banner_Edicola Mastromatteo

Articoli filtrati per data: Martedì, 08 Settembre 2020

La nuova direttrice del Parco Nazionale del Gargano, Maria Villani, dopo soli 3 mesi, viene fatta fuori. Non le viene prolungato il contratto dopo i tre mesi di prova. Sull'argomento dura presa di posizione della  consigliera regionale del M5S, Rosa Barone.
"Se da una parte è assolutamente legittimo non confermare la dottoressa Maria Villani come direttrice del Parco Nazionale del Gargano poiché era in un periodo di prova, dall'altra, politicamente, è un atto di una gravità inaudita.
Il sistema si deve proteggere, non si può permettere che arrivi una giovane donna a rompere gli equilibri che vanno avanti da sempre, lei che vive fuori non sa e non conosce le dinamiche, è libera e non va bene.
Del resto, erano giorni che le voci erano che non sarebbe stata confermata, troppo libera e senza interessi di parte.
Si punta, ovviamente, a mantenere le cose come sono o, meglio, com'erano visto che fa comodo a tutti, un carrozzone dove i soliti comandano e mangiano.
E qui mangiano tutti e tacciono tutti.
Tanto la Lega quanto il Pd, che quando possono spartire lo fanno allegramente insieme,nella speranza che possa tornare anche la vecchia direttrice Strizzi, che oggi spera di riprendere il potere che aveva, e tutti felici e contenti.
Eravamo soddisfatti della nomina fatta, non per interessi di parte, che non abbiamo, ma perché avrebbe portato quella indipendenza di chi non è ammanicata con il sistema o i partiti.
L'indipendenza di chi lavora solo per il bene comune.
Invece il sistema, debole e sporco, la fa fuori così che nulla cambi mai.
Noi non permetteremo un simile atto in silenzio, abbiamo avvertito chi di dovere e continueremo a vigilare un ente che, ad oggi, ha dimostrato di non voler invertire la rotta ma di continuare a piegarsi a logiche partitiche".
Pubblicato in Notizie

Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 8 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 3.590 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 143 casi positivi: 74 in provincia di Bari, 8 in provincia di Brindisi; 10 in provincia BAT, 12 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Lecce, 33 in provincia di Taranto, 1 fuori regione, 2 provincia di provenienza non nota.

Sono stati registrati 3 decessi: 2 in provincia di Bari e 1 in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 331.919 test.

4154 sono i pazienti guariti.

1321 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 6.042, così suddivisi:

2209 nella Provincia di Bari;

487 nella Provincia di Bat;

722 nella Provincia di Brindisi;

1452 nella Provincia di Foggia;

704 nella Provincia di Lecce;

415 nella Provincia di Taranto;

50 attribuiti a residenti fuori regione;

3 provincia di residenza non nota.

 I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 8.9.2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/sK6mA

 

DICHIARAZIONI:

Dichiarazione Dg Asl Bari Antonio Sanguedolce: “Il bollettino epidemiologico registra oggi 74 casi di positività al Sars Cov 2- in provincia di Bari di cui 55 fanno riferimento alla attività di sorveglianza del Dipartimento di prevenzione in corso in una azienda di Polignano a Mare. 12 dei casi riscontrati oggi invece - prosegue Sanguedolce - sono contatti stretti di positivi già individuati e sotto sorveglianza, 3 sono rientri dall’estero e altri 4 casi sui quali sono indagini in corso per individuare origine e fattori di rischio”.

Dichiarazione Dg Asl Bt Alessandro Delle Donne: “5 casi sono contatti stretti di positivi registrati nei giorni scorsi e 3 sono casi sintomatici. Su altri 2 casi è in corso indagine epidemiologica a cura del Dipartimento di  Prevenzione”.

Dichiarazione Dg Asl Brindisi Giuseppe Pasqualone: "Dei casi positivi registrati in provincia di Brindisi, due sono contatti stretti di casi già accertati. Il terzo, invece, è una persona che ha manifestato sintomi riconducibili a una infezione da Coronavirus ed è stata sottoposta a tampone su indicazione del medico di medicina generale. Gli altri riguardano l’attività di sorveglianza epidemiologica nell’azienda di Polignano a Mare (Ba)”.

Dichiarazione Dg Asl Foggia Vito Piazzolla: “I nuovi casi positivi in provincia di Foggia sono 10. Di questi: 3 sono contatti di casi già noti; 2 sono persone rintracciate durante l'attività di screening; 2 sono cittadini stranieri presenti sul territorio provinciale; 3 sono le persone sintomatiche individuate grazie alla segnalazione dei medici di medicina generale”.

Dichiarazione Dg Asl Lecce Rodolfo Rollo: “Dei casi registrati oggi dalla Asl Lecce, uno è un contatto stretto di un caso già noto e due sono stati accertati con il consueto screening che viene eseguito all’accesso al pronto soccorso”.

Dichiarazione Dg Asl Taranto Stefano Rossi: “Dei 33 casi Covid, attribuiti per residenza a Taranto, 16 sono relativi all’indagine epidemiologica nell’azienda di Polignano a Mare (Ba).

Altri casi sono relativi ad una RSA già oggetto di focolaio; altri ancora sono casi di contatti positivi riscontrati a seguito di indagine epidemiologica del Dipartimento di Prevenzione; altri, infine, sono casi positivi che sono stati rilevati grazie all’azione di triage svolta dai medici di medicina generale o dalle USCA”.

Pubblicato in Coronavirus
Martedì, 08 Settembre 2020 17:32

Vieste – AGGIORNAMENTO COVID: UN ALTRO CASO

Ne ha dato notizia il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti, su Facebook: “Sul nostro territorio é stato riscontrato un altro caso di positività al Covid 19 riguardante un nostro concittadino. Anche in questo caso è stata ricostruita la catena dei contatti e sono stati sottoposti a tampone gli stretti congiunti. Rinnovo l'appello a rispettare le normative ed i comportamenti anti Covid”.

Pubblicato in Coronavirus

Con il CU n.25, la LND Puglia ha reso noti gli accoppiamenti relativi al primo turno di Coppa Italia Eccellenza, programmati per domenica 20 settembre. Di seguito, il programma completo:

PRIMA FASE ACCOPPIAMENTI ELIMINATORI 

Dom. 20 set. 2020, ore 15.30

San Severo-San Marco
Vieste-Manfredonia
Orta Nova-Real Siti
Aud.Barletta-Barletta
U.C.Bisceglie-Vigor Trani
United Sly-Corato
Mola-Ostuni
Martina-Massafra
Castellaneta-Ginosa
Grottaglie-Sava
Deghi-Manduria
De Cagna Otranto-Maglie
Gallipoli-Matino
Racale-Ugento

Le gare di ritorno si disputeranno, a campi invertiti, domenica 27 settembre

Pubblicato in Sport

Il Sindaco D’Anelli, che rivestiva la carica di primo cittadina anche all’epoca del sequestro, bollò fin dal primo momento la notizia quale “bomba ad orologeria” inviata alla procura in piena campagna elettorale.

 L’indagine infatti, nata da un esposto anonimo (incomprensibilmente preso in considerazione dalla Procura di Foggia), che lamentava la mancanza del nulla osta del Parco Nazionale del Gargano e una serie di altri illeciti amministrativi, e suffragata dalla consulenza dell’Ing. Colella, fiduciario della Procura, si è rivelata totalmente infondata.

 Il Tribunale di Foggia, nella persona della dott.ssa Roberta Di Maria, ha infatti assolto, con formula piena (il fatto non sussiste)  l’Ing. Domenico Di Monte, il geom. Pietro Carnevale (funzionari del Comune di Rodi Garganico) e i privati che hanno svolto il ruolo di progettisti, imprenditori ed esecutori dei lavori edili.

I funzionari del Comune hanno anche rinunciato alla prescrizione, ormai maturata, considerata la risalenza dei fatti.

L’Avv. Michele Vaira, difensore della tecnostruttura del Comune di Rodi Garganico insieme alla Collega Alessandra Palazzo, ha dichiarato: «Siamo molto soddisfatti di un esito che rende giustizia a due pubblici funzionari di ineccepibili competenza e rigore. L’accusa, paradossale, di aver prodotto atti falsi, è stata smentita documentalmente durante il corso del dibattimento, punto per punto, atto per atto. L’autorizzazione rilasciata dal Comune non era solo legittima, ma addirittura doverosa. L’autorizzazione del Parco del Gargano era stata rilasciata 20 anni prima, come abbiamo dimostrato con la sequela di atti amministrativi che hanno consentito l’antropizzazione dell’area. L’autorizzazione paesaggistica era fondata su dati tecnici inconfutabili. L’attuale stato dei luoghi è addirittura migliore di quello ipotizzato con il rendering dell’epoca».

Pubblicato in Ambiente

Grandi soddisfazioni per i mesi estivi e si annuncia un ottimo settembre per il Marina di Vieste. La struttura portuale gestita dal Gruppo Marinedi ha registrato un intenso traffico e ottime presenze di diportisti a luglio e agosto. “I timori di una stagione negativa, subito dopo la fine del lockdown – sottolineano Renato Marconi Amministratore Unico di Marinedi e il legal counsel Antonio Bufalari - sono poi svaniti nel porto turistico pugliese diventato meta di un intenso traffico da diporto”.

Dopo un avvio a rilento dovuto alla pandemia la stagione è stata caratterizzata dalla grande presenza di imbarcazioni soprattutto italiane. “Un’ottima risposta alla strategia del Gruppo – sottolinea il legal counsel Antonio Bufalari - che a Marina di Vieste ha avviato diverse promozioni: convenzioni con Italia Yachts e UVAI più la partnership con Assonautica chiamata “Porti di Puglia” ed avviata, al momento, con il vicino Marina di Rodi”.

Tante anche le presenze di maxi yacht e di barche grandi e piccole i cui armatori hanno confermato il gradimento per le vacanze estive a Vieste, apprezzandone il territorio, la cucina e la bellezza del centro storico.

Il mese di settembre è iniziato bene e si punta a rafforzare la bassa stagione. Il Marina di Vieste punta sulle manifestazioni veliche. Il prossimo fine settimana – il 12 e 13 settembre - sarà dedicato alla Regata del Gargano - Pizzomunno Cup organizzata dalla Lega Navale Italiana – sezione di Manfredonia. Come ogni anno il Marina di Vieste ha confermato la propria disponibilità a partecipare all’iniziativa, che per questa stagione rappresenta l’unico e principale evento del Grande Slam del Gargano.

"Si tratta di un evento importante – Dice l’avvocato Antonio Bufalari che ha partecipato per il Gruppo Marinedi alla presentazione dei giorni scorsi a Manfredonia - per il rilancio della vela, sempre rispettando i protocolli di sicurezza richiesti dalla Federazione Italiana Vela."

Sulle novità per la prossima stagione 2021 sono tanti i progetti in cantiere che Marinedi vuole proporre, presentando all’amministrazione comunale di Vieste un programma di crescita turistica nautica che permetta un ulteriore sviluppo del territorio tramite nuovi servizi a corredo del porto turistico. “Un volano per lo sviluppo del territorio di Vieste e del Gargano in linea con le politiche di sviluppo economico e turistico portate avanti dal sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti", conclude Bufalari.

Marinedi Group Press

Pubblicato in Turismo

In un'azienda ortofrutticola di Polignano a Mare, il Dipartimento di prevenzione della Asl di Bari ha rilevato 78 contagi da Coronavirus tra i dipendenti.

Dopo la segnalazione di una lavoratrice positiva sono state attivate le procedure di sorveglianza epidemiologica all'interno dell'azienda.

Sono stati eseguiti 159 tamponi, dai quali è emersa la positività di 78 soggetti.

"E' prevista l'esecuzione di altri tamponi, in parallelo alla attività di sorveglianza sui contatti stretti dei positivi finora accertati", fa sapere l'Asl Bari.

Pubblicato in Coronavirus

La città del Foggiano con 7mila abitanti, a poca distanza dal lago di Varano, è tristemente nota per episodi di cronaca. Ma questa è solo una parte della storia

"Lo sappiamo che quando si sente parlare della nostra città si pensa a episodi negativi, dallo spaccio di droga all'uccisione del maresciallo dei Carabinieri Vincenzo Di Gennaro del 2019. Ma noi vogliamo descrivere un'altra storia".

Sara a fine cena ci tiene a incontrare i commensali che hanno appena terminato la cena al suo ristorante Catamè. Perché quei taglieri di salumi e formaggio, quella muschiska tipica della zona o quella pasta prodotta da un gruppo di giovani donne e giovani uomini che vogliono cambiare il volto della loro Cagnano Varano hanno un sapore speciale. 

Cagnano è una città del Foggiano con poco più di 7mila abitanti, a poca distanza dal lago di Varano, il lago costiero più grande d'Italia. A prima vista, avvicinandosi al centro storico, può apparire abbandonata all'incuria e svuotata di cittadini.

Ma superando l'arco che separa la parte antica dal centro abitato e osservando i versi di Cesare Pavese e dei Ricchi e Poveri dedicati al concetto di "paese" capisci che qualcosa sta cambiando. È merito della giovanissima ProLoco del posto, 25 anni di età in media, che si è messa in testa di riqualificarla puntando sulle tipicità, sulla cucina a chilometro zero e, con un'associazione collegata, sull'esplorazione del lago a bordo di kayak.

Sara Scirocco, 33 anni, è la presidente. "Ho studiato a Urbino e ho lavorato e vissuto a Rimini - racconta - ma non ho mai smesso di pensare alla mia città e a come poterla far rivivere. Peschici o Vieste hanno centri storici non meno belli, ma sono stati capaci di farli fruttare turisticamente. Non riuscivo a credere che non potessimo riuscirci anche noi, era un malessere che mi portavo dentro. E allora, con mio marito, sono tornata qui".

L'inizio è stato ridare vita alla ProLoco, ora composta da ragazze e ragazzi dai 17 ai 33 anni, e lanciare Cavù, un'iniziativa estiva con cui negozianti e imprenditori locali mettono in mostra all'aperto le loro attività attirando concittadini, turisti e abitanti dei paesi vicini. "Ci occupiamo degli allestimenti - dice Sara - creiamo fioriere, imbianchiamo muri e ricostruiamo muretti deteriorati. E lo scorso anno, per far fronte alle richieste, abbiamo esteso l'evento su tre giorni cercando di valorizzare i vari punti del paese".

Il centro storico di Cagnano da anni è stato gradualmente abbandonato a favore delle zone periferiche e i centri abitati più recenti e più serviti. Tanti cagnanesi emigrati in Europa, e in Germania in particolare, hanno provato a investire costruendo nuove case per i loro figli. Ma molto spesso sono rimaste sfitte, incomplete e abbandonate. E così anche palazzi del XII secolo e le piccole case storiche hanno subito gli effetti negativi dello svuotamento del borgo.

"Negli ultimi tempi, con l'abbattimento dei costi di quelle case, ci sono diversi esempi di gente che viene da fuori, acquista a poco e ristruttura. Qualcuno sta comprendendo l'importanza di questa zona. Noi per primi abbiamo deciso di rilevare un ristorante quasi abbandonato per rilanciarlo col progetto Catamè e attirare turisti con la buona cucina e il buon vino". Tutto rigorosamente della zona, grazie ad accordi con allevatori e agricoltori, a una pasta prodotta con il grano coltivato dai ragazzi, e un menù che cambia ogni sera a seconda delle disponibilità di giornata. E le luci sulla corte trasformano la zona da abbandonata ad accogliente. 

Proprio da una costola della ProLoco è nata I Lake, un'associazione costituita da tre amici (Sara, Angelo e Michele) per esaltare al massimo la capacità attrattiva del lago di Varano altrimenti poco sfruttato. Quattro percorsi consigliati da affrontare in kayak consentono a esperti e amatori di godere della bellezza degli oltre 60 km quadrati del lago solitamente non difficile da esplorare senza indicazioni precise. E le opportunità, la promozione di chi ha provato questa esperienza unica e le immagini sui social del tramonto (e dell'alba, per i più temerari) sulla laguna sono diventate il miglior bigliettino da visita, tanto che le richieste da tutto il Meridione si stanno moltiplicando.

Si parte accanto all'opera di street art in un rudere abbandonato con il "dio del mare" di Alessandro Tricarico, un altro attrattore famosissimo sui social. "Si incastra tutto come in un puzzle - osserva Sara - La nostra è una storia di sognatori. Abbiamo girato l'Italia e l'estero per capire quanto paesaggisticamente non ci manchi nulla dal punto di vista turistico. Noi ci mettiamo le mani, sbagliamo, riceviamo rimproveri, ma ce la mettiamo tutta. Vediamo una scintilla nella gioventù, c'è tanta gente che ci segue. E se potremo coltivare questo patrimonio con l'educazione per il rispetto dei luoghi potremo fare ancora tanto".

GIANVITO RUTIGLIANO

repubblicabari

Pubblicato in Turismo

Saliva e sangue potrebbero segnalare tumori della testa e del collo con diagnosi precoci. Grazie anche ad una super bancadati di campioni biologici di qualità, saranno, per i prossimi 10 mesi, al centro di una ricerca dei ricercatori dell'Istituto Tumori 'Giovanni Paolo II' di Bari, istituto di ricovero e cura a carattere scientifico.

A disposizione ci sono più di 230mila euro, tranche di un finanziamento da 2 milioni di euro che il Ministero della Salute ha assegnato ad 8 progetti di ricerca presentati dall'Alleanza contro il cancro, il network di 27 istituti di ricovero e cura a carattere scientifico di cui l'Istituto barese fa parte.

Grazie a questo finanziamento, i ricercatori dell'Oncologico di Bari lavoreranno ad uno screening molecolare, non invasivo, che potrà garantire una diagnosi precoce della malattia e, dunque, cure più efficaci. I campioni di saliva e sangue raccolti saranno poi conservati, tramite procedure innovative, nella biobanca dell'Istituto, che già oggi raccoglie 180 mila campioni crio-conservati in una struttura di 300 metri quadri.

Si calcola che, ogni anno, vengono scoperti in tutto il mondo 830mila nuovi casi di tumori testa-collo, che colpiscono il labbro, il cavo orale, la laringe, l'orofaringe e l'ipofaringe. Questi tumori sono più frequenti se il paziente è fumatore e consumatore di alcol. Importante fattore di rischio è anche il Papilloma virus, già conosciuto come responsabile dei tumori alla cervice uterina. Come i tutti i tipi di tumori, anche i tumori testa-collo si possono curare meglio se si scoprono presto.

Pubblicato in Sanità

Era nell’aria già da diverso tempo, ora a ridosso delle regionali è ufficiale: il sindaco di Peschici Franco Tavaglione passa alla Lega. Lo scrive il coordinatore provinciale Daniele Cusmai su Facebook.

Dopo Franco Landella un altro primo cittadino passa nelle fila della Lega. “Benvenuto in Lega al sindaco di Peschici Franco Tavaglione. La famiglia cresce sempre di più”, la sottolineatura dell coordinatore provinciale del Carroccio.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 2

ReteGargano consiglia...

Libro & disco della settimana

Statistiche di accesso

Ora online:

60
Visitatori

Giovedì, 01 Ottobre 2020 10:45

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -