Articoli filtrati per data: Martedì, 03 Marzo 2020

È triste notizia di queste ore la scomparsa di Filomena Salcuni, storica ristoratrice peschiciana, divenuta "popolare" anche per l'amicizia con gli artisti, Lucio Dalla e Ron.

I funerali si terranno mercoledì pomeriggio, 4 marzo 2020...il medesimo giorno  e mese che si tennero anche quelli di Lucio Dalla (4 marzo 2012) nella "sua" Bologna...a distanza di 8 anni, il destino li ha uniti...

Qui di seguito, per ricordarla, si riporta l'intervista esclusiva realizzata il 1°marzo 2012, da Francesco D'arenzo, a poche ore dalla morte del cantante, Lucio Dalla. 

 

1° marzo ore 15.30, sono passate poche ore dalla ferale notizia: Lucio Dalla ci ha lasciato. Mi precipito con decisione nel Centro Storico di Peschici. Lo percorro tutto e quasi sul limitare della Rupe imbocco Via Marina . Pochi metri in discesa e al numero 20 ecco l'insegna: Ristorante “La Pescatrice”. Lei mi aspetta. “Lei”, la titolare, è la signora Filomena Salcuni, “Mamainë” per tutti. Entro nel locale e su di me si riversa una presenza inconfondibile: tutto, in questi ambienti, ricorda Lucio Dalla. Freno a stento l'emozione ed entro subito in argomento.

- Com’è venuta a conoscenza della morte del cantante?

Erano le 12.30 circa di ieri 1° marzo quando ho ricevuto la chiamata di un’amica che mi ha comunicato la notizia che non avrei mai voluto sapere. Con gli occhi pieni di lacrime ho subito riattaccato e abbracciato la foto che ho sul tavolo.

- Qual è stata la sua prima reazione.

Spavento. Non riuscivo a crederci, pensavo a uno scherzo. Poi la chiamata di mia figlia Raffaella... Continuavo a ripetere tra me e me: è morto un figlio, è salito al cielo uno di famiglia, una persona umile, schietta e onesta che ha riempito la mia casa per tanti anni, sin dall’autunno 1969.

- Come e quando ha conosciuto Lucio Dalla?

Arrivò con l’amico Ron in barca e visto il brutto tempo si fermò qui, a Peschici. Lo ha scritto anche nel testo della canzone “4 marzo 1943”. Era una classica sera d’autunno, caratterizzata da un forte temporale: vento e acqua non davano tregua. Mi trovavo in casa con le mie figlie, seduti a tavola, aspettando la cena. Commossi, ricordavamo la scomparsa di mio marito (morto da circa un mese: ndr) quando a un certo momento sentimmo bussare alla porta. Aprii e mi trovai davanti due uomini trasandati, incappucciati e infreddoliti che chiedevano ospitalità. Prima di farli entrare chiesi consiglio alle mie figlie che senza battere ciglio dissero di sì…

- Cosa successe dopo.

Entrarono e videro la tavola apparecchiata, con una bottiglia di vino rosso… E subito Lucio iniziò a buttare giu le prime strofe dell’ormai celebre e famosa canzone: “4 marzo 1943”! Sì, perché quella canzone (aggiunge commossa “Mamainë”; ndr) nasce proprio qui, davanti alla mia tavola, col camino acceso e il temporale che continuava a far rumore… Dopo aver cenato con noi gli riservai una camera al piano superiore del ristorante e qui alloggiò con l’amico Ron, spalla forte del suo cammino umano e artistico… Da allora questa è stata, ed è rimasta fino a qualche minuto fa, la sua dimora, il suo ritrovo dove rifugiarsi tra una fatica e l’altra, il posto migliore dove, affacciandosi al balcone, poteva sognare guardando l’alba e il tramonto.

- E' tornato spesso a farle visita?

Ricordo con affetto le sue improvvisate, sempre in punta di piedi. Le sue notti a scrivere canzoni (perché tante altre sono nate al primo piano). Adorava la mia cucina: il pesce al forno, cefali in particolare, le cozze ripiene e soprattutto il nostro piatto tipico: le orecchiette col sugo delle melanzane ripiene. Lui definiva la mia cucina ottima e appetitosa.

- L'ultima volta qui quando risale?

L’ultima volta che è venuto a farmi visita risale a circa due anni fa, giugno 2010, inizio estate. Si fermò per alcuni giorni e gli preparai i suoi piatti preferiti.

- Ricorda l'ultimo incontro con Lucio Dalla?

Si, risale al 30 giugno 2011, in occasione del concerto contro le trivellazioni delle Isole Tremiti. Con due amiche ci siamo recate a casa sua, su San Domino, dove gli abbiamo fatto visita prima del concerto e gli ho portato alcune prelibatezze della nostra terra: olio, conserve sott’olio e sott’aceto (peperoncini, melanzane, pomodori, olive…), taralli, ciambelle… Ma la scena più emozionante è stata proprio quando la sera, dal palco del concerto, mi ha dedicato la canzone “4 marzo 1943” dicendo: “Questa è per la mia seconda mamma, Mamainë !”

A questo punto la signora Filomena non regge alla commozione e scoppia in un pianto dirotto. A stento riesco a frenare le lacrime. Per quindici lunghi minuti il mondo pare fermarsi intorno a noi. Quindi “Mamainë” si riprende ed esterna un desiderio che mi prega di realizzare: andare al funerale che si terrà a Bologna domenica - proprio il giorno del compleanno di uno dei cantautori più prolifici che abbia calcato le scene musicali italiane e internazionali - accompagnata da una delegazione istituzionale peschiciana. E poi officiare una messa in sua memoria e organizzare un concerto per cantare le sue canzoni.

Prima di salutarmi, sulla porta di quella che è stata una delle “tane” preferite da Lucio Dalla, Filomena Salcuni, la “pescatrice”, mi abbraccia e mi sussurra all'orecchio: “Ho perso mio figlio!”

Francesco D'Arenzo

 

Pubblicato in Notizie

Prima vittima del coronavirus in provincia di Foggia.

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, sulla base di quanto riferito dal direttore del Dipartimento Politiche della Salute Vito Montanaro, comunica quanto segue:

È stata accertata la presenza di COVID-19 in un uomo di 75 anni con importanti patologie di base deceduto nella provincia di Foggia. Sarà l’Istituto Superiore di Sanità a dare la definitiva conferma e stabilire il nesso tra infezione da Covid-19 con il decesso, allo stato non provato neanche dopo l’autopsia, quando analizzerà i campioni clinici e gli esami autoptici. Il Dipartimento di Prevenzione della Asl di Foggia, come da protocollo regionale, ha attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche provvedendo a isolare tutti i contatti stretti.

In tutto oggi sono stati esaminati 20 tamponi dal Laboratorio regionale di riferimento, uno è risultato positivo al COVID-19 e gli altri 18 negativi. Il caso positivo riguarda un uomo di 47 anni, che era stato in Lombardia e Veneto per lavoro, attualmente ricoverato nel reparto di Malattie infettive dell’Ospedale “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie. Il Dipartimento di Prevenzione della Asl Bt, come da protocollo regionale, ha attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche provvedendo anche in questo caso a isolare tutti i contatti stretti. Salgono, pertanto, a 9 in totale i casi di COVID-19 in Puglia. 

Pubblicato in Coronavirus
Martedì, 03 Marzo 2020 19:01

GRANDE LA NOSTRA REGIONE!

Presentata dall’assessorato al Turismo della Regione la brochure ”I Cammini della Puglia che non ti aspetti”. Non è una novità, ma il Gargano è presente solo con l’itinerario storico Stignano-San Matteo-Monte Sant’Angelo-Siponto. Non esiste la Foresta Umbra  e il meglio del Parco del Gargano, se non in copertina. In ben 98 pagine.

Al di là di ogni campanilistica considerazione, non possiamo non sottolineare, ancora un volta, il “saper fare” dei cugini salenti. Abili a forzare il percorso storico, che ricordiamo, come ripprtano i sacri testi è il seguente: “Da Roma il percorso seguiva per un lungo tratto la via Appia o la parallela via Latina fino a Benevento. Da tale città si imboccava la via Traiana (o via Appia Traiana) risalendo l'Appennino campano fino al valico di San Vito ove sorgeva il castello di Crepacuore, una fortezza tenuta dai cavalieri Gerosolimitani al fine di garantire la sicurezza ai pellegrini lungo il tratto appenninico. La via giungeva quindi a Troia, nell'alta pianura del Tavoliere delle Puglie, da cui era possibile recarsi al santuario di San Michele Arcangelo sul Gargano o, in alternativa, si poteva proseguire lungo la stessa via Appia Traiana verso Bari, Brindisi e Otranto, i principali porti d'imbarco per la Terrasanta”.

Così gli “abili cugini” hanno portato la Via Francigena a Santa Maria di Leuca (storicamente inesistente) con ben tre itinerari.

Della serie… il Salento è TUTTA LA PUGLIA ed il Gargano dorme…dorme…

Pubblicato in Turismo

(Riceviamo e pubblichiamo)

Egregio direttore, volevo segnalare a chi di dovere che all’ingresso della spiaggia Santa Maria di Merino, precisamente il località Imbarcatoio, dopo alcuni lavori di sbancamento ed assestamento dell’arenile è stato rivenuto un grosso ceppo che, a prima vista, sembra richiamare i resti di un’antica imbarcazione. Le invio le relative foto. Dargli un'occhiata non guasterebbe.

Cordialità.

P.C.

 

Pubblicato in Cultura

TARIFFE GIORNALIERE PARCHEGGI A PAGAMENTO 2020

I parcheggi a pagamento sono istituiti dal 01.04.2020 al 30.10.2020 Solo per le seguenti strade: P.le Manzoni – -V.le XXIV Maggio- Via Veneto – Via Santa Maria di Merino – C.so L. Fazzini – – V.le Marinai d’Italia e Lmare Colombo.

In tutti gli altri luoghi sono istituiti dal 01.06.2020 al 30.09.2020;
Nelle zone R1 e R2 sono istituiti dal 15.06.2020 al 15.09.2020.

TARIFFE:

Tariffe sulle Aree di sosta a pagamento dalle ore 08:00 alle ore 24:00:

Tariffa oraria € 1,00 per la prima ora e successive;

Tariffa giornaliera € 7,00.

Solo per le seguenti strade: P.le Manzoni -V.le XXIV Maggio- Via Veneto – Via Santa Maria di Merino C.so L. Fazzini – – V.le Marinai d’Italia e Lmare Colombo dalle ore 08:00 alle ore 24:00 ( e dalle 08:00 alle 20:00 dal 15/6 al 15/9 nelle strade in cui è prevista l’isola pedonale) alle seguenti tariffe:

Tariffa oraria € 2,00 per la prima ora e successive;

Tariffa giornaliera € 10,00

Fanno eccezioni:

Solo sul L.mare Europa e L.mare Enrico Mattei il sabato e la domenica :

Tariffa oraria € 2,00 per la prima ora e successive;

Tariffa giornaliera € 10,00;

 “Parcheggio Piazzale Lungomare Europa”:

Tariffa oraria € 1,00 per la prima ora e successive;

Tariffa giornaliera € 5,00;

Abbonamenti strutture ricettive: (da regolamentare con successiva delibera di Giunta Municipale):

per n. 1 mese € 60,00;
per n. 2 mesi € 100,00;
per n. 3 mesi € 130,00;
oltre tre mesi € 160,00.

Abbonamenti per Residenti :

per n. 1 mese € 25,00;
per n. 2 mesi € 40,00;
per n. 3 mesi € 50,00;
per n. 4 mesi € 60,00;
oltre 4 mesi € 70,00.

Abbonamenti Non Residenti ma proprietari di appartamento in Vieste:

per n. 15 gg € 20,00
per n. 1 mese € 35,00;
per n. 2 mesi € 70,00;
per n. 3 mesi € 100,00;
per n. 4 mesi € 130,00;
oltre 4 mesi € 160,00

Abbonamenti non residenti:

Settimanale € 40,00;
Bisettimanale € 70,00;
Mensile € 100,00.

Abbonamenti per i soli residenti della “ZONA R1” così come istituita con delibera di G.M. n. 121 del 23.06.2017 (Zona urbana compresa tra Via Madonna della Libera (inclusa), L.mare E. Mattei (Incluso), Via G. Giolitti (inclusa), Via P. Tantimonaco (inclusa):–abbonamento è valido solo ed esclusivamente nella zona “de quo”– e “ZONA R2” ( da istituire con prossima delibera di G.M.):

• Prima auto : gratuito;

• Seconda auto: € 10 al mese;

• Dalla terza auto in poi € 20,00 al mese.

I MODULI COMPILATI CON LA RICEVUTA DI PAGAMENTO, DOVRANNO ESSERE DEPOSITATI PRESSO LA GUARDIOLA IN COMUNE E SUCCESIVAMENTE RITIRATI PRESSO LA STESSA.

Esenzione per disabili residenti nel Comune di Vieste.

Pubblicato in Società

La Giunta regionale pugliese ha approvato un altro pacchetto di interventi nella sanità per un finanziamento complessivo di quasi 53 milioni di euro, dopo l’approvazione dei primi 60 milioni, proseguendo così l’opera di potenziamento della sanità territoriale nei vari setting assistenziali che la caratterizzano.

La ASL di Foggia è beneficiaria del contributo di 16 milioni di euro, e tra i progetti ammessi e finanziabili, il potenziamento della rete territoriale ambulatoriale, i lavori di riqualificazione energetica per la struttura sanitaria di San Nicandro Garganico, la realizzazione di una struttura polifunzionale a Zapponeta, i lavori di potenziamento del PTA di Vieste, e di allestimento attività centro senologia dell’ospedale di Manfredonia, il potenziamento della rete ambulatoriale di oculistica dell’asl foggiana.

Tra le altre cose l’esecutivo di via Gentile ha approvato lo schema del Protocollo di intesa denominato “Patto per la sicurezza urbana e per la promozione e attuazione di un sistema di sicurezza partecipata e integrata” – Comune di Foggia, i cui contenuti sono stati oggetto di condivisione in sede di riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica della Prefettura di Foggia.

Pubblicato in Notizie

In Australia a caccia di nuovi target per il turismo emozionale sul Gargano e imprimere una inversione di marcia alle paure e ai numeri in flessione delle ultime settimane causa “coronavirus”. E’ il progetto Australia Tour di FDG Viaggi e Turismo di Ferrovie del Gargano, nato da un’idea di Luciano Castelluccia, storico direttore artistico del Carpino Folk Festival, manifestazione per il recupero e la valorizzazione della musica popolare della Puglia, da sempre impegnato nel ricostruire il tessuto della memoria comunitaria e nel valorizzare il patrimonio culturale garganico attraverso la ricerca, la musica, l’enogastronomia e l’aggregazione sociale. Trasferta nella “terra dei canguri” organizzata in collaborazione con Metano’s, Like Guida Enogastronomica (media partner) e CDP Service (logistica).

Un nuovo modo di “vedere” e concepire l’offerta turistica sulla “montagna del sole”, sulle Isole Tremiti e sui Monti alla luce delle nuove esigenze del turismo slow e ambientale. Domande che FDG Viaggi e Turismo ha plasmato in due offerte confezionate ad hoc per le nuove esigenze del turista/viaggiatore/camminatore. Obiettivo della Missione Australia sarà quello di intercettare flussi di turisti emozionali che da quel Paese (a Melbourne e dintorni vivono circa 30.000 persone originarie di San Marco in Lamis) intendono raggiungere i luoghi dei loro avi e parenti.

E a collegare i due mondi la cultura popolare. Dal 2011 Castelluccia concepisce, scrive e mette in scena uno spettacolo musicale, teatrale e gastronomico dal titolo “L’Acquasala salverà il mondo” una performance multisensoriale alla scoperta delle tipicità enogastronomiche della Puglia Garganica. In primo piano, le materie prime come pane, olio extravergine d’oliva, verdure selvatiche e caciocavallo, legumi, vino che accompagnano i partecipanti lungo un suggestivo percorso mistico, a partire dal Gargano, con le sue strade sterrate, i suoi campanacci, i muggiti delle vacche podoliche, i belati delle capre e il suo profondo senso di appartenenza alla terra d’origine dei pastori.

Con più di 100 spettacoli all’attivo in giro per tutte le maggiori città Italiane: Torino, Milano, Bologna, Perugia, Urbino, Roma, Napoli, Pescara, con uscite anche estere come quelle dello scorso maggio 2018 a Berlino, Francoforte, Stoccarda e Londra, la Performance consegue un discreto successo sia dal punto di vista della partecipazione del pubblico ma soprattutto quello della promozione, suscitando la curiosità della stampa locale e Nazionale. In collaborazione con la Federazione Pugliese d’Australia, da circa dieci anni, viene condiviso un progetto di “avvicinamento” tra la grande comunità Pugliese residente in Australia e la Puglia creando così dei “corridoi emozionali” ed “esperienziali”. A Melbourne anche i “Tarantula Garganica” di Monte Sant’Angelo.

La programmazione, infatti, vedrà una serie di incontri con i più importanti “Social Club Pugliesi” di Melbourne, centri di ritrovo e di aggregazione sociale, fondamentali per le comunità pugliesi. Gli incontri saranno strutturati in tre fasi, avendo un contatto diretto con i partecipanti, pugliesi da tre generazioni, a loro sarà mostrato un video promozionale che, emozionalmente, ripercorre le bellezze del territorio. Nella seconda fase saranno illustrate e proposte di viaggio in Puglia ideate e curate dalla FDG Agenzia di Viaggi e Turismo di Ferrovie del Gargano.

Nella terza fase ci sarà il momento conviviale con un aperitivo garganico/pugliese il tutto sotto forma di “Cooking show esperienziale” dove gli stessi partecipanti potranno interagire alla preparazione di piatti della tradizione garganico/pugliese con il fondamentale supporto delle aziende Cantine D’Alfonso del Sordo di San Severo, Di Nunzio Legumi di San Paolo Civitate, Biorussi di Carpino, Lake Café di Lesina e Consorzio di tutela Arancia del Gargano IGP e Limone del Gargano IGP di Rodi Garganico. Nel roster dei partner anche l’Istituto superiore “Federico II” di Apricena.

Altre partnership invece saranno strette con l’agenzia viaggi della comunità Italiana di Melbourne: sarà siglato un protocollo d’intesa che sarà presentato durante il Taranta Festival in programma a Melbourne dal 11 al 15 marzo 2020. Previsti anche incontri con il presidente e tutti i soci del “Puglia Club Australia” dove saranno illustrati i pacchetti di viaggio studiati su misura.

Pubblicato in Coronavirus

La guardia di finanza di Bari ha eseguito il sequestro di quattro aziende operative nel settore della raccolta e dello smaltimento di rifiuti e di altri beni per oltre 25 milioni di euro. Nell’ambito di una indagine condotta dalla Direzione distrettuale antimafia, oltre 100 finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria hanno eseguito alcune misure restrittive nei confronti di una organizzazione criminale dedita al traffico illecito di rifiuti e lo sversamento degli stessi in terreni agricoli della provincia di Foggia, con evidenti riflessi negativi sull’inquinamento ambientale e sulla salute pubblica.

Sono 16 le persone destinatarie di misure cautelari (7 agli arresti domiciliari e 9 con obbligo di dimora) nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Bari su un presunto traffico illecito di rifiuti e gestione abusiva di rifiuti speciali non pericolosi nel Foggiano. Contestualmente alle misure cautelari personali sono stati eseguiti sequestri preventivi per equivalente nei confronti di 4 società e 22 persone fisiche pari al presunto profitto illecito di circa 26 milioni di euro.

In particolare sono stati posti i sigilli a 255 terreni agricoli per una superficie complessiva di 353 ettari, a 48 immobili, 4 complessi aziendali, quote societarie, conti correnti, depositi finanziari e automezzi. È stato disposto anche il sequestro «impeditivo» dei beni impiegati per la realizzazione delle violazioni ambientali, cioè i terreni e i mezzi di trasporto e movimento, per un valore di oltre 3 milioni di euro.

Stando alle indagini della guardia di finanza, coordinate dai pm Renato Nitti, Marco D’Agostino e Marco Gambardella, le società, tutte riconducibili alla famiglia Montagano della provincia di Foggia, per anni, almeno dal 2013, avrebbero abusivamente trattato almeno 240 mila tonnellate di rifiuti conferiti da imprese campane, pugliesi e dai Comuni di Chieuti, Serracapriola, Lucera e San Severo.

I rifiuti, qualificati come «compost», cioè fertilizzante organico stabilizzato biologicamente, in realtà non sarebbe stato trattato secondo le norme e sarebbe stato poi smaltito illecitamente in terreni agricoli del territorio dauno.

Questo avrebbe avuto «evidenti ricadute sulle emissioni odorigene, che hanno suscitato particolare allarme nella popolazione residente, - spiega ala Procura - costretta a respirare aria infestata dalle esalazioni dei rifiuti sversati sul terreno». Per commercializzare questo fertilizzante sarebbe stata in alcuni casi «simulata la permuta con prodotti di derivazione agricola (mosto d’uva) da parte di aziende vinicole», quando non veniva scaricato in località inesistenti.

Le indagini si sono avvalse di intercettazioni e videoriprese, acquisizione di documenti e accertamenti bancari, testimonianze di imprenditori che hanno collaborato e pedinamenti. «L’aggressione patrimoniale - hanno spiegato gli investigatori in conferenza stampa - consente di ristabilire le regole della concorrenza, perché queste aziende che non rispettavano le regole avevano quasi il monopolio del territorio a scapito di quelle oneste».

L’impianto da oggi sarà gestito da un amministratore giudiziario nominato dal Tribunale per consentire il prosieguo dell’attività di conferimento e trattamento dei rifiuti da parte degli enti locali e di privati e salvaguardare i posti di lavoro.

Pubblicato in Ambiente

La Giunta regionale in conformità alla legge finanziaria ha deliberato nella seduta di oggi, la riduzione del “super ticket” da 10 euro a 0,50 centesimi per le seguenti categorie:

- Assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo fino a 23.000,00 euro, incrementato di 1.000,00 euro per ogni figlio a carico (codice di esenzione E96 e codice di esenzione E94);

- Assistiti minorenni privi di esenzione;

- Assistiti di età uguale o superiore a 65 anni privi di esenzione.

È opportuno precisare che il D.M. non permette la totale cancellazione, ma la sola riduzione.

La Puglia ha ridotto al minimo possibile il super ticket portandolo a soli 0,50 centesimi per le su richiamate categorie di assistiti. Si tratta di una riduzione di 9,50 euro per ciascuna ricetta.

La riduzione del super ticket decorrerà, cosi come previsto dal Decreto, dopo l’approvazione da parte del Comitato paritetico permanente per la verifica dell’erogazione dei livelli essenziali di assistenza e da parte del Tavolo per la verifica degli adempimenti di cui agli articoli 9 e 12 dell’Intesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005.

Entro tale data di avvio saranno predisposti gli adeguamenti ai sistemi informativi regionali senza alcun adempimento da parte degli assistiti. Non sarà dunque necessario per gli assistiti recarsi presso gli uffici Asl per ottenere le esenzioni ma queste verranno operate automaticamente dagli uffici.

Pubblicato in Sanità

Dal prossimo 27 aprile Foggia ospiterà il corso destinato agli allenatori dilettanti regionali di calcio. Promosso dal settore tecnico della Federazione italiana gioco calcio, il corso è affidato all’Aiac (asso­ciazione italiana allenatori di calciò), ed è riservato ai residenti, in Puglia. Il pro­gramma prevede un paio di mesi di lezioni, per cui il corso si concluderà a fine giugno. Le lezioni si svolgeranno dal lunedì al venerdì di sera, e il sabato mattina: per ulteriori informazioni si può cliccare sul sito www.lndpuglia.it, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Gli esami conclusivi sono previsti il 25,26 e 27 giugno. Secondo le previsione degli organizzatori saranno almeno una qua­rantina gli allievi-aspiranti allenatori coin­volti. Si tratta del nuovo corso - già partito in altre città d’Italia a settembre scorso - che abilita ad ottenere la nuova «licenza D». Da questa stagione sportiva, infatti, la qua­lifica «Uefa B» si ottiene frequentando e

superando gli esami finali dei corsi per «allenatore dilettante regionale (che danno diritto alla cosiddetta «licenza D»); e «al­lenatore giovani calciatori» (che danno diritto alla «licenza C»). Dunque per ot­tenere la vecchia qualifica denominata «Uefa B», adesso occorre conseguire i titoli di «allenatore. dilettanti regionale» e «al­lenatore giovani calciatori».

Il corso per «allenatore dilettante re­gionale» avrà una durata complessiva di 120 ore di lezione (oltre al tirocinio) e, in caso di esito positivo degli esami finali, consentirà ai neoallenatori di poter guidare esclusivamente le prime squadre, fino ai campionati di Eccellenza maschile e alla serie C femminile. Una volta ottenute le due «licenze C e D», gli allenatori potranno eventualmente proseguire il proprio per­corso di formazione e diventare così tecnici professionisti seguendo il corso di Coverciano che dà diritto alla categoria «Uefa A».

R.F.

 

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Libro & disco della settimana

06 Luglio 2020 - 11:27:42

IL DISCO DELLA SETTIMANA/ NORAH JONES Pick me up...

Dopo un esordio di enorme successo spes­so ci si perde per sempre. Ma qualche volta, come nel caso di Norah Jones diventata cele­bre nel 2002 con lo «smooth jazz» di Come away…

Statistiche di accesso

0.png8.png7.png0.png5.png
Oggi8705
Ieri0
Questa settimana8705
Questo mese8705
Totale8705

Ora online:

121
Visitatori

06-07-2020

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -