Articoli filtrati per data: Giovedì, 13 Febbraio 2020 - Rete Gargano

Sala affollata ieri sera al Cine Teatro Adriatico per la lectio magistralis di Umberto Galimberti, filosofo, sociologo, psicoanalista e accademico italiano, nonché giornalista de La Repubblica. La dissertazione di Galimberti, “Tra la mia ragione e la mia follia ci sei tu”, aveva l’amore come tema preminente. Ma la narrazione si è allargata ad analizzare un ventaglio di situazioni e comportamenti del nostro quotidiano. L’evento è stato organizzato dall’assessore comunale alla Cultura Graziamaria Starace nell’ambito della collaborazione con i promotori de “Il Libro Possibile”. Qui di seguito il report video dell’intervista realizzata ad Umberto Galimberti.  

Pubblicato in Cultura

Si è tenuto anche quest’anno, per la quinta edizione, la competizione scolastica per giovani barman presso l’istituto alberghiero di Vieste che da poco ha come nome IPEOA (istituto professionale per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera) voluta dal MIUR. La giornata si è aperta con l’introduzione della nuova preside Ettorina Tribò e i saluti dell’assessora all’istruzione Graziamaria Starace. La presenza dell’ispettore superiore della polizia stradale Antonio Marseglia, che con gli agenti Gaetano Lanave, Sergio Bruono e Giuseppe Silvestri, ha dato l’avvio a una mini conferenza sull’educazione del buon bere e i pericoli vitali e civili in cui si può incappare con l’abuso di alcool. I ragazzi curiosi, oltre alle domande hanno voluto provare anche l’etilometro in possesso degli agenti. Da poco tempo oltre al classico macchinario, le nostre pattuglie di zona sono in possesso anche di un etilometro digitale di nuova generazione, presentato nell’abito della dimostrazione. Non sono mancate anche le note mediche del dott. Michele Mancini sui processi dell’alcool sul metabolismo dell’uomo e i tempi di recupero.

Nella seconda parte, spostandosi nella sala ristorante dell’Istituto, si è svolta la competizione divisa in due categorie: Junior per gli alunni di secondo anno e Senior per quelli di 3° - 4° e 5° anno. I primi dovevano concorrere alla preparazione dell'Angelo Azzurro,  un cocktail che dovrebbe risalire agli anni cinquanta ma con un esplosione negli anni novanta soprattutto in Italia. Un podio tutto al femminile per la categoria Junior e gran parte anche per i Senior. Al posto più alto per i  ragazzi di secondo anno si è piazzata Valeria Pia Pellegrino, mentre al secondo Delia Dicataldo e al terzo Toto Serena. La categoria dei ragazzi più grandi ha dovuto preparare ben due porzioni, assaggio ed esposizione, del Golden Cadilac, cocktail di origine americana con la presenza della crema di latte dove si richiedeva una maggiore energia nell’uso dello shaker. Dopo tre ex equo, che hanno dovuto ripetere la prova, la classifica ha visto vincitore Sebastiano Vario al primo posto, Lucia Vescia al secondo e Alessia Ecclesiastico al terzo. La giuria composta da tutti soci Aibes. Francesco Basile e Vincenzo Pentasulia giurati esterni per la parte tecnica;  e Natale Ruggieri e Francesco Scopece per la parte degustativa. La stessa giuria e l’organizzazione dei docenti Calderisi, Vergura, Granatiero, capitanati da Michele Laprocina, hanno assegnato un premio simpatia per una esecuzione brillante, rilassata e piacevolmente visibile ai sorrisi di Vittoria Quagliano e Graziana Ranieri. Mentre un premio speciale per la tecnica è andato Paolo Bruno Gibilisco.

Gaetano Simone

Pubblicato in Società

La fotografia che la nona edizione di “OlioOfficina Festival”, la kermesse che gira intorno al mondo degli oli da oliva ci restituisce è davvero straordinaria. Per il secondo anno consecutivo “Biorussi”, storica azienda olivicola di Carpino, è stata tra i protagonisti dell’evento portando a casa ben quattro riconoscimenti.

Un Gargano ricco di eccellenze, consapevole del suo potenziale e soprattutto capace di competere con le sfide globali. L'eccellenza nascosta tra le pieghe della normalità. Peccato che i soli a non esserne consapevoli sono proprio i garganici.

Della serie se mi esamino mi umilio, se mi confronto mi esalto. A conferma di quanto poco sappiamo sfruttare le immense ricchezze nascoste nel nostro territorio, poi arrivano, i dati dell’estate.

Ed ecco riaffiorare l’atavica tiritera del non saper stare insieme e tanto meno saperci valorizzare. L’eccellenza dell’Agriturismo BioRussi ne è una delle tante conferme del Garganodove il sole è in ogni cosa”.

Resterà un sogno un Gargano inclusivo in cui le molte territorialità possano coesistere e nessuna di esse pretenda l’espulsione delle altre?

Esistenze e coesistenze possono darsi nella misura in cui prevale la volontà di definirsi in relazione con l’altro e non contro l’altro?

Grande Gargano, questa è l’esortazione!

E’ imprescindibile un progetto che risponda alla domanda di come possiamo stare insieme, quali le regole, quali le modalità.

Il nostro territorio non è un asino!

Intanto grazie ai tanti BioRussi, ai tanti scrigni di qualità che affannosamente riescono a raccontarci per il mondo.

Pubblicato in Turismo

In attesa di capire quando saranno appaltati da In­vitate le prime gare in relazione al CIS, scoppia un altro scontro politico in Capitanata. “Abbiamo scoperto che la SP 53 Mattinata-Vieste, che rientra tra te opere del CIS (Contratto istituzio­nale per lo sviluppo della Capitanata, ndr), fa riferi­mento a 47 milioni del tutto ipotetici, perché finanziati coi ribassi di gara dei 280 milioni totali previsti dal CIS, E dunque è un intervento del tutto aleatorio”, aveva affermato la scorsa settimana a l’Attacco il sin­daco di Vieste Giusep­pe Nobiletti.

“Prima dello scontro che abbiamo avuto sul Giro d’Italia", spiega ora il pri­mo cittadino, “sono andato a parlare con il pre­sidente della Provincia Nicola Gatta per capire di più dei 47 milioni previsti e per evitare che ci siano somme non spese. Vogliamo che tutti i 47 mi­lioni vengano spesi effettivamente per questa arte­ria, Mi ha spiegato che la Mattinata-Vieste non rien­tra nel primo gruppo di opere ma sarà finanziato con i ribassi di gara. L'ordine prioritario vede dapprima la Mattinata-Vieste, poi la Pedegarganica e infine la Regionale 1 Poggio Imperiale-Candela”.

Per quest'ultima, richiesta con forza dai Monti Dauni, bisogna capire se vale ancora la pena trattando­si dì un progetto vecchissimo e per il quale va fatta una seria analisi costi-benefici. Queste tre opere so­no inserite nel CIS nella lista degli “Interventi dotati di copertura finanziaria fino all’approvazione del li­vello di progettazione utile per l’avvio delle succes­sive procedure per l’affidamento di lavori, servizi e forniture, la cui realizzazione potrà essere attivata sulla base delle nuove o maggiori risorse che do­vessero rendersi disponibili”,

“Ho detto che mi pare tutto troppo aleatorio", conti­nua Nobiletti, “perché questo vuol dire che bisogna fare prima le gare, in seguito vedere se con i ribassi avanza concretamente qualcosa. Con un ribasso del 30% si arriva, sul totale dei 280 mi­lioni del CIS, a 84 milioni di euro, coi quali si dovrebbero finanziare i tre in­terventi stradali. Ma c'è il rischio che quei ribassi non ci siano. E' altamen­te possibile che i costi aumentino, nulla vieta che nella progettazione emergano dei costì più alti e quindi che i ribassi siano alla fine inferiori al­le attese”.

Da qui il disincanto del sindaco della capitale pugliese delle vacanze, ri­confermatasi anche nel 2019 come la prima desti­nazione turistica della regione per presenze (1.916.500, pari al+0,5%).

“Per me la Regionale 1 è già fuori, mentre la Pede­garganica rischia di non essere realizzata e chissà la Mattinata-Vieste. In ogni caso ci vorrà del tempo per capire come stanno veramente le cose. Le pro­cedure saranno lunghe, non sappiamo quando Invi­talia farà partire le gare. Quanto alla seconda tranche del CIS, Vieste non c’è. Abbiamo presentato va­ri progetti ma non ci siamo né sappiamo cosa vo­gliano finanziare”.

Più sereno e fiducioso appare il presidente della Pro­vincia e sindaco di Candela Gatta.

“La Mattinata-Vieste è stata inserita nella prima tran­che del CIS e ha avuto un finanziamento di 47 milio­ni, ma al momento c'è la copertura per la sola pro­gettazione. Poi coi ribassi di gara sarà finanziata l'opera, è tra i tre interventi che si avvarranno dei ri­bassi. Lo stesso discorso vale per il completamento della Pedegarganica, per cui sono stati previsti nel CIS 26,4 milioni. Ma in questa prima fase c’è la co­pertura solo per la progettazione, coi ribassi si fi­nanzierà la realizzazione. Invece, per la Regionale 1 è stata finanziata la progettazione ma non è stata finanziata l'opera. Questo perché, a differenza degli altri due interventi, per la Regionale 1 non c’erano ri­ferimenti precisi. Si parla inoltre di un intervento mol­to più complesso, della costruzione ex novo di un as­se viario e non dì un semplice ammodernamento”. Gatta non dubita del fatto che gli avanzi ci saranno effettivamente.

“Stiamo parlando di circa 84 milioni. Il problema non sono le risorse, il problema è spenderle bene. Spes­so ci sono i fondi ma non sappiamo utilizzarli. Per quanto riguarda le strade di competenza provincia­le, abbiamo avuto 30 milioni per la SP Rivalese, che porta da Foggia a Manfredonia e che ha un livello di progettazione definitivo, più avanzato rispetto alla Mattinata-Vieste. E poi i 26,4 della SP 28 Pedegarganica e i 9 milioni per la strada 141 delle Salino, che collega la BAT a Manfredonia. Ma chiaramente non sono risorse esaustive per completare quest'opera". Infine Gatta lancia un affondo all'Indirizzo di Nobiletti, con cui da tempo c’è distanza: il primo non ha mai fatto mistero di considerare Gatta troppo legato alla difesa dei Monti Dauni a danno del Gargano, moto­re turistico della provincia.

E il botta e risposta polemico sul Giro d’Italia è stata solo l’ultima conferma della scarsa simpatia tra i due amministratori.

“Non sono d'accordo col sindaco, è troppo pessimi­sta. Dobbiamo avviare la gara per la progettazione. Non siamo la Cina che costruisce un ospedale in pochi giorni, ma se siamo bravi a supportare Invitalia penso che anche le opere più complesse possano arrivare nel giro di due anni almeno all’inizio dei la­vori”.

Ma il dubbio di Nobiletti sul fatto che tutti i 47 milioni di euro previsti nel Contratto istituzionale di sviluppo saranno utilizzati per la Mattinata-Vieste pare avere un fondamento quando Gatta ricorda gli stringenti vincoli dovuti alla presenza dell’area protetta del Parco nazionale del Gargano.

“Va fatto un ragionamento sui vincoli esistenti ri­spetto all’ammodernamento della Vieste-Mattinata e sulla verifica della possibilità di adoperare tutti i 47 milioni”, sottolinea da ultimo il numero uno di Palaz­zo Dogana.
“Se non entriamo nella fase esecutiva non possiamo capire cosa è possibile realizzare, anche rispetto al­l’allargamento della strada cosi come fu previsto pri­ma dell’istituzione del Parco nazionale del Gargano. Oppure se si debba intervenire in maniera diversa, soltanto migliorando la strada attuale e ponendovi delle barriere. Non possiamo oggi capire se tutte le risorse siano utilizzabili o meno”.
 

l’attacco

Pubblicato in Ambiente

Da due giorni gli studenti dell’Istituto Tecnico per il Turismo e Socio Sanitario di Peschici scioperano per la mancata consegna dei lavori che da qualche mese attendono per poter svolgere al meglio l’attività scolastica.

Come Lega abbiamo cercato di comprendere in ogni aspetto la situazione e tramite i nostri rappresentanti locali e provinciali, come il Consigliere Provinciale Salvatore D’Arenzo, siamo attenti alle esigenze dei ragazzi, in cui crediamo fortemente come futura spina dorsale del Paese, dei genitori e della Dirigente Scolastica.

Costantemente siamo in contatto con gli uffici preposti e crediamo che già dalla prossima settimana si avranno sviluppi positivi che porteranno al regolare svolgimento delle lezioni all’interno del plesso per dare ai ragazzi, alla dirigenza e a Peschici tutta la normale e regolare attività scolastica. 

Segreteria Provinciale Lega Foggia Salvini Premier 

Pubblicato in Politica
Giovedì, 13 Febbraio 2020 15:21

DIA Foggia/ Il 15 febbraio l'inaugurazione

Sarà il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, ad inaugurare a Foggia la sezione della DIA, Direzione Investigativa Antimafia. La cerimonia dopodomani15 febbraio presso il locali della Caserma Miale. La dotazione organica della sezione operativa sarà di circa 20 unità, di cui 15 neo assegnati, cinque per ogni forza di polizia, mentre il restante personale sarà individuato tra quello già in servizio sempre presso la direzione investigativa.

Pubblicato in Società

Si può spiegare cos'è il cristianesimo leggendo Leopardi o Pascoli? Come una personalità appassionata all'esperienza religiosa incontra o legge un'opera d'arte? Le "Letture" di mons. Giussani sono un esempio di come un'esperienza religiosa porti a leggere alcuni dei capolavori letterari dell'epoca moderna e contemporanea.

Da Leopardi a Pascoli, da Rebora ad Ada Negri, passando per alcuni autori "censurati", mons. Giussani legge e commenta con disponibilità al colloquio.

 

Qualità, design e territorio nel lavoro dell’azienda “Biorussi” gestita da due giovani di Carpino

Si è conclusa sabato 8 febbraio la nona edizione di “OlioOfficina Festival”, la kermesse ideata da Luigi Caricato che gira intorno al mondo degli oli da oliva e ai condimenti, tenutasi a Milano presso Palazzo delle Stelline.

Per il secondo anno consecutivo “Biorussi”, storica azienda olivicola di Carpino, è tra i protagonisti dell’evento portando a casa ben quattro riconoscimenti.
Due sono stati i premi assegnati per gli oli aromatizzati ai profumi del Gargano, linea nata dall’unione dell’extravergine di ogliarola garganica con gli estratti naturali ottenuti dai profumi delle essenze del Gargano, gli unici aromatizzati pugliesi classificati nella “categoria aromatizzati”.
Per il concorso “Le forme dell’olio” sono arrivati, invece, il premio “oli da viaggio” riservato alle linee che non superano i 100 ml,  e due menzioni d’onore: una per l’extravergine Marì, la linea di ceramica dedicata alla novantottenne nonna Maria e una per l’extravergine Macchia Rotonda, la new entry in casa “Biorussi” dall’impronta fortemente innovativa rispetto all’attuale proposta di bottiglie di olio.

“Tutto questo ci fa onore e ci riempie di orgoglio – ha commentato Maria Giulia Russi, titolare della “Biorussi” – E dimostra che seguire le proprie idee con passione porta ai risultati; non ci aspettavamo quattro riconoscimenti ed è importate per noi viste le nuove proposte che stiamo lanciando sul mercato. Le linee di olio con cui abbiamo partecipato sono il risultato di restyling totale del packaging e del logo aziendale curato da “Ddum Studio” di San Marco in Lamis, giovane studio creativo che ha percepito e captato dal primo istante la nostra filosofia aziendale e il forte legame che abbiamo con il territorio. La nostra azienda a conduzione famigliare si avvale di circa 60 ettari di ulivi, pratichiamo l’agricoltura biologica da circa trent’anni e questo significa applicare maggior impegno e sacrifici rispetto a quella che può essere una produzione non bio. In questo modo garantiamo al consumatore un’elevata qualità del prodotto seguendo con cura ogni fase della lavorazione e della trasformazione; il successo a Milano ci ha incoraggiato tanto e ci spinge a fare sempre di più e meglio perché gli sforzi per ottenere la qualità vengo ripagati”.

“L’azienda “Biorussi” crede nell’importanza di curare l’immagine, stare al passo con la richiesta di un consumatore sempre più esigente e consapevole, ma è altrettanto importante valorizzare il territorio attraverso i propri prodotti – ha raccontato ancora la giovane imprenditrice - , tant’è che l’azienda da dieci anni organizza ad agosto nella propria location un evento mirato a promuovere l’artigianato e i prodotti del territorio attraendo l’attenzione dei turisti regalando loro l’emozioni, i sapori e i profumi del territorio garganico infatti da qui il nome “I Sapori dell’Arte””.

Sul palco di “Olio Officina” c’è stato anche il racconto delle radici dell’azienda, il paese di Carpino ricordato nella bottiglia di ceramica “Marì”,  realizzate dal maestro artigiano Paolo D’Aniello di Terlizzi con il “Fiore della Vita”, simbolo medievale presente spesso sulle antiche pietre del centro storico del borgo garganico.

“Il potenziale del nostro territorio è tanto ma serve più entusiasmo ed apertura all’innovazione da parte dei giovani, e voglia di collaborare.  – ha sottolineato Domenico Russi. - Carpino basa la sua economia sull’agricoltura e noi vogliamo lanciare il segnale che qui le possibilità di crescere ci sono e speriamo che questo sia di incoraggiamento ai tanti giovani che emigrano in cerca di lavoro”.

Pubblicato in Economia

Venerdì 14 Febbraio alle ore 17:00, presso la sede della nuova Associazione di Promozione Sociale “Daunia in Italy”, in Via Arpi, angolo Piazza Federico II n. 1 (ex Singer), si terrà un convegno dal titolo:

EVENTI SPORTIVI E PROMOZIONE DEL TERRITORIO – PROGETTAZIONE SOCIALE E FINANZIARIA

Interverranno, con la conduzione di Cesare GAUDIANO (coordinatore Regionale FICTUS), i seguenti relatori:

Renato MARIOTTI (Presidente International Football Museum)

Anna CHINNI (Consulente in Finanza Agevolata)

Pasquale MARCHESE (Presidente CSV Foggia)

Michele NOTARANGELO (Responsabile eventi e campionati AICS)

Mario FURORE (Europarlamentare Commissione Turismo)

Renato MARTINO (Presidente della commissione immagine della Federazione Italiana Scherma)

Luca GIANNETTI (Eurocamp 2027)

Mariella NOBILETTI (Presidente Consorzio Gargano Mare Vieste)

Raffaele MANTUANO (Responsabile FISO – Subappennino Dauno Federazione Italiana Sport Orientamento)

Raffaele Piemontese (Assessore allo Sport Regione Puglia)

Pasquale PAZIENZA (Presidente Ente Parco Nazionale del Gargano)

Giuseppe DE LILLO (Presidente APS Daunia in Italy) 

Pubblicato in Società

All’esito della partenza dei corsi rivolti alle nuove figure professionali la platea potenziale riguarda più di 3.800 giovani sotto i 36 anni, che partecipano ai corsi da 300, 600, 900 ore. La prima serie dei corsi finanziati dalla Regione ed erogati dagli enti di formazione accreditati ha avuto inizio tra ottobre e dicembre 2019, con la conclusione del percorso di formazione prevista per marzo prossimo, la restante parte si concluderà dopo l’estate. Il settore che ha riscosso il maggior interesse riguarda lo spettacolo, seguito da edilizia, agricoltura, turismo.

Nello specifico le proposte progettuali si riferiscono esclusivamente alle figure professionali appartenenti ai seguenti settori, indicati nel Repertorio Regionale delle Figure Professionali, con la relativa percentuale di partecipanti: Agricoltura, zootecnia, silvicoltura e pesca 16%; Edilizia ed Impiantistica 18%; Logistica e trasporti 4%; Produzioni alimentari 6%; Ambiente, ecologia e sicurezza 1%; Informatica 7%; Turismo, alberghiero e ristorazione 14%; Spettacolo 28%; Tessile, abbigliamento, calzature e pelli 6%.

Nelle prossime settimane gli uffici predisporranno un questionario che sarà inviato agli enti di formazione per monitorare il tasso di occupazione dei giovani che hanno partecipato ai corsi professionalizzanti, alla fine del percorso formativo. L’avviso ha una dotazione finanziaria complessiva, di 35 milioni.

“Sulla formazione guardiamo ad un orizzonte ampio – afferma l’assessore all’Istruzione, alla Formazione, al Lavoro della Regione Puglia, Sebastiano Leo – e questo ci permette di offrire un ventaglio di opportunità capace di rispondere alla richiesta di nuove figure professionali per i settori strategici per la regione. Particolarmente orgoglioso per aver dato ai giovani pugliesi la possibilità di realizzare sogni e talenti.

L’alta richiesta di corsi per lo spettacolo conferma la vocazione della Puglia verso questo settore che si coniuga con l’attrattività dei territori e la creatività dei pugliesi. Registriamo che nel settore edilizio si affacciano con sempre più decisione anche le donne testimonianza del grande impegno culturale che abbiamo profuso per la parità di genere. Monitoreremo attentamente questi percorsi formativi per verificare l’esito ai fini dell’occupazione”.

L’assessore conclude con una promessa: “Ci sarà un’altra possibilità di formazione rivolta a questi settori specifici, con un nuovo bando e una novità importante: non ci sarà più il limite dei 36 anni per poter partecipare. È una scelta politica precisa e attenta ai giovani e ai meno giovani, soprattutto alle donne che vogliono affacciarsi al mondo del lavoro, ma cercano opportunità da over 40 perché sono state assorbite dalle cure prestate alla famiglia. Non mi stancherò mai di ripeterlo: non lasciamo indietro nessuno, con i fatti e non a chiacchiere”

I corsi erogati nel settore spettacolo sono rivolti alla formazione di scenografi, tecnici di ripresa e montaggio, sarte di scena, aiuto costumista, tecnico dell’interpretazione vocale, prassi esecutiva e repertorio musicale solistico e d'insieme, operatore per i servizi di informazione, accoglienza all'utenza e di vigilanza del patrimonio museale. Per l’agricoltura spiccano il tecnico per le produzioni vegetali biologiche, l’esperto nella conduzione del vigneto (uva da vino e da tavola), allevatori.

Per il settore del turismo, alberghiero e ristorazione, diversi i corsi rivolti a formare tecnici di cucina e dell’accoglienza. In edilizia tecnico della realizzazione di elaborati grafici attraverso l'uso di strumenti informatici e programmi CAD, tecnico della programmazione, coordinamento e controllo di cantieri.

Ogni percorso formativo comprende uno stage che può svolgersi in Puglia o fuori regione, presso organizzazioni, istituzioni, enti, aziende, professionisti, specializzati nel settore
di riferimento della figura professionale. Sono 198 i progetti ammessi a finanziamento nell’ambito dell’Avviso 5/FSE/2018 per 124 enti di formazione pugliesi coinvolti. I corsi di formazione, sono distribuiti nelle province pugliesi nella misura di: 56 a Bari, 54 a Lecce, 24 a Taranto, 23 a Foggia, 22 alla Bat, 19 a Brindisi.

L'Avviso Pubblico ”Nuove Figure Professionali sostiene la realizzazione di corsi finalizzati all’inserimento lavorativo, organizzati da organismi di formazione accreditati e diretti a giovani disoccupati/inoccupati, residenti in Puglia tra i 16 e i 35 anni.

(com.)

Pubblicato in Economia
Pagina 1 di 3

ReteGargano consiglia...

OLMO generico

Reporter della tua città

13 Febbraio 2020 - 15:20:14

IL LIBRO DELLA SETTIMANA / LE MIE LETTURE di don Giussani

Si può spiegare cos'è il cristianesimo leggendo Leopardi o Pascoli? Come una personalità appassionata all'esperienza religiosa incontra o legge un'opera d'arte? Le "Letture" di…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -