Articoli filtrati per data: Martedì, 19 Maggio 2020

Questo pomeriggio si è tenuta una videoconferenza dell’assessore comunale allo Sport Dario Carlino con i rappresentanti delle associazioni sportive viestane. Qui di seguito il report video dell’incontro.

Pubblicato in Sport

“La Provincia ci ha letteralmente abbandonati. Ci sentiamo continuamente presi in giro. Eppure siamo la città turistica più importante della Capitanata”. Il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti torna a sollecitare il presidente dell’Ente Provincia, Nicola Gatta, e chiede l’immediato intervento di Palazzo Dogana sulla messa in sicurezza della SP 53, la litoranea del Gargano, l’unica strada che collega il resto della Puglia a Vieste. Nobiletti ricorda a Gatta che quell’arteria è diventata molto pericolosa a causa della scarsa manutenzione. “Non vengono eseguiti nemmeno i lavori ordinari come lo sfalcio dell’erba o la pulitura delle cunette. Con l’aumento delle temperature, l’erba infestante potrebbe facilitare il rischio incendi. Gatta ci aveva promesso che entro il mese di aprile sarebbero stati eseguiti tutti gli interventi di messa in sicurezza della provinciale. Invece niente di niente. Forse si sono cullati del fatto che non sarebbe più transitato il Giro D’Italia che non è stato annullato ma rinviato ad ottobre. Quindi il presidente mettesse da parte quelle poche risorse che ha a disposizione, se non le ha già dirottate da qualche altra parte, e iniziasse  a programmare almeno i lavori di manutenzione come lo sfalcio dell’erba e il rattoppo di qualche buca. Anche noi siamo cittadini della Capitanata. E poi siamo sempre in attesa dei famosi 57 milioni del Cis”. Il sindaco di Vieste chiede anche di ripristinare la sp 53 bis che collega la strada litoranea con la statale 89. “Ormai è diventata una mulattiera, la si percorre solo con un fuoristrada. E’ vergognoso”.

Pubblicato in Notizie

"A seguito della segnalazione da parte di un cittadino (avv. Ludovico Ragno) circa l'installazione di una stazione radio base SRB su una struttura ricettiva, ubicata sul Lungomare Europa e in un quartiere densamente popolato (San Lorenzo), ho provveduto ad effettuare la richiesta di accesso agli atti, al fine di verificare la natura dell'antenna, della quale si sospetta che la stessa possa essere abilitata alla trasmissione in radiofrequenza secondo lo standard 5G.

Ottenuta copia degli atti relativi alla richiesta avanzata dalla Wind3 presso il Comune di Vieste, risulta che la detta società ha inquadrato nei seguenti termini l'area di intervento: "l'area nella quale si inserisce il progetto della stazione radio base si trova nel Comune di Vieste, in Provincia di Foggia, in Viale Italia, n. 3, nei pressi del porto e del Lungomare Europa, in una zona in cui sorgono fabbricati per civile abitazione e per strutture turistico-ricettive. Il fabbricato su cui sorgerà la SRB è una struttura turistico-ricettiva, il residence B&B Palazzo Manfredi".

Dall'esame delle schede tecniche delle antenne allocate risulta che le stesse sono n. 6 e di due tipi, il primo modello: ODI-2065R16M-GQ e il secondo modello: CMA-UBDHH/6520/E2-10.

Il primo modello è idoneo alla trasmissione in frequenza 694-960 Mhz e il secondo modello è idoneo alla trasmissione in frequenza 1710-2690 Mhz.

Il CEO Jeffrey Hedberg di Wind3, dopo l'aggiudicazione all'asta delle frequenze 5G nel 2018, ha rilasciato al seguente dichiarazione "Saremo in grado di lanciare i nuovi servizi 5G su 50 Mhz attraverso l'integrazione dei nostri attuali, e non ancora utilizzati, 30 Mhz nello spettro di frequenze '5G ready' a 2,6 Ghz con le nuove risorse che ci siamo aggiudicati nell'asta odierna".

Dalle dichiarazioni dell'amministratore della Wind3 appare evidente che la stazione radio ubicata su Palazzo Manfredi sia idonea alla trasmissione in 5G, stando alle frequenze che risultano dalla stessa scheda tecnica depositata dalla Wind3 presso il Comune di Vieste.

Per tutto quanto sopra, non appaiono affatto destituite di fondamento le preoccupazioni in merito ai pericoli che potrebbero derivare alla salute dei viestani, considerato che allo stato non vi sono evidenze scientifiche che dimostrino la non nocività delle onde elettromagnetiche provenienti dall'implementazione del sistema 5G e per il quale ben oltre 200 Comuni in Italia si sono espressi per impedire l'installazione e l'utilizzo in via sperimentale del sistema 5G.

Confido, pertanto, che non si perda ulteriore tempo per deliberare in merito ad una più che opportuna ed urgente moratoria, al fine di scongiurare l'allocazione di ulteriori antenne sul territorio comunale di Vieste idonee alla trasmissione dati in 5G e ad impedire che quella allocata nei giorni precedenti sul palazzo Manfredi possa essere abilitata in via sperimentale alla trasmissione dei dati in 5G.

Avv. Mariateresa Bevilacqua

Consigliera Comunale M5s di Vieste"

Pubblicato in Politica

Anche il sistema aeroportuale della Puglia si rimette in moto. Con una nota, la società di gestione ha annunciato un significato segnale di ripresa: oggi alle 15:35 è atterrato a Bari il volo WizzAir proveniente da Sofia. Si tratta del primo volo dopo lo stop dovuto all’emergenza  Covid-19. Il primo decollo è avvenuto alle 16.10.

 “Un atterraggio che rappresenta un segnale di speranza per lo scalo di Bari - si legge nella nota - che in questi mesi ha visto l’azzeramento quasi totale dei voli (ad oggi è operativo solo il volo Alitalia da e per Roma-Fiumicino), anche se è sempre stato operativo per accogliere i voli umanitari”.

Rimandata invece la partenza dello scalo di Brindisi, come stabilito dal decreto del Ministero dei Trasporti. (fonte TTGITALIA.com)

Pubblicato in Turismo

Sono Sicilia, Sardegna, Puglia, Trentino Alto Adige e Costa Etrusca in Toscana e Lazio le mete che, per ora, sembrano essere le preferite dai nostri connazionali per l’estate alle porte.  A individuare la rosa di destinazioni è Airbnb, che segnala come, in base alle analisi effettuate, “l’82% degli italiani quest’anno trascorrerà le vacanze in Italia, contro il 55% dell'anno scorso". “Il distanziamento sociale e la flessibilità nelle cancellazioni saranno requisiti fondamentali per prenotare in serenità - osserva Giacomo Trovato, Country Manager di Airbnb Italia -. Per questo puntiamo soprattutto sulla promozione delle oltre 120mila soluzioni indipendenti presenti sulla piattaforma e sulla possibilità di rimborso completo fino a pochi giorni dalla partenza, disponibile già oggi in oltre il 70% degli annunci”.

Più richieste per le case indipendenti
Per essere più tranquilli sul fronte del distanziamento sociale, il 62% dei clienti opterà per case indipendenti, ville o bungalow mentre solo il 7% sembra orientato alla scelta di un appartamento, contro il 17% dello scorso anno. Tra i servizi più ricercati la piscina supera per la prima volta il wi-fi, seguono possibilità di introdurre animali domestici, cucina accessoriata, jacuzzi e aria condizionata.


Sulla piattaforma di Airbnb attualmente sono oltre 64mila le case indipendenti con piscina, con l’offerta più ampia presente in Toscana, Sicilia, Puglia e Umbria.

Aumentano i soggiorni lunghi
Altra differenza rispetto alla scorsa estate riguarda la durata delle vacanze: sembra infatti, almeno per il momento, terminata l’epoca dei weekend mordi e fuggi e dei tour a tappe: il 66% delle ricerche riguarda soggiorni di durata superiore a una settimana (lo scorso anno era il 32%), mentre calano vistosamente le ricerche per il weekend (-70%). (fonte TTGITALIA.com)

Pubblicato in Turismo

Sono 11 quelli promossi dall’ANCI nel club de “I Borghi più belli d’Italia”

Un video e una pagina facebook per metterli insieme: “Bellezza e sicurezza: siamo pronti”

Un video per ripartire insieme. Per attraversare idealmente la Puglia dal punto più a nord fino alla sua estremità meridionale. Un viaggio "coast to coast" che mette insieme la varietà geomorfologica di un continente, dal mare alla montagna, dalla pianura alla collina, passando per centri storici e aree rurali di impareggiabile bellezza, con una biodiversità che pochi altri territori al mondo possono vantare tra laghi naturali e artificiali, aree naturalistiche e siti archeologici. Con la fase 2 dell'emergenza Covid 19, si può e si deve ripartire in sicurezza e dalla bellezza: è questo il messaggio veicolato dal video realizzato dal Coordinamento regionale dei Borghi più belli d'Italia in Puglia, formato dagli 11 Comuni riconosciuti nel club de I Borghi più belli d'Italia, associazione promossa dall’ANCI. Una rete di cui fanno parte 11 località della Puglia: Vico del Gargano (Fg), Pietramontecorvino (Fg), Alberona (Fg), Roseto Valfortore (Fg), Bovino (Fg), Locorotondo (Ba), Cisternino (Br), Maruggio (Ta), Otranto (Le), Specchia (Le) e Presicce (Le).

“C’è una bella collaborazione tra i responsabili delle 11 Amministrazioni comunali che compongono la nostra rete”, dichiara Mario Saponaro, presidente del Coordinamento regionale dei Borghi più belli d'Italia in Puglia. “Il turismo, con tutto ciò che muove, è una delle principali leve occupazionali e di sviluppo per la nostra regione e per i nostri comuni in particolare. Le nostre località stanno facendo il massimo per cercare di ripartire nel migliore dei modi, lavorando soprattutto sulle misure di sicurezza. Un segnale positivo sta arrivando proprio in questi giorni, poiché registriamo un aumento delle richieste per b&b, case vacanza e strutture ricettive extra-alberghiere”. Il Coordinamento sta già lavorando all’implementazione di nuovi contenuti informativi sulla sezione del sito internet nazionale dedicato alla Puglia (https://borghipiubelliditalia.it/puglia/) e ha già in programma nuove iniziative per promuovere il turismo nei “magnifici 11” della regione. Per la promozione e l’informazione di località e iniziative, i Borghi più belli di Puglia utilizzano anche l’omonima pagina facebook (https://www.facebook.com/borghipiubellidipuglia/). E’ una vera e propria ‘gara’ a pubblicare scorci, torri, trulli, castelli, piazze e ogni elemento che caratterizza i borghi più belli della Puglia. In un ipotetico viaggio alla scoperta dei “magnifici 11”, davanti ai nostri occhi le case bianche di Cisternino e Locorotondo si alternerebbero alle abitazioni che affacciano sul mare di Otranto, al barocco spettacolare di Presicce e ai palazzi storici di Specchia. Un viaggio in cui potremmo contemplare le linee morbide disegnate dagli archi e dalle costruzioni medievali di Maruggio, quelle normanne della Torre e del Palazzo Ducale di Pietramontecorvino, e nel cammino ci si potrebbe rinfrescare grazie alle fontane di Alberona e al vento lieve che carezza la piazza-anfiteatro di Roseto Valfortore, per poi andare a riposare nel Castello di Bovino o in uno degli antichi palazzi di Vico del Gargano. La meraviglia di questi borghi non sta soltanto nella loro bellezza, ma anche nella varietà di paesaggi architettonici, naturalistici e culturali che sono capaci di esprimere. La Puglia, attraverso i suoi “magnifici 11”, è la rappresentazione di tutte le anime del Mediterraneo, di una terra protesa verso altri Paesi, altre culture che qui hanno trovato rifugio e dimora, lasciando e imparando qualcosa, in uno scambio che è diventato crocevia di cultura e bellezza.

Pubblicato in Turismo

Su 1933 tamponi effettuati, in Puglia oggi sono 10 i casi positivi al covid 19. La curva epidemiologica si mantiene costante, ma è ancora presto per arrivare all'annullamento totale. Un solo nuovo malato di coronavirus in provincia di Foggia dove per il terzo giorno consecutivo non si registrano morti.

Pubblicato in Coronavirus

La Giunta regionale ha deliberato gli “Interventi di messa in sicurezza del Torrente Calenella nel Comune di Vico del Gargano” P.O.R. PUGLIA 2014-2020 – ASSE V – Azione 5.1”, di cui all’oggetto, ID VIA 436 - Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale (PAUR), in accordo con il parere espresso dalla Soprintendenza, l’Autorizzazione Paesaggistica ex art. 146 D.Lgs. 42/2004 e art. 90 NTA del PPTR, in deroga ex art. 95, con prescrizioni.

Pubblicato in Ambiente

Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Manfredonia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di una giovane donna di Mattinata, Francesca Mantuano, cl. '91, accusata di estorsione.

L’indagine aveva preso avvio a seguito dalla denuncia presentata ai Carabinieri di Mattinata, nel pomeriggio del 16 aprile scorso, da un cittadino che aveva trovato attaccato al cancello d’ingresso della propria abitazione un biglietto manoscritto dal chiaro contenuto minaccioso con tanto di richiesta estorsiva.

Avviate quindi le indagini, Carabinieri avevano proceduto ad acquisire i filmati registrati dalle telecamere poste all'esterno dell'abitazione, grazie ai quali era stato possibile riconoscere la donna che, scesa dalla propria auto nei pressi dell'abitazione, si era avvicinata al cancello, lasciandovi il biglietto in questione. Sul foglio, come sopra anticipato, oltre alle minacce vi era una inequivocabile richiesta estorsiva per la somma di 1000 euro.

Un paio di settimane più tardi, il 29 aprile, la vittima aveva poi ritrovato un secondo biglietto minatorio sempre sullo stesso cancello, riportante gli stessi contenuti di quello precedente. Questa volta, però, oltre ai momenti dell'affissione del biglietto, la visione delle immagini riprese era stato possibile ricostruire anche il tragitto percorso in auto dalla stessa donna. In più, ora il messaggio riportava le istruzioni per la vittima sul dove lasciare, alle 18.00 del giorno seguente, una busta contenente il denaro richiesto. Il punto prescelto era sotto una determinata panchina del parco giochi.

A questo punto gli investigatori avevano organizzato, in accordo con la Procura della Repubblica di Foggia, un servizio per osservare non visti la consegna. E qui la svolta alle indagini. La busta, lasciata nel punto convenuto, era poi stata prelevata dall'indagata e subito sequestrata dai Carabinieri che, osservata tutta la scena, erano finalmente usciti dal loro nascondiglio con grande sorpresa della donna.

La vicenda non era però destinata a terminare così. Lo scorso 11 maggio si era infatti verificato un ulteriore fatto particolarmente grave ancora ai danni dell’estorto. Quel giorno, infatti, il poveretto si era ritrovato sempre sullo stesso cancello l'ormai solito biglietto riportante solamente una secca minaccia, questa volta però "corredato" da una gallina, uccisa da poco. In quest'ultima circostanza, a causa del buio, le telecamere avevano potuto riprendere in modo riconoscibile la sola vettura utilizzata.

I Carabinieri della Stazione di Mattinata e della Sezione Operativa del NORM della Compagnia di Manfredonia nei giorni scorsi hanno raccolto e trasmesso gli esiti investigativi alla Procura della Repubblica di Foggia, la quale, valorizzandoli e integrandoli con le considerazioni proprie, ha ottenuto dal G.I.P. la misura custodiale notificata ieri pomeriggio alla MANTUANO, conducendola nel carcere del capoluogo, dove a breve verrà sottoposta all'interrogatorio di rito.

L'auspicio degli investigatori, sia della Polizia Giudiziaria che dell'Ufficio di Procura, è ora che la positiva conclusione di quest'ennesima triste vicenda spinga ulteriormente le vittime di soprusi e prepotenze a capire che una via di uscita c'è, e che è rappresentata dall'affidarsi alle Istituzioni della Stato.

Pubblicato in Cronaca

[Cliccando BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO REGIONE PUGLIA 19/05/2020 potrete consultare il report completo] ------

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 19 maggio 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.933 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 10 casi, così suddivisi:

0 nella Provincia di Bari;

0 nella Provincia Bat;

7 nella Provincia di Brindisi;

1 nella Provincia di Foggia;

1 nella Provincia di Lecce;

0 nella Provincia di Taranto.

1 caso di un residente fuori regione.

Sono stati registrati 2 decessi: 1 in provincia di Brindisi, 1 in provincia di Bat.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 93.834 test.

Sono 1.982 i pazienti guariti.

1.941 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.396 così divisi:

1.442 nella Provincia di Bari;

381 nella Provincia di Bat;

629 nella Provincia di Brindisi;

1.129 nella Provincia di Foggia;

509 nella Provincia di Lecce;

275 nella Provincia di Taranto;

30  attribuiti a residenti fuori regione;

1 per i quali è in corso l'attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Pubblicato in Coronavirus
Pagina 1 di 3

ReteGargano consiglia...

Libro & disco della settimana

01 Giugno 2020 - 15:53:13

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ La fatica di essere pigri di Raffaello Cortina

La definizione di pigrizia e delle sottospecie sue - come l'ozio, l'accidia e l'ignavia - spacca famiglie e religioni, partiti e movimenti. Ha financo rovinato la digestione al…

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -