banner_Edicola Mastromatteo

Articoli filtrati per data: Sabato, 01 Febbraio 2020

Ancora un incendio ai danni di una ditta che si occupa della raccolta di rifiuti sul Gargano: la scorsa notte le fiamme hanno distrutto un autocompattatore della ditta Tecneco, che si occupa del servizio di igiene urbana a Carpino.

A quanto si apprende, il mezzo era parcheggiato in un deposito che si trova all'ingresso del paese. Al momento non sono state trovate tracce di liquido infiammabile ma gli investigatori non escludono la natura dolosa del rogo.

Domenica 26 gennaio a San Severo un incendio ha distrutto 23 mezzi della ditta Buttol che si occupa della raccolta rifiuti per il Comune. Mentre a luglio dello scorso anno sono stati distrutti dalle fiamme 33 mezzi della Tekra a San Giovanni Rotondo; ad ottobre, invece, sono stati incendiati 13 autocompattatori della ditta Tecneco a Chiuti, e qualche giorno dopo un incendio è divampato nel capannone della Sia a Carapelle.

Pubblicato in Cronaca

Entra nel vivo il campionato di Eccellenza pugliese. La 21° giornata vedrà le due di testa con due avversarie impegnate nei bassifondi della classifica. Gara dal sapore playoff tra Vigor Trani e Audace Barletta con l’Ugento pronto ad approfittarne, Martina permettendo. Gara delicatissima per la Deghi, sul campo del fanalino di coda San Severo. Trasferta a Barletta per l’Otranto di Bruno, mentre il Gallipoli ospiterà l’Unione Calcio Bisceglie, che lo precede di un punto in classifica, all'”Antonio Bianco”. Gara particolare, oltre che delicatissima, per l’Atletico Vieste contro l’Altamura. E’ una settimana che potrà segnare la stessa storia dell’undici viestano. Si spera che l’ambiente e soprattutto i giocatori se ne rendano conto. Servono i tre punti nello scontro diretto con l’Altamura e giovedì con la finalissima della Coppa Italia hanno l’occasione di rimanere nella storia del sodalizio viestano che proprio quest’anno festeggia i suoi primi cinquant’anni di vita.

Programma e arbitri della sesta di ritorno:

dom. h 15

AT San Severo-Deghi: Ruggiero Doronzo di Barletta (Rizzi-Salvemini)

Atl. Vieste-F. Altamura: Adil Bouabid di Prato (Bono-Di Muzio)

Barletta 1922-Otranto: Salvatore Montanaro di Taranto (Massari-Coviello)

Corato-Orta Nova: Antonio Spera di Barletta (Latini-Panebarca) – a Ruvo di Puglia

Gallipoli-UC Bisceglie: Gabriele Sciolti di Lecce (Turco-Cantatore)

Ugento-Martina: Vito Mattia Losapio di Molfetta (Nero-Spedicato)

Vigor Trani-A. Barletta: Luca Vittoria di Taranto (Rizzi-Garofalo)

 

dom. h 16

Molfetta-San Marco: Niccolò Salomone di Bari (Miccoli-Grimaldi)


CLASSIFICA:

Molfetta 45

Corato 43

Trani 37

Ugento, A. Barletta e Barletta 1922 28

UC Bisceglie e Martina 27

Otranto e Gallipoli 26

Orta Nova, Vieste e F. Altamura 23

Deghi 21

San Marco 19

AT San Severo 9

Pubblicato in Sport
Sabato, 01 Febbraio 2020 18:07

Seconda Categoria/ La 14° giornata.

LA 14° GIORNATA

Vir­tus Biceglie - Top Player Minervino

Atletico Peschici - Ascoli Satriano

Canosium – Trinitapoli

Fulgor Moffetta – Ruvese

United Monte Sant’Angelo - Gioventù San Severo

Castelluccio dei Sauri - Palese

 

LA CLASSIFICA

Trinitapoli 34

Palese 33

Vir­tus Biceglie e Peschici 29

Ascoli Satriano 25

Castelluccio dei Sauri 22

Canosium 20

Ruvese 19

United Monte Sant’Angelo 12

Gioventù San Severo 12

Top Player Minervino 7

Fulgor Moffetta 0

Pubblicato in Sport

La Sunshine domenica affronterà ad Altamura i rivali storici della Libertas con l’obiettivo e provare a bissare il successo di domenica scorsa a Manfredonia per cercare di distanziare ancora di più la zona calda della classifica.

Non sarà una passeggiata come sottolinea coach Ciociola: “gara difficile domenica, come tutte d’altronde. Altamura è come noi nel gruppo centrale della classifica al momento a 12 punti (la Sunshine è a 16) ma con una gara in meno. E’ una squadra molto esperta che ha un buon bilanciamento tra lunghi e piccoli. All’andata siamo stati battuti proprio per via della loro esperienza, riuscirono a gestire gli ultimi possessi meglio di noi vincendo meritatamente la gara. Non sarà facile ma proveremo a giocarci le nostre chance nel loro fortino”.

Il capitano Francesco Compagnoni ci ha parlato del momento che sta attraversando la squadra: “veniamo da una vittoria importante come quella del derby di domenica scorsa, la quale credo ci abbia dato la giusta carica per affrontare la settimana e preparare nel migliore dei modi la partita. Sappiamo che sarà una partita dura e che dovremo farci trovare pronti, dal canto nostro c’è tanta voglia di vincere per vendicare la sconfitta subita all’andata e per allontanarci dalle squadre che abbiamo sotto per conquistare il prima possibile la matematica salvezza e cominciare poi a parlare di playoff. Insieme sono sicuro che possiamo toglierci belle soddisfazioni”.

 

LA 5° GIORNATA DI RITORNO

Libertas Altamura

Bisanum Vieste

2 Feb 18:00

 

Mola New Basket

Pallacanestro Lupa Lecce

2 Feb 18:00

 

N.P. Monteroni

Valentino Castellaneta

2 Feb 18:00

 

Cestistica Ostuni

Action Now Monopoli

2 Feb 18:00

 

Cus Jonico

Angel Manfredonia

2 Feb 18:00

 

Basket 1963 Francavilla

Pallacanestro Molfetta

2 Feb 18:00

 

LA CLASSIFICA

Action Now Monopoli 24

Pallacanestro Molfetta 24

Cus Jonico 20

Pallacanestro Lupa Lecce 20

Bisanum Vieste 16

Mola New Basket 14

Cestistica Ostuni 14

Libertas Altamura 12

Valentino Castellaneta 10

N.P. Monteroni 10

Angel Manfredonia 8

Basket 1963 Francavilla 4

Pubblicato in Sport

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha partecipato alla riunione convocata dal Capo Dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli, presieduta dal Premier Giuseppe Conte, alla presenza del ministro della Salute Roberto Speranza.

A margine della riunione Emiliano ha dichiarato: 

”La Regione Puglia ha insediato la task force per il coronavirus coordinata dal direttore del dipartimento salute Vito Montanaro.

La task force ha provveduto a varare ed inoltrate tempestivamente a tutte le direzioni strategiche un protocollo operativo - attivo dallo scorso lunedì - per la gestione di possibili casi sospetti di infezione da nuovo Coronavirus.

Anche l’ordine dei medici ha ricevuto il protocollo. Perciò, per qualsiasi dubbio tutti i cittadini possono rivolgersi ai propri medici di famiglia o pediatri”.

Pubblicato in Sanità

La imminente campagna elettorale per il nuovo Governatore di Puglia e il rinnovo del Consiglio Regionale, rovescerà nelle nostre piazze un mare magnum di nuove e vecchie polemiche, promesse fatte e non mantenute, traguardi a vista e quelli scomparsi all’orizzonte, facce nuove e tante facce conosciute.

In questa inevitabile tracimazione di racconti occorre saper separare i coriandoli dai fatti, gli specchietti dalla sostanza, gli amministratori dalle comparse. I temi li conosciamo a memoria, tritati e sminuzzati per ogni esigenza e palato.

Uno degli argomenti scatenanti sarà certamente la mobilità delle persone e delle cose sulle nostre strade, sul mare e, soprattutto, nei cieli, con l’irrisolto tema della riapertura ai voli dell’Aeroporto “Gino Lisa”. Intorno a quest’ultima vicenda si è letto, scritto e dibattuto per anni.

Dai vincoli urbanistici, all’allungamento della pista, al volume dei passeggeri, all’equilibrio costi/ricavi, alle ricadute sul territorio e sull’Economia dal Gargano al Tavoliere. Tutti temi affrontati a volte con passione, a volte polemici, a volte concretamente.

Le prime avvisaglie sono già sul tavolo: oggi pomeriggio, presso il comune di Peschici, si farà il punto sul completamento della strada a scorrimento veloce S.S.693 ferma alla periferia di Vico del Gargano. Attingendo con buona probabilità dal fondo per le Aree Interne, recentemente istituito dal pacchetto Conte. Per il Gino Lisa tutti aspettano i lavori per l’allungamento della pista a 2000 metri. Basterà l’allungamento?

Siamo, e resteremo, prudenti fino a quando non capiremo cosa contiene in concreto, per l’Aeroporto foggiano, il Piano di Investimenti di Aeroporti di Puglia, società che gestisce gli Aeroporti di Bari, Brindisi, Grottaglie, Taranto e Foggia, di cui la Regione Puglia detiene il 99,5% del capitale. Il Piano di Investimenti potrà contare, fra altro, su un finanziamento di 60 milioni di euro proveniente da un gruppo di banche, capocordata la UBI Banca, Banca Monte dei Paschi, Banca Popolare di Puglia e Basilicata, Banca Popolare Pugliese, Mediocredito Centrale.

Uno degli obiettivi che si pone di raggiungere il Piano di A.d.P. è quello di “ridisegnare le strategie di sviluppo per garantire ulteriori margini di crescita e valorizzare il brand “Puglia” attraverso la qualità delle infrastrutture, l’attrazione dei passeggeri e l’interesse dei vettori a sviluppare traffico aereo a beneficio dei cittadini e delle imprese.”

Restando, per il momento, sul traffico passeggeri nel 2018, gli Aeroporti di Puglia hanno superato i 7,5 milioni di passeggeri, di cui solo il “Karol Wojtyla” di Bari ha superato i 5 milioni di passeggeri. L’Obiettivo del Piano di Investimenti è quello di raggiungere 11 milioni di passeggeri entro il 2028. Giusto il tempo per il “Gino Lisa” e il partenariato di darsi una mossa. Il Gargano non si faccia distrarre dalla campagna elettorale, né scambiare lucciole per fanali. Legga e giochi bene le sue carte. Buon fine settimana!

Michele Angelicchio

Pubblicato in Società

Da oggi, primo febbraio parte la banca dati dei bio­testamenti che raccoglie le de­cisioni sul «fine vita» attra­verso il biotestamento (DAT, acronimo di disposizioni an­ticipate di trattamento), ognu­no, purché maggiore di età e capace di intendere e di volere, in previsione di un’eventuale e futura incapacità di autodeterminarsi, può manifestare le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, compresi il consenso o il rifiuto rispetto a accertamenti diagnostici, op­zioni terapeutiche, singoli trat­tamenti sanitari.

Se le condizioni fisiche del paziente non consentano di re­digere le DAT per atto pub­blico, scrittura privata auten­ticata, scrittura privata, le stes­se potranno essere espresse at­traverso: videoregistrazione, altri dispositivi che permetta­no alla persona con disabilità di comunicare. Il medico dovrà quindi rendere una dichiara­zione sostitutiva dell’atto di no­torietà che verrà in seguito trasmessa alla banca dati na­zionale.

Le sanzioni per la violazione dell’obbligo dei seggiolini si­curezza nelle auto per i bam­bini fino a 4 anni scatteranno solo a partire dal 6 marzo 2020.

Per chi non rispetterà l’obbligo, prevista una sanzione che va da 83 a 333 euro, ridotte a 58 e 100 nel caso di paga­mento entro cinque giorni. Alla sanzione si applicherà anche la sot­trazione di 5 punti dalla patente. Previsto l’isti­tuzione di un bonus pari a 30 euro per l’acquisto del dispositivo.

Il bonus è legato al bambino e può essere riscosso dal geni­tore o da chi esercita la patria potestà. Per l’erogazione del bonus bisognerà attendere un decreto del Ministero delle In­frastrutture e dei Trasporti.

Importanti novità per la lot­teria degli scontrini che scat­terà il primo luglio 2020.

Per gli esercenti che rifiu­tano di acquisire il codice lot­teria c’è il rischio serio di di­ventare «contribuenti fiscal­mente a rischio», se i clienti lo segnaleranno alla Agenzia del­le Entrate.

Le segnalazioni saranno i utilizzate e dalla Guardia di Finanza per le analisi del ri­schio di evasione che potranno portare a controlli accurati e a un abbassamento del rating fi­scale. I commercianti che per vari motivi non avranno in­serito il codice, non necessa­riamente a seguito di un espli­cito rifiuto (si pensi, ad esem­pio a causa del sovraffollamen­to del negozio), potrebbero ve­dersi a loro insaputa oggetto di segnalazione da parte dei con­tribuenti. A questi ultimi, in­fatti, non sembra allo stato attuale richiedersi molto più di un mero accesso alla sezione dedicata nella piattaforma ordi­ne o una procedura complessa per la segnalazione.

Incorre nel reato di disturbo del riposo e delle occupazioni chi in auto con la radio ad alto volume disturba i vicini. Lo ha stabilito la Cassazione che ha anche ribadito che non servono accertamenti tecnici né denunce per accertare il reato, basta la testimonianza dell'ufficiale del sequestro. Non è necessario quindi accertare che il rumore abbia disturbato effettivamen­te più persone, è sufficiente che i rumori o gli schiamazzi siano idonei a disturbare un numero indeterminato di in­dividui.

Si rischia il reato di molestia, l’arresto fino ad un mese e un’ammenda fino a duecentosei euro se si stendono i panni in un condominio senza striz­zarli perché così si disturba la quiete e si ingenerano stati nervosi nel vicino di casa. Lo ha stabilito la Cassazione ri­badendo però che «la bianche­ria può essere stesa solo negli spazi condominiali e purché non vi sia il cosiddetto gocciolio». La Suprema Corte ha evidenziato che «quando un condomino agisce in giudizio per far rimuovere gli stenditoi dai balconi sopra il proprio terrazzo e farne cessare il re­lativo gocciolio, esercita un'a­zione per eliminare una ser­vitù, cioè eliminare il diritto dell’altro condomino di stendere (e quindi far sgocciolare) i panni».

Non si possono fotocopiare interi libri scientifici per poi rivenderli all'interno della pro­pria attività di copisteria. La legge sul diritto d'autore con­sente la riproduzione solo del 15% dell'opera a condizione di corrispondere un importo for­fettario agli aventi diritto. Que­ste le precisazioni della Cas­sazione che ha respinto il ri­corso di un imputato, condan­nato per aver riprodotto abu­sivamente e per fini di lucro svariate opere scientifiche car­tacee detenute anche in for­mato excel e pdf nel suo pc.

Parte il progetto “e-RA DIGITALE: il consuma­tore incontra il web” - rea­lizzato dalle Associazioni Adoc, Adusbef e Federconsumatori e finanziato dal mi­nistero dello Sviluppo Econo­mico. Il progetto punta a tu­telare i consumatori dai rischi derivanti dall’utilizzo non cor­retto delle tecnologie digitali e nell’ambito delle transazioni economiche effettuate on-line. Oltre al servizio di assistenza online a cui accedere dal sito di progetto e alla consulenza pres­so i punti di accesso web pre­senti in tutta Italia, le asso­ciazioni coinvolte organizzeranno eventi di formazione e informazione.

Pubblicato in Società

«La cosa che mi ha turbato nell'adolescenza è questa: stavo correndo dietro una porcilaia, e vedo alcuni allevatori che stavano tagliando la codina a dei suinetti appena nati. Mi è caduto il mondo. Una delle mie poche certezze era che «del maiale non si butta via niente». Quindi ho preso la codina e l'ho usata come laccio emostatico. È allora che ho iniziato a drogarmi. Non l'avevo deciso prima, ma almeno ho salvato il proverbio.»

Il lavoro in porcilaia è il più pericoloso che ci sia. I verri di razza Duroc, neri, enormi e importati solo di recente, scatenano il panico in tutta la Pianura Padana: sono capaci di spaccare tutto – la Stazione Spaziale Internazionale, il bosone di Higgs, la porcilaia e persino se stessi – puzzano da non dormire la notte, tanto da rendere impossibile il fidanzamento completo ai poveri allevatori, come le Sirene di Ulisse fanno dei versi così forti da fare impazzire chi li sente. Milani ci racconta la sua esperienza diretta di anni di lavoro in un simile inferno, tra la visita inattesa di un finto mitico Thor e una gita al lago, l'elenco dei cibi adatti ai maiali e la frustrante vita del verro ruffiano, addetto a fiutare le scrofe in calore ma che non "salta" mai, fino a diventare scemo. Ecco quindi "il primo vero libro completo sul bestiame, anche se Greta Thunberg non vuole".

Pubblicato in Il libro della settimana
Sabato, 01 Febbraio 2020 09:37

1 Febbraio/ TAGLIATO A METÀ

Zeus, volendo castigare l'uomo senza distruggerlo, lo tagliò in due. Da al­lora ciascun uomo è il simbolo di un uomo, la metà che cerca l'altra metà, ossia il simbolo corrispondente.

PLATONE

Nell'antica Grecia si era soliti tagliare in due un anello, una mone­ta, un bracciale o un oggetto prezioso e dame una metà a un amico o una persona cara: queste metà, conservate dai due soggetti, permet­tevano ai discendenti di riconoscersi come legati da una sorta di vin­colo generazionale. È da questo uso che il grande filosofo greco Pla­tone (427-347 a.C.), nella sua opera Simposio, parte per sviluppare una riflessione sull'uomo e sulla frattura profonda che è alla sua ori­gine.

Egli è un essere incompleto, tagliato a metà, ed è per questo che avverte fortemente la necessità della ricerca dell'altra metà per­duta. Nasce da qui l'urgenza della relazione col proprio simile, anzi, come si è soliti dire, dell'incontro con l'anima gemella.

Platone usa il termine «simbolo» per indicare questa situazione della creatura umana. Il vocabolo nella sua etimologia greca significa «mettere insieme» ciò che è separato e quindi suppone proprio la ri­cerca di quella metà mancante per ritrovare l'unità smarrita.

In tutta la nostra esistenza diamo valori «simbolici» alle cose, cioè le riman­diamo a un'altra dimensione più alta per scoprire alla fine l'armonia che è andata perduta. Naturalmente con tutte le distanze e diversità, potremmo dire che analogo è il discorso cristiano sul «peccato d'originale»: è una frattura che crea disarmonia tra uomo e Dio, tra uomo e il prossimo, tra uomo e mondo.

Siamo insoddisfatti perché profondamente feriti, con la libertà squassata, con l'illusione di «essere come Dio», ritrovandoci invece imperfetti e peccatori. Ecco, allora, la neces­sità di ricucire lo strappo con Dio, con gli altri e col creato, e la grazia divina ci sostiene in questa rinascita a creature nuove e unitarie.

Gianfranco Ravasi

Pubblicato in Società

Il sottosuolo dell’aeroporto Gino Lisa continua a tirare fuori bombe della Seconda guerra mondiale, il pesante ordigno rinvenuto ieri mattina durante i la­vori per il prolungamento del­la pista è il secondo in due giorni.

Questa volta però gli operai dell’impresa De Bellis che sta eseguendo i la­vori erano abbastanza vicini al luogo del ritrovamento, il cantiere è stato così spostato dalla parte opposta del sedime aeroportuale per non cor­rere rischi. Lunedì l’intervento degli artificieri.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Ristorante Il Capriccio

Libro & disco della settimana

Statistiche di accesso

Ora online:

257
Visitatori

Giovedì, 13 Agosto 2020 11:31

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -