E’ bene fare chiarezza sulla questione riguardante la internalizzazione del­le postazioni 118 della provincia di Foggia, cir­ca una ventina su un totale di 40, ancora af­fidate alle Associazioni di volontariato o coo­perative: una questione di cui si è tanto parlato nelle ultime settimane ovvero da quando, a settembre, gli operatori di quella di Mattinata hanno proclamato lo stato di agitazione, rac­cogliendo adesioni dentro e fuori Capitanata, ed hanno osservato per quasi due settimane uno sciopero della fame, ma che non c’entra niente con i 48 chiamati, tra l’anno scorso e quest’anno, tramite le agenzie interinali (pri­ma Ethica, poi G-group), a sostituire il per­sonale delle postazioni 118 internalizzate che necessitava di andare in ferie e i cui contratti a tempo determinato scadranno a metà dicem­bre. Non si tratta, dunque, degli autisti-soccor­ritori alle dipendenze delle Associazioni di vo­lontariato. “Il lavoro è sacrosanto per tutti e non vo­gliamo discriminare nessuno, però qui si sta facendo confusione con la protesta che avvia­mo col sostegno dell’Unione dei sindacati di base, USB, per richiamare l’attenzione dell’opi­nione pubblica, dei media, della politica e delle istituzioni sulla precarietà in cui continuiamo ad operare, ormai dal 2002, svolgendo a tutti gli effetti un lavoro ma senza riconoscimento di diritti e tutele contrattuali, sopportando ritar­di anche di mesi nel pagamento delle spettanze e accollandoci spesso e volentieri i costi delle divise e della formazione, nonostante l’Asl ero­ghi per ogni voce dei rimborsi specifici”. La protesta scoppiata a settembre, con Mat­tinata capofila, puntava a mettere fine a questo “sfruttamento” attraverso l’assorbimento di tutte le postazioni della provincia da parte di Sanitaservice, la società in house dell’Asl di Foggia, che avrebbe così realizzato quella omo­geneità organizzativa e gestionale del sistema di emergenza urgenza territoriale cui puntava la stessa azienda sanitaria locale in attesa che diventi operativa l’istituenda Areu, l’agenzia che gestirà l’emergenza urgenza nell’intera Pu­glia. Tuttavia un bel risultato è stato conseguito con l’accordo su una gara-ponte per procedere all’affidamento annuale, in convenzione, della gestione delle 18 postazioni di ambulanza più una postazione di automedica, introducendo nuovi e più selettivi parametri per l’ammis­sione delle candidature, tra cui il versamento di una cauzione di 20mila euro, e controlli più rigorosi.

Anna Maria Vitulano

Pubblicato in Società

Partita  anche a Mattinata l'azione educativa "ConFIDO in Te" presso l'Istituto Comprensivo San Domenico  Savio da parte dell' Associazione Bau Miao-Amici in collaborazione con la LNDC Animal Protection Vieste. Argomenti: la comunicazione del cane, cosa fare quando si ritrova un animale, il corretto approccio e la detenzione, i maltrattamenti, l'importanza della sterilizzazione e del microchip. " una bellissima giornata con ragazzi molto attenti " afferma Giusy Ciampi, presidente dell'associazione  Bau Miao-Amici. "L'intervento che ci ha più colpito é stato di un bimbo che ci ha detto " oggi per me questo incontro é stato una grande emozione perché mai nessun cane mi aveva accarezzato la mano". Nei prossimi giorni  l'attività  coinvolgerà  altre classi e il passo successivo, come da progetto, sarà  istituire il corpo delle "Piccole guardie zoofile". L'attività  ha visto  partecipi 12 classi con bambini e ragazzi dai 10 ai 13. 

Pubblicato in Ambiente

La polizia di Foggia, su disposizione del Tribunale di Bari, ha eseguito un decreto di sequestro anticipato di beni (quote societarie e terreni) a carico di Francesco Notarangelo, di 53 anni, pluripregiudicato di Mattinata. L’uomo, con precedenti penali per droga e reati contro il patrimonio, è ritenuto dagli inquirenti elemento di spicco della criminalità organizzata garganica ed è considerato vicino al clan 'Romito' operante nell’area di Mattinata-Manfredonia. Il Comune di Mattinata nel marzo scorso è stato sciolto per presunte infiltrazioni mafiose ed è commissariato. Il Tribunale di Bari, ha accolto in pieno la proposta formulata dal Questore di Foggia e ha ordinato il sequestro di quote sociali, terreni, automezzi  e rapporti bancari intestati a Notarangelo Francesco, e ai familiari, per un valore di oltre 100.000 euro.

Pubblicato in Cronaca

In seguito alla delibera dell’Azienda sanitaria locale della provincia di Foggia, la n.1555, riguardante la pro­cedura di selezione pubblica per l’affidamento annuale in convenzione delle postazioni del 118 ovvero 18 postazioni di autoambulanza ed 1 postazione di auto­medica, gli operatori della postazione di Mattinata, oltre ad esprimere perplessità e grande preoccupazione per un servizio pub­blico che dovrà essere gestito ancora dalle Associazioni di volontariato in attesa che tutto il servizio traghetti nell’AREU, l’Azien­da che gestirà il servizio su scala regionale, il prossimo 7 novembre, dalle ore 9, daranno vita a un presidio sotto la sede dell’Asl dove, confidando nel buon senso delle istituzioni, chiederanno a gran voce di essere internalizzati nella società in house.

Per gli operatori, è chiara la volontà da parte delle istituzioni di non internalizzare il servizio che resta affidato ad Associazioni la cui condotta è fortemente criticata dai di­pendenti e non solo per il ritardo con cui vengono pagate le spettanze (attualmente in arretrato da agosto) con le immaginabili conseguenze sulle famiglie.

“Come mai - si domandano - l’Asl non attua una vigilanza più rigorosa trattandosi di risorse pubbliche? Se in un verbale sot­toscritto tra le parti, alla presenza dell’or­ganizzazione sindacale, l’Associazione che gestisce Mattinata lamentava problemi di natura tecnica/economica e per questi mo­tivi prospettava riduzione dell’orario di la­voro o addirittura licenziamenti individuali, per quale ragione sta pensando a nuove assunzioni e nel contempo non paga gli stipendi arretrati?”

Gli operatori del 118 di Mattinata rei­terano l’appello al Direttore Generale dell’Azienda sanitaria locale di Foggia e annunciano che il prossimo 7 novembre, dalle ore 9, col sostegno dell’Unione sin­dacale di Base - USB, ci sarà un presidio sotto la sede dell’Asl dove, confidando nel buon senso delle istituzioni, chiederanno ancora a gran voce di essere internalizzati nella società in house.

“La pubblicazione della delibera ha san­cito di fatto che alla Asl (e pensiamo altresì a tutta la giunta regionale) non interessa ne’ la qualità del servizio ne’ la tranquillità dei lavoratori, perché altrimenti avrebbe do­vuto chiudere definitivamente il rapporto con le associazioni di volontariato. Nel ban­do non abbiamo visto alcun riferimento all’esclusione di chi non ha rispettato i diritti e la dignità dei lavoratori e con­sideriamo inaccettabile - conclude Santo Mangia per il coordinamento provinciale USB - che siano stati stravolti gli elenchi dei lavoratori aventi diritto al passaggio (per la clausola di salvaguardia) prendendo per buone le comunicazioni fornite dalle As­sociazioni”.

Anna Maria Vitulano

Pubblicato in Sanità

Il Circolo Ricreativo Culturale Oasis di Mattinata, dopo il Festival dei Colori e la Corsa dei Colori del Gargano eventi di punta dell’estate mattinatese, torna con la novità del Natale 2018 "BABBI in CORSA" la camminata ufficiale con barba e costume di Babbo Natale, per una giornata all’insegna della gioia del Natale e del divertimento. 
Un evento ludico-motorio carico di allegria, ironico e divertente, che coinvolge appassionati di tutte le età,una festa pre-natalizia per l’intero paese, in programma domenica 16 dicembre 2018 alle ore 10.00 a Mattinata (FG).

Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare il Circolo Oasis sulla pagina facebook o all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure presso Palazzo Mantuano in Via Largo Agnuli, 1

“Iscriviti!!!! Costume e pettorale te li diamo noi!”

Mattinata, 30 Ottobre 2018

Circolo Ricreativo Culturale Oasis

Pubblicato in Manifestazioni

C’è stata l’audizione in terza commissione regionale, riunita sulla questione dell’istituenda Areu, l’agenzia regionale per l’emergenza urgenza, anche per una ristretta rap­presentanza della postazione 118 di Mattinata che all’inizio dello scorso settembre aveva proclama­to, senza a tutt’oggi revocarlo, lo stato di agi­tazione per ottenere che tutte le postazioni della provincia di Foggia non ancora inteenalizzate passino alle dipendenze della società in house dell’Asl Sanitaservice. Alla protesta, che i mat­tinatesi hanno anche sostenuto con uno sciopero della fame osservato per una decina di giorni, hanno aderito i soccorritori volontari non solo di Capitanata ma di altre località della Puglia dove le postazioni 118 continuano allo stesso modo ad essere gestite dalle associazioni di volontariato che da anni beneficiano di proroghe senza as­sicurare stipendi adeguati (spesso erogati con ri­tardo) e senza riconoscimento di tutele e diritti. «Siamo stati gli ultimi ma alla fine siamo riu­sciti anche a dire la nostra dopo aver ascoltato le posizioni, per noi discutibili, delle associazioni di volontariato e quelle del sindacato dei medici di medicina generale (alcune cose condivisibili altre meno ma, comunque, non contrari all’Areu, ndc), nonché dei direttori di centrale operativa 118 che non vorrebbero l’azienda e più favorevoli alle associazioni».          

A.M.V.

Pubblicato in Sanità

«The Global Growth», la cre­scita globale, è il titolo della mis­sione di incoming che si apre oggi a Mattinata con il Regno Unito e che vede la partecipazione di buyers inglesi e di aziende del settore tu­ristico e agroalimentare pugliesi. L’evento organiz­zato dalla Piccola industria di Confindustria Puglia prende inizio sta­mane alle ore 9 presso l’hotel “Il Porto” di Matti­nata con gli in­contri b2b delle imprese locali con i buyers d’Oltremanica. Partecipano Gianni Rotice, presidente di Confindustria Foggia; Maria Teresa Sassano, pre­sidente Piccola Industria Confindustria Puglia e vice presidente Piccola Industria Confindustria na­zionale; Lucrezia Chiapparino, Ita­lia desk manager della Camera di Commercio e Industria italiana per il Regno Unito. Il programma pre­vede, nel pomeriggio, «un focus de­dicato a internazionalizzazione, tu­rismo e mobilità per il turismo del nostro territorio - informa ima nota della Piccola in­dustria - al quale prenderanno par­te, tra gli altri, Mara Pia Liguori, presidente Picco­la Industria di Confindustria Foggia, Fabio Porreca, presidente Camera di Commercio di Foggia; Mariella Nobiletti, della sezione Tu­rismo di Confindustria Foggia. Il dibattito con il raggruppamento del­le imprese di settore sarà moderato da Micky de Finis, responsabile centro studi di Confindustria Fog­gia. La serata si concluderà con gli interventi di Domenico De Barto­lomeo, presidente Confindustria Pu­glia e di Rosa Caposiena, account manager Parco scientifico tecno­logico Pontino». Domani si prosegue, ore 9.30, con il seminario organizzato dalla ri­vista L’Imprenditore sul tema “Cre­scere nei mercati globali: i fattori di successo”, patrocinato dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Foggia. «Obiettivo dell’evento - informa an­cora la nota di Confindustria - è dunque quello di stimolare le Pmi ad affrontare i mercati esteri of­frendo loro utili indicazioni sulle strategie e gli strumenti necessari per consolidare il business ed in­traprendere con successo un per­corso di internazionalizzazione. Vincere sui mercati internazionali richiede, infatti, scelte strategiche e partnership adeguate. Le imprese devono porre attenzione a tutte le variabili che determinano il successo dei processi di internazio­nalizzazione; tra queste la logistica è un fattore imprescindibile, perché consente di accrescere l’efficienza degli approvvigionamenti e di far apprezzare il nostro made in Italy nel mondo».

«Un mercato, quello globale, - con­clude la nota di presentazione di Confindustria - che oggi offre grandi opportunità di crescita alle Pmi, sia in ottica b2c che b2b, e che grazie all’e-commerce non conosce più confini».

Pubblicato in Turismo

“Sono stato ieri a Mattinata, per verificare di persona la situazione dei lavoratori del 118 da tempo impegnati in una protesta a oltranza. Ho manifestato nei loro confronti una sostanziale e convinta condivisione delle ragioni della loro protesta, perché non sono più tollerabili i differenti trattamenti per chi svolge lo stesso, delicato servizio sia in ambito provinciale che regionale. E occorre agire nell’immediato, verificando quando accade in ogni singola postazione per fare emergere eventuali discriminazioni, iniquità, vessazioni, assicurare il regolare pagamento degli stipendi (da molti non riscosso da lunghi mesi) e per riportare un clima di serenità più che mai necessario e fondamentale per lo svolgimento di una quotidiana e preziosa opera a tutela della salute e della vita stessa delle persone.

Il presidente Michele Emiliano e il direttore del Dipartimento Sanità Giancarlo Ruscitti hanno puntato su una riforma complessiva della rete dell’Emergenza-Urgenza e sulla centralizzazione del servizio, che saranno oggetto di confronto e discussione in sede regionale nei prossimi mesi: l’obiettivo deve essere quello di garantire loro la stabilizzazione, dopo decenni di meritorio servizio nonostante difficoltà di ogni tipo. Ma non si può ignorare il presente con le sue criticità e i suoi drammi, e centinaia di famiglie direttamente coinvolte e interessate: è doveroso quindi sollecitare la loro attenzione e il loro intervento per la situazione venutasi a creare in Puglia in generale e in particolare in una provincia, quella di Foggia, dove le postazioni del 118 sono ben 44, e la sanità pubblica presenta già altre, numerose emergenze ben lontane dall’essere risolte”.

Pubblicato in Sanità

Ad una settimana dall’inizio della lotta dei lavoratori delle postazioni 118 gestite dalle Associazioni di Volontariato, gli operatori, con al fianco la USB - Unione sindacato di base terranno un’assemblea pubblica nella giornata di oggi lunedì 17 settembre, alle ore 19, nella piazza antistante il palazzo comunale di Mattinata. Nel corso dell’incontro, oltre a esprimere gratitudine alle migliaia di cittadini della provincia di Foggia che hanno fatto sentire la loro solidarietà, i lavoratori in lotta intendono fare il punto della situazione, spiegare le ragioni della protesta e il motivo per cui si rende necessario protrarre lo stato di agitazione e lo sciopero della fame.

Pubblicato in Sanità
Lunedì, 17 Settembre 2018 09:33

Da lunedì 17 chiusa la galleria Monte Saraceno

Riprendono la prossima settimana i lavori alla galleria Monte Saraceno, subito dopo l’abitati di Mattinata. Dalle 7,30 di lunedì 17 settembre in poi le attività lavorative riprenderanno h24 fino all’ultimazione dell’intervento, previsto entro i primi mesi del 2019. Si tratta di lavori concordati dopo le proteste delle amministrazioni locali, dei consiglieri regionali della Provincia di Foggia e la mediazione del prefetto di Foggia, Mariani, per il posticipo dei lavori in maniera tale da rendere fruibile la galleria nel periodo estivo quando il Gargano è meta di migliaia e migliaia di turisti con punte straordinarie nei week end con il turismo cosiddetto pendolare. Ora dunque ci sarà questo lungo stop a Monte Saraceno che dovrebbe concludersi, se non ci saranno intoppi, proprio nelle prime settimane del 2019.

Pubblicato in Avvisi
- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -