Articoli filtrati per data: Martedì, 11 Febbraio 2020 - Rete Gargano

Per la prima volta il Comune di Vieste presenta con il dovuto anticipo e nel dettaglio l'anteprima del cartellone di eventi e spettacoli per l’estate. L’ha fatto al classico appuntamento della BIT di Milano nell’ambito, di una conferenza stampa all’interno dello stand della Puglia. Per la prima volta Vieste si è dunque messa alla pari di altre importanti mete turistiche italiane che fanno questo da decenni. In questo modo le aziende del settore ricettivo avranno un’opportunità in più per programmare/proporre/promozionare una vacanza, un weekend a Vieste ai potenziali ospiti.

Pubblicato in Turismo

Alla BIT di Milano. alla conferenza stampa organizzata dal Comune di Vieste per presentare il cartellone per la prossima estate. è intervenuto fra gli altri Giorgio Palmucci, presidente Enit. Qui di seguito il relativo report video.

Pubblicato in Turismo
Cartellone estivo di tutto rispetto per la città di Vieste che anche quest’anno anticipa i tempi e presenta in anteprima, nella straordinaria cornice della BIT di Milano, il ricco programma di eventi. Cinema, teatro, musica d’autore, libri, serate enogastronomiche, folclore, sport e tempo libero, da marzo a settembre, nella capitale del turismo pugliese: Vieste, la città con il maggior numero di presenze e di posti letto di tutta la regione.
Si parte già il 21 marzo con la “Fanoja di San Giuseppe”, un’intensa giornata di appuntamenti che si concluderà con l’accensione di un grande falò e con i concerti di Federico Salvatore, Sud Sound System e Eugenio Bennato, nel segno della grande musica popolare.
A maggio l’appuntamento clou è rappresentato dall’arrivo di una delle tappe del Giro d’Italia, la Giovinazzo-Vieste in programma domenica 17. Maggio segna anche l’inizio degli eventi estivi con il Festival della Magia da venerdì 30 a domenica 1 giugno. Negli stessi giorni si svolgerà la Regata dei Parchi, gara di vela da Vieste alle isole della Croazia.
Appuntamento con la grande musica il 15 giugno quando a Vieste, nell’ambito dei festeggiamenti di S. Antonio, si esibirà Edoardo Bennato. Tra il 18 e il 29 giugno spazio allo sport con un torneo regionale di basket e il memorial di calcio giovanile “Gaetano Scirea” che vedrà la partecipazione di squadre di un certo livello. E a giugno torna anche Battiti Live.
Il mese di luglio si apre con il cinema e l’archeologia: dal 6 all’8 andrà in scena nel suggestivo castello il Festival Internazionale del Cinema di archeologia, arte e ambiente, organizzato dal Comune di Vieste in collaborazione con Archeologia Viva e Firenze Archeofilm, una manifestazione all’insegna del grande cinema di documentazione con proiezioni di capolavori selezionati a livello mondiale, incontri con i protagonisti della ricerca e della divulgazione, dibattiti e confronti con registi e operatori culturali del territorio.
Unica tappa pugliese, la kermesse cinematografica s’inserisce nel quadro delle iniziative di Firenze Archeofilm, casa madre del grande “festival diffuso” che da anni, dopo l’ampia selezione internazionale fiorentina, trova ospitalità in varie prestigiose località italiane ed estere.
La scelta di Vieste come sede del Festival per la Puglia è motivata dall’eccezionale patrimonio culturale e paesaggistico del circondario e dal successo turistico avuto dal nascente Polo culturale (Castello, Faro, Museo Archeologico, Parco Archeologico). Il 9 luglio torna “Vieste en Rose”, un evento enogastronomico dove il vino rosato pugliese sarà il vero protagonista.
Un percorso di gusto dove 13 cantine pugliesi, in coppia rispettivamente con 13 ristoranti locali, racconteranno il nostro territorio attraverso la degustazione dei loro prodotti, creando connubi enogastronomici esclusivi. Nel cartellone di Vieste Estate 2020 non manca la cultura, e nei giorni 16 e 17 luglio torna il gemellaggio con il più grande festival letterario della nostra regione, “Libro Possibile” che convoglierà nella città garganica scrittori e autori di caratura nazionale e internazionale. Subito dopo, dal 19 al 25 luglio, torna il Festival di musica classica “Cristalda e Pizzomunno” che si concluderà con il concerto di Violante Placido.
L’ultima settimana di luglio sarà caratterizzata da Festambiente Sud il festival nazionale di Legambiente per il Sud Italia, che rinnova la sua presenza a Vieste, per sette giorni, tra il 26 luglio e il 2 agosto 2020. Il tema di fondo sarà quello del Clima, declinato in sottotemi e con linguaggi artistici. Ricchissimo e, come sempre, importante sarà il cartellone internazionale dei concerti nel suggestivo scenario di Marina Piccola. E la spiaggia di Vieste anche quest’anno sarà l’epicentro del “Mundial Summer” di beach soccer (28-31 luglio) ospitando le nazionali più forti della disciplina.
Le atmosfere della grande musica popolare e della tarantella garganica il 20 agosto animeranno la spiaggia del Pizzomunno a Vieste in quella che tutti da oggi chiamano “La notte di Serenata alla Tarantella”. Un vero e proprio festival che coniuga le antiche tradizioni alla musica. Un altro appuntamento da mettere in agenda è la “Settimana dell’Olio” dal 24 al 28 agosto: mercatini, laboratori, degustazioni e passeggiate tra i secolari ulivi della campagna viestana.
La lunga estate continua con “Vieste in Love” che anche quest’anno si propone di valorizzare ulteriormente il patrimonio culturale, artistico e paesaggistico di una realtà diventata una delle capitali internazionali del turismo balneare. Tante le sorprese riservate agli ospiti e ai residenti. Un unico filo conduttore: l’amore per la musica, la cultura, lo spettacolo, l’arte e soprattutto per il territorio. Una lunga settimana dal 29 agosto al 7 settembre.
E a settembre la città di Vieste ospiterà il G20 delle Spiagge, il summit delle località balneari italiane. “Siamo orgogliosi di partecipare alla BIT di Milano dove per la prima volta in assoluto presentiamo con netto anticipo il programma degli eventi estivi. Un cartellone ricco di iniziative che possono solo migliorare e qualificare l’offerta turistica di Vieste, sempre più punto di riferimento per la vacanza di qualità. Ormai Vieste – afferma l’assessore al Turismo della Città di Vieste - è un brand vincente che traina l’intero Gargano verso risultati importanti. Puntiamo sul mare, ma anche sulla cultura, sul cinema, sulle tradizioni popolari, sui prodotti tipici, sul turismo naturale che funzionano molto bene soprattutto sui mercati stranieri
. L’idea è quella di riqualificare il territorio migliorando i servizi e costruire delle esperienze di viaggio”.
Viestestate 2020 è stato presentato oggi  alla BIT di Milano in conferenza stampa Vieste, con il sindaco Giuseppe Nobiletti, l’assessore al Turismo Rossella Falcone e quello allo Sport Dario Carlino, ha presentato l’ampio cartellone per la prossima estate estivo 2020. Qui di seguito, dal  video postato su FB dal gruppo folk Pizzeche e Muzzeche, le immagini degli interventi.

Pubblicato in Turismo

Venerdì 14 febbraio ci sarà la prima corsa sperimentale del treno diretto di Ferrovie del Gargano da Foggia a Bari Centrale.

Con l’avvio del collegamento si materializza la interoperabilità delle linee ferroviarie in Puglia, rendendo di fatto possibili treni diretti da e per il Gargano per ogni parte della regione.

A breve ci saranno ulteriori sviluppi che coinvolgeranno le altre compagnie ferroviarie che operano in Puglia e che saranno illustrati nell’occasione.

L’assessore ai Trasporti Giovanni Giannini salirà sul treno n. 34653 di Ferrovie del Gargano proveniente da Foggia venerdì 14 alle ore 11.47 nella stazione di Bari Santo Spirito.

Giannini sarà comunque presente in stazione a Bari Santo Spirito alle ore 11.30. Il treno arriverà a Bari Centrale alle ore 11.59 al binario IV Ovest, dove sarà atteso dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e si terrà l'incontro con la stampa.

Pubblicato in Turismo

Ieri mattina, i Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno tenuto una conferenza affrontando il tema del Bullismo e dei rischi connessi all’uso della rete presso l’Istituto Comprensivo Balilla Scuola Primaria di San Marco in Lamis (FG). L’incontro si è svolto con alcune classi dell’Istituto, precisamente con gli alunni di 3^ e 5^ elementare.

Oggetto centrale della conferenza è stato il delicatissimo tema del Bullismo, fenomeno che ormai da tempo prevale nelle scuole e tra i bambini. Attraverso numerosi fumetti e diversi video animati, è stato spiegato ai bambini il modo in cui il bullismo si diffonde e sono stati dati consigli su come combatterlo e contrastarlo. Inoltre, si è parlato del web e dei social network, un mondo parallelo utile per facilitare la comunicazione tra persone ma, allo stesso tempo, pericoloso se usato in modo errato e senza le opportune precauzioni.

Sono stati, dunque, esortati i bambini più volte a dialogare tra loro, a parlare con gli insegnanti e con i genitori, ad aiutarsi l’un l’altro facendo gruppo e, qualora necessario, a contattare l’Istituzione, la quale è sempre presente e vicina al cittadino. Partecipazione attiva dei bambini che, con le loro numerosissime domande e con non pochi spunti di riflessione, hanno reso il dibattito interessante. L’incontro si è concluso positivamente con l’apprezzamento degli alunni e dei docenti dell’Istituto per il lavoro svolto quotidianamente dall’Arma.

Pubblicato in Società

Perché si indugia ancora a smantellare i “ghetti” che sono totalmente irregolari? Un plauso alle forze dell’ordine che hanno arrestato nelle scorse ore due gambiani ed un cittadino del Mali, mentre erano intenti a confezionare singole dosi di sostanza stupefacente, ma perché si continua a tollerare la presenza di baracche e di abitazioni di fortuna tra i migranti nella pista di Borgo Mezzanone?

L’allora Ministro dell’Interno Matteo Salvini, leader della Lega, aveva avviato una incisiva azione di sgombero, quasi del tutto interrotta con l’attuale Governo giallorosso. Eppure lo stesso Prefetto Raffaele Grassi, ascoltato dalle Commissioni Riunite Lavoro Pubblico e Privato e Agricoltura non più tardi della fine dello scorso anno, aveva pronunciato parole molto forti ai deputati membri di quei consessi nel suo intervento.

Le riprendo come promemoria.

Questi « ghetti » sono « non luoghi » dove succede di tutto: vengono commesse attività illecite, ci sono fenomeni diffusi di criminalità, al di là del furto di energia e dell’utilizzo di bombole, che sono delle autentiche bombe, che determinano poi gli incendi che, come è accaduto, provocano la morte dei migranti presenti nelle baracche. Vi si registrano fenomeni come quello del traffico di stupefacenti, sfruttamento della prostituzione, taglieggiamenti, estorsioni e lo stesso caporalato. Da questi dati emerge che il fenomeno del caporalato in provincia di Foggia, praticamente, è quindi gestito prevalentemente da soggetti della stessa etnia, perché si formano dei centri di potere all’interno dei « ghetti », con dei capi caporali che incidono sullo smistamento della manodopera.

Insomma, conosciamo la gravità del fenomeno e ogni sfumatura, cosa si aspetta a mettere in campo un’azione definitiva di totale rastrellamento della zona?

Avvocato Marco Trombetta

Lega

Pubblicato in Politica

A Milano alla Borsa Internazionale del Turismo, Vieste ha presentato poco fa in conferenza stampa il cartellone estivo 2020. Per l’Amministrazione comunale erano presenti il sindaco Giuseppe Nobiletti, l’assessore al Turismo Rossella Falcone e quello allo Sport Dario Carlino; per la Regione Puglia l’assessore Raffaele Piemontese (Bilancio), il dirigente del Dipartimento regionale del Turismo Aldo Patruno ed il presidente dell’Enit Giorgio Palmucci. Qui di seguito un estratto dell’intervento dell’assessore comunale al Turismo Rossella Falcone.

Pubblicato in Turismo

Con 4,2 milioni di arrivi (+4% rispetto al 2018) — 1,2 milioni dall’estero (+11,5%) — e 15,5 milioni di presenze (+2%), il turismo in Puglia im­patta per 6,5 miliardi sui con­sumi finali (12,3% sui consumi totali); per 9 miliardi in termi­ni di valore aggiunto (13,6% del totale); dà lavoro a 135.000 addetti (15,496 del totale) diret­tamente e indirettamente coinvolti in una filiera formata da 52.000 imprese (il 38% del totale). La spesa dei viaggiato­ri internazionali in regione, secondo Bankitalia, è aumen­tata del +396 da gennaio a set­tembre 2019. Dal 2015 al 2019 «l’incoming internazionale è cresciuto del 60% (i pernotta­menti del 4496) e gli arrivi complessivi (italiani+stranieri) del 23%». Mentre i pernot­tamenti totali sono aumentati del 1596.

Sono i dati che la Puglia ha potuto mettere in bella mostra alla Bit di Milano. «La Regione — ha spiegato il governatore Emiliano — è prota­gonista alla Borsa Internazio­nale del Turismo insieme a tantissimi operatori con un bagaglio notevole di proposte per i viaggiatori di tutto il mondo. Tanti i comuni, le Pro loco, i Parchi, le associazioni, i distretti che ci affiancano nel­lo straordinario lavoro di que­sti anni di attrazione e acco­glienza sul territorio di turi­sti».

E ancora: «La Puglia si presenta dunque nella sua vi­vacità e nella sua capacità di lavorare insieme per il succes­so di una destinazione che è cresciuta tantissimo, soprat­tutto nei mercati stranieri, ma che lavora per una offerta che rispetti la sua autenticità e la sostenibilità dell’ambiente.

La Puglia vuole crescere ancora rimanendo un posto autenti­co, dove è possibile stare a di­retto contatto con la natura, scoprire un patrimonio artisti­co, storico e architettonico unico, assaporare una cucina ricca di tradizioni, partecipare ad eventi culturali che anima­no la nostra regione tutto l’an­no, godendo di tutto il calore che i pugliesi sanno dare».

Il racconto di una Puglia co­me meta culturale, rilassante e regina dell’outdoor e della buona cucina, realiz­zato dall’agenzia re­gionale Pugliapromozione attraverso «34 affascinanti iti­nerari da non perde­re», è stato presenta­to a Milano nel corso di una conferenza stampa, coordinata dal dirigente alla pia­nificazione strategica della stessa agenzia, Luca Scandale, alla quale hanno partecipato l’assessore all’Industria Turi­stica e Culturale, Loredana Ca­pone, il direttore del diparti­mento Cultura e Turismo della Puglia, Aldo Patruno e Andrea Mattei, giornalista, scrittore e «grande camminatore».

Gli itinerari culturali, enogastronomici e dell’outdooi sono contenuti in tre miniguide tematiche dedicate all’arte, ai sapori e al cicloturismo, mentre sui cammini è stato re­alizzato un vero e proprio road hook.

«Torniamo alla Bit per que­sta nuova edizione della fiera di Milano, che è sempre stata un punto di riferimento im­portante per la promozione della destinazione, e ci tornia­mo insieme a sessanta opera­tori e tantissimi sindaci per raccontare la pluralità delle voci di Puglia, dal comune più piccolo al più grande — ha commentato l’assessore Capo­ne — Con i nuovi itinerari ab­biamo provato a raccontare le unicità dei singoli territori, cercando di interpretarne la vocazione e di valorizzarne le potenzialità. La nostra regione è bella ma abbiamo lavorato molto per un’accoglienza al­l’altezza della sua ricca offerta turistica.

L’accoglienza richie­de servizi che coinvolgono il lavoro del singolo operatore, delle strutture ricettive, degli artigiani, dei comuni; insom­ma un lavoro di squadra che abbiamo messo in piedi cre­ando una rete nella filiera turi­stica».

Un vero road book è quello dedicato ai Cammini, a tutti gli effetti una mappa per il camminatore. Sette itinerari, che intersecano la Via Francigena del Sud, da Roma a Santa Maria di Leuca, la Finibus Terrae”, e il Cammino Materano, inaugurato l’anno scorso e che già conosce un grosso boom.

Oltre alle informazioni sulla difficoltà, sull’altimetria e la mobilità, la guida consente di fare il cammino, seguendo in­dicazioni precise. Cammini, a meta strada fra active, natura, cultura e fede, che sono anche un viaggio nel tempo, in cui si possono scoprire scorci au­tentici della Puglia, ammiran­do dall’alto un panorama moz­zafiato, magari con la marina all’orizzonte.

corrieremezzogiorno

Pubblicato in Turismo

Continua a tenere banco la polemica sulle strade provinciali out e impossibi­litate a essere percorse dalla carovana del Giro d’Italia nel­la tappa Giovinazzo-Vieste. In campo torna il presidente della Provincia, Nicola Gatta.

«Con una mia nota - spiega Gatta in una lettera inviata al presidente della Regione, Mi­chele Emiliano, all’assessore regionale allo sport, Raffaele Piemontese - indirizzata alla società Rcs Sport spa, organiz­zatrice dell’evento, alla Regione ed alla Prefet­tura di Foggia mio mal­grado è stato evidenziato che il dirigente del Settore viabilità della Provincia, ha comuni­cato che le strade provinciali interessate dalla suddetta ma­nifestazione sportiva”; provin­ciale “53 Mattinata-Vieste”; provinciale “54 Campi-Pugnochiuso-Coppa Santa Tecla”.

«Sulla base di tali presupposti - continua Gatta - è stato co­municato, altresì che non sus­sistono i presupposti di si­curezza per il rilascio del nulla osta per lo svolgimento della suddetta manifestazione cicli­stica, di competenza di questa amministrazione, poiché ne­cessita effettuare lavori urgen­ti ed indifferibili per ripristino del piano viabile, con ima provvista finanziaria di cui non si dispone».

Con nota del 14 gennaio scorso, è stato richiesto alla Regione Puglia di voler va­lutare la possibilità di finan­ziare gli interventi urgenti ed indifferibili per ripristino del piano viabile delle strade provinciali interessate dal Giro d’Italia.

Con nota pec dell’Rcs, in riferimento alla nota provin­ciale del 30 dicembre 2019, ha comunicato che «abbiamo provveduto ad effettuare un sopralluogo del percorso di ga­ra e che i nostri tecnici incaricati hanno valutato l’in­tero tracciato nella provincia di Foggia evidenziando alcune criticità».

Il direttore ciclismo di Rcs Sport S.p.A ha comunicato, infine, che «gli interven­ti sopraelen­cati sono ri­tenuti suffi­cienti a ren­dere il per­corso idoneo allo svolgimento della manifestazio­ne ciclistica».

Il Settore via­bilità provinciale è stato già incaricato e sta provvedendo alla redazione del progetto esecutivo per il superamento del­le criticità rilevate dai tecnici incaricati da Rcs Sport che hanno valutato l’intero trac­ciato nei seguenti punti: dal km 55 dopo Margherita di Sa­voia al km 75 loc. Ippocampo sulla statale 159: presenza di alcuni cedimenti laterali bu­che; Km 107 Monte Sant’Angelo: buche da sistemare nei primi 100 m della statale “89” dir B nel tratto di discesa; dal km 149 Coppa S. Tecla discesa direzione Pugnochiuso pro­vinciale “54”: alcune buche da sistemare e pulizia ai lati della sede stradale; dal km 155 Pu­gnochiuso al km 174 Vieste provinciale 54/provinciale 53: alcune buche; il circuito finale di Vieste richiede interventi volti a sistemare alcuni tratti, in particolare in via Saragat, via Coppitelle (buche), sulla statale 89 e sulla provinciale 52 ter (buche e avvallamenti).

«Tanto premesso – continua Gatta -, si chiede alla Regione Puglia di voler promuovere, con tutti i soggetti interessati, un incontro per il superamen­to delle criticità sopra illu­strate, poiché è mia ferma con­vinzione che il Giro d’Italia è una vetrina mondiale e rap­presenta una grande oppor­tunità con un rilevante ritorno di immagine per tutta la Ca­pitanata in termini sportivi, turistici ed economici».

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Reporter della tua città

13 Febbraio 2020 - 15:20:14

IL LIBRO DELLA SETTIMANA / LE MIE LETTURE di don Giussani

Si può spiegare cos'è il cristianesimo leggendo Leopardi o Pascoli? Come una personalità appassionata all'esperienza religiosa incontra o legge un'opera d'arte? Le "Letture" di…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -