Silvestri gas

Mro Matteo Laganella,Giuseppe Ventrella,Christiano Voto, Angelo d'Avolio,M.co Litio Giuseppe di Biaso,Giuseppe Valente,Michele d'Avocello,Franco d'Avolio,Angelo de Palis Vito Caputo,Tomaso salvatore,Gio Batta Comparelli,gio Batta Zitano,Felice Vigilante,Gaetano Petrucelli,Pietro Selvaggio,Ant.° Serra,Michele Venetiano,Gio Pietro Cocciardi,Dom.co Comparello li seguenti detti cittadini consiliari si è concluso per la maggior parte di essi et eletti per Sindaco la persona del M.co Diego Sabatello et in fede Don Domenico Opice Italvo Governatore Cesaro Cancelliere.

Sia lecito per mani dei contraenti e  per il capitano e il libro dei consiliari dell'Università della terra d'Ischitella a cui è stata imposta Sindaco Diego Sabatelli fatto con calma concordia agli interessati sempre salva e in fede con il magnifico solito sig. ratifico i seguenti. Io notaio Carmine Agricola da Ischitella. Segue sigillo notarile del notaio Carmine Agricola- Continua.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

Riconosciuta colpevole del tentato omicidio aggravato dai futili motivi (il rifiuto della vittima a farle en­trare in casa per poter utilizzare i servizi igienici) dell’ex moglie del suo patrigno, una giovane romena - Annamaria Alexandra Iana di 19 anni - è stata condannata a 10 anni di reclu­sione al termine del processo abbreviato celebratosi in Tri­bunale a Foggia. Patrizia Martella venne accoltellata 10 volte l’8 marzo 2019 davanti casa a Ischitella; la presunta respon­sabile fu subito individuata e arrestata dai carabinieri: si tratta della figlia della nuova compagna dell’ex marito della vittima.

La sentenza è stata pronuncia dal gup Carmen Corvino al ter­mine del processo abbreviato chiesto dalla difesa per bene­ficiare dello sconto di pena. Il pubblico ministero Miriam Lapalorcia aveva chiesto la con­danna dell’imputata a 10 anni di reclusione, rimarcando che nu­mero di fendenti e zone vitali colpite dimostrano la volontà di uccidere; richiesta di condanna ribadita dall’avvocato di parte civile Giulio Treggiari (gratui­to patrocinio), con richiesta an­che di risarcimento danni da quantificare in una eventuale causa civile, istanza che è stata accolta dal giudice.

Il difensore, l’avvocato Antonietta De Car­lo, al termine dell’arringa ave­va chiesto la derubricazione del reato in lesioni aggravate, e quindi condanna al minimo del­la pena, in virtù dello sconto di un terzo della pena previsto dal rito e per il riconoscimento del vizio parziale di mente (prevede un’ulteriore riduzione di un ter­zo) perché ima consulenza psi­chiatrica disposta dalla Procu­ra durante le indagini aveva evidenziato un disagio dell’imputata. La difesa ha annunciato appello contro la sentenza.

Pubblicato in Cronaca

Diego Sabatelli(candidato Sindaco) lo rinomina V .S(terza lista)Votanti

Lorenzo Cocciardi, Gennaro Visco, Diego d'Errico,Donato Paolino,Michele Galante,Antonio Paolino,Dom.Antonio di Viesti,Giacomo Antonio d'Avella, Antonio d'Errico, Franc.Antonio Fontanarosa,Diego Del duca,Gio del Duca,Caputo Michele di Paolo,Giulio Serra,Ludovico d'Avocello,Francto di stolfo,Santo d'errico, Andrea Pizzarello,Berardino di Biaso,Giuseppe Viggiano,Antonio Paolino ,Gio romano,Isidoro d'antonella,Vincenzo di Maria,Gio della Castelluccia,Giulio della Castelluccia,Michele triggiano,Donato di Napoli,Antonio Biscotti, Antonia Masella,Dom.co Vigilante,Gio d'errico,Domenico Rubberto,Gio di Stolfo Michele Petrucello,Giuseppe Biscotto- Continua

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

Pietro Borelli, Donato Angelicchio,Ludovico Rosa, Giuseppe d'errico, Francesco Panella, Michele Rosa, Donato di Monte, Berardo Salvatore, Matteo d'Errico, Giuseppe Ruo, Nicolo' Massarante,Santo di Lella, Ludovico Montanaro, Francesco Iacovello ,Nicolò di Monte, Gio Berardino Pizzarello, Michele Coccia, Francesco Longo, Eustachio Comparello,Giulio Valente ,Leonardo Sarcinella, Gio Batta d'Angelis,Antonio Sarcinella,Antonio Maroldi,Angelo Tranaso,Angelo Tranaso, Fran.co Caputo ,Matteo Panella, Antonio Salvatore, Nicola Voto ,Leonardo diclina, Leonardo Caputo, Placito Coccia,Gio Trecarico, Franc,tonio Zitano,Domenico d'Alessio,Francesco de Clina,Alessandro Rosa, Nuntio di Perna, Antonio Fontanarosa, Giulio Pizzarello, Michele d'Errico,Berardino Salvatore, Leonardo Agricola, Antonio Forasterio,Angelo della Procina,Leonardo Antonio Caputo Fran.co Voto,Vincenzo Pascarello, Chistofaro Rotondo, Michele di Monte.

Fine elettori Donato di Monte della terza lista presente a Ischitella Continua.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura
Mercoledì, 15 Gennaio 2020 10:20

Un elezione del 1711 A Ischitella (4° parte)

Il giorno 15 Agosto 1711 a Ischitella e presso il il Signor Governatore ha esibita all'Università a Don Francescantonio Ventrella Commissario e ai testi accorsi alla Santissima Concezione Immacolata e sempre Vergine Maria convocati al suono di campana di quella gloriosa chiesa di Sant'Eustachio secondo il solito li Mag.ci Montanaro Antonio Sindaco ,Agostino Agricola,Leonardo Russo,e il m.ro Franco de Angelis e Francescantonio del Vasto eletti dalli quali si fa intendere alli signori come ad ognuno che di già in quel giorno del quindici di Agosto si insediò in quel tempo il nuovo Sindaco e il governo pubblico di questa Università ed affinchè sortisca ad ogni piacevolezza in servizio prima di Iddio e poi del bene pubblico si compiacciano le S.v. di dare il loro voto eleggendo la stessa elezione abile e idonea e tutti i voti esercitati con passione veritiera ,ma per vero zelo delli soggetti e chi dalle elezioni avrà più voti resterà nel governo del Sindaco le persone elette sono Don Giuseppe Verderame,Girolamo Romagnolo,Donato di Monte, e Diego Sabatelli per nomina chiamato.

 (2 a lista)Giuseppe Verderame (candidato Sindaco) Pietro del Vasto,Domenico di Blasio,Antonio Cugnidoro,Michele d'Avocello,Agostino Viggilante,

(3 A LISTA) Candidato a Sindaco Girolamo Romagnolo,Giuseppe Viggiano,Gio Batta Caputo.

(4 a lista ) Donato di Monte (candidato a Sindaco)  Giuseppe Tricarico, Nicolò del Forno, Giuseppe Pietro Caputo.Continua.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

Ludovico D'Aucello, Domenco Vigilante,Giuseppe Paolino,Vincenzo di Maria,Ant Valente, Diego del Duca, Leonardo d'errico, Andrea Protina, Leonardo Paolino, Ludovoco Montanaro, Michele d'Avocello, Lorenzo Cocciardi, Giulio Pizzarelli, Giuseppe Ventrella, Antonio Paolino,Gio Batta Zitano,Leonardo d'Avolio,Gio del Duca,Gio Batta Caputo Pietro,Pietro Selvaggio,Michele Pascarello,Angelo d'Avolio,Felice Viggiante,Fran.co d'Avolio,Fran.de Clina,.Per li esponenti detti cittadini si è concluso al parere di Ant° Serra esito concluso et in fede di Dom.co Opice Gubernatore celano cancelliere.E' lecito e tiene per mano attestata assegnata copia ai suoi esposti relegati a vista nel libro consiliare dell'Università di detta terra che a me infrascritto è stato fatto esibire per il M.co Diego Sabatello Sindaco dell'Università di detta terra restituita e fatta collateralmente in istrumento sempre salvo ed in fede .Io notaio Carmine Agricola da Ischitella da me scritto e rogato con sigillo.

Segue sigillo del notaio Carmine Agricola. Continua.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

Il giorno 10 del detto mese di Agosto 1711 a Ischitella e come da intervento dei domicilianti giurati che abitano la città dal dedotto testo e dal testo dei domicilianti comparsi al taglio suono di campana secondo il solito dato dalla Chiesa del glorioso San Eustachio nostro Protettore per il Mag.co Antonio Montanaro Sindaco ,Agostino Agricola, Leonardo Russo, e Mro Francesco de Angelis eletti, dalli stessi si fa intendere alle Sig. rie loro essendosi fatta l’elezione del nuovo Sindaco Diego Sabatelli ,si devono fare i soliti quattro compagni eletti con darli il possesso acciò che possano attendere agli effetti delle rendite di questa Università e a dare ogni altro che incombe nell’arbitrio del denaro pubblico e poi effettuate le cose di detto governo, ognuno di loro Signori darà il suo voto. I quattro eletti sono: Giuseppe Verderamo, M ro Silvestro Peres, Michele Coccia Francesco di Stolfo , Antonio Serra, capo voto ,è di parere che si dia il possesso al nuovo Sindaco giusto menzionato a tutti li sopradetti eletti acciò che possano effettuare quanto necessita per il servizio di questa Università e per tale siano tenuti da tutti e stimati per tali. Continua.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

Diego Sabatelli Sindaco della terra d'Ischitella in provincia di capitanata supplicando espongono a V.S. come essendo convocati i cittadini della suddetta colle formalità solite per eleggere il nuovo Sindaco fu servato da conservare con pienezza di voti eletto il sopradetto e dopo l l'elezione suddetta dato il possesso al supplicante della suddetta carica nel quale al presente si ritrova : Prima che per Donato di monte che ambiva detta carica vedendosene escluso si è promesso e pretende impugnare l'elezione suddetta e turbava sotto vani pretesti il supplicante nel quasi possesso de detto Sindacato e pretende aver diritto al ricorso alla Regia Udienza Provinciale ove dubbia per artefici esposti non cerchi di interdirlo nel suo possesso ricorre perciò della idonea giustizia di V.E. e la supplica voler ordinare che il supplicante sia mantenuto nel possesso detta carica e pretendendo il suddetto Donato di Monte ed altri impugnare l'elezione suddetta ricorre a V.E. e dal suo Collaterale Consiglio affinché intese le parti tiene amministrare al supplicante quella giustizia ,che l'assiste,e pertanto ordina molestarsi, né turbarsi nel suddetto quasi possesso nel quale si ritrova e che la regia Udienza Provinciale e tutti gli altri tribunali non vi si inseriscano nella causa suddetta ,ma che trasmettano gli atti intesi fatti in questo Regio Collaterale Consiglio e la Regia regia dogana di Foggia Corte d'Ischitella così impedisca e così osservino e facciano osservare sotto quello patto che portavano a V.E. che oltre essere giusto  gli avrà a grazia come a Dio.  - CONTINUA -

Giuseppe LAGANELLA

Pubblicato in Cultura

Non è peraltro perché l'Università conosce impotente di non potersi nemmeno difendere ,che è accaduto il simile di alcuni infermi che per non avere dieci carlini di medio contributo perdono la propria vita ,nello stesso caso il predetto povero l'Università non ha il modo di difesa sin che durerà all'infinito se prova pietà dell'Ill.mo sig. delegato non supplirà con l'occhio della misericordia a riguardare lo stato miserabile di questa povera Università la quale per non avere carlini da spendere non si è fatta replicare nella presente da qualche diritto consulto, ma queste poche parole asserite sono state formate bonariamente come Dio sa . Altro non si supplica che un compito di lettere affinché dalle paterne case per non essere presi teneramente possano sopportare altri duri pesi ingiusti e in questo altro modo migliore.

Il giorno 25 Ottobre 1692 PATITUS DE RUSSO ordinario corrispondente di questa regia Udienza con protestare per giuramento restituì a me sopradetto perché restituisse alla terra d'Ischitella dove sotto il giorno ventesimo del primo mese la preposta provvisione della Regia Camera si contente che intimasse e notificasse a Nicola casaro sindaco,Dom. Antonio Ioannella,e Domenico Massarante eletti della terra d'Ischitella personalmente reperti presenti con i testimoni Joseph d'avella,Vit Antonio de Blasio,ed altri di questa terra come restituì ed a fede.

Andea Falconus sa della Regia Udienza da Prelazione.

La sopradetta relazione fu scritta e la sopradetta con le proprie mani del sopradetto Andrea Falcone scrivano di questa Regia Udienza suddetta ed essa tale e quale si fece. Io Feci Notaio Bartholomeus de Iorio di questo ordinario. Così in fede ricevetti dai Signori. Sigillo notarile . Fine

Giuseppe Laganella.

Pubblicato in Cultura

Gli odierni del governo intimati nel retroscritto proposito ordinava non con animo di replica ,ma per onorare in tutto l'Ill.mo Sig. Luogotenente della Camera Commissario dicendo come detto M.co una volta provvedeva all'accennato ordine lo fece notificare al Governo antividente di questa Università da dove si vedevano gli esorbitanti pesi che portavano li poveri cittadini tutti bracciali a essa notori et oggi perché il Sig. Iddio per giusti fini non lascia di ricordarvi degli assidui castighi per i nostri peccati li mesi passati furono fatti schiavi in questo territorio undici persone ,che per enormi si ricorda furono impediti detti barbari dalle guardie per ultimamente che alla terra confinavano con questa povera terra che volevano entrare preparati anche con scale ,che  vi restarono per segno e per tale effetto le mura dell'accennata terra doversi dotare di fabbriche ,che visarti di bisogno porre nuove tasse si contenta a provarvi cittadini vassalli di sua maestà che si diede e anche per difendersi sino alle carmie per ritrovarsi presenti e ben corso dato per prima le mura venture in tempo che solgono dare l'assalto simili canaglie e poi l'Università fretta fu necessità per il riscatto di detti schiavi fatti pigliare denari adempito da questo suo clero ducati 260 per compire il pagamento di questo suo riscatto che poi fu portato a 1200 datone all'Sig. delegato più pene trarre che vertino su questi poveri cittadini che il Sig. Iddio sa se si potranno corrispondere per il corrente anno tanto alla regia Corte ed ora ci vediamo trapazzati per una miserabile somma d'attracco quando altre entrate devono ripigliare e trovare di porre procedura e accescati dal detto Mag.co Barbarese-

Continua. Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura
Pagina 1 di 64

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -