banner_Edicola Mastromatteo

Articoli filtrati per data: Sabato, 01 Agosto 2020

Nei giorni scorsi, i Carabinieri di Vico del Gargano, collaborati dallo Squadrone Eliportato Cacciatori “Puglia” e dalla motovedetta di Manfredonia, nell’ambito di mirata attività di Polizia Giudiziaria, hanno effettuato diverse perquisizioni alle Isole Tremiti per la ricerca di armi e stupefacenti.

Deferito in stato libertà un 45enne del luogo con precedenti di polizia, trovato in possesso di 13 grammi di marijuana ed effettuata una sanzione amministrativa a un 20enne incensurato domiciliato per lavoro sull’arcipelago, trovato in possesso di 1 grammo di cocaina.

Sempre alle Isole Tremiti, un 76enne ivi domiciliato con precedenti di polizia ma residente a Milano, è stato deferito per violazione art.38 del T.U.L.P.S. e art. 20 bis della Legge 110/1975, in quanto trovato in possesso di arma e munizionamento, senza averne comunicato all’autorità preposta lo spostamento dal luogo residenza al suo effettivo domicilio.

Pubblicato in Cronaca

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi  sabato 1 agosto 2020 in Puglia, sono stati registrati  1832 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 20 casi positivi: 4 in provincia Bari ed 12 in provincia di Foggia, 4 in  provincia di Lecce. Fortunatamente non si registrano decessi. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 241836  test.

3967  sono i pazienti guariti.

112 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4631 così suddivisi:

1.508 nella Provincia di Bari

382 nella Provincia di Bat

671 nella Provincia di Brindisi

1198 nella Provincia di Foggia;

561 nella Provincia di Lecce;

281 nella Provincia di Taranto;

30 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno  attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 01-08-2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/ZWewx

“Le persone risultate positive al Covid19 nelle ultime 24 ore in provincia di Foggia- dichiara  il direttore dell'ASL Vito Piazzolla - isi trovavano già in isolamento domiciliare in quanto erano a loro volta entrate in contatto diretto con casi positivi. Questo significa che il lavoro di contact tracing dei dipartimenti di prevenzione delle Asl e l’attività di sorveglianza attiva per chi si trova in isolamento domiciliare sta limitando al massimo la diffusione del contagio. In provincia di Foggia allo stato sono stati circoscritti tre focolai e messi sotto controllo”.

Pubblicato in Notizie
Sabato, 01 Agosto 2020 17:10

Battiti live 2° puntata: Renga a Vieste

Il Radionorba Vodafone Battiti Live torna in tv per la seconda puntata. Domani, domenica 2 agosto, sarà in onda su Telenorba, Radionorba e Radionorba Tv, e lunedì 3 agosto su Italia 1. Battiti, lo ricordiamo, è il primo evento a riportare la musica live in televisione ed unico appuntamento tv dell’estate musicale italiane. L’appuntamento è poco dopo le 21 e andrà in onda anche in streaming su radionorba.it e norbaonline.it e on demand su Mediaset Play. Sarà possibile seguire l’evento anche attraverso i social di Radionorba, con l’hastag #battitilivetogether.

Sul main stage di Otranto saliranno Piero Pelù, Nek, Fedez, Bugo, Ermal Meta, The Kolors, Baby K, Annalisa, Fred De Palma, Mr Rain e due giovanissime, Cara che canterà in coppia con Fedez “Le feste di Pablo”, e Anna, autentico fenomeno rap, che sta spopolando con la sua “Bando”.

Protagonisti delle esibizioni on the road saranno, invece, Alessandra Amoroso e i Boomdabash dal castello di Mesagne, città di origine della formazione salentina,  e Francesco Renga nella cornice mozzafiato del trabucco di Vieste.

Il Radionorba Vodafone Battiti Live è condotto dal direttore artistico Alan Palmieri e da Elisabetta Gregoraci. La regia televisiva è firmata da Luigi Antonini. La webstar Mariasole Pollio metterà in contatto gli artisti del main stage di Otranto con il gruppo di ascolto presente in spiaggia a Monopoli.

Anche quest’anno il Radionorba Vodafone Battiti Live, in collaborazione con Unione Europea, Regione Puglia e Pugliapromozione, all’insegna della campagna “Puglia, Riparti dalla Meraviglia”, è affiancato da brand italiani ed internazionali di primissimo piano a partire dal title sponsor Vodafone ed inoltre, Maxibon, Carta Wow, Grana Padano, Gruppo Caffo 1915, Expert, Rilastil e Massigen, Supermercati Dok e Famila, Acqua Amata. Hair Sponsor ufficiale: Matrix e Redken, make up stylist Cesvim Academy.

Pubblicato in Spettacolo

Tre coltivazioni di canapa indiana, per circa 4.200 piante in località Bosco Rosso, al confine tra San Nicandro Garganico e San Marco in Lamis, sono state poste sotto sequestro dalla Guardia di Finanza di Foggia.
 

I militari hanno estirpato e poi distrutto 2.500 piante di cannabis indica e 1.700 di cannabis sativa, tutte in fase di piena fioritura, mature per essere sottoposte alla successiva fase di essiccazione, che avrebbe reso centinaia di migliaia di dosi da spacciare sulle piazze del Gargano.
    I mancati guadagni per l'organizzazione criminale sono stati stimati tra i 2,5 - 3 milioni di euro. Sono in corso accertamenti per individuare i responsabili delle coltivazioni illegali.

Pubblicato in Cronaca

Nel tardo pomeriggio di ieri un mega yacht ha gettato l’ancora accanto al molo turistico di Vieste attirando su di sé l’attenzione (e l’invidia) di tantissima gente. Di una bellezza sfavillante e dalle dimensioni imponenti, il “Touch me” è uno tra i più grandi yacht mai attraccato nel porto viestano: lunga 44 metri e larga 8, l’imbarcazione battente bandiera italiana è stata costruita quest’anno ed è giunta a Vieste dopo aver fatto approdo nei porti croati di Trogir, Vela Luka e Dubrovnik.

Massimo riserbo sul nome del facoltoso proprietario e dei suoi compagni di viaggio.

20200801 mega yacht 2

Pubblicato in Turismo

Manfredonia sempre più città dello sport con atleti del passato e del presente che si mettono in gioco, ognuno con i propri mezzi e proprie possibilità, ognuno è una risorsa per l'altro e per il gruppo che cresce non solo numericamente ma anche qualitativamente diventando un punto di riferimento per altri che si vogliono sperimentare nelle acque libere del Golfo di Manfredonia la mattina alle 6.30 in acqua all'Isola che non c'è.

Manfredonia sempre più città dello sport con diverse modalità e gruppi che invogliano a mettersi in gioco e a sperimentarsi gradualmente con fiducia e resilienza. Che succede a Manfredonia? È facile imbattersi in qualcuno che fa sport e che ti invoglia a fare un'uscita in compagnia, soprattutto se si tratta di un campione come Filippo Castriotta, meglio conosciuto come "Il pirata del Gargano" per i suoi trascorsi in bici sfidando i campioni del ciclismo locale e ora fortissimo ultrarunner già sul podio di due 100km a Torino e nel Gargano.

E vuoi mettere una location come la città di Manfredonia alle porte del Gargano tra mari e porti, al tramonto? Questi sono i regali dello sport.
Lo sport permette di sperimentare sia benessere che performance, fa rincontrare vecchi amici e ne fa conoscere nuovi amici, fa conoscere nuovi luoghi e nuove culture, fa apprezzare luoghi e persone. Lo sport abbatte barriere culturali e generazionali, avvicina persone, paesi, popoli, rende liberi. Non c'è un età per iniziare o per smettere, se sei stanco puoi rallentare.

Il treno dello Sport raccoglie gente e le porta in giro per allenamenti e gare, per faticare e divertirsi insieme, per sperimentarsi e mettersi in gioco, condividere partenze, percorsi e arrivi. Questo è lo sport che vogliamo, uno sport che rende felici nonostante la fatica.

Conosci la Puglia? Il Gargano? Manfredonia? Lo sport diventa un treno che ti porta in giro per continenti, nazioni, città e paesi per sperimentare fatica e condivisione, per incontrare gente e approfondire la conoscenza di se stessi e degli altri. Non c’è un momento preciso per salire sul treno dello sport, è sempre il momento per provare, per iniziare; non c'è un’età per smettere ma è importante ascoltare le proprie sensazioni e apprendere sempre dall'esperienza. Il treno dello sport a volte passa e bisogna farsi trovare pronti e decisi per prenderlo al volo e lasciarsi trasportare per strade, ville, parchi, monti, mari e spiagge.

Lo sport avvicina persone e incrementa consapevolezza corporea, mentale, amorevole e ludica, apprendendo sempre dall'esperienza trasformando errori in perle preziose e utili.

Nella vita prima o poi lo trovi uno Sport che fa appassionare, fa mettere in gioco, fa sperimentare benessere e performance. Lo sport permette di far parte di una squadra che segue obiettivi condivisi, fa condividere allenamenti e gare, trasferte e viaggi.

Non c’è un’età per iniziare o per cambiare uno sport, importante è quello che si sperimenta e a volte le sensazioni e le emozioni sono ricche e intense. Lo sport è una palestra di vita, una modalità per sperimentarsi e mettersi alla prova, un’opportunità per apprendere dall’esperienza e portare a casa sempre insegnamenti.

Lo sport permette di sperimentare tanto, dalla fatica negli allenamenti e nelle gare alle soddisfazioni per essere riuscito a raggiungere propri obiettivi. Si impara a conoscere la vita come ciclica, tensione e rilassamento, fatica e gioia, sconfitte e vittorie, seguendo proprie direzioni che portano a mete e a raggiungere obiettivi difficili e sfidanti ma raggiungibili, cercando di trasformare sogni in realtà.

Sali in carrozza, la carrozza dello Sport, fatti trasportare e coinvolgere, contribuisci a spingere la carrozza con la tua volontà e le tue forze, segui un coach o un atleta più esperto o diventa il coach di te stesso, non aspettare il momento migliore, non rimandare, è ora il momento. All’inizio può bastare anche un solo minuto al giorno, il resto viene da sé, sperimentando sempre più benessere e performance.

Lo sport diventerà la tua vera zona di comfort, fidati. È importante lavorare su obiettivi, sul superare errori e sconfitte, si impara da tutto ciò che succede e si può fare meglio in futuro come individui e come squadra conoscendosi meglio. Si impara sempre dall’esperienza, l’importante è mettersi in gioco, uscire dalla zona di comfort, solo mettendosi in gioco e facendo esperienza ci possono essere i presupposti per far meglio e conoscersi meglio, la prossima volta si potrà fare diversamente, migliorando. Solo chi fa sa.

Lo sport che vogliamo è competitivo ma non aggressivo; uno sport dove si rispetta sé stessi e gli altri, dove si può sperimentare uno spirito di squadra accogliente e rispettoso dove c’è posto per tutti e ognuno apporta il proprio importante contributo; uno sport dove la fatica e l’impegno vengono ripagati con riconoscimenti e attestati di stima e di rispetto.

Lo sport che vogliamo è lo sport che ci permette di metterci in gioco apprendendo dall’esperienza; uno sport dove si sperimentano sensazioni ed emozioni; uno sport che fa ritornare a casa soddisfatti e contenti. Lo sport è un mondo dove si può scaricare tensione, dove ci si può mettere alla prova, dove puoi sentire il tuo corpo, dove ti puoi testare, dove c’è un percorso, un inizio e una fine, come nella vita, dove trovi tanti compagni di viaggio lungo percorsi sconosciuti, un mondo dove si attraversano ansie, tensioni, paure, stanchezza, incredulità, gioia, precarietà: niente è stabile, niente è per sempre.

Pubblicato in Sport

Con 230 eventi, più di 40 attività esperienziali, oltre 100 tra alberghi e ristoranti, “Gargano e Daunia" - il "contenitore" che prende il nome dal brand della Regione Puglia - si conferma il miglior successo di integrazione territoriale tra tutti i tentativi messi in atto fino ad oggi per realizzare un sistema turistico integrato nella Provincia di Foggia.

In questo periodo, associazioni, proloco, ma soprattutto le guide turistiche, sono diventati i veri ambasciatori dello “stare insieme” sul territorio, contribuendo a innescare un circuito virtuoso che vede coinvolti una serie di attori economici e sociali.

Un fattore questo che si è riscontrato osservando all’interno della piattaforma “Gargano e Daunia” la presenza crescente di aziende agroalimentari - come ad esempio l’eccellenza rappresentata da RossoGargano – che in questi anni si sono trasformate in vere portavoce di un intero sistema contribuendo a favorire l’integrazione tra turismo esperienziale, ambito culturale e settore enogastronomico.

Un successo meritato grazie al lavoro e alla professionalità del team di progetto che è dietro a “Gargano e Daunia” e all’operazione di restyling del sito internet e della App, oggi sicuramente più ricca di informazioni e dati (il sito può contare su un archivio tra i più corposi e completi tra i quelli pubblici e privati oggi a disposizione, ndr) e più accattivante e fruibile da un punto di vista stilistico.

Altro punto di forza è l’applicazione del metodo BOTTOM-UP (dal basso) ossia la possibilità da parte degli associati pro loco associazioni, comuni, guide turistiche, ristoranti e albergatori di inserire autonomamente attività ed eventi, facilitando l’aggiornamento continuo del flusso di informazioni.

Ma, come lo stesso Team sottolinea, il reale valore aggiunto di tutta l’operazione sta nel permettere ai clienti di poter contare su un’organizzazione unica e con un unico brand, consolidando il concetto di sistema integrato, ormai metabolizzato anche dalle nostre aziende. Una dimostrazione che rispondere concretamente e positivamente alle sollecitazioni arrivate in questi anni dalla Regione Puglia e dall’Assessorato al Turismo, purtroppo con scarsi successi, è possibile e altamente proficuo per il territorio.

Pubblicato in Turismo

“Questa terra è CASA NOSTRA” è il grido che vogliamo continuare a lanciare il 9 agosto, presso la stazione di San Marco in Lamis, a partire dalle ore 8.00, sottolineando e rilanciando la bellezza come strumento per contrastare la violenza.

Sono passati tre anni dalla strage mafiosa in cui Luigi e Aurelio Luciani, cittadini e lavoratori esemplari, hanno perso la vita. In questi tre anni, di certo, non è passata la disperazione e la rabbia che ha colto senza preavviso la famiglia di Luigi e Aurelio e la cittadinanza intera. Allo stesso modo non è passato il desiderio di verità e di giustizia portato avanti con l’impegno profuso dai familiari, dalle organizzazioni cittadine e provinciali riunitesi nel presidio di Libera San Marco in Lamis.

E’ necessario consolidare ancor di più l’impegno civico per contrastare le organizzazioni mafiose, richiamare cittadine e cittadini, soprattutto giovani, all’importanza di creare e rinsaldare il senso di comunità, di appartenenza alla nostra terra e difenderne luoghi, principi, storie, tradizioni.

Questo giorno, per noi, non è pura e semplice celebrazione e ci invita a rinsaldare la consapevolezza che serve per creare memoria collettiva e identitaria sulla vicenda umana che oggi ricordiamo, al fine di costruire una casa degna di essere abitata dalle nostre figlie e dai nostri figli.

La commemorazione con la deposizione delle corone e la celebrazione eucaristica sarà svolta nel rispetto del distanziamento sociale.
La cittadinanza è invitata.

Pubblicato in Manifestazioni

Pubblicato in Turismo
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Libro & disco della settimana

Statistiche di accesso

Ora online:

82
Visitatori

Giovedì, 06 Agosto 2020 12:08

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -