banner_Edicola Mastromatteo

Articoli filtrati per data: Mercoledì, 16 Settembre 2020

È in pieno svolgimento la campagna di screening destinata agli operatori scolastici della provincia di Foggia. Ad oggi, il Servizio Farmaceutico della ASL Foggia ha distribuito agli 8 Distretti Socio Sanitari e al Servizio di Igiene Aziendale oltre 13.000 kit per l’esecuzione dei test sierologici a cui si aggiungeranno altri 7.000 in distribuzione da domani.

Lo screening è rivolto a tutto il personale scolastico delle scuole pubbliche, statali e non statali, paritarie e private.

I test, che permettono di individuare la presenza di anticorpi al Coronavirus, sono su base volontaria e gratuita. Incaricati della somministrazione sono i medici di medicina generale.

Nonostante, su scala nazionale, molti medici non abbiano aderito all’iniziativa, in provincia di Foggia la partecipazione è stata massiccia attestandosi su una media del 78% con picchi del 100% nel Distretto Socio Sanitario di Vico del Gargano.

Nel Distretto di Troia-Accadia ha aderito all’iniziativa il 93% dei medici di famiglia; a San Severo il 91%; a Cerignola I’84%; il 77% nel Distretto Socio Sanitario di Foggia; il 71% in quello di Manfredonia; il 67% a Lucera; il 39% a San Marco in Lamis.

Per assicurare l’esecuzione del test al personale scolastico assistito dai medici di famiglia che non hanno aderito allo screening preventivo e agli operatori scolastici in servizio presso gli istituti privati paritari e quelli sprovvisti di medico di famiglia la Direzione della ASL Foggia ha organizzato un servizio integrativo (come di seguito dettagliato).

Coloro che dovessero risultare positivi ai test sierologici, saranno sottoposti a tampone per verificare se l’infezione è in corso oppure se si è manifestata in passato.

“Ringraziamo — dichiara il Direttore Generale della ASL Foggia Vito Piazzolla - i 381 medici di famiglia che hanno aderito all’iniziativa per la collaborazione che continuano a offrire in questo padicolare periodo di emergenza. Un plauso pa/Y/co/are, poi, va ai medici di Vico del Gargano la cui adesione è stata totale.

In questo periodo è fondamentale non abbassare la guardia. Mesi difficili che impongono a tutti un fode senso di responsabilità e spirito di servizio. Doti che i nostri medici hanno dimostrato aderendo all’iniziativa.

Grazie a loro e ai nostri operatori sanitari impegnati nella campagna di screening, la scuola, in provincia di Foggia, potrà partire in una condizione di maggiore controllo e sicurezza”.

1.Modalità di prenotazione per il personale scolastico assistito dai medici di famiglia che non hanno aderito allo screening preventivo

Chi non ha ancora effettuato il test, può prenotarsi contattando i Distretti Socio Sanitari di appartenenza ai seguenti recapiti:

Foggia: tel. 0881.884514;

Lucera: tel. 0881.884505;

Cerignola: tel. 0885.419349;

Troia-Accadia: tel. 0881.922032;

San Marco in Lamis: 0882.815716 (sede di San Marco in Lamis) e 0882.200144 (sede di San Giovanni Rotondo);

San Severo: tel. 0882.200000 (martedì, mercoledì e venerdì ore 9,00-12,00);

Manfredonia: tel. 0884.565913.

Nel Distretto Socio Sanitario di Vico del Gargano, come anticipato, non è stato necessario istituire un servizio aggiuntivo essendo stata registrata una adesione totale all’iniziativa da parte dei medici di famiglia.

Nel Distretto di Foggia sono state organizzate postazioni anche all’interno di alcuni istituti scolastici per consentire al personale di effettuare il test senza spostarsi.

  1. Modalità di prenotazione per gli operatori scolastici in servizio presso gli istituti privati paritari e quelli sprovvisti di medico di famiglia

È possibile prenotare l’effettuazione del test scrivendo alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (comunicando dati anagrafici, comune di residenza e numero di cellulare).

L’esame sarà effettuato presso una delle seguenti postazioni: Cerignola, viale G. Di Vittorio, n. 21;

Foggia, piazza Pavoncelli, n. 11; Lucera, via Trento, n.2; Manfredonia, via Barletta, n.1;

San Giovanni Rotondo, corso Roma, n.85; San Severo, via Teresa Masselli Mascia, n.28; Troia, via San Biagio, n.1;

Vico del Gargano, via Di Vagno, n.2/4.

Pubblicato in Sanità

Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 16 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 4.571 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 103 casi positivi: 51 in provincia di Bari, 4 in provincia di Brindisi; 11 in provincia BAT, 22 in provincia di Foggia, 9 in provincia di Lecce, 4 in provincia di Taranto, 2 fuori regione.

E’ stato registrato 1 decesso in provincia di Bari.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 360.787 test.

4.252 sono i pazienti guariti.

1.863 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 6.689, così suddivisi:

2.572 nella Provincia di Bari;

536 nella Provincia di Bat;

745 nella Provincia di Brindisi;

1.577 nella Provincia di Foggia;

732 nella Provincia di Lecce;

474 nella Provincia di Taranto;

52 attribuiti a residenti fuori regione;

1 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 16.9.2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/ftw6Z

^^^^^^^              

DICHIARAZIONI DEI DG DELLE ASL:

Dichiarazione del Dg Asl Bari, Antonio Sanguedolce: “Il Dipartimento di Prevenzione oggi ha rilevato 51 nuovi contagi. Le positività riguardano 31 contatti stretti collegati a casi isolati in precedenza e sottoposti a sorveglianza, 1 rientro dall’Australia e 19 casi sui quali sono in corso accertamenti epidemiologici”.

Dichiarazione del Dg Asl Brindisi Giuseppe Pasqualone: “Dei quattro positivi in provincia di Brindisi, due sono contatti stretti di un caso di altra Asl, uno è un cittadino straniero rientrato dalla Romania e l'ultimo riguarda una persona che si è sottoposta a tampone perché aveva manifestato sintomi collegabili al Covid”.

Dichiarazione del Dg Asl Bt, Alessandro Delle Donne: “11 sono i casi registrati oggi nella Bat. Su 8 sono in corso le indagini epidemiologiche a cura del Dipartimento di Prevenzione, mentre 3 casi sono riconducibili a un solo caso positivo registrato nei giorni scorsi”.

Dichiarazione del Dg della Asl Foggia, Vito Piazzolla: “I nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore in provincia di Foggia sono 22. Si tratta di:10 persone sintomatiche; 9 contatti stretti di casi già noti; 3 persone individuate durante l'attività di screening di pre-ricovero. Tutti sono stati presi in carico dal Servizio di Igiene aziendale che sta effettuando le relative indagini epidemiologiche”.

Dichiarazione del Dg Asl Lecce, Rodolfo Rollo: “La Asl di Lecce registra oggi 9 casi: 4 sono contatti di casi già noti, 2 hanno contratto l’infezione fuori regione, uno è un residente su cui sono in corso le indagini epidemiologiche, 2 sono casi noti relativi al mese di agosto inseriti oggi nel sistema di sorveglianza nazionale”.

Dichiarazione Dg Asl Taranto, Stefano Rossi: “Dei 4 casi di Covid rilevati nella provincia di Taranto, 2 riguardano contatti stretti di casi positivi già noti e sottoposti a sorveglianza, gli altri 2 riguardano giovani sottoposti a test”.

Pubblicato in Coronavirus

Mentre la cronaca nazionale ancora si trova a dare conto di episodi di violenza che vedono protagonisti gruppi di giovani che, a volte armati e sotto l'effetto di stupefacenti, rimangono coinvolti in risse con gravi conseguenze, i Carabinieri della Compagnia di Vico del Gargano, per scongiurare che le località turistiche del territorio non siano teatro di violenze ed illegalità, svolgono, in particolare nei fine settimana, numerosi servizi di vigilanza per la sicurezza della comunità garganica, per verificare il rispetto delle norme anticovid, contrastare il fenomeno dell’uso e dello spaccio degli stupefacenti, individuare gli illegali possessori di armi, arginare l’uso smodato di alcolici e accertare l’applicazione delle norme “salvavita” del Codice della Strada, che consentono di prevenire gli incidenti stradali e limitarne le conseguenze.

I Carabinieri, a tutela di turisti e residenti, anche nell’ultimo week end hanno vigilato in particolare sui luoghi dove si snoda la “movida”, e cioè dove è più forte il pericolo che gli eccessi portino ad un minor autocontrollo, dove gli abusi di alcolici ed il consumo di stupefacenti possono far degenerare anche delle banalità in episodi cruenti, anche per l'allarmante fenomeno, crescente tra i giovani, di portare con sè coltelli ed oggetti contundenti.

I Carabinieri di Vico del Gargano e delle Stazioni di Peschici e Rodi Garganico, sia divisa che in abiti civili, hanno quindi perlustrato le rispettive località marine dove, dopo aver individuato gli atteggiamenti sospetti di alcuni ragazzi, li hanno controllati, denunciandone poi cinque, già con precedenti di polizia, trovati in possesso di armi e droga.

Uno di questi è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico con 9 centimetri di lama, mentre dalle tasche di un secondo è spuntato addirittura un “tirapugni” di metallo. Immediati il sequestro delle “armi” e la denuncia per entrambi. Addosso ad altri tre ragazzi, invece, sono state trovate dosi di marijuana e cocaina, mentre una donna, con precedenti di polizia, è stata sanzionata per ubriachezza molesta.

Nell’ambito della sicurezza stradale, inoltre, nello stesso fine settimana i Carabinieri hanno elevato 35 contravvenzioni, con conseguente detrazione di punti dalle patenti di guida, riguardanti l’obbligo di indossare le cinture di sicurezza ed il casco protettivo.

La posizione dei soggetti denunciati verrà valutata anche ai fini dell’eventuale sottoposizione al provvedimento del foglio di via obbligatorio dalle località dove sono stati controllati.

Pubblicato in Cronaca

 «Abbiamo trasformato questo aeroporto nella base più importante della Protezione Civile italiana. Qui intorno sorgeranno imprese, sorgeranno tutte le attrezzature necessarie a fare di Foggia il punto di riferimento in caso di disastro di tutta l’area Sud Est dell’Unione Europea».

Lo ha detto il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano nel corso della cerimonia per la conclusione dei lavori di prolungamento della pista dell’aeroporto Gino Lisa di Foggia.

Lo scalo foggiano potrà essere utilizzato anche per i voli di linea, a tal riguardo Emiliano lancia: «un appello alle compagnie aeree, che hanno interesse ad utilizzare questo aeroporto, di prendere immediatamente più in fretta contatti con noi, anche perché sono previsti incentivi importanti per consentire a queste compagnie aeree di iniziare i voli di linea».

Poi Emiliano risponde alle polemiche con il candidato alla presidenza della Regione Puglia per il centrodestra Raffaele Fitto, in merito alla delibera CIPE del 2011. «Grazie all’amministrazione Vendola noi abbiamo ottenuto, come è evidente dalle delibera CIPE che non vengono formate su iniziativa dei ministri, ma vengono formate su iniziative delle Regioni e che chiedono i soldi al Governo e il Governo li mette a disposizione. Nessuno si può appropriare al Governo di una decisione del genere che viene dal proprietario dell’aeroporto che era la Regione Puglia e che all’epoca era rappresentata da Nichi Vendola».

Pubblicato in Economia

Un’intensa e capillare attività di controllo in materia di pesca è stata condotta nei giorni scorsi dagli uomini della Guardia Costiera di tutte le Capitanerie di porto della Puglia, coordinati dal 6° Centro di Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Bari, a seguito della quale sono state sequestrate tre tonnellate e mezza di prodotto ittico e comminate sanzioni per un ammontare totale pari a 88.000 euro.

Gli sforzi profusi dal personale della Guardia Costiera si sono concentrati oltre che alla repressione di eventuali fenomeni di pesca abusiva e non regolare anche all’ attività preventiva con effetti deterrenti finalizzati alla tutela della risorsa ittica a rischio.

La maggior parte delle sanzioni comminate hanno riguardato problemi concernenti alla tracciabilità del prodotto ittico ma non solo. I controlli posti in essere hanno permesso di accertare anche un caso di frode in commercio (pesce “pangasio” venduto come pesce “persico”) e la vendita e somministrazione di prodotti ittici scaduti.

In particolare nel solo Compartimento Marittimo di Manfredonia (da Zapponeta a Marina di Chieuti) sono stati effettuati nel corso dell’operazione complessa n°54 controlli e ispezioni presso diversi operatori del settore(ristoranti, pescherie e venditori ambulanti), sono state elevate n° 10 sanzioni amministrative pari ad un importo totale di circa 19.000 euro. Particolare attenzione è stata posta all’utilizzo di attrezzi da pesca non regolari, con il sequestro di ben 34 attrezzi non regolari.

Le attività di controllo continueranno anche nei prossimi giorni, al fine di garantire il rispetto di norme e regolamenti in materia di pesca.

Pubblicato in Cronaca

“2020, che anno, accidenti!” ... Gianni Rodari avrebbe forse scritto un verso simile in una sua poesia intorno a questo anno così singolare. Il maestro, di cui quest’anno ricorre il centenario della na­scita, avrebbe raccontato di mascherine e gomiti, di dolore e solitudini, di sospetto e ospedali, di lutti ma anche di rinascite, di canti, di speranza. La pandemia ci ha sor­presi tutti, ha mostrato la nostra piccolezza e fragilità, ma anche la nostra voglia di riscatto e di quo­tidiano.

Un quotidiano che riparte dai piccoli gesti e dal ritorno alle cose di sempre, agli incontri mo­nitorati, agli appuntamenti a nu­mero ristretto. Tra le manifesta­zioni che rientrano in questo de­siderio di rinascita, rientra anche la premiazione del Premio di poe­sia “Il Sentiero dell’Anima”, che quest’anno giunge al suo 16° anno.

Il concorso poetico, bandito con le Edi­zioni del Rosone di Foggia, e patrocinato dalle Fondazione dei Monti Uniti di Fog­gia e dalla Fondazione Pasquale e Angelo Soccio di San Marco in Lamis, rientra nella rassegna "Sacro e Profano" pro­mossa dalla Biblioteca Francescana di San Matteo di San Marco in Lamis all’in­terno del progetto “Fa C.A.L.L. (cultura, ambiente, legami e legalità)”, selezionato da Fondazione CON IL SUD insieme al Centro per il libro e la lettura, in col­laborazione con l’ANCI (Associazione Na­zionale Comuni Italiani) per il bando “Biblioteche e Comunità”.

La giuria, pre­sieduta dal giornalista Serafino Pater­noster e composta da una équipe di letterati e tecnici del settore, ha lavorato con passione e partecipazione al lavoro di analisi di tutti i pezzi in gara. Il po­meriggio sarà scandito in più momenti: alle h 16.00 sarà svelato il palinsesto dei premiati per la sezione C, dedicata ai giovani poeti; alle h 17.00 si vi­siterà il parco e si scopriranno i tributi verso il maestro Gianni Rodari; alle h 17.30 si scopriranno i premiati delle sezioni A e B, volte agli adulti (poesia edita ed inedita).

È difficile fare poesia, non ne fac­ciamo un mistero, eppure restia­mo convinti che sarà proprio la poesia a disegnare finestre spa­lancate e piccoli rivoli colorati che sappiano irrigare le nostre zolle di terra meno fertili. A causa del­l'emergenza sanitaria e a seguito delle disposizioni necessarie per limitare la pandemia, l'accesso sa­rà consentito solo previa prenotazione e muniti dei dispositivi di si­curezza personale necessari. A breve, sulla pagina fb del parco artistico-ambientale ’ll Sentiero dell’Anima”, sarà at­tivo il link su cui prenotare la propria presenza.

Pubblicato in Cultura

I sindaci del Barese continuano a invitare i cittadini alla massima prudenza, per l'aumento dei casi di Coronavirus. Ad Altamura il sindaco Rosa Melodia ha informato su Facebook che i positivi in città sono ben 61: «Come sempre vi invito alla prudenza ed al rispetto delle norme - scrive - Ho richiesto agli uffici ASL maggiori informazioni che condividerò con voi non appena sarà possibile».

E a Bitonto slitta ancora l'avvio dell'anno scolastico negli istituti comunali: la scuola partirà lunedì 28 settembre. Lo comunica il sindaco Michele Abbaticchio, sempre sui suoi canali social: «Abbiamo lavorato molto per arrivare a preparare al meglio l'inizio dell'anno scolastico.

È stata accolta una richiesta fatta dai dirigenti scolastici, il rinvio è deciso per esigenze legate alla sanificazione degli istituti che saranno seggio elettorale nei giorni del 20-21 settembre, e anche in funzione dell'arrivo dei nuovi arredi scolastici ordinati dal Comune. Abbiamo anche raddoppiato gli scuolabus a disposizione.

Dobbiamo comportarci al meglio: o cominciamo di nuovo a comportarci come ci comportavamo prima, oppure non andremo da nessuna parte. La mascherina è essenziale». A Bitonto ci sono 25 casi di Covid-19.

Pubblicato in Coronavirus

Nessuna discriminazione di genere o operazione politica, ma un’azione resasi necessaria per l’assenza di un adeguato bagaglio tecnico-professionale essenziale per dirigere la macchina amministrativa del Parco e per porre fine ad un atteggiamento incapace di creare condizioni relazionali ed operative idonee sia con la Presidenza che con buona quota dei dipendenti dell'Ente. Non da ultimo la segnalazione del reiterato uso dei mezzi dell'Ente per finalità non istituzionali”.

Il Presidente del Parco Nazionale del Gargano Pasquale Pazienza interviene sulle polemiche sollevate dopo la risoluzione del contratto con la direttrice Maria Villani per “mancato superamento del periodo di prova".

La richiesta di ispezione da parte del Ministero arrivata da più parti è auspicata dallo stesso Pazienza, che oltre ad aver tempestivamente informato gli Uffici del Ministero delle criticità esistenti, ha anche attivato gli opportuni controlli interni tramite il coinvolgimento immediato del Collegio dei Revisori, valutando al contempo di intraprendere ulteriori iniziative.

Un’ispezione del Ministero e l’avvio di attività d'indagine – sostiene Pazienza – servirebbero ancor di più e meglio a mettere in luce tutte le strumentalizzazioni, anche politiche, operate da chi sembra interessato ad alimentare sterili polemiche intorno a un Ente che invece ha ritrovato negli ultimi giorni un clima di serenità e di operatività”.

Doverosa proprio a questo proposito, una precisazione sulla nomina di Vincenzo Totaro quale direttore facente funzioni dell’Ente.

A seguito dell’uscita dal ruolo della Villani, ho inviato una nota protocollata ai sette referenti delle Aree operative dell’Ente (gli unici titolati a ricoprire il ruolo di direttore facente funzioni) chiedendo chi tra loro si sarebbe voluto rendere disponibile. Non essendo giunta alcuna risposta, ho riunito i responsabili delle aree operative e ho chiesto loro di individuare un nome altrimenti la scelta sarebbe avvenuta per estrazione. La riunione si è chiusa con l’indicazione del nome di Totaro e con la redazione di verbali opportunamente firmati e pubblicati subito sul sito dell'Ente”.

La nomina temporanea di Totaro, da qualcuno strumentalizzata come “azione ad orologeria", non è dunque espressione diretta di Pasquale Pazienza, ma è il risultato di una procedura partecipata e trasparente aperta a tutti i potenziali aventi diritto, sollecitata dal Presidente e dettata dalla necessità di riorganizzare immediatamente la macchina amministrativa considerate le imminenti scadenze per presentare proposte progettuali per un importo totale di circa 6 milioni di euro, che altrimenti rischiavano di andare perse.

Rispondendo alle polemiche legate al fatto che Vincenzo Totaro abbia fatto parte dell’amministrazione comunale di Monte Sant'Angelo sciolta per sospette infiltrazioni mafiose, Pazienza chiarisce: “Mi risultache Totaro non abbia la fedina penale macchiata di alcunché (vedasi il certificato di casellario giudiziario e dei carichi pendenti), che abbia sempre lavorato nell'Ente senza subire alcuna forma di interdizione ed inoltre – cosa che stranamente non è mai stata rilevata da alcuno in tutti questi anni – è da sempre il referente responsabile dell’Area che gestisce gli appalti e i contratti, oltre ad essere l’interlocutore amministrativo dell'Ente con la Procura della Repubblica di Foggia per tutto ciò che attiene il tema degli abbattimenti dei manufatti abusivi”.

Infine, Pazienza replica a quelli che definisce “i soliti noti” e che ad ogni occasione tirano in ballo la chiusura dell’Oasi Lago Salso e l’assenza del Piano del Parco. “Ho trovato l’Oasi già chiusa all’atto del mio insediamento e ho avviato la procedura di scioglimento e liquidazione dell’Oasi Lago Salso SpA a seguito di una verifica sull’operato dei suoi amministratori – chiarisce Pazienza – a conferma di un intento operativo orientato a ripristinare regolarità e trasparenza nella gestione della cosa pubblica.Non può e non deve sfuggire che chi attacca è proprio chi è stato messo alla porta per il cattivo operato nella SpA. Sulla questione del Piano del Parco va evidenziato che, nonostante il fermo per Covid, ci siamo impegnati in questi mesi per attivare – tra le altre cose – le funzioni necessarie a produrre la documentazione richiesta dalla Regione Puglia per il completamento della procedura di approvazione. Questo del Piano è un tema su cui si discute dal lontano 2004 ma che solo ora, a dispetto delle inutili polemiche, sembra essere in dirittura d’arrivo’.

Pubblicato in Ambiente

Su proposta di Matteo Cannarozzi de Grazia, direttore del Distretto socio-sanitario del Gargano Nord, ed autorizzazione del direttore generale dell’Asl Fg Vito Piazzolla, è stata prorogato fino al 30 settembre il servizio di guardia medica turistica, già attivo  a Vieste, Peschici, S. Menaio, Rodi Gargancio, Lido del Sole ed Isole Tremiti.

La guardia medica turistica è un servizio di continuità assistenziale che assicura l’assistenza sanitaria di base alle persone non residenti. Garantisce le seguenti prestazioni: visite ambulatoriali e domiciliari, prescrizione di farmaci, richieste di visite specialistiche, certificazioni mediche. Il servizio non fornisce interventi di Pronto Soccorso per i quali bisogna allertare il 118, attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette.

Pubblicato in Sanità
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Libro & disco della settimana

Statistiche di accesso

Ora online:

60
Visitatori

Giovedì, 01 Ottobre 2020 09:16

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -