone, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni, è un ente sotto la vigilanza del Vaticano nella persona del cardinale Segretario di Stato pro tempore. Il Comune di san Giovanni Rotondo, oggi guidato dal dem Michele Crisetti, ha chiesto i pagamenti sull'imposta municipale sul possesso dei fabbricati finora mai espletati. Ma l'Immobiliare della Santa Sede ha fatto subito ricorso ottenendo, per ora, lo stop all'esecutività degli atti in attesa di entrare nel merito. Intanto il bilancio 2018 dovrebbe essersi chiuso con circa 2-3 milioni di perdita. Al neo direttore generale Michele Giuliani, che da aprile ha sostituito Domenico Crupi, toccherà risolvere la grana fiscale che preoccupa e non poco la Segreteria vaticana.

Pubblicato in Notizie

Alla corte di Vienna, dove sono nate entrambe, arciduchesse, figlie dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria, l'infanzia di Carolina e Maria Antonietta scorre serena, tra i concerti di un Mozart ragazzino, le lezioni di celebri pensatori del tempo e i giochi in uno dei parchi più incredibili di tutta Europa. Ancora giovanissime, però, vedono la spensieratezza lasciare il posto alla vita adulta, che inizia con la separazione, dalla madre e dalla sorella che più amano. A Versailles è diretta Maria Antonietta, sposa del delfino di Francia; Carolina, invece, è destinata all'Italia, Napoli sarà la sua casa, alla corte dei Borbone. Non si vedranno mai più, perché questo è uno dei drammi silenziosi che deve scontare chi ha il privilegio di regnare, ma resteranno sempre legate da un filo sottile e tenace che le terrà unite anche nei momenti di maggior lontananza, e che stritolerà il cuore di Carolina alla morte di sua sorella. Non sono solo due regine, Carolina e Maria Antonietta, ma due espressioni, per quanto contrapposte, di un mondo in cambiamento. Carolina, la studiosa, la statista, convinta che il ruolo di regnante sia un servizio della collettività, un privilegio da pagare con la fatica. La tragica morte di Maria Antonietta, però, cambierà ogni cosa e mostrerà la fragilità di una filosofia astratta che si scontra con i bisogni e la rabbia del popolo. Due sorelle, due regine, il mondo ai loro piedi e i desideri fatti realtà, ma anche due donne, con i dolori, i pianti, le rinunce che a chi fa parte del paradiso non è concesso mostrare, né tantomeno provare.

"Il Museo diocesano resterà chiuso dal 11 agosto al 26 agosto 2019. Riaprirà il 27 agosto". E' il cartello esposto all'ingresso del Museo diocesano di Manfredonia che indica la chiusura per ferie dell'interessante sito culturale ubicato nel centro storico  e gestito dalla Curia. Ma come si fa a chiudere un museo ad agosto  quando si immagina  arrivi il maggior numero di turisti?

 

Pubblicato in Notizie

Da alcuni giorni la sp 53, la strada litoranea che collega Mattinata a Vieste, è diventata l'arteria più trafficata di Puglia. Con l'esodo e il controesodo di Ferragosto alle porte, la provinciale è diventata pericolosissima da percorrere con auto, pullman, roulotte, camper e autotreni in transito ogni giorno per raggiungere le località turistiche del Gargano. La strada è malmessa: buche, manto stradale sconnesso, segnaletica inadeguata, inciviltà degli automobilisti, pochi controlli, tanti incidenti, causati soprattutto dalla inciviltà degli automobilisti che non rispettano il codice della strada. Alta velocità e sorpassi azzardati le cause principali degli incidenti, ma anche le distazioni  l volante dovute all'uso degli smartphone. Tra Baia dei Campi e Baia San Felice in molti parcheggiano sul ciglio della strada, anche in curva, restringendo notevolmente la carreggiata. Pericoloso anche il tratto della statale che collega Manfredonia a Mattinata.  E con l statale 89 chiusa da dieci anni, la sp 53 è l'unica via di accesso a Vieste. Urgono autovelox e posti di blocco di Polizia e Carabinieri.

 

Pubblicato in Notizie

E’ Pinuccio, l’istrionico e pungente inviato pugliese di “Striscia la Notizia”, il primo premiato del “Festival delle Terre d’Acqua” (in programma a Manfredonia il 26,27 e 28 agosto 2019), organizzato dalla “Fondazione Re Manfredi” con il patrocinio di Regione Puglia, Aret PugliaPromozione, Comune di Manfredonia e ConfCommercio Foggia. La consegna del premio di “Destionation Marketer – Puglia Awards 2019”, per mano del nuovo Presidente della Fondazione Michele De Meo, è avvenuta a Manfredonia durante l’opening di presentazione del Festival.

Tale riconoscimento è emblematico rispetto al concept del Festival: riconnettere il territorio ai propri protagonisti, promuovere e sostenere gli attori dello sviluppo del territorio per valorizzarne le qualità e le azioni e rimetterle in circolo. Riconoscere chi da sempre si batte e lavora per il territorio per amplificarne le azioni e le voci, perché le idee camminano sulle gambe degli uomini, e senza uomini non ci sono idee. La nuova governance della Fondazione, infatti, intende mettere in luce chi ha fatto o fa qualcosa di concreto per il nostro territorio, chi lo tiene a cuore e chi lo promuove, chi agisce per il suo sviluppo e chi progetto per il suo futuro.

In particolar modo nell’ultimo anno, Pinuccio, si è contraddistinto per le sue inchieste e battaglie sulla tutelata dell’ambiente in Puglia atte a salvaguardare e dare impulso allo sviluppo del territorio, come ad esempio, quella sul depuratore del Candelaro a Manfredonia.

L’inviato di “Striscia la Notizia”, dunque, è l’apripista del premio “DESTINATION MARKETER - PUGLIA AWARDS 2019” (simboleggiato dal pumo di ceramica, emblema dell’artigianato e dell'identità pugliese), in programma lunedì 26 agosto, c/o la nuova Piazza Terrazza sul mare nel centro storico, con la conduzione del giornalista Micky De Finis. La prima giornata del “Festival delle Terre d’Acqua” sarà incentrata sul tema del turismo come fattore di sviluppo tout court del territorio: turismo è economia ma è anche sviluppo ulteriore del territorio; è progettazione, è visione del futuro e del paesaggio, delle città, dell’ambiente. I premiati hanno legami forti con il nostro territorio (e per territorio si intende il Gargano, la Daunia, la Puglia, il Mezzogiorno) in una prospettiva di possibile valorizzazione dello stesso che leghi il nostro territorio con il palcoscenico nazionale all’interno di una visione futura:  Attilio Romita - Giornalista RAI; Enrica Simonetti - Responsabile delle pagine Cultura della Gazzetta del Mezzogiorno; Giuseppe Calabrese - Gastronomo - Conduttore "Linea Verde", Rai 1; Lino Patruno - Editorialista e già direttore della Gazzetta del Mezzogiorno; Nancy Dell’ Olio - Ambasciatrice della Puglia nel mondo; Rossella Iannone - Giornalista "RadioMonteCarlo" e coordinatrice press tour "Manfredonia e le Terre d'Acqua"; Sonia Gioia - Responsabile della Guida la Repubblica - Puglia e titolare della Rubrica Food "Un poco di buono"; Tony Di Corcia - Scrittore e Giornalista.

Il secondo giorno del Festival (martedì 27 agosto) spazio alla rassegna degli artisti di strada che, con i loro talenti, inonderanno e valorizzeranno il centro storico ed i maggiori punti di aggregazione turistica della città: BUSKERS IN MANFREDONIA – RASSEGNA DI ARTISTI DI STRADA. 

Il terzo giorno (mercoledì 28 agosto, c/o Piazza Falcone e Borsellino) chiude in bellezza il Festival con la XXVIII^ edizione del Premio Internazionale di Cultura Re Manfredi. Quest’anno, il fil rouge della kermesse sarà quello della valorizzazione e promozione del territorio, soprattutto in ottica culturale e turistica, quale volano di rilancio e sviluppo socio-economico. Il Premio “RE MANFREDI” è diventato un peculiare evento culturale, una straordinaria occasione per far conoscere e promuovere il territorio pugliese, punto focale nel Mediterraneo. E’ un riconoscimento delle eccellenze e della valorizzazione di talenti regionali, nazionali e internazionali. Chi viene premiato quest’anno? Chi si è impegnato e distinto, a vario titolo, nella tutela e valorizzazione della Puglia, del Gargano, di Manfredonia - intesi come ambiti territoriali e possibili “marchi” di destinazione - e chi, con la propria professionalità nel proprio ambito lavorativo contribuisce quotidianamente allo sviluppo del territorio, e ad esso porta lustro ed orgoglio: 

  • Dino Abbrescia, Attore (cinema);
  • Fabio Troiano, Attore e Direttore artistico del "Teatro Curci" di Barletta (spettacolo); 
  • Andrea Prencipe, Rettore della Luiss Guido Carli (Premio Speciale Città di Manfredonia); 
  • Antonio Decaro, Sindaco di Bari e Presidente Anci (politiche culturali e turistiche); 
  • BCC San Giovanni Rotondo (Economia);
  • Franscesco Schittulli, Presidente Nazionale Lilt (ricerca scientifica e salute); 
  • Luciana Delle Donne, Fondatrice e Ceo di "Officina Creativa - Made in Carcere" (innovazione sociale e legalità); 
  • Enzo Muscia,  Ceo A Novo Italia srl (imprenditoria); 
  • Eugenia Isetti, Istituto italiano di Archeologia Sperimentale di Genova, studiosa del sito archeologico di "Grotta Scaloria" (tutela e valorizzazione del territorio); 
  • Alberto Cazzella, Università La Sapienza, studioso del sito archeologico "Coppa Navigata"  (tutela e valorizzazione del territorio); 
  • Giovanni Tricarico, storico patron del Premio Internazionale di Cultura Re Manfredi (Promozione della cultura e del territorio); 
  • Vincenzo D'Onofrio, storico Console del TCI  (tutela e valorizzazione del territorio); 
  • Lucia Scarabino, ballerina professionista del corpo di ballo dell’Orchestra Popolare de “La Notte della Taranta” "La Notte della Taranta" (danza); 
  • Fabio Porreca, Ceo Svicom (commercio e sviluppo del territorio); 
  • Lucio Mele & Pescaria (innovazione d'impresa e marketing).

A presentare la serata saranno Roberta Morise e Vincenzo De Michele, ospiti il cantante Riccardo Fogli ed il cabarettista Gianni Ciardo.

Pubblicato in Manifestazioni

I Carabinieri della Compagnia di Vico del Gargano hanno posto in essere un servizio coordinato finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati nei luoghi della movida del centro storico di Peschici, che attira ogni sera migliaia di turisti.

Nel corso di uno di questi servizi i militari dell’Arma hanno notato un ragazzo appartarsi con un coetaneo in un vicolo, dove lo hanno poi visto cedere una dose di hashish in cambio di 10 euro. I Carabinieri, allora, dopo aver bloccato i due giovani, hanno subito recuperato nella tasca dei pantaloni dell’acquirente la sostanza stupefacente appena ceduta, mentre, addosso allo spacciatore  hanno trovato e sequestrato ulteriori 10 grammi di hashish, 2 circa di marijuana, e 45 euro in banconote di vario taglio, ritenuti provento dell’attività di spaccio.

Sono così scattate le manette ai polsi di A. T., classe 2000, già con precedenti di polizia, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Dopo le formalità di rito l’acquirente è stato segnalato alla Prefettura di residenza quale assuntore di sostanze stupefacenti, mentre l'arrestato è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

L’operazione rientra in una più ampia pianificazione di specifici servizi da parte dell’Arma nelle località con maggiore affluenza di giovani turisti, finalizzati a rendere più sicure e salutari le vacanze sul Gargano.

Pubblicato in Notizie

“Siamo rimasti in costante contatto con l'Acquedotto Pugliese, facendo presenti i disagi che si stavano verificando e chiedendo che la normale erogazione fosse ripristinata quanto prima. Di fronte alle nostre legittime richieste, Acquedotto Pugliese ci ha informati di avere inviato a Ischitella una squadra di tecnici e operai per riparare il guasto e, via via che trascorrevano le ore e la situazione di disagio andava ovviamente peggiorando, prima ci ha spiegato che il ripristino sarebbe avvenuto entro il primo pomeriggio, poi che ci sarebbero volute ancora delle ore e che tutto sarebbe stato risolto attorno alle ore 20. Purtroppo, invece, il ripristino dell'erogazione idrica non è ancora avvenuto. Comprendo i disagi che abbiamo vissuto tutti e ne sono rammaricato. Una giornata come quella di ieri fa rabbia e mortifica gli sforzi che tutta la Comunità sta compiendo per regalarsi e regalare ai visitatori un'estate degna della bellezza e dell'ospitalità del nostro territorio. Mi scuso con turisti e cittadini per quei disagi, anche se è facile capire che quanto successo non dipende neppure in minima parte dal Comune di Vico del Gargano. Il guasto, infatti, si è verificato in un altro paese e la rete delle condotte dell'Acquedotto Pugliese, così come la stessa azienda, sono nella totale e unica responsabilità dell'unico azionista che è la Regione Puglia. Tecnici e operai AQP, che stanno lavorando da ieri senza sosta, sono al lavoro anche oggi per risolvere il problema. Molti cittadini, ristoratori, commercianti e responsabili di strutture ricettive stanno continuando a segnalare i disagi causati da questa situazione contattando il numero verde di AQP 800 735 735. Anche stamattina, come per tutta la giornata di ieri, siamo in contatto con l'Acquedotto Pugliese per sollecitare la soluzione del problema e il ripristino del servizio. Spero di potervi dare presto la notizia dell'avvenuto ripristino dell'erogazione idrica".

Pubblicato in Società

La lunga spiaggia di Vieste è pronta ad ospitare il "Vieste Summer Festival". Per la prima volta sul Gargano, il festival in programma lunedì 12 agosto, si appresta ad ospitare personaggi della grande musica come Luchè che con il brano "Stamm Fort" ha fatto registrare un successo strepitoso. Ed ancora Geolier, già una star nel panorama trap italiano e tra i giovani più promettenti della scena musicale. Infine, Hasta el Amanecer, il party reggaeton più in voga del momento, che assieme ai gj di Radionorba trasformeranno la spiaggia di Vieste in una vera e propria discoteca sotto le stelle. Ma la grande attesa è tutta per Luchè, il rapper più amato dai ragazzi, reduce dal suo ultimo album "Potere" balzato subito ai primi posti delle classifiche dei dischi più venduti in Italia. Il celebre rapper campano, al secolo Luca Imprudente, tra le più interessanti penne della scena urban italiana, può vantare oltre mezzo milione di followers solo su Instagram. L’artista, cresciuto nella periferia di Napoli, ha esordito verso la fine degli anni novanta col gruppo Co’Sang per poi sciogliersi e intraprendere la carriera da solista entrando nell’etichetta di Marracash, ovvero la Roccia music. Considerato come uno degli artisti più originali del rap contemporaneo e contraddistinto da una personalità unica nel suo genere, Luchè negli ultimi anni ha collaborato con i migliori protagonisti della scena rap, da Guè Pequeno a Marracash, solo per citarne alcuni, sino alla recente collaborazione con Sfera Ebbasta nel brano “Stamm Fort”, hit co - prodotta da Charlie Charles e Sick Lucke e già certificata disco di platino.

Pubblicato in Spettacolo

Il sindaco Antonio Fentini accusa: «Ogni giorno tantissime imbarcazio­ni riversano soprattutto dal Gargano orde di turisti gior­nalieri con annessi problemi di sicurezza, disordine e pe­ricoli in agguato. La replica del Parco del Gargano per bocca del direttore Carmela Strizzi: «C’è una sola imbarcazione au­torizzata, per il resto non ne sappiamo nulla». Come dire: l’abusivismo dilaga nelle ac­que dell’arcipelago diomedeo. È quanto emerso in un botta e riposta tra il primo cittadino e l’Ente che gestisce l’Area ma­rina protetta a margine di uno dei convegni organizzati nell’ambito dei 30 anni della Riserva Marina. Considerazioni che danno la stura a un dibattito - l’en­nesimo - sui problemi di le­galità nelle acque delle Tre­miti, dove ogni giorno appro­dano imbarcazioni di varia natura e stazza, gommoni, barche private. Senza dimenticare i natanti che scorrazzano nelle acque dell’arcipelago a tutta velocità anche nelle ore not­turne senza peraltro utilizzare luci di posizione. A questi van­no aggiunti yacht presi a no­leggio con decine di occupanti a bordo che diffondono musica a palla durante il giorno e anche a tarda sera fornendo un aspetto poco “protetto” di un ecosistema delicato e impor­tante qual è quello delle Isole. Basta un esempio per tutti. Le imbarcazioni - anche di grosse dimensioni - che calano l’ancora nei pressi dell’isola di Capraia, dove insiste la più numerosa e importante colo­nia di gabbiani reali dell’Adriatico, in questi perio­di alle prese con la nascita dei pulcini. Rumori e presenze che infastidiscono i volatili favo­rendone l’allontanamento. E’ solo uno dei casi sollevati dai residenti e dal Parco a cui sarebbe necessario porre un freno affinché l’Amp si gua­dagni i galloni di area protetta e non solo sulla carta. Autorizzazioni e non solo. Più di un turista si lamenta sui blog di settore di aver no­leggiato gommoni o altre im­barcazioni e di non aver ot­tenuto ricevute fiscali. «E a bordo - rileva un villeggiante lombardo - non c’erano nem­meno i sistemi di sicurezza come salvagenti o estintori. Possibile che le forze dell’or­dine non si rendano conto di queste carenze così importanti?»

Pubblicato in Turismo
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Ristorante Il Capriccio

Reporter della tua città

12 Agosto 2019 - 15:39:52

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ Regine. Carolina e Antonietta di Paolo Sciortino

Alla corte di Vienna, dove sono nate entrambe, arciduchesse, figlie dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria, l'infanzia di Carolina e Maria Antonietta scorre serena, tra i…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -