banner_Edicola Mastromatteo
Articoli filtrati per data: Sabato, 14 Marzo 2020 - Rete Gargano

EMERGENZA CORONAVIRUS

Noi ci siamo.

Gentili amici e simpatizzanti della nostra associazione
l’emergenza sanitaria ormai dallo scorso mese di febbraio ha sconvolto le nostre vite, facendoci considerare le nostre priorità per mettere la salute, nostra e degli altri, al primo posto.

La nostra Associazione come ha sempre fatto durante la sua storia cercherà di condividere informazioni utili alla comunità cagnanese e garganica per poter affrontare questa situazione eccezionale, attraverso il nostro blog e attraverso la nostra Pagina Facebook.

Iniziamo con il condividere, soprattutto per le persone più a rischio contagio, l'elenco dei negozi di Cagnano che effettuano spesa a domicilio.

Non esitate a contattarci per suggerimenti e domande

Vi stringiamo in un grande abbraccio

L'Associazione

Alimentari e supermarket con spesa a domicilio a Cagnano

  • A&O – Via Foggia- tel. 393 971 1123
  • Despar di Cagnano Varano – viale Uria- Domenico 3381975334
  • General Market di Tierri Pietro – viale Montegrappa- whatsapp o telefonando al 340-244748
  • La Bottega da Irene- Via Di Vagno- 3385051948
  • Market Gli Antichi Sapori da Vigilante – via Manfredi –  tel.088488579 oppure al numero 3441109609

Ristorazione da asporto

  • Cantinoteca – Corso Giannone – vino sfuso/in bottiglia 3337056578
  • Pizzeria Cupido – via Dante – 3461665330
  • Pizzeria L’Ammiraglio- via S. D’Acquisto – tel. 331 3155895

Altri negozi con consegna a domicilio

  • Ferramenta Chiodo Fisso – via Aldo Moro-  3401211372
  • Ironic Abbigliamento – corso Giannone- 3383822940
  • Profumeria Sesto Senso – via Verdi 12 – 3286850984

Il servizio offerto dalla Protezione Civile

La Protezione Civile di Cagnano Varano mette a disposizione dei propri concittadini il servizio “Facciamo noi la spesa” rivolto soprattutto agli anziani che hanno maggiormente bisogno.
I numeri da contattare sono: 3505241667 – 3425010020  e il servizio è attivo dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:30.”

Invitiamo i commercianti a segnalarci le attività di consegna a domicilio tramite la nostra Pagina Facebook o attraverso la pagina Contatti

Pubblicato in Coronavirus

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, comunica che oggi 14 marzo - con aggiornamento alle ore 20.00 - sono stati effettuati 232 test in tutta la regione per l'infezione da Covid-19 Coronavirus. Di questi:

190 sono risultati negativi e 42 positivi.

I casi positivi sono cosi suddivisi:

11 in Provincia di Bari;

2 in Provincia Bat;

7 in Provincia di Brindisi;

10 in Provincia di Foggia;

10 in Provincia di Lecce;

2 in provincia di Taranto

Nella provincia di Lecce sono deceduti tre pazienti: di 81, 79 e 99 anni con patologie pregresse.

Nella provincia di Bari è deceduto un paziente di 96 anni con patologie pregresse.

Con questo aggiornamento salgono a 200 i casi positivi registrati in Puglia per l'infezione da Covid-19 Coronavirus. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Pubblicato in Coronavirus

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha firmato oggi due ordinanze ai fini della prevenzione del contagio da Covid19 Coronavirus.

 

 

La prima ordinanza estende l’obbligo di segnalare la propria presenza in Puglia a tutti coloro che arrivano da fuori Regione, da ogni parte di Italia o del mondo. 

Chi rientra per soggiornare continuativamente in Puglia nel proprio domicilio, abitazione o residenza deve segnalare la propria presenza compilando il modulo disponibile su portale della Regione Puglia al link: https://www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus o segnalare questa circostanza telefonicamente al proprio medico curante.

Inoltre deve osservare la permanenza domiciliare con isolamento, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni e il divieto di spostamenti e viaggi; rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza; in caso di comparsa di sintomi, deve avvertire immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o l’operatore di sanità pubblica territorialmente competente per ogni conseguente determinazione.

Link http://rpu.gl/qlHIF

DISPOSIZIONI PER I CALL CENTER

La seconda ordinanza si rivolge a tutte le aziende che esercitano l’attività di call center e che non hanno attivato o non possono attivare le modalità di lavoro agile per i loro dipendenti. 

Queste aziende devono limitare la loro attività esclusivamente al servizio inbound, cioè attività a favore di cittadini che chiamano per avere assistenza e informazioni (customer service). In questo caso le aziende hanno l’obbligo di attuare protocolli di sicurezza anti contagio per preservare i lavoratori in sede.

Pubblicato in Coronavirus
Andrà tutto bene, ne siamo convinti tutti! Ma in attesa di ricevere la bella notizia, la redazione di Retegargano ha deciso di aderire all’iniziativa di trasmettere alle 18 l’inno nazionale.
Ma non basta, per sentire ancor più forte il senso di comunità viestana, a seguire metteremo in onda anche “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno” e “Vieste sei bella”. L’invito ai nostri concittadini è quello di collegarsi col sito www.retegargano.it col computer o con lo smartphone, alzare il volume a più non posso ed uscire sul balcone per cantare a squarciagola questi tre brani.
Andrà tutto bene!
Pubblicato in Coronavirus

Si comunica che dal 12 marzo ad oggi, sono state 3000 le persone che hanno compilato il modulo di autosegnalazione on line per dichiarare di essere rientrate in Puglia da Lombardia e province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio- Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia.
 
In totale, dal 29 febbraio ad oggi, sono 16545 i moduli on line di autosegnalazione per dichiarare di essere rientrati in Puglia. Il dato è in continuo aggiornamento.
Analizzando i dati si evince che negli ultimi due giorni le autodichiarazioni fatte sul portale della Regione sono cresciute in maniera significativa.
 
Il modulo è disponibile sul portale della Regione Puglia nella sezione dedicata al Coronavirus, al link al modulo: https://www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus;
 I pugliesi possono segnalare questa circostanza del loro rientro in Puglia dalle suddette zone anche telefonicamente al proprio medico curante.

Chi è rientrato dalle zone indicate (dal 7/03/2020) per soggiornare nel proprio domicilio, abitazione o residenza in Puglia deve osservare, come da ordinanza della Regione Puglia, la permanenza domiciliare con isolamento, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni e il divieto di spostamenti e viaggi; rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza; in caso di comparsa di sintomi, deve avvertire immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o l’operatore di sanità pubblica territorialmente competente per ogni conseguente determinazione.

“C’è un altro esodo in corso dalle regioni del Nord verso la Puglia – dichiara il presidente Michele Emiliano – 3000 persone dal 12 marzo si sono autosegnalate sul sito della Regione e si sono poste in auto quarantena. Sarebbe opportuno che anche i familiari si mettano in autoquarantena. Dal 29 febbraio a oggi sono 16545 i pugliesi che si sono autosegnalati come tornati a casa dalle regioni del Nord interessate all’epidemia. Un sovraccarico di questo genere del sistema sanitario pugliese sarà difficilissimo da gestire. Tutte le regole di comportamento che bisogna adottare in questi casi sono sul sito della Regione Puglia www.regione.puglia.it/coronavirus. L’autosegnalazione attraverso il modulo on line consentirà a noi di controllare tutti coloro che sono rientrati ed effettuare la sorveglianza prevista dalle ordinanze”.

Pubblicato in Coronavirus

 I Carabinieri di San Marco in Lamis, durante specifici controlli riguardo l’emergenza epidemiologica da covid-19, hanno denunciato otto persone per la violazione di quanto sancito nel DCPM del 09.03.2020, perchè, senza giustificato motivo (lavoro, salute o situazione di necessità) e privi autocertificazione, si intrattenevano per le vie del paese. Nella circostanza, nonostante gli inviti rivolti a ritirarsi presso le proprie abitazioni, anche in virtù dei recenti casi di positività che si sono registrati a San Marco in Lamis, continuavano a intrattenersi nelle vie del Paese incuranti degli avvertimenti. Pertanto i Carabinieri sono stati costretti a denunciarli in stato di libertà per Inosservanza dei provvedimenti della Autorità.

Sempre in serata a San Marco in Lamis sono stati denunciati inoltre in stato di libertà 6 ragazzi giovanissimi, di cui 2 minorenni, anche loro per  Inosservanza dei provvedimenti della Autorità,  in riferimento al D.P.C.M. “misure urgenti materia contenimento e gestione emergenza epidemiologica da covid-19”, in quanto venivano controllati all’interno di un box–garage in uso a uno di loro mentre consumavano alcolici, senza fornire le autocertificazioni giustificative. 

Si coglie ancora l’occasione per raccomandare a tutti il rispetto delle norme di igiene continuamente richiamate, attenendosi alle regole appositamente imposte dal recente provvedimento governativo per contenere, a vantaggio di tutti, la diffusione del virus.

Pubblicato in Coronavirus

In relazione all'emergenza Coronavirus l’azienda concede ai propri clienti, famiglie e imprese, in difficoltà economica dilazioni di pagamento e rateizzazioni delle bollette in scadenza per tutti i servizi. Un supporto anche per le piccole e medie aziende fornitrici. Foggia, 13 marzo 2020 - In relazione all'emergenza Coronavirus e in attesa di specifici provvedimenti da parte del Governo e dell’autorità di regolazione nazionale Arera, Amgas Blu offre a tutti i propri clienti - famiglie e imprese -, che subiscono una oggettiva situazione di difficoltà economica, di poter richiedere per le bollette in scadenza relative alle forniture di energia elettrica e gas di: • rinviare la scadenza di pagamento di 30 giorni; • oppure rateizzare il pagamento in tre rate nei tre mesi successivi. Per le bollette con importi superiori a 4.500 euro saranno definiti piani di rateizzazione specifici, anche in relazione alla situazione contrattuale complessiva e alla regolarità nei pagamenti delle scadenze pregresse. Per le bollette in scadenza dal 13 marzo fino al 30 aprile, in linea con le scadenze a oggi definite dal Governo, che saranno oggetto di rinvio di 30 giorni nella scadenza o di rateizzazioni nei tre mesi successivi, Amgas Blu non applicherà alcun interesse passivo per il ritardato pagamento. Il rinvio della scadenza di pagamento o la rateizzazione potranno essere richiesti direttamente al Servizio Clienti, chiamando il numero riportato nella bolletta per i clienti residenziali e per i clienti business. Un’ulteriore iniziativa riguarda le piccole e medie imprese creditrici per forniture/servizi resi ad Amgas Blu. Al fine di permettere a queste aziende di disporre di una fonte aggiuntiva di finanziamento, Amgas Blu si rende disponibile ad accettare lo smobilizzo dei crediti vantati nei propri confronti, fornendo ogni supporto necessario a finalizzare le operazioni di factoring relative. Questi provvedimenti potranno essere oggetto di revoca o modifica in relazione ai provvedimenti che dovesse assumere il Governo e/o l’autorità di regolazione nazionale Arera nelle prossime settimane

Pubblicato in Coronavirus

Come programmato, questa mattina sono iniziate in città le procedure di sanificazione straordinaria nell’ambito delle misure di contrasto e contenimento della diffusione del virus Convid-19. I primi interventi hanno interessato corso Fazzini, viale Marinai d'Italia, il centro storico, il quartiere ottocentesco.

Questo il calendario in riferimento alle prossime aree interessate:

- domenica 15 marzo (viale XXIV Maggio e zone limitrofe, via Giovanni XXIII, e zone limitrofe, via Madonna della Libera e zone limitrofe, C1 Sud)

- lunedì 16 marzo (Zona 167, Zona D4, Piano Integrato, zone periferiche).

Il servizio sarà realizzato dalle ore 6,00 alle ore 12,00.

Pubblicato in Coronavirus

Sono 10 i pazienti risultati positivi e sintomatici al Coronavirus, tra transitati e degenti, nell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. Il nosocomio informa che dei 10 contagiati un solo paziente è ricoverato in rianimazione mentre altri 5 sono assistiti in area protetta in attesa di trasferimento. Quattro, invece, erano già stati trasferiti in un’altra struttura pubblica designata dalla Regione Puglia.

L’ospedale voluto da San Pio fa sapere che «ad eccezione del paziente in terapia intensiva, la degenza degli altri pazienti è da associare ad altre patologie preesistenti». Sono 76, invece, i dipendenti dell’ospedale in quarantena essendo entrati in contatto con pazienti risultati sintomatici e positivi. «Dieci dei 76 - si apprende - sono diventati sintomatici e positivi presso il proprio domicilio senza che abbiano avuto bisogno di cure ospedaliere».

Pubblicato in Coronavirus

Italia zona protetta, #iorestoacasa, eppure ieri sera alla stazione di Milano si sono rivissuti gli stessi frenetici momenti che hanno preceduto la chiusura della Lombardia. I treni in partenza verso le regioni del sud sono stati presi nuovamente d’assalto.

Il Milano-Lecce delle 20:50 è stato tra quelli più affollati, praticamente impossibile rispettare la distanza di sicurezza. Serrati i controlli dell personale di Trenitalia e degli agenti di Polizia, intenti a verificare le autocertificazioni, ma “Non ci sono garanzie di sicurezza sanitaria – hanno fatto sapere dalla compagnia ferroviaria – la gente è disposta a viaggiare tutta la notte con persone sconosciute, nella promiscuità obbligata degli spazi di un vagone letto, cioè tre posti, e delle cuccetta a quattro posti”.

Nelle ultime 24 ore 1558 persone hanno segnalato il rientro dal Nord, 9427 da domenica 8 marzo, quando Conte ha “chiuso” la Lombardia; 16.244 da quando la Regione Puglia ha attivato la piattaforma online per raccogliere le denunce di chi rientra dal Nord ed è tenuto a una quarantena di 14 giorni a casa. Intanto il picco di contagi si avvicina a passo svelto.

Pubblicato in Coronavirus
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Ristorante Il Capriccio

Il libro della settimana

30 Marzo 2020 - 10:43:28

Il Libro della Settimana/ Fratelli d’Italia di Alberto Arbasino

Fratelli d’Italia nacque come uno sfrenato «viaggio in Italia» degli anni Sessanta, uno smisurato Grand Tour di ventenni on the road. Quando fu pubblicato nel 1963, era un romanzo…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -