Se il Governo accoglierà la richiesta del Comune, a Lesina dovrebbe arrivare 1 milione e 250mila euro per la realizzazione di una pista ciclabile che collegherà il centro abitato alla vi­cina Marina di Lesina.

Si tratta di un progetto che la giunta comunale ha deciso di candidare a finanzia­mento nell’ambito del pro­gramma nazionale denomi­nato «contratto istituziona­le di sviluppo» (Cis). A tal fine, nei giorni scorsi, la giunta di Lesina ha appro­vato una delibera di presa d’atto del protocollo d’inte­sa sottoscritto il 7 ottobre scorso dai sindaci del Comuni di Torremaggiore, Chieuti, Serracapriola, San Paolo di Civitate, San Severo, Apricena, Poggio Imperiale e Lesina; tutti insieme, questi enti locali hanno dato vita al «Cis di Capitanata» per la macroarea alto Tavoliere.

Con la delibera la giunta di Lesina ha candidato ufficialmente il progetto denominato «Green way, Lesina-Marina di Lesina»: si tratta di un percorso itinerante turistico, storico, culturale e naturalistico, che gli amministratori comunali vedono quale attrattore da riqualificare e valorizzare in piena armonia con la strategia di sviluppo unificata e condivisa dagli enti locali nella marco-area dell’alto Ta­voliere, secondi i principi dettati dal Cis Capi­tanata, e più in generale dal programma nazionale per cui «gli interventi di rigenerazione urbana occorrenti includono la riqualificazione dell’am­biente costruito, attraverso il risanamento del patrimonio edilizio e degli spazi pubblici, la rior­ganizzazione dell’assetto urbanistico, il miglio­ramento della qualità ambientale, la promozione dell’occupazione e dell’iniziativa imprenditoriale locale, il contrasto all’esclusione sociale».  

  1. T.
Pubblicato in Turismo

Cultura dei saperi e sapori, tipicità del territorio, cooking show, tradizioni popolari e nuove prospettive socio-economiche per la laguna di Lesina. E’ la mission della giornata che “Terre e Territori, Itinerari di Eccellenza” ha programmato il prossimo 4 gennaio 2020 nel centro lagunare in collaborazione con il locale Centro Visite, il Centro Studi Tradizioni Popolari “Terra di Capitanata”, Marlin Tremiti, Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Tratturando, Borghi della Salute e Studio Russi.

L'evento è patrocinato dall'Assessorato all'Industria Turistica e Culturale, Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali e Assessorato alla Pianificazione Territoriale, Urbanistica, Assetto del Territorio, Paesaggio, Politiche Abitative della Regione Puglia, Provincia di Foggia, Comune di Lesina, Università di Foggia, Parco Nazionale del Gargano, Pugliapromozione e Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti di Foggia.

Finalità che abbracciano la promozione e il marketing del territorio con una serie di iniziative che, partendo, da Lesina, attraverseranno tutta la Daunia. “L'Associazione "Terre e Territori - Itinerari di Eccellenza ETS" – commenta il presidente Salvatore Malerba - non è a scopo di lucro ed è stata costituita con finalità solidali, civiche, utilità sociali, formative, culturali, ambientali ed altro con l'intento di valorizzare la Capitanata in tutti i suoi aspetti.

Attraverso un percorso valoriale, dal Gargano ai Monti Dauni nonché dai Cinque Reali Siti e Cerignola sino all'Alto Tavoliere, intende mettere a fattor comune tutte le esperienze per costruire un modello che identifichi la Capitanata sia con la bellezza del paesaggio sia con la cultura e le tradizioni popolari oltre che con la produzione tipica, di qualità e salubre, e l'enogastronomia di eccellenza.

Va in questa direzione la presenza di una quindicina di aziende agroalimentari della provincia di Foggia che hanno fatto della qualità e della tradizione il loro percorso di vita. Di Terre e Territori fanno parte le Associazioni Marmairo, Borghi della Salute, Tratturando, Collina degli Ulivi, Centro Studi Tradizioni Popolari Terra di Capitanata, Le Stelle di Capitanata, Oltre Nessuno Escluso, Spazio Off oltre a professionisti come Alberto Russi. La manifestazione “Saperi e Sapori della Laguna” fa tappa a Lesina proprio per riscoprire i valori delle antiche radici lagunari con il gusto eno-gastronomico caratteristico e raffinato”.

Una giornata di promozione e studio, dunque, per concludere le festività e indicare nuovi percorsi di valorizzazione del territorio attraverso le sue peculiarità. L’evento inizierà alle ore 10 con l’apertura degli stand che mostreranno le tipicità della laguna, subito dopo delizieranno i presenti con il cooking show dello chef Ugo Testa (ore 11.30 e ore 20).

La giornata continuerà con l’alternarsi di momenti culturali e gastronomici: alle ore 12, spazio alla “Laguna dei ricordi: Il Pagliaio dei pescatori”a cura della locale sezione dell'Associazione nazionale marinai d'Italia; alle 19, la riparazione delle reti.

Alle ore 17, presso il Centro polifunzionale sul lungolago momento dedicato al territorio con la relazione della prof.ssa Rosanna Russo dell'Università di Fogia su “La laguna: passato e presente nella vita socio-economica del paese” con i saluti del prof. Pierpaolo Limone, Rettore dell’Università di Foggi; a seguire la proiezione del docu-film “L’antimiracolo” di Elio Piccon che propone momenti legati alla pesca lagunare negli anni '60.

Alle 18,45, in piazza Lombardi, si svolgerà il workshop sul tema “Capitanata… il Valore del Territorio”. Ad aprire l’evento Salvatore Malerba (presidente Associazione “Terre e Territori”), Roberto Cristino (sindaco di Lesina) e Zbignew Szalienec (sindaco di Czeladz, Polonia) con intervento di Anna Maria Torelli (vicepresidente della Provincia di Foggia). L'incontro sancirà il Sodalizio Culturale tra Lesina e Czeladsm, primo step di una ormai prossima collaborazione commerciale tra le due realtà geografiche; subito dopo sarà il momento di Lea Vanità con il “Momento Moda”.

Il Workshop continuerà con il salotto culturale, momento di confronto e sviluppo per la crescita del territorio, a cui prenderanno parte Rosanna Russo (Università di Foggia), Olga Lubecka (Scrittrice - Legame Capitanata/Polonia), Nicola Di Niro (Transumanza Patrimonio dell’Umanità), Marco Tagliaferri (Borghi della Salute), Adelmo Sorci (Marlin Tremiti - Promozione della Laguna), Lucia Zito (Fare Ambiente Gargano - Protostoria e Storia Territoriale) e Giovanni Campese (sindaco Monteleone di Puglia – Multiculturalismo).

Momento conclusivo alle ore 21.30 con il concerto con il “Rione Junno”, gruppo musicale costituito da giovani artisti che interpretano le tecniche musicali dello stile garganico, riportando alla luce suoni e strumenti quasi scomparsi come il tamburello e la chitarra battente e che, per l'occasione, presenterà “Pane”, il suo ultimo lavoro discografico.

Pubblicato in Manifestazioni

Si è svolto il 12 dicembre l’incontro tra una delegazione di rappresentanti dei Comuni dell’area dei Laghi del Gargano e l’assessore regionale alla pianificazione Alfonso Pisicchio.

Al centro dell’incontro una prima disamina delle proposte pianificatorie e progettuali messe in campo dai Comuni a seguito della firma del protocollo d’intesa tra i Comuni di Apricena, Poggio Imperiale, Lesina Sannicandro Garganico, Cagnano Varano, Carpino Ischitella e Vico del Gargano con la finalità di giungere a predisporre un Programma d’Area integrato per la valorizzazione turistica del laghi di Lesina e Varano.

Lo stesso protocollo è stato firmato dall’Assessore con la finalità di accompagna re questa prima esperienza in Puglia di attivazione della legge regionale 63 del 2017. Con questa legge La Regione promuove la realizzazione di programmi d’area integrati quale metodo innovativo di governo del territorio e attuazione della programmazione regionale e dell’assegnazione delle risorse finanziarie .

Materialmente il “PdA rappresenta un complesso di interventi finalizzati alla valorizzazione di aree territoriali caratterizzate da particolari situazioni economiche, sociali, culturali e ambientali, nonché di aree urbane per le quali appaiano necessari interventi rilevanti di riqualificazione o di recupero, con l’apporto di soggetti pubblici o privati, e può prevedere programmi di riqualificazione di aree turistiche, che si caratterizzano per il valore degli investimenti, la crescita di capacità competitiva, la sostenibilità ambientale, di tutela e incremento dell‘occupazione; può prevedere altresì “accordi per lo sviluppo infrastrutturale del territorio”.

Il Sindaco di Sannicandro, che presiede il comitato dei Sindaci ha evidenziato “ che il tempo trascorso da Giugno è stato utilizzato dai Comuni per fare il punto sullo stato delle progettazioni comunali ma anche per confrontarsi con la sfida di una rilettura del Territorio e della valorizzazione economica grazie ad una forte qualificazione della proposta turistica. Tutti i Comuni hanno provato a pensare in modo unitario nella convinzione che non è un singolo intervento che aiuterà il territorio a trovare proprio nel turismo un’opportunità di rilancio economico e civile”.

Il Professor Pasquale dal Sasso ha illustrato all’Assessore gli interventi di sistema su cui si intende lavorare per affermare uno sviluppo sostenibile del territorio centrato sulla valorizzazione dei beni naturali dell’area ed in primis dei due laghi. I Comuni propongono la realizzazione della “CICLABILE DEI LAGHI “ una grande green way per la mobilità sostenibile che percorre l’intero perimetro dei laghi consentendo la valorizzazione del grande patrimonio naturale, ambientale e architettonico di questa terra. Parliamo di un patrimonio en orme che va dal Castello di Ripalta, ed a quello Baronale di Apricena alla Chiesa di Santa Maria di Monte d’Elio, alle sorgenti del Caldoli ed al santuario di San Nazario, alla dolina Pozzatina, ed alla Grotta di San Michele a Cagnano Varano, ai salicornieti di Ischitella, al sistema delle Torri costiere, all’immensa area protetta del Bosco Isola di Lesina. La Ciclabile è la via slow per accedere a questo immenso patrimonio su cui alcuni comuni prevedono interventi di qualificazione. La proposta contiene anche interventi di valorizzazione turistica del lago di Lesina grazie alla infrastrutturazione con impianti sportivi in acqua ed a Terra, interventi per la valorizzazione dell’Idroscalo Ivo Monti, un intervento pilota

 

per il recupero del Centro storico di San Nicandro Garganico con l’obiettivo di dare forma ad un albergo diffuso. Sempre in un’ottica di sistema è stata presentata all’Assessore la proposta dell’Istituzione di una DE.CO. ( denominazione comunale ) per i prodotti tradizionali dell’area Dei Laghi a cui hanno aderito oltre 20 aziende artigiane ed agricole.

L’Assessore Pisicchio ha apprezzato il lavoro fatto sottolineando che da questo si legge una mappa di interventi che rafforzano e qualificano il territorio dandone un’immagine unitaria e di sistema ed ha espresso la volontà della Regione di accompagnare il piano precisando altresì che un ”programma d’area Integrato deve vedere un forte coinvolgimento ed una interessata partecipazione del mondo delle imprese. Il PdA non deve essere visto come il solito strumento che consente ai comuni di riciclare progetti non finanziati con bandi precedenti ma deve avere la forza di intervenire sul territorio per INNOVARE e dare nuova energia al sistema economico che è fatto principalmente dalle imprese” . Ha invitato pertanto i comuni ad aprire una interlocuzione pubblica per stimolare le imprese a presentare manifestazione di interessi rispetto alla proposta di programma che si va elaborando sottolineando la validità dell’Iniziativa della DE.CO.

A margine della discussione è stata posta anche l’attenzione sulla procedura di approvazione del PIRT per il recupero dell’area di insediamenti abusivi in località Schiapparo. Procedura ormai ferma dal 2013 e che andrebbe ripresa per eliminare uno dei maggiori detrattori da un punto di vista turistico dell’Area dei Laghi. Su questa questione però è fondamentale la volontà dei privati di proseguire nella realizzazione. CNA, presente alla riunione con il direttore provinciale Antonio Trombetta, ha assunto l’impegno di verificare questa disponibilità e di comunicarlo in tempi celeri all’Assessore.

“ Il recupero ed il risanamento dell’Area abusiva è fondamentale per l’economia edile della nostra zona; per dare un pò di respiro alle centinaia di micro aziende edili presenti sul territorio oltre che fondamentale per promuovere turisticamente il territorio” ha detto Trombetta che ha anche comunicato “l’approvazione da parte della Regione del progetto di pianificazione partecipata per giungere alla predisposizione del Programma d’aria dei Laghi a dimostrazione non solo dell’attenzione ma della effettiva disponibilità ad essere protagonista di questa proposta di rilancio dell’area dei Laghi”. Grazie a questo finanziamento CNA stimolerà gli interessi economici presenti nell’area ed anche quelli sociali per giungere ad una proposta condivisa da tutte le comunità lacustri.

Pubblicato in Ambiente

Militari della Guardia Costiera di Lesina appartenenti all’aliquota del nucleo operativo di Polizia Ambientale (nopa) della Direzione Marittima di Bari durante un’attività di monitoraggio e vigilanza lungo il litorale di competenza, hanno condotto due diverse operazioni finalizzate al contrasto dei reati commessi contro l’ambiente.

Nella prima operazione, in località Marina di Lesina, i militari operanti hanno rinvenuto, in un’area boschiva privata, una discarica abusiva di rifiuti. All’interno della suddetta area sono stati rinvenuti diversi rifiuti speciali pericolosi, tra di essi anche numerose lastre di eternit (alcune già sminuzzate con il concreto rischio di dispersione di pulviscolo nell’ambiente) e numerose reste utilizzate per l’allevamento di mitili. L’attività d’indagine ha permesso di identificare i proprietari dell’area che sono stati deferiti all’autorità giudiziaria per gli illeciti ambientali riscontrati.

Nella seconda operazione, sempre in località Marina di Lesina, ma in un’area pubblica, i militari hanno accertato un’altra area adibita a discarica di rifiuti speciali di vario genereper un ingombro totale di circa 100 mq.

Per quanto sopra, al fine di scongiurare il protrarsi delle conseguenze ovvero agevolare la commissione di altri reati, i militari su conforme avviso dell’autorità giudiziaria, provvedevano a porre sotto sequestro penale urgente le due aree interessatedall’abbandono indiscriminato dei rifiuti.

Le indagini proseguiranno, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Foggia, al fine di identificare gli autori dei reati.

Pubblicato in Ambiente

Partirà questo pomeriggio dalle sponde dei laghi di Lesina e Varano Parchirifiutifree, la campagna di Legambiente e Parco Nazionale del Gargano che nelle prossime settimane farà tappa in altri 15 comuni dell’area protetta per sensibilizzare cittadini e amministrazioni sulle buone pratiche di raccolta dei rifiuti e per contrastare le cattive abitudini che influiscono sulla perdita di biodiversità.

Sarà una cooperativa di pescatori, affiancata da ragazzi coinvolti in un progetto di alternanza scuola-lavoro, a ripulire le sponde del Lago di Varano e della Foce dove sono concentrate, secondo il report Buone & Cattive Acque di Legambiente, le maggiori criticità con reti plastiche per la mitilicoltura e residui plastici dell’agricoltura che si accumulano nel tempo per poi essere bruciati. Una valida risposta in tal senso arriva dalla legge “Salva-Mare” approvata dalla Camera dei Deputati e che dovrebbe consentire ai pescatori di portare e conferire a terra i rifiuti che recuperano in mare o nelle acque interne (fiumi, laghi ecc), senza doverne sostenere i costi di smaltimento, come invece avviene oggi.

Le stesse criticità Legambiente le ha riscontrate anche nel Lago di Lesina, dove sempre domani pomeriggio si procederà alla pulizia delle sponde con volontari ed una delegazione dell’amministrazione comunale.

Le operazioni di pulizia, alle quali prenderanno parte anche Pasquale Pazienza, Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Gargano e Antonio Nicoletti, responsabile nazionale Aree Protette di Legambiente, sono aperte a chiunque volesse partecipare.

Luogo e orario di ritrovo:

Piazza Foce Varano, ore 15.00 (per info. 345.1582059)

Centro Visite Lesina, ore15.00 (per info. 0882.707455)

Pubblicato in Ambiente

Ultimo appuntamento con Di Lago In Mare, il ciclo di eventi organizzati da GAL Gargano Agenzia di Sviluppo per promuovere l'#EconomiaBlu e la cucina lagunare.

Il settimo appuntamento si terrà a #LESINA, precisamente lungo il Lago di Lesina, il 27 ottobre a partire dalle ore 10:00!

 

Programma

27 ottobre

ore 10:00- 10:30
Ritrovo per i partecipanti registrati presso Mercatino Ittico "Angelo Vassallo" (Lungolago, via Banchina Vollaro)

ore 10:30 – 12:30
Open door*
Alla scoperta della laguna di Lesina: visita guidata all’ambiente lagunare.

ore 12:45
Coffee break
Degustazione di prodotti tipici della pesca e dell’acquacoltura.

ore 15:00 – 17:00
Visita guidata al borgo di Lesina e al Centro Visite Comune di Lesina - Parco Nazionale del Gargano *

ore 17:30

Convegno presso il Centro Polifunzionale

Saluti Istituzionali:

Dott. Roberto Cristino – Sindaco di Lesina
Dott. Pasquale Pazienza – Presidente Ente Parco Nazionale del Gargano
Dott. Biagio di Iasio – Presidente del GAL Gargano

Interventi:
Dott.ssa Annarosa Notarangelo –  Direttore del Gal Gargano: Presentazione del Progetto  “Gargano Mari e Monti”
Dott. Gianfranco E. Pazienza – Responsabile FEAMP: Presentazione del GEODATABASE del GAL Gargano
Mauro De Carlo – Responsabile di DECALAB S.r.l: Presentazione dell’APP “Pesca Mia”

Conclusioni:
Dott. Aldo Di Mola – Responsabile FEAMP della Regione Puglia.

ore 19:00 – 20:30

Show Cooking
Alla scoperta dei sapori e delle ricette tipiche dell’area marino costiera e lagunare. Gargano Food Village “A tavola con l’olio extra-vergine biologico”.
(In caso di avverse condizioni meteo lo show cooking sarà realizzato nei pressi del Centro Polifunzionale)

*L’open door e la visita guidata sono ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.
E’ obbligatoria la prenotazione al GAL Gargano entro il giorno 25 ottobre 2019 ore 18:00.
+39088456164/0884568245 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Manifestazioni
Venerdì, 27 Settembre 2019 14:56

Da Trenitalia via al raddoppio Termoli-Lesina

Al via la Conferenza di servizi per l’approvazione del progetto definitivo del raddoppio della tratta Termoli-Ripalta, sulla linea Adriatica. Nel dettaglio, l’intervento interesserà circa 25 km di linea tra Molise e Puglia, nei territori dei comuni di Termoli e Campomarino in Provincia di Campobasso e di Chieuti e Serracapriola in Provincia di Foggia. Il progetto prevede il raddoppio per circa 2 km e la realizzazione in variante di una nuova linea a doppio binario per i restanti 23 km con la dismissione dell’attuale. L’investimento complessivo dell’intervento è di circa 594 milioni di euro. Attivazione nel 2026. Con il completamento del raddoppio aumenteranno le performance dell’intera Direttrice Adriatica: possibilità di far circolare più treni, maggiore velocità di percorrenza e aumento della regolarità del servizio ferroviario. Investimento complessivo 700 milioni di euro.

Pubblicato in Economia

La De.C.O. (Denominazione di Origine Comunale) conferisce ai Comuni la facoltà di disciplinare in merito alla valorizzazione delle attività agroalimentari e artigianali tradizionali presenti sul territorio rilasciando una sorta di carta d’identità del prodotto stesso. Attualmente in Italia si registra un sempre più marcato incremento del numero dei prodotti certificati, delle loro quantità prodotte e della loro domanda sia a livello nazionale sia a livello estero. Il riconoscimento dei prodotti tipici certificati ha rappresentato un nuovo modo per tutelare e valorizzare, anche all’interno del mercato europeo, le produzioni caratterizzate dalla vocazione del territorio, dalla tradizionalità dei saperi e dall’artigianalità delle tecniche. Nei prodotti tipici e a denominazione di origine è il territorio che genera la qualità, le caratteristiche o anche la semplice rinomanza del prodotto. Negli ultimi anni anche nel nostro territorio alcune produzioni hanno assunto un’importanza crescente in quanto, da un lato, una quota sempre più rilevante di consumatori ha dimostrato interesse verso tali tipologie di produzioni enogastronomiche e artigianali con caratteristiche di unicità e qualità superiori e, dall’altro, si sono affermati sistemi locali centrati su prodotti legati a specifiche tradizioni e contraddistinti da caratteristiche di particolare pregio che sfociano nella cosiddetta tipicità. La tipicità paga e i consumatori sono disposti a spendere di più per un prodotto che la garantisca. La sensibilità dei consumatori rispetto alle caratteristiche qualitative è fortemente cresciuta e non è trascurabile il peso che assume una sorta di nostalgia dei sapori del passato che ispira il consumatore. Si evidenzia una figura di consumatore sempre più attento alla qualità degli alimenti associata al territorio di provenienza. Una buona etichetta che dimostri qualità e legame con il territorio, secondo vari studi, può convincere il consumatore a pagare fino al 30% in più per un prodotto di qualità. Si può spiegare questa tendenza come la volontà di un recupero culturale delle tradizioni e delle identità territoriali che altrimenti andrebbero perse. Ne discende che i prodotti tipici e di qualità rappresentano, dunque, un’opportunità per lo sviluppo delle aree rurali in quanto ne costituiscono la sintesi, il vantaggio competitivo e le potenzialità di crescita. In altre realtà territoriali italiane, infatti, negli ultimi anni attorno all’offerta di prodotti tipici è stato costruito un sistema economico territoriale, itinerari e percorsi alla scoperta di luoghi considerati marginali e tali prodotti hanno costituito il moltiplicatore di servizi connessi (agriturismo, turismo rurale, servizi innovativi e così via) determinando lo sviluppo delle aree e il miglioramento della qualità di vita dei residenti. Il progetto De.C.O. (sovracomunale) dei Laghi del Gargano parte da questi presupposti con l’obiettivo di caratterizzare e valorizzare le produzioni agroalimentari e artigianali di questo territorio puntando sui valori della naturalità, genuinità e tradizionalità. In questo modo si intende rafforzare e comunicare il legame della qualità e della riconoscibilità dei prodotti con le aree di origine. E’ l’origine, ovvero la sua provenienza, che caratterizza, differenzia, identifica il prodotto e lo rende unico in quanto lo lega a un determinato territorio comunale di cui ne è emblema, essendone dunque prodotto identitario ed esclusivo. A livello locale la De.C.O. attesta l’origine del prodotto e la sua composizione; è rilasciata dai Comuni nell’ambito dei principi sul decentramento amministrativo (ex lege 142/90) che conferisce la possibilità di disciplinare la valorizzazione delle attività agroalimentari e artigianali tradizionali presenti sul territorio. CNA, nell’ambito del rapporto di collaborazione maturato con i comuni dell’area dei laghi e con le imprese del territorio (protocollo d’intesa i Laghi di Puglia; protocollo d’intesa i Laghi del Gargano) ha predisposto un regolamento per l’istituzione di una DE.CO. sovracomunale finalizzata a tutelare e valorizzare le produzioni che in questi anni stanno arricchendo la proposta agroalimentare del territorio (Bottarga, salicornia, salse tradizionali, latticini, mitili, ostriche, vini, liquori tradizionali, olio,pasta fresca e secca ). L’istituzione della DE.CO. di area vasta costituirebbe una ottima opportunità per gestire in modo efficiente ed efficace questo strumento superando le mille difficoltà derivanti dalle ridotte dimensioni e disponibilità finanziarie dei comuni. CNA presenterà la proposta di regolamento ai Comuni ed agli imprenditori dell’area NELL’AMBITO DELLA FESTA DELLA PARANZA 2019 GIORNO 29 SETTEMBRE ALLE ORE 17.00 nella sala convegni del centro polifunzionale del Comune di Lesina.

Pubblicato in Economia

Promuovere la pesca sostenibile nella laguna di Lesina, attraverso un percorso condiviso sul tema del bycatch. Se ne parlerà a Lesina venerdì 13 settembre dalle ore 9 nel corso del primo info day Catch Up Fish, un progetto nato per introdurre nuove conoscenze e tecniche di cattura efficaci, mirate alla riduzione degli scarti da pesca, riducendo l’impatto delle attività di pesca sull’ambiente lagunare. Il progetto sarà illustrato durante il forum scientifico dalla dott.ssa Lucrezia Cilenti, coordinatrice di Catch up fish e biologa marina del CNR-IRBIM di Lesina. Alla dott.ssa Antonietta Specchiulli, responsabile scientifico del progetto, spetterà il compito di presentare le attività del CNR-IRBIM di Lesina. Diversi gli interventi previsti: Giorgio Mancinelli dell’Università del Salento relazionerà sullo screening  della biodiversità ittica; Domenico Petruzzelli del Politecnico di Bari, parlerà di tecniche innovative di acquisizione di immagini e video per l’individuazione delle fasi di muta di invertebrati acquatici; Elena Manini del CNR – IRBIM si occuperà del monitoraggio del microbiota associato alle principali specie ittiche della laguna di Lesina; Tommaso Scirocco, altro ricercatore del CNR-IRBIM, relazionerà sul mantenimento in vivo del bycatch e del conseguente rilascio; Irene Prete dell’Università del Salento si occuperà delle ricadute economiche sul territorio e sulle imprese; Daniel Li Veli del CNR –IRBIM, ci farà conoscere gli attrezzi da pesca selettivi, Matteo Francavilla dell’Università degli Studi di Foggia spiegherà come avviene la bioraffineria per la valorizzazione del bycatch,mentre Loredana Alfarè (CNR-ISMAR), ci parlerà delle attività di disseminazione e il coinvolgimento degli stakeholders. 

Il progetto Catch Up Fish intende introdurre nuove conoscenze e tecniche di cattura efficaci, mirate alla riduzione degli scarti da pesca, riducendo l'impatto delle attività di pesca sull'ambiente lagunare. L'altro importante obiettivo è quello di redigere  una proposta di regolamento regionale della pesca nelle acque interne della laguna di Lesina per assicurare lo sfruttamento sostenibile delle risorse biologiche vive. I lavori del convegno saranno aperti dai saluti istituzionali del sindaco di Lesina, Roberto Cristino, dal direttore del CNR IRBIM, Gian Marco Luna, e dai dirigenti della Regione Puglia, Aldo di Mola e Domenico  Campanile.

Istituto per le Risorse Biologiche e le Biotecnologie Marine - IRBIM Lesina (FG)

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

Tel.: +39 0882 991352

Pubblicato in Ambiente

Promuovere la pesca sostenibile nella laguna di Lesina, attraverso un percorso condiviso sul tema delgli organismi che vengono catturati involontariamente assieme alla specie ricercata. Se ne parlerà a Lesina venerdì 13 settembre dalle ore 9, nel corso del primo giorno del progetto “pesce pescato”, un progetto nato per introdurre nuove conoscenze e tecniche di cattura efficaci, mirate alla riduzione degli scarti da pesca, riducendo l’impatto delle attività di pesca sull’ambiente lagunare. Il progetto sarà illustrato durante il forum scientifico dalla dott.ssa Lucrezia Cilenti, coordinatrice del progetto “prendi il pesce” e biologa marina del CNR-IRBIM di Lesina. Alla dott.ssa Antonietta Specchiulli, responsabile scientifico del progetto, spetterà il compito di presentare le attività del CNR-IRBIM di Lesina. Diversi gli interventi previsti: Giorgio Mancinelli dell’Università del Salento relazionerà sullo screening  della biodiversità ittica; Domenico Petruzzelli del Politecnico di Bari, parlerà di tecniche innovative di acquisizione di immagini e video per l’individuazione delle fasi di muta di invertebrati acquatici; Elena Manini del CNR – IRBIM si occuperà del monitoraggio del microbiota associato alle principali specie ittiche della laguna di Lesina; Tommaso Scirocco, altro ricercatore del CNR-IRBIM, relazionerà sul mantenimento in vivo del bycatch e del conseguente rilascio; Irene Prete dell’Università del Salento si occuperà delle ricadute economiche sul territorio e sulle imprese; Daniel Li Veli del CNR –IRBIM, ci farà conoscere gli attrezzi da pesca selettivi, Matteo Francavilla dell’Università degli Studi di Foggia spiegherà come avviene la bioraffineria per la valorizzazione del bycatch,mentre Loredana Alfarè (CNR-ISMAR), ci parlerà delle attività di disseminazione e il coinvolgimento degli stakeholders. Il progetto Catch Up Fish intende introdurre nuove conoscenze e tecniche di cattura efficaci, mirate alla riduzione degli scarti da pesca, riducendo l'impatto delle attività di pesca sull'ambiente lagunare. L'altro importante obiettivo è quello di redigere  una proposta di regolamento regionale della pesca nelle acque interne della laguna di Lesina per assicurare lo sfruttamento sostenibile delle risorse biologiche vive. I lavori del convegno saranno aperti dai saluti istituzionali del sindaco di Lesina, Roberto Cristino, dal direttore del CNR IRBIM, Gian Marco Luna, e dai dirigenti della Regione Puglia, Aldo di Mola e Domenico  Campanile.

Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 4

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -