Articoli filtrati per data: Martedì, 15 Settembre 2020

Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 15 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 4.677 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 76 casi positivi: 34 in provincia di Bari, 5  in provincia BAT, 26 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 10 in provincia di Taranto.

E’ stato registrato 1 decesso in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 356.216 test.

4.237 sono i pazienti guariti.

1776 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 6.586, così suddivisi:

2.521 nella Provincia di Bari;

525 nella Provincia di Bat;

741 nella Provincia di Brindisi;

1.555 nella Provincia di Foggia;

723 nella Provincia di Lecce;

470 nella Provincia di Taranto;

50 attribuiti a residenti fuori regione;

1  provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 15.9.2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/zpgzv

        

DICHIARAZIONI DEI DG DELLE ASL:

Dichiarazione del Dg Asl Bari, Antonio Sanguedolce: “Nella giornata odierna il Dipartimento di Prevenzione ha registrato 34 nuovi positivi al virus Sars-Cov2. Le positività riscontrate riguardano 23 contatti stretti collegati a casi già isolati e sottoposti a sorveglianza, 1 rientro dalla Grecia, 1 dall’Egitto, 2 dal Trentino e 7 casi sui quali sono in corso le opportune verifiche epidemiologiche”.

Dichiarazione del Dg Asl Bt, Alessandro Delle Donne: “Sono 5 i casi registrati oggi nella Provincia Bat. Su 3 casi sono in corso le indagini epidemiologiche del Dipartimento di Prevenzione mentre gli altri casi mentre altri due sono certamente riconducibili a casi positivi registrati nei giorni scorsi”.

Dichiarazione del Dg della Asl Foggia, Vito Piazzolla: “Nelle ultime 24 ore in provincia di Foggia sono stati registrati 26 nuovi casi di persone positive al COVID 19. Si tratta di: 15 contatti di casi già noti; 8 persone sintomatiche; 2 persone individuate durante l'attività di screening di pre-ricovero; 1 rientro dalla Spagna”.

Dichiarazione del Dg Asl Lecce, Rodolfo Rollo: “Il caso registrato oggi dal Dipartimento di prevenzione riguarda un residente in provincia di Lecce sottoposto a tampone di screening al momento dell’accesso al pronto soccorso in cui era giunto per altre patologie”.

Dichiarazione Dg Asl Taranto, Stefano Rossi: “Dei 10 casi positivi Covid a Taranto alcuni sono attribuibili a pazienti visitati dal triage dei medici di medicina generale; altri da contatti, con congiunti positivi, appartenenti al gruppo di lavoratori impegnati in una azienda della provincia di Bari; due sono turisti del nord in vacanza presso una località balneare Jonica”.

Pubblicato in Coronavirus

La Regione Puglia, i Comuni di Vieste, Peschici, Manfredonia, Rodi Garganico, Vico Garganico, Termoli, Vasto, Legambiente, Italia Nostra e il WWF impugneranno, davanti al TAR del Lazio, il decreto del Ministro dell’Ambiente e dei Beni Culturali che autorizza l’inizio delle attività petrolifere nel basso Adriatico. Lo riporta abruzzo.cityrumors.it. 

Per Maria Rita D’Orsogna, Docente al Dipartimento di Matematica della California State University a Northridge, “sussiste parallelamente una concessione del tutto simile, la d507, con cui la Petroceltic intende iniziare attività esplorativa con l’obiettivo finale di estrarre idrocarburi al largo delle costa di Pescara, Montesilvano e Francavilla.

Colpisce molto la differenza fra l’attivismo delle amministrazioni del basso Abruzzo, Molise e Puglia rispetto al quasi totale silenzio di quelle del pescarese di fronte a questa nuova minaccia per la salute, per il turismo e per la pesca, e come sempre colpisce il silenzio assordante della Regione Abruzzo sul tema petrolio”.

statoquotidiano.it

Pubblicato in Ambiente

La Compagnia Carabinieri di Vico del Gargano, per proteggere la comunità garganica dagli spacciatori di droga e contrastare il fenomeno dell’uso degli stupefacenti, che conduce ad essere “ostaggi” della rete delle dipendenze, pone sempre un notevole impegno nell’individuazione dei venditori di droga e dei coltivatori di cannabis, alla continua ricerca di nuovi consumatori.

Una serie di mirati servizi per la costante osservazione del territorio da parte dei Carabinieri ha consentito, nelle ultime settimane, di individuare alcuni spacciatori, di monitorare i loro spostamenti ed identificare i possibili “clienti”.

Delineato il momento giusto per intervenire, i Carabinieri di Rodi Garganico, Vico del Gargano ed Ischitella, contemporaneamente e coordinando i blitz, sottoponevano a perquisizione i sospettati trovandoli in possesso di considerevoli quantità di marijuana e di alcune piante di cannabis.

In particolare, a Carpino, i Carabinieri del Nucleo Operativo del NORM della Compagnia di Vico del Gargano e della Stazione CC di Carpino fermavano a bordo della sua auto un 59enne rodiano con precedenti di polizia, che, sottoposto a perquisizione personale e domiciliare, veniva trovato in possesso di 20 grammi di marijuana occultata negli slip e 120 euro frutto dello spaccio, mentre a casa è risultato detenere un bilancino elettronico di precisione, il materiale per il confezionamento in dosi ed ulteriori 50 grammi di marijuana occultata nel frigorifero.

Immediato il sequestro della droga e l’arresto dello spacciatore che, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, veniva trattenuto agli arresti domiciliari.

Intanto i Carabinieri di Rodi Garganico deferivano in stato di libertà un 33enne del luogo, con precedenti di polizia, che in casa teneva nascosti sotto il lavandino della cucina 40 grammi di marijuana, mentre, contemporaneamente, i Carabinieri di Ischitella nel perquisire l’abitazione di un incensurato del posto, dal “pollice verde”, lo trovavano intento a curare la crescita di quattro piante di cannabis di un metro di altezza.

Immediato, anche in questo caso, il sequestro dello stupefacente e delle rigogliose piantine.

Pubblicato in Cronaca

A seguito della sentenza su Bitonto e Picerno della corte d'appello federale, il consiglio della Figc ha approvato oggi le ammissioni per scorrimento di classifica di Foggia e Bisceglie in Serie C.

Pubblicato in Sport

Cari amici,

BENTROVATI!

Buon anno pastorale e buona ripresa delle attività in compagnia di VOCI e VOLTI che nell’attuale orizzonte in cui la Chiesa guarda sempre più ad extra declina la sua “mission”, sforzandosi di essere sempre più luogo di riflessione e confronto, incontro e approfondimento, ascolto e conoscenza del territorio: elementi fondamentali per far conoscere la vitalità della nostra Chiesa del Gargano.

Ci spendiamo con la passione di sempre dentro i contesti che amiamo, ben sapendo che abbiamo tra le mani un “tesoro” composto da due cose: carta e riflessioni. Il segreto sta nel riempirle entrambe dei contenuti e dei valori della “Buona Notizia”, mai tramontanti e pieni di quell’umanesimo che vogliamo condividere con gli altri.

Buona lettura

dr Alberto Cavallini, direttore di VOCI e VOLTI 

Pubblicato in Società

I Finanzieri del Comando Provinciale di Foggia, nell’ambito di attività finalizzate al controllo della spesa pubblica nazionale, hanno scoperto 30 soggetti che hanno percepito il Reddito di Cittadinanza pur non avendone diritto perché detenuti in carcere o perché con familiari detenuti.

La concessione del sostegno economico quale misura di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale è subordinata ad una serie di requisiti reddituali e patrimoniali nonché di compatibilità che i nuclei familiari devono possedere cumulativamente al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell'erogazione del beneficio. Tra i requisiti di compatibilità, il legislatore ha previsto, tra gli altri, la mancata sottoposizione a misure cautelari personali di chi ne fa richiesta. Se ad essere sottoposto a detenzione è invece un componente del nucleo familiare del richiedente, allora il sostegno economico è ridotto secondo parametri prefissati in norma.

Partendo da tale precetto, i Finanzieri della Compagnia di San Severo, hanno passato al setaccio la posizione di n. 169 soggetti che dall’entrata in vigore del provvedimento sono stati associati presso una casa circondariale della capitanata. È così emerso che n. 30 soggetti hanno indebitamente percepito il Reddito di Cittadinanza perché: in 3 hanno presentato direttamente la domanda per ottenere il beneficio mentre erano in stato di detenzione carceraria; in 12 non hanno comunicato l’intervenuta carcerazione; 6 familiari di detenuti, omettendo di indicare nelle istanze per il beneficio la condizione detentiva del componente del proprio nucleo familiare, sono riusciti ad ottenere un sostegno economico senza riduzioni; 8 familiari non hanno comunicato l’intervenuta carcerazione del familiare, continuando a percepire indebitamente il sussidio in forma piena; 1 posizione ha riguardato l’allontanamento dalla casa familiare, su ordine dell’Autorità giudiziaria, di un componente di un nucleo familiare destinatario del sussidio.

Tra i detenuti scoperti dalla Guardia di Finanza, i cui nuclei familiari hanno percepito il Reddito di Cittadinanza, figurano soggetti sottoposti a misura detentiva per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, tentato omicidio, rapina, evasione.

Tutte le posizioni illecite fatte emergere dai Finanzieri sono state segnalate all’INPS per la revoca e il recupero del beneficio economico nonché denunciate alla Procura della Repubblica di Foggia per l’esercizio dell’azione penale a carico di chi ha fornito dichiarazioni false e omesso informazioni dovute in sede di richiesta del Reddito di cittadinanza.

L’importo complessivo delle somme indebitamente elargite dall’INPS, e di cui si è proposto il recupero, ammonta a circa 200 mila euro.

I risultati ottenuti nello specifico settore qui riportati testimoniano l’approccio multidisciplinare e trasversale dell’attività istituzionale del Corpo e l’attenzione particolare a contrastare fenomeni, come quello portato alla luce che, attraverso l’accesso a benefici assistenziali da parte di chi non ne ha titolo, non solo generano un danno immediato per la casse pubbliche, ma drenano risorse che potrebbero essere impiegate per altre finalità ed utilità sociali a favore di coloro che ne hanno effettivamente diritto e bisogno.

Pubblicato in Cronaca

Sono aperte le iscrizioni al Servizio comunale di Scuolabus, dedicato agli alunni frequentanti la scuola Primaria e Secondaria di 1° grado.

I genitori interessati dovranno compilare l’apposito modulo, scaricabile da questo sito ed allegato alla presente, e presentarlo con allegata copia della dichiarazione ISEE – relativa ai redditi 2019 -, copia del documento di riconoscimento del firmatario dell’istanza, e ricevuta del versamento della quota abbonamento, la cui somma è desumibile dallo stesso modulo di iscrizione.

La richiesta dovrà essere presentata, in via telematica all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure direttamente presso il servizio di portineria del Palazzo di Città, entro venerdì 25 settembre 2020.

Il testo integale del'avviso e il modulo per presentare la domanda sono scaricabili a questo link: SERVIZIO SCUOLA BUS ANNO SCOLASTICO 2020/2021

Pubblicato in Società

Con Atto del Dirigente della Sezione Istruzione e Università n.83 del 7 settembre 2020 è stato adottato l’Avviso straordinario per l’accesso al contributo relativo alla fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo da parte degli studenti e studentesse delle scuole secondarie di 1^ e 2^ grado, appartenenti a nuclei familiari con soglia ISEE entro il limite di 10.632,94 euro, e che non abbiano presentato istanza con il precedente Avviso.

La presentazione delle istanze on line sulla piattaforma www.studioinpuglia.regione.puglia.it è possibile fino alle ore 14:00 del 30 settembre 2020.

Pubblicato in Società

Anche quest’anno a Mattinata sono stati organizzati i festeggiamenti in onore della Madonna della Luce. Durante i giorni della ricorrenza non mancheranno i segni della festa, seppur in tono dimesso e con limitazioni di programma rispetto agli anni precedenti.

Non ci sarà la tradizionale processione del 16 settembre per le vie cittadine, ma il 15 settembre, giorno della Solennità sarà celebrata, su Piazza Santa Maria della Luce, la Santa Messa con inizio alle ore 19.00, presieduta dall’Arcivescovo Padre Franco Moscone con l’uscita dell’Icona della nostra Patrona Santa Maria della Luce.

Le celebrazioni eucaristiche saranno altresì effettuate il giorno 15 alle ore 11.00 officiata dal Parroco Don Luca Santoro, il giorno 14, officiata dal CanonicoDon Stefano Mazzonee il giorno 16, officiata dall’Arcivescovo Emerito Mons. Domenico D’Ambosio.Le manifestazioni civili saranno caratterizzate dalle luminarie lungo il corso principale e il viale della chiesa, con accensione dalle ore 19.00 del giorno 13 settembre. Durante i giorni dei festeggiamenti, gireranno per le vie cittadine i complessi bandistici: città di Manfredonia il giorno 14; città di San Severo il giorno 15 e città di Mattinata il giorno 16.

Il Comitato Festa ringrazia la Commissione Straordinaria, la popolazione, i commercianti, le aziende e tutti coloro che hanno reso possibile i festeggiamenti, ricordando ai partecipanti di rispettare le norme ANTI-COVID.

                                                                                                                      Comitato Festa Patronale

FUNZIONI RELIGIOSE

6 - 14 SETTEMBRE

Solenne novena in onore di Santa Maria della Luce


ore 18.00 - Celebrazione della Penitenza


ore 18.15 - Rosario comunitario meditato - NOVENA e LAUDA alla Madre della Vera Luce


ore 19.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA


6 SETTEMBRE

ore 08.00 - 10.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA


ore 19.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA discesa dell'icona di "Santa Maria della Luce"


13 SETTEMBRE

ANNIVERSARIO della DEDICAZIONE della CHIESA ABBAZIALE - PARROCCHIA "Santa Maria della Luce"


ore 07.30 - Rosario comunitario meditato


ore 08.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA


ore 11.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA


ore 18.00 - Rosario comunitario meditato - NOVENA e LAUDA alla Madre della Vera Luce


ore 18.45 - Solenni Vespri in canto


ore 19.00 - SOLENNE CONCELEBRAZIONE EUCARISTICA presieduta dal M. R. Abate Can. don Francesco LA TORRE Parroco Arciprete emerito


14 SETTEMBRE

Giornata di Solidarietà Missionaria Parrocchiale


ore 18.00 - Rosario comunitario meditato


ore 18.45 - Solenni Primi Vespri in canto


ore 19.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA presieduta dal M. R. Can. don Stefano MZZONE Vicario Generale dell'Arcidiocesi


15 SETTEMBRE

SOLENNITA' LITURGICA di "STANTA MARIA DELLA LUCE"


ore 07.30 - Rosario comunitario meditato


ore 08.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA


ore 11.00 - SOLENNE CELEBRAZIONE EUCARISTICA presieduta dal M. R. Abate don Luca SANTORO Parroco Arciprete di Mattinata


ore 18.00 - Rosario comunitario meditato


ore I8.45 - Solenni Secondi Vespri in canto


ore 19.00 - SOLENNE CONCELEBRAZIONE EUCARISTICA nella piazza "Santa Maria della Luce" presieduta da Sua Ecc. Rev.ma l'Arcivescovo Mons. Franco MOSCONE animata in canto polifonico dalla Schola Cantorum parrocchiale.

Presenti le Automa Cittadine e il Comitato Festa Parrocchiale.


ore 20.30 - MUSICAL "Serenata a Maria" di Carlo Tedeschi a cura dell'associazione "Dare"


16 SETTEMBRE

ore 07.30 - Rosario comunitario meditato
ore 08.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA


ore 11.00 - CELEBRAZIONE EUCARISTICA


ore 18.00 - Rosario comunitario meditato


ore 18.45 - Solenni Vespri in canto


ore 19.00 SOLENNE CONCELEBRAZIONE EUCARISTICA presieduta da Sua Ecc. Rev.ma Mons. Domenico D'AMBROSIO, Arcivescovo emerito di Lecce


Nei giorni della Festa Patronale la Chiesa rimane aperta fino alle ore 24.00

"MANIFESTAZIONI CIVILI"

13 SETTEMBRE

ore 08.30 - Durante tutta la mattinata presso il poliambulatorio ASL momento di solidarietà AVIS (donazione sangue)


ore 19.00 - Accensione delle luminarie della Soc. Coop. F.lli Carlone di Lucera


14 SETTEMBRE

ore 07.00 - Apertura dei festeggiamenti con sparo dei tradizionali 21 colpi di cannone e suoni di campane


ore 08.30 - Giro per le vie cittadine del Complesso Bandistico Città di Manfredonia (Fg)


ore 17.30 - Giro per le vie cittadine del Complesso Bandistico Città di Manfredonia (Fg)


15 SETTEMBRE

ore 08.30 - Giro per le vie cittadine del Complesso Bandistico Città di San Severo (Fg)


ore 17.30  - Giro per le vie cittadine del Complesso Bandistico Città di San Severo (Fg)


16 SETTEMBRE

ore 08.30 - Giro per le vie cittadine del Complesso Bandistico Mattinata (Fg)


ore 17.30 - Giro per le vie cittadine del Complesso Bandistico Mattinata (Fg)

Pubblicato in Manifestazioni

 L’Osservatorio nazionale dei paesaggi rurali, nella riunione di mercoledì 9 settembre, ha favorevolmente esaminato la candidatu­ra del paesaggio storico rurale del feudo Belvedere, per la quasi to­talità appartenente al patrimonio della Asp Zaccagnino, di San Nica­ndro Garganico.

La candidatura è stata pre­sentata nell’occasione dalla pres­idente Patrizia Lusi, accompagna­ta dal direttore generale Augusto Ferrara e dall'archeologo Feliciano Stoico, che ha redatto il relativo dossier e lo ha illustrato all’Osser­vatorio mettendone in rilievo pecu­liarità e valenze.

Dopo l’annuncio del positivo esame della candidatura, la direzi­one ministeriale preposta ha comunicato l’avvenuto inserimento del feudo Belvedere sul sito istituz­ionale della Rete rurale nazionale, in attesa dell’emanazione del con­seguente decreto di iscrizione nel Registro Nazionale.

Si tratta di un auspicato ed importantissimo riconoscimento, fortemente voluto dalla presiden­te dell’Asp Patrizia Lusi, che è ri­uscita così a portare a compimen­to il primo ed essenziale passo di un protocollo di intesa sottoscrit­to il 10 febbraio 2017 tra la stessa Zaccagnino, che ha assunto il ruo­lo di ente capofila, l’Ente Parco Na­zionale del Gargano, l’Università di Foggia - Dipartimento di Scien­ze Agrarie, e i Comuni di San Nicandro Garganico, Apricena, Lesi­na e Poggio Imperiale.

Il feudo Bel­vedere rappresenta “un anfiteatro naturale con un ampio confine vi­sivo sul lago di Lesina e, a coro­na, il sistema dei pendìi arborati che conducono all’altopiano carsi­co dell’area più interna, attraverso valloni più o meno incisi e profon­di”; in un contesto caratterizzato dalle particolari formazioni pro­miscue di pascolo arborato per la presenza dell’olivo (ogliarola garganica), spicca l’allevamento bra­do della razza bovina podolica, in grado di fornire maggiore impul­so a filiere tradizionali le cui pro­duzioni (carne, latte e formaggi) sono oggi assai apprezzate (non­ché presidio del gusto riconosciu­to dall’associazione “Slow Food”).

La significatività dell’area, ricorda la Presidente Lusi, “è legata alla persistenza storica dell’impianto rurale del tenimento teutonico di Belvedere, che vede permanere in­tegra, per otto secoli, la struttura del fondo rustico attraverso gii el­ementi agrari che lo compongono continuando a privilegiare il pas­colo. L’elevato grado di conservazione si evince dalla conservazi­one di tutti gli elementi struttura­li (muretti a secco, aree di pasco­lo, cisterne, alberi monumenta­li, mulini, grangia monastica, cor­si d’acqua, cippi confinari) che fu­rono creati nel medioevo ed anco­ra oggi sono parte integrante del paesaggio del Feudo. Non di meno sono importanti i ruderi di Santa Maria di Selva la Rocca, testimoni­anza di un passato ancora vivo nel­la memoria delle comunità locali e da recuperare alla fruizione pub­blica come bene significativo del­la storia e della religiosità popo­lare.

Lusi ha sottolineato come questo riconoscimento debba es­sere uno sprone tra le istituzi­oni del territorio per agire in sin­ergia, e programmare le iniziative condivise successive a questo pri­mo traguardo. Solo così, ha rimar­cato, sarà possibile “l’effettiva val­orizzazione del sito, sotto i diver­si profili della valenza storica, ambientale, paesaggistica, della tute­la e fruizione dei beni archeologi­ci medievali legati alle vie dei pel­legrini e dei cavalieri teutonici”, e “cogliere ogni opportunità anche ai fini dello sviluppo di una economia sostenibile del territorio”, facendo risaltare adeguatamente gli aspetti agroturis­tici e puntando sulla ricer­ca scientifica legata all’ag­ricoltura per farli divenire attrattori di sviluppo.

Queste azioni, ha poi sottolin­eato Patrizia Lusi, “hanno bisogno del pieno coinvolgimento del terri­torio, nelle sue più ampie espres­sioni - aziende, associazioni, stu­diosi, semplici cittadini - per poter trasformare le potenzialità offerte in concrete occasioni di crescita e di consolidamento della qualità della vita”. A breve, ha infine an­nunciato la Presidente Lusi, “sarà convocato un incontro operativo di tutti i partner per delineare il per­corso futuro da compiersi nella di­rezione indicata”.

Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Libro & disco della settimana

Statistiche di accesso

Ora online:

60
Visitatori

Giovedì, 01 Ottobre 2020 10:51

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -