Articoli filtrati per data: Mercoledì, 17 Giugno 2020

E’ stata inviata questa mattina all’attenzione del Presidente Michele Emiliano, dell’assessore Loredana Capone e del presidente di ANCI Puglia, Domenico Vitto, una lettera con lo specifico scopo di ricevere indicazioni sulla veste giuridica idonea a poter rappresentare il comparto extralberghiero sul territorio pugliese.

Primo obiettivo essere coinvolti già nell’agenda del Comitato Tecnico per la ripartenza del settore della ricettività pugliese, istituito presso L’ARET- Pugliapromozione lo scorso 10 giugno con il decreto regionale 254.

I mittenti della comunicazione sono le Associazioni pugliesi che, in rappresentanza di un numero quotidianamente in crescita di titolari di attività extralberghiere, hanno firmato la richiesta di ascolto e la proposta di collaborazione. Si tratta di fatto, di una interpellanza per poter partecipare, al pari di altri rappresentanti di categorie, ai tavoli di confronto ufficiali.

Forti della loro indiscussa conoscenza del settore turistico extralberghiero che ad oggi conta oltre 10.000 strutture su tutto il territorio, la nuova unione di associazioni mette già a disposizione la propria esperienza per lavorare congiuntamente nel nuovo Comitato Tecnico per la gestione del rilancio post Covid19 delle attività legate all’alberghiero ed extralberghiero.

Nella lettera, oltre alla richiesta di “rappresentare il settore extralberghiero al Tavolo del partenariato della Regione Puglia”, le associazioni ribadiscono la loro stima e partecipazione alla lotta all’abusivismo. Contestualmente si dichiarano non solo favorevoli a provvedimenti in merito, ma anche impegnati attivamente nel “diffondere la conoscenza e la consapevolezza nel settore” di un fenomeno, l’abusivismo appunto, che annovera solo caratterizzazioni negative per tutto il comparto.

Già l’anticipazione dell’obbligo di dichiarazione del CIS (Codice Identificativo Struttura) sollecitata con precedenti comunicato dalla stessa unione di associazioni per gli annunci di locazione turistica, introdotto con la delibera approvata dalla Giunta Regionale nella seduta del 26 maggio 2020, ha dimostrato la comunanza di intenti fra la Regione e il settore extralberghiero. Il comparto al momento in grande difficoltà, vista l’assenza di turismo, si dichiara attivo, coeso, collaborativo e con tanta voglia di creare un dialogo costruttivo con le istituzioni. A tal proposito infatti, si legge ancora nella lettera “assicuriamo che la nostra partecipazione al tavolo sarà caratterizzata da positività e pro attività”.

Pubblicato in Turismo

I Carabinieri di Mattinata hanno ricevuto una richiesta d’intervento da parte di un ragazzo,preoccupato perchè il nonno stava per essere aggredito da una donna,furiosa e fuori controllo.

Raggiunta l’abitazione dell’anziano, un 82enne del luogo, i militari hanno trovatola donna segnalata palesemente alterata, che colpiva con calci e pugni il portone d’ingresso e, noncurante della loro presenza, continuava a urlare “dammi i soldi o ti ammazzo”.

Valutata lasituazione e ciò che sarebbe potuto accadere da li a breve, i militari riuscivano a placare l’ira della donna, accompagnandola in caserma per poter procedere con l’identificazione e più accurati accertamenti.

L’anziano, rincuorato e rassicurato dalla presenza dei Carabinieri, si sfogava e raccontava loro che già da molto tempo subiva angherie e persecuzioni da parte della vessatrice, rivelando che l’aveva conosciuta tempo addietro e che aveva deciso di ospitarla in casa perpoter avere un aiuto nelle faccende domestiche, divenute ormai troppo faticoseper lui.

La donna, una 58enne di nazionalità russa, inizialmente si era posta con garbo e disponibilità, ma con il passar del tempo aveva iniziato a pretendere oltre il dovuto, umiliandolo, insultandolo e sputandogli in volto, finanche estorcendogli delle somme di denaro, quando non più dovute. Proprio per questi motivi, l’anziano aveva deciso di troncare ogni tipo di rapporto lavorativo e di farla uscire dalla sua abitazione, dove inizialmente le aveva concesso di stare, poiché bisognosa e senza una fissa dimora.

Impaurito e convinto di non poter più uscire da quella insostenibile situazione, ma anche speranzoso in una probabile resa da parte della donna, aveva deciso in un primo momentodi non denunciare le numerose vessazioni subite, persino quando, una sera, mentreerano ancora conviventi, la donna aveva afferrato prima delle forbici e poi un coltello da cucina e glieli aveva lanciati contro, fortunatamente non ferendolo.

Preso atto della grave situazione, i Carabinieri di Mattinata hanno quindi arrestato la molestatrice per l’ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia e, dopo la convalida dell’Autorità Giudiziaria che disponeva altresì per la donna il divieto di avvicinamento alla vittima e l’immediato abbandono della casa dell’anziano,sottoponevano quest’ultima alla misura cautelativa degli arresti domiciliari presso un suo conoscente.

I Carabinieri invitano le vittime, uomini e donne di tutte le età, a rompere l’isolamento e trovare il coraggio di denunciare i propri aguzzini per i maltrattamenti subiti, rivelando ciò che avviene fra le mura domestiche, per evitare degenerazioni che portino a più gravi conseguenze, a volte irreparabili. L’appello quindi è quello di rivolgersi alle Forze dell’Ordine o individuare una persona vicina, con la quale si è in confidenza, che faccia da tramite con le istituzioni.Nei casi di estrema necessità o impellente bisogno, chiamare subito il 112.

Pubblicato in Notizie

Ha tentato di togliersi la vita con il monossido di carbonio alla vigilia dell'interrogatorio sulla vicenda di Rigopiano. Il dirigente capo del commissariato di Polizia di Manfredonia ed ex capo della squadra mobile di Pescara, Fierfrancesco Muriana, ha cercato il suicidio questa mattina a Francavilla al Mare, nel teatino, dove risiede. Muriana è stato trovato all'interno dell'abitacolo della sua auto privo di sensi e trasportato all'ospedale di Chieti dove è tutt'ora ricoverato. Il dirigente di Polizia proprio questa mattina doveva essere ascoltato presso la Procura di Pescara perchè indagato con l'accusa di calunnia nei confronti di due carabinieri durante il periodo della valanga che travolse e uccise diverse persone ospiti dell'albergo di Rigopiano.

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 17 Giugno 2020 14:59

I Giornali locali: mercoledì 17 giugno

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 17 Giugno 2020 14:32

BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO 17 GIUGNO 2020

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 17 giugno 2020 in Puglia, sono stati registrati 2.661 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e NON sono risultati casi positivi.

E’ stato registrato un decesso, in provincia di Bari.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 154.482 test.

3.656 sono i pazienti guariti.

324 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.516, così suddivisi:

1.488 nella Provincia di Bari

380 nella Provincia di Bat

655 nella Provincia di Brindisi

1.164 nella Provincia di Foggia;

520 nella Provincia di Lecce;

280 nella Provincia di Taranto;

28 attribuiti a residenti fuori regione

Pubblicato in Coronavirus

Da sabato 20 giugno vengono riattivate le ZTL, Zone a Traffico Limitato già sperimentate in passato. Sono sempre due le zone interessate:  il centro storico ed il quartiere Ottocentesco. Così è stato disposto con ordinanza (n.110 del 16 giugno 2020) dal dirigente del Settore tecnico comunale, Vincenzo Ragno.

Nella prima ZTL rientrano via Madonna della Libera (parte), Corso Cesare Battisti, via Deputato Petrone, Piazza Vittorio Emanuele, Via Pola, Via san Francesco, costone della Ripa e fino ai giardini di Cristalda e Pizzomunno, tutte facenti parte di un’area delimitata dal Lungomare Enrico Mattei, che non è incluso.

La seconda ZTL è individuata nelle ambito definito da via Santa Maria di Merino, lung. Americo Vespucci, via Magellano, lung. Colombo (in parte), viale Marinai d’Italia, corso Fazzini (escluso)  fino all’intersezione con via Santa Maria di Merino.

Le due ZTL sono individuate da specifica segnaletica stradale ed i relativi varchi sono monitorati con telecamere dedicate.

Nelle ZTL dalle ore 20,00  alle ore 7,00, è vietata la circolazione e la sosta di tutti i veicoli, tranne quelli di polizia, delle Forze armate, degli Enti di Pubblico Soccorso, nonché per i veicoli al servizio di persone con limitate capacità motorie, detentrici di contrassegno valido e veicoli in possesso di permesso di accesso alla ZTL.

Pubblicato in Avvisi

Da lunedì scorso sono riaperti al pubblico gli sportelli fisici dell’Agenzia delle Entrate rimasti chiusi durante il lockdown ma, fa sapere l’Agenzia, solo per effettua­re alcune operazioni urgenti e in­differibili dal punto di vista infor­mativo e consulenziale e solo dietro appuntamento. La prenotazione va fatta tramite il servizio Prenota tic­ket che si trova sia nella homepage del sito dell’Agenzia che sull’App Equiclick, senza bisogno di inse­rire alcun tipo di credenziale (pin e password). L’appuntamento verrà fissato entro 4 giorni lavorativi dal­la richiesta ed è valido solo per una sola operazione.

Inizia l'epoca dei nuovi concorsi pubblici della P.A in modalità di­gitale . Il primo concorso con le nuove modalità sarà quello per la ricerca di 92 unità di personale non dirigenziale, a tempo pieno e in­determinato del Ministero dell’Ambiente. In via sperimentale e fino al 31 dicembre 2020, è previsto che le procedure concorsuali per il reclutamento del personale non di­rigenziale possano essere svolte presso sedi decentrate attraverso l'utilizzo di tecnologia digitale con prova orale in videoconferenza. La domanda di partecipazione ai con­corsi dovrà essere presentata entro 15 giorni dalla pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale, esclusivamente in via telematica. In fase di presentazione della do­manda di ammissione al concorso, gli interessati dovranno indicare la motivazione alla base della candi­datura, le esperienze lavorative svolte e le attitudini in possesso utili allo svolgimento delle man­sioni per cui si concorre, le com­petenze informatiche possedute e la disponibilità ai trasferimenti.

I soggetti titolari di attività d'im­presa, arti e professioni, agli enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti hanno di­ritto a un credito d’imposta in mi­sura pari al 60% delle spese soste­nute nel 2020 per la sanificazione degli ambienti di lavoro e degli strumenti utilizzati nell’ambito dell’attività lavorativa. Le spese ammissibili al credito d’imposta sono: la sanificazione degli am­bienti nei quali è esercitata l'at­tività lavorativa e istituzionale; la sanificazione degli strumenti uti­lizzati nell'ambito di tali attività; l'acquisto di dispositivi di protezione individuale, come: masche­rine, guanti, visiere e occhiali pro­tettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti es­senziali di sicurezza previsti dalla normativa europea; l'acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti; l'acquisto di dispositivi di sicurez­za quali termometri, termoscan­ner, tappeti e vaschette deconta­minanti e igienizzanti; l'acquisto di dispostivi atti a garantire la distan­za di sicurezza interpersonale, qua­li barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di instal­lazione. Il credito d’imposta spetta fino a un massimo di 60.000,00 euro per ciascun beneficiario nel limite complessivo di 200 milioni di euro per l’anno d’imposta 2020.

 Furto del ban­comat, la responsabilità di prelievi non autorizzati è della banca salvo i casi di dolo o colpa grave, il cor­rentista risponde solo nei limiti di 150 euro rispetto a quanto prele­vato. La banca è invece tenuta a risarcirlo anche per i prelievi an­tecedenti il blocco del bancomat e va esente da responsabilità solo se prova che il prelievo abusivo era comunque riconducibile alla vo­lontà del cliente. Lo ha stabilito la Cassazione .Gli Ermellini hanno chiarito che alla banca si impone l’adozione di misure idonee a ve­rificare l’effettiva riconducibilità al cliente delle operazioni effettua­te con strumenti elettronici.”

I farmaci soggetti a prescrizione medica non possono essere ceduti in omaggio dai farmacisti. Lo ha stabilito la Corte UÈ ribadendo che "non sono autorizzate le aziende farmaceutiche a distribuire gratui­tamente ai farmacisti campioni di medicinali soggetti a prescrizione. Per contro, detta disposizione non osta alla distribuzione gratuita ai farmacisti di campioni di medici­nali non soggetti a prescrizione."

Per la Cassazione chi rompe la promessa di matrimonio deve ri­fondere all'altra parte le spese e quanto necessario ad adempiere, in tutto o in parte, agli obblighi assunti.

Unicredit, IntesaSanPaolo, Banca Sella e Findomestic sotto inchiesta da parte dell’Antitrust. Hanno evi­tato di informare i consumatori sulla tempistica per avere accesso alle varie misure di sostegno in fa­vore di microimprese e consuma­tori, e sulla sospensione del rim­borso dei finanziamenti concessi alle imprese, in termini di aumento degli interessi complessivi rispetto al totale originariamente dovuto quale effetto dell’allungamento dei piani di ammortamento. Le banche avrebbero posto indebite condizio­ni all’accesso a tali misure, quali l’apertura di un conto corrente o il possesso di specifici requisiti non previsti dalla normativa, oppure avrebbero cercato di dirottare i ri­chiedenti verso forme di accesso al credito diverse e potenzialmente più onerose rispetto a quelle di cui .al Decreto Liquidità. Nei confronti di altre 12 banche e finanziarie (BNL, Banco BPM, UBI Banca, Cré­dit Agricole, Credem, MPS, Banco Popolare di Sondrio, Creval, BCC Pisa, Agos Ducato, Compass e Fiditalia), l’Autorità ha avviato una attività di moral suasion avendo riscontrato le medesime carenze di tipo informativo sulla tempistica di risposta e sulle effettive condi­zioni economiche di accesso alla sospensione dei rimborsi dei finan­ziamenti.

L'associazione Codici contro la Regione Puglia che con l'ordinanza del 2 giugno, ha dispo­sto, per chi arriva in Puglia da altre regioni o dall'estero l’obbligo di se­gnalare lo spostamento, il trasferimento o l'ingresso in regione at­traverso il modulo di auto-segna­lazione disponibile sul portale Pu­glia Salute. Obbligo dichiarare il luogo di provenienza ed il Comune in cui si soggiorna, l’impegno a conservare per un periodo di trenta giorni l'elenco dei luoghi visitati e delle persone frequentate durante il soggiorno, secondo l’Associazio­ne, con le modalità di autosegna­lazione equivale a una schedatura. Di qui il ricorso al Tar contro l'or­dinanza del Presidente. In un mo­mento così difficile, secondo l’As­sociazione “servirebbero interven­ti per aiutare gli italiani ed invece si assiste alla nascita di novelli sce­riffi che non fanno altro che varare provvedimenti che limitano i diritti fondamentali dell'individuo”. Chi è entrato in Puglia dal 3 giugno, con mezzi di trasporto pubblici o privati, ed è stato sanzionato in ba­se all'ordinanza regionale può ri­chiedere l'assistenza legale di Co­dici scrivendo a segreteria, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Il provvedimento non riguarda gli spostamenti per esigenze lavorative, motivi di sa­lute o ragioni di assoluta urgenza, nonché il transito e trasporto merci e tutta la filiera produttiva da e per la Puglia.

Pubblicato in Società

L’iniziativa di promozione gratuita, lanciata dall’Unsic con alcuni partner, raggiungerà oltre 900mila italiani

C’è davvero la necessità di trascorrere le vacanze in Grecia o in Spagna quando le splendide e variegate coste italiane garantiscono un quarto delle spiagge dell’intero vecchio continente? Almeno per quest’anno possiamo puntare sulle nostre inesauribili città d’arte anziché oltrepassare il confine in cerca di un’offerta certamente meno ricca e differenziata?

Non certo con uno spirito autarchico, ma semplicemente per attenuare i problemi economici causati dal Covid-19 al settore turistico, l’Unsic, associazione di rappresentanza datoriale, in collaborazione con altri organismi, dal 21 giugno – giorno di partenza della bella stagione - lancerà l’iniziativa “E-state in Italia” con lo scopo di raggiungere innanzitutto i 900mila utenti dei propri tremila uffici territoriali sparsi in tutte le regioni italiane, tra 2.100 Caf, 600 Patronati (di cui 15 all’estero), 103 Caa, ecc., ma anche il maggior numero di interlocutori possibile.

“Mai come quest’anno abbiamo l’opportunità, spesso la necessità, di scoprire o riscoprire il nostro illimitato patrimonio artistico e naturale, nel contempo sostenendo un settore vitale non solo per la nostra economia, ma anche per la nostra vita sociale – spiega Domenico Mamone, presidente dell’Unsic. “Da questa premessa nasce la nostra iniziativa che vuole contribuire fattivamente a preservare un comparto, quale quello turistico, che rappresenta il 13 per cento del Pil e il 6 per cento dell’occupazione nazionale”.

L’Unsic ha predisposto una directory nel proprio portale (https://unsic.it/news/e-state-in-italia/) con la selezione di oltre 650 località italiane, ognuna con uno o più link di collegamento, 20 di base per ogni regione, più tutti i capoluoghi di provincia e le 55 località preservate dall’Unesco. Questa offerta, che privilegia i siti promozionali locali, verrà diffusa attraverso buona parte dei tremila uffici locali e i relativi social, nonché delle strutture partner. Il tutto gratuitamente.

“Nel preparare questa iniziativa abbiamo avuto conferma del patrimonio davvero sorprendente, multiforme e talvolta poco valorizzato del nostro Paese – continua Mamone. “Per questo, oltre alle località più note, abbiamo individuato ‘perle’ davvero soprendenti. Garantendo analogo spazio a tutte le regioni, proprio per sostenere anche quelle meno incluse nei flussi turistici”.

Per quanto riguarda la Puglia, oltre alle sette città capoluogo di provincia, la scelta è ricaduta su Alberobello con i trulli, Cisternino, Fasano, Galatina, Gallipoli, Ginosa, Gravina, Isole Tremiti, Laterza, Locorotondo, Massafra, Monopoli con le grotte di Castellana, Otranto, Ostuni, Peschici, Polignano a Mare, Porto Cesareo, San Giovanni Rotondo, Santa Maria di Leuca e Vieste. A ciò si aggiungono, quali siti patrimonio Unesco, il santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo e la riserva naturale Foresta Umbra.

Pubblicato in Turismo

La prima partenza avverrà da PESCHICI, domani 18 giugno, con la Motonave Costa Adriatica, attrezzata secondo le norme di sicurezza e distanziamento "Covid-19", quindi con una disponibilità 
di posti ridotta.
Ciò comporta la necessità di prenotare in maniera molto precisa e con un congruo anticipo.

Il calendario partenze da Vieste ed eventualmente sulle variazioni di prezzo sarà comunicato nei prossimi giorni.
 
La partenza da Peschici è prevista alle ore 08:50 con imbarchi almeno 30 minuti prima, mentre il Porto di attracco e ripartenza sarà l’Isola di San Nicola, alle ore 16:35.
 

La partenza è garantita salvo condizioni meteo-marine avverse, pertanto i passeggeri prenotati direttamente con la Bisanum, devono presentarsi presso la Biglietteria al Porto di Peschici già muniti di biglietto e non con il solo buono di prenotazione.

 

 Per info e prenotazioni:
FRANCESCO DE STASI
Bisanum Viaggi Tour Operator
Via Santa Maria di Merino, 22 – Vieste (FG)
Tel: 346.5709094 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Turismo

Al fine di ripristinare la legalità in territori particolarmente colpiti dal fenomeno dell’abusivismo edilizio in zone sottoposte a vincoli paesaggistici (quest’ultime non di rado oggetto di fenomeni speculativi e di interessi criminosi), in esecuzione dei protocolli di intesta tra la Procura della Repubblica di Foggia e i Comuni di Vieste e di Lesina, prosegue il programma di abbattimenti degli immobili abusivi in tali aree, di notevole importanza sotto il profilo naturalistico ed ambientale.

In particolare, in data 8 giugno in Vieste loc. Molinella, in esecuzione della sentenza n. 152/10, si è proceduto alla demolizione di un manufatto in muratura con antistante una veranda, realizzato su suolo demaniale ed in zona sottoposta a vincolo paesaggistico. In data 9 giugno, sempre nel Comune di Vieste, si è data esecuzione all’ordinanza comunale n. 48/15 avente ad oggetto una struttura in ferro realizzata su suolo pubblico nel centro storico di Vieste, intervento che ha fatto tornare all’antico splendore il largo Santa Filomena. Ed ancora, nel territorio di Lesina – località Torre Mileto-Schiapparo – area di particolare interesse ambientale e paesaggistico ricadente nel perimetro del Parco Nazionale del Gargano, in ottemperanza all’ordine di demolizione oggetto del decreto penale n. 36/01, sono state eseguite le operazioni di abbattimento di un fabbricato ad un piano fuori terra con scala e terrazzo costruito su suolo del Demanio Pubblico Marittimo.

Nel medesimo ambito territoriale, in esecuzione della sentenza n. 130/04, si è proceduto alla demolizione di un altro fabbricato realizzato su un’area demaniale di circa 200 mq a 30 metri dal mare, anch’esso ricadente all’interno del perimetro dell’Ente Parco Nazionale del Gargano.

Le predette attività di demolizioni, che si inseriscono in un più ampio programma di abbattimenti e rispristino dello stato dei luoghi, oltre rappresentare l’affermazione del principio di legalità ed effettività della pena, costituiscono un sicuro deterrente per future azioni di violazione alla pianificazione ed alla integrità del territorio.

A conferma di tale dato, l’Ufficio Demolizione della Procura della Repubblica di Foggia ed alcuni Enti Locali registrano un notevole incremento delle demolizioni spontanee da parte dei soggetti condannati (si richiama, ad esempio, l’intervento di abbattimento di undici strutture prefabbricate in alluminio realizzate sul suolo del comune di Vieste, eseguito in autonomia del responsabile dell’abuso, il giorno dopo le demolizioni sopra descritte). La fase esecutiva delle predette attività di demolizioni è stata resa possibile dai servizi di ordine e di sicurezza pubblica opportunamente predisposti da numerose forze dell’ordine intervenute in loco; il riferimento è, in particolare, al personale del Commissariato P.S di San Severo, dell’ Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Locale e della Capitaneria di Porto – Guardia costiera di Manfredonia.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Lucatelli arredamento

Libro & disco della settimana

06 Luglio 2020 - 11:27:42

IL DISCO DELLA SETTIMANA/ NORAH JONES Pick me up...

Dopo un esordio di enorme successo spes­so ci si perde per sempre. Ma qualche volta, come nel caso di Norah Jones diventata cele­bre nel 2002 con lo «smooth jazz» di Come away…

Statistiche di accesso

Ora online:

31
Visitatori

Sabato, 11 Luglio 2020 01:23

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -