Articoli filtrati per data: Domenica, 10 Maggio 2020

Si terranno la prossima settimana i tavoli tematici per approfondire le singole questioni e poter mettere a punto la ripartenza delle attività turistiche e culturali in Puglia nella Fase 2. Lo ha annunciato l’assessore all’Industria e alla Cultura della Regione Puglia Loredana Capone nel corso del lungo e articolato confronto a distanza che si è svolto ieri pomeriggio con i rappresentanti delle associazioni di categoria e dei sindacati del mondo del turismo e della cultura.  Un confronto funzionale  s raccogliere elementi di decisione e di riflessione, ma soprattutto di criticità, utili per la stesura delle ordinanze relative che saranno emanate successivamente.  Base del confronto per la ripartenza delle attività economiche della Fase 2 in Puglia è stato il documento scientifico Il manuale della sicurezza messo a punto dai docenti di tutte le università pugliesi e consegnato ieri dai rettori al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Qui di seguito il report video della dichiarazione dell’assessore Loredana Capone.

 

Pubblicato in Turismo

Dopo due giorni consecutivi senza decessi, in Capitanata il coronavirus torna a mietere vittime: altri due decessi che fanno salire il numero a 141 dall'inizio della pandemia. Va decisamente meglio sul fronte dei contagi dove secondo il bollettino epidemiologico sono solo 3 i casi positivi. In tutta la Puglia su 1756 test effettuati sono 27 i nuovi malati di covid 19.

Pubblicato in Coronavirus

[Cliccando BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO REGIONE PUGLIA 10/05/2020 potrete consultare il report completo] ------

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi domenica 10 maggio 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.756 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 27 casi, così suddivisi:

22 nella Provincia di Bari;

0 nella Provincia Bat;

1 nella Provincia di Brindisi;

3 nella Provincia di Foggia;

1 nella Provincia di Lecce;

0 nella Provincia di Taranto.

Sono stati registrati 5 decessi: 2 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 1 in provincia di Bat.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 78.399 test.

Sono 1.196 i pazienti guariti.

2.669 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.313 così divisi:

1.413 nella Provincia di Bari;

381 nella Provincia di Bat;

605 nella Provincia di Brindisi;

1.111 nella Provincia di Foggia;

504 nella Provincia di Lecce;

270 nella Provincia di Taranto;

28 attribuiti a residenti fuori regione;

1 per i quali è in corso l'attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti. 

Pubblicato in Coronavirus

I Carabinieri di Peschici, nei giorni scorsi hanno arrestato una coppia del luogo, un 25 enne e una 26enne, dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nella “Perla del Gargano”, da tempo, i Carabinieri, per proteggere i giovani dagli spacciatori e contrastare il fenomeno dell’uso degli stupefacenti, controllano i luoghi della cittadina ove gli assuntori, provenienti anche dai paesi vicini e “ostaggi” del consumo della droga, raggiungono Peschici, non per i suoi panorami unici, ma per acquistare hashish e marijuana.

La costante attività di controllo dei Carabinieri, in questi giorni, ha portato all’individuazione di una coppia del posto che aveva iniziato a organizzare una consistente attività di spaccio di hashish, pubblicizzando sui propri canali comunicativi la disponibilità a soddisfare la richiesta dei consumatori.

I militari, con un’efficace attività di osservazione e con un’operazione investigativa lampo, sorprendevano la coppia cedere a un giovane assuntore un grammo di hashish. Il blitz e le immediate perquisizioni in un attiguo garage in loro uso consentivano di rinvenire sull’uomo circa 3 grammi della stessa droga in vendita e, nascosta sotto un cumulo di sabbia vicino agli spacciatori, una busta contenente ulteriori 16 grammi di hashish suddiviso in pezzi e un coltello da cucina intriso di droga utilizzato per il taglio dello stupefacente.

Immediato il sequestro della sostanza e il fermo della coppia, operato dai Carabinieri di Peschici e coordinato dalla Procura della Repubblica di Foggia, che convalidava gli arresti e disponeva la video udienza telematica presso la Compagnia Carabinieri di Vico del Gargano.

Il giovane acquirente, che pur di assumere stupefacente, si era spostato senza validi motivi è stato anche sanzionato per violazione delle misure governative di contenimento del Coronavirus e segnalato alla Prefettura, quale assuntore.

Pubblicato in Cronaca

Oltre 4 milioni di turisti in meno e un crollo della spesa superiore ai 2 miliardi di euro. Le conseguenze della tempesta Covid potrebbero essere devastanti per tutto il setto­re turistico pugliese.

La conferma arriva dalle stime contenute all’in­terno del Manuale per la ripartenza del settore turismo e cultura messo a punto dai docenti di tutte le uni­versità pugliesi e consegnato alla Regione. Nella parte dedicata al set­tore alberghiero sono contenute sti­me che fanno paura: «Un recente studio della Srm, Studi e ricerche per il Mezzogiorno - è scritto nel Manuale - prevede per la Puglia nell’ipotesi più pessimistica un ca­lo di oltre 4 milioni di presenze turi­stiche nel 2020, con una riduzione della domanda di circa un terzo.

Ne conseguirebbe un impatto negati­vo sulla spesa turistica di oltre 2.200 milioni di euro. Tale decre­mento metterebbe a rischio circa un terzo del fatturato del settore (1.096 milioni di euro). Nell’ipotesi di un calo meno grave (circa 1,5 mi­lioni di presenze in meno, -10 per cento della domanda) l’impatto ne­gativo sulla spesa turistica annuale sarebbe di quasi 820 milioni di eu­ro con un taglio del fatturato di 382 milioni di euro (-10 per cento)».

In entrambi i casi i risultati per l’economia regionale sarebbero drammatici: «In termini di ricchez­za è credibile quindi che in Puglia la crisi epidemiologica possa porta­re a un ridimensionamento della domanda turistica fra i 100 e i 300 milioni di euro di valore aggiunto a seconda dei due scenari considera­ti, con un relativo impatto sulla ric­chezza totale dell’area tra lo 0,2 e lo 0,4 per cento».

Numeri messi sul ta­volo nel corso del primo incontro fra Regione e associazioni di catego­ria di turismo e cultura riunite in vi­deoconferenza per presentare uffi­cialmente il Manuale. Quei numeri per molti degli imprenditori rap­presentano soltanto una conferma del fatto che la stagione turistica 2020 è sostanzialmente bruciata. Per di più la mole di regole contenu­te nel Manuale da rispettare per aprire è imponente.

A proposito di attività di ristorazione, per esem­pio, i docenti universitari consigliano una distanza di almeno 1,8 metri fra un tavolo e un altro, con la siste­mazione di divisori in plexiglas nel caso in cui le persone ai tavoli non facciano parte dello stesso nucleo famigliare.

Fra le misure da rispet­tare in albergo ci sono: applicazioni digitali per la gestione dell’ospite che consente di contenere possibili assembramenti, obbligo dell’autocertificazione dello stato di salute al check-in, presenza di termo-scan­ner e ovviamente stop a buffet e pa­sti in condivisione.

La parte più scottante del documento e quella ri­guardante la gestione delle spiagge e in particolare dei lidi privati: oltre a sanificazione di ombrelloni e letti­ni dovranno istituire la figura dell’assistente di spiaggia addetto ai controlli e prevedere dispositivi isolanti (in plexiglas o altro) in corri­spondenza di ingressi e casse.

Quanto al tasto dolente degli om­brelloni, «a parere degli scriventi sarebbe auspicabile una distanza di 4-4,5 metri». I lidi dovrebbero an­che istituire un registro presenze e dovrebbero togliere rapidamente la poseidonia spiaggiata perché «potrebbe costituire ambiente ido­neo alla sopravvivenza del virus». Molto lungo anche l’elenco di nor­me per il settore culturale.

A parte mascherine, segnaletica e misura­zione della temperatura all’ingres­so, nei musei si prescrivono due me­tri di distanza, prenotazioni online, app per monitoraggio di presenze, visite vietate a gruppi precostituiti di più di cinque persone.

Nelle bi­blioteche ogni libro a fine prestito dovrà scontare dieci giorni di isola­mento. Dure le norme in cinema e teatri con platee e sedute sanifica­te e distanziate di almeno un metro laterali e di almeno 1,5 metri avanti e dietro. Ai limiti dell’attuabilità le regole per gli operatori cinemato­grafici e teatrali: «Attori e attrici sa­ranno tenuti durante le prove a os­servare per quanto possibile le nor­me sul distanziamento interperso­nale ricorrendo cautelativamente all’uso di dispositivi di protezione».

Difficoltà identiche per le attivi­tà concertistiche: mascherine per tutti tranne che per direttore d’orchestra e musicisti di strumenti a fiato solo durante l’esibizione e le prove del concerto, e «i fiati duran­te l’utilizzo dello strumento mag­giormente distanziati, a circa 1,5 metri spalla/spalla, e separati fron­talmente a file da plexiglass», sol­tanto per citare alcune regole.

Quanto ai grandi eventi, come sa­gre e festival all’aperto saranno con­sentiti solo fino a un massimo di 200 persone con distanza minima garantita. Tutte norme che grave­ranno molto dal punto di vista eco­nomico. Non a caso Fabrizio Santorsola, presidente di Fiba-Confesercenti, ha calcolato che la sola gestio­ne emergenziale di noleggio di om­brelloni e lettini in uno stabilimen­to tipo con 90 ombrelloni, costerà in più al gestore 103 mila euro in più per la stagione estiva.

 

Antonello Cassano

repubblicabari

Pubblicato in Coronavirus

Anche senza le linee guida dell'Inail, "il 18 maggio noi apriamo lo stesso parrucchieri, estetisti e saloni di bellezza perché abbiamo fatto le linee guida regionali che ci paiono più che sufficienti".

Lo ha annunciato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. "Se arrivano le linee guida Inail - ha spiegato - le applicheremo, se non arrivano noi apriamo lo stesso". In Puglia, ha evidenziato, si andrà "dal barbiere come se si dovesse entrare in un reparto di rianimazione. Non perderemo certo tempo perché l'Inail è in ritardo".

Pubblicato in Coronavirus

E' stato discusso ieri pomeriggio il 'Manuale della sicurezza' per le riaperture nel settore del turismo e della cultura in Puglia. All'incontro hanno partecipato il professore Pierluigi Lopalco, l'assessore alla Cultura e al Turismo Loredana Capone, i professori universitari che hanno elaborato il testo e una quarantina di rappresentanti delle associazioni di categoria con i sindacati.

Per quanto riguarda la ristorazione, il Manuale indica alcune misure di sicurezza, tra cui una distanza di 1,8 metri tra i tavoli; percorsi pedonali a senso unico; gestione delle code in entrata con apposita segnaletica orizzontale.

Gli esperti consigliano anche di incentivare il pagamento mediante carta di credito, l'attivazione di sistemi di prenotazione del tavolo tramite app, l'utilizzo di menu digitali scaricabili sul proprio smartphone, l'installazione di pannelli in plexiglass sui tavoli se i clienti non appartengono allo stesso nucleo familiare, sistemi di sensori per il controllo della temperatura dei clienti e del personale, utilizzo di barriere in plexiglass anche sul bancone.   

Invece, negli alberghi, b&b e tutte le strutture ricettive il personale della reception dovrà contingentare gli accessi e sarà incaricato di effettuare uno screening all'ingresso che dovrà prevedere la rilevazione della temperatura corporea e la somministrazione di un questionario. "Una riunione davvero proficua - ha detto Capone - sulle prossime riaperture e sul come farle nella massima sicurezza".   

"Credo che un punto di incontro si possa trovare facilmente - ha aggiunto Lopalco - il passaggio dalla parte scientifica del profilo di rischio generale alle prescrizioni singole non potrà non tenere conto di tulle le considerazioni emerse nell'incontro di oggi. Andranno fatti dei protocolli specifici e territoriali".

(ANSA).

Pubblicato in Coronavirus
Domenica, 10 Maggio 2020 10:44

GRAZIE a tutte le mamme. AUGURI!

Non una, né due, né cento feste per la mamma potrebbero ringraziarti abbastanza. Buona festa della mamma!

Dio non poteva essere ovunque, e quindi ha creato le madri

(Kipling)

Pubblicato in Società
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Lucatelli arredamento

Libro & disco della settimana

26 Maggio 2020 - 17:14:55

IL DISCO DELLA SETTIMANA - Inhaler - Falling In

Non esistono più le rock band di una volta. Sicuramente molti di noi lo sosteniamo da anni. In un mondo dove rap, trap e hip pop spopolano soprattutto tra i giovani,…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -