Torna l'attesissimo evento colorato dell'estate mattinatese: il Festival dei Colori.

Il Circolo Oasis, anche per quest’anno sta procedendo all’organizzazione dell’evento di punta dell’estate mattinatese, che si terrà nei giorni 29, 30 e 31 luglio p.v.

Il Festival dei Colori è stato insignito, per l’anno 2017, del titolo di miglior evento italiano per la categoria “Cultura, Musica e Spettacolo” da ITALIVE, portale di promozione territoriale, in partenariato con Autostrade per l’Italia spa, Coldiretti Codacons, Comitas e Ministero dei Beni e Attività Culturali e del Turismo.

Il Festival è una tre giorni di eventi e spettacoli, aventi come palcoscenico le vie del nostro Comune, dedicata alle peculiarità cromatiche di Mattinata e dell’intero Gargano: il bianco delle falesie, il verde dell’olio, il viola delle orchidee, il turchese del mare, il rosso della tarantella.

Il Festival dei Colori trasforma il borgo di Mattinata in una galleria di istallazioni colorate che pendono dal cielo creando un’atmosfera incantata. L’evento principale è la Corsa dei Colori del Gargano che si terrà il 29 Luglio, una fan-race per tutta la famiglia che consente di immergersi nel caleidoscopio dei colori del Gargano. Musica, cultura ed enogastronomia incorniciano il tutto per una di festa di paese davvero suggestiva.

Grande novità dell’edizione 2018 è il riconoscimento ottenuto dal MIBACT che ha assegnato al Festival dei Colori il proprio patrocinio indicandolo come evento dell’Anno europeo della Cultura con l’intento di incoraggiare la partecipazione e la valorizzazione del patrimonio culturale quale risorsa condivisa, sensibilizzare alla storia e ai valori comuni e rafforzare il senso di appartenenza all'Europa. Per ora non sveliamo di più, vogliamo mantenere l’attesa e la curiosità di quanti vorranno partecipare anche solo per assistere e magari scattare qualche foto ricordo, nonché assistere ad una serie di spettacoli ed attrazioni tutte divertenti per un’estate gioiosa ed allegra.

Pubblicato in Manifestazioni

Un video di musica rap in cui si parla li mafia e durante il quale vengono sparati due colpi di pistola in aria: su questo stanno indagando, dopo una serie di segnalazioni, carabinieri e polizia che hanno visionato su Youtube il videoclip in lingua franco-algerina girato a Mattinata, territorio in cui dettano legge i feroci clan della mafia del Gargano. I controlli degli investigatori tendono a verificare se l’arma usata per sparare sia vera e se il testo della canzone sia una sorta di inno alla criminalità organizzata. Al momento le forze di polizia aspettano che il testo venga tradotto da un’interprete e il filmato studiato da un esperto. Poi ascolteranno con tutta probabilità i protagonisti lei video musicale girato e montato con tecniche professionali, tuttavia, la pubblicazione del filmato ha provocato qualche malumore a Mattinata, anche perché il Comune è stato sciolto il 16 marzo scorso dal Consiglio dei Ministri per infiltrazioni mafiose dopo che erano state accertate «forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata, che espongono l’amministrazione a pressanti condizionamenti, compromettendone l’imparzialità». Il video è stato postato due giorni fa su Youtube ed è stato visto più di 4500 volte. È intitolato Mafia ed è di Eazy Padrino, un rapper tedesco figlio di un foggiano trasferitosi in Germania da diversi anni. Vi comparirebbe anche il genero di un ex consigliere comunale. I protagonisti della clip indossano gioielli e costosi Rolex in oro massiccio. Si vede anche un uomo che impugna una pistola (anche in questo caso non si sa se sia vera) e simula l’inserimento del colpo in canna prima di consegnarla ad un altro giovane. Immancabili i riferimenti nel testo al boss Lucky Luciano, al bandito Salvatore Giuliano, a termini come «assassino» e «stai zitto» e «mafia». Tutto è stato girato a poca distanza dalla sede del Comune, dal quale sventola la bandiera italiana.

gazzettacapitanata

Pubblicato in Società

Il coordinatore del movimento spontaneo "Riaprite la galleria" ha comunicato i nuovi orari di apertura e chiusura del tunnel di Monte Saraceno sulla statale 89 Garganica Manfredonia-Mattinata. Dal 15 giugno e per tutto il mese la galleria resterà aperta dalle 7,30 del venerdì alle 7,30 del lunedì successivo. Per tutto il mese di luglio, dalle 7,30 del venerdì alle 19,30 del lunedì, mentre dal 3 agosto al 3 settembre, apertura totale. Negli altri giorni il calendario resta invariato, come da vecchio cronoprogramma, con apertura dalle 7,30 alle 19,30

Pubblicato in Società
Martedì, 05 Giugno 2018 09:41

Mattinata/ Arriva la biblocabina

Una volta, Clark Kent per potersi trasformare in Superman doveva entrare in una cabina telefonica, ma da oggi niente più Superman, né telefoni fissi: i nuovi ospiti delle cabine sono i libri. Sta per nascere infatti a Mattinata, nel giardino del MAD Mall, in via Torquato Tasso, un punto di scambio di libri e fumetti. L'obiettivo? Condividere il piacere di leggere, ad ogni età e per tutti i gusti.
É questa l'iniziativa messa in piedi dal cultural store del MAD, già luogo di condivisione di musica, teatro e cinema. Una cabina telefonica ormai in disuso, uno spazio aperto a tutti e tanti libri a disposizione: sono questi gli elementi della nascente bibliocabina, la cui gestione sarà curata dalla referente Maria Diurno.
Ora il MAD è alla ricerca di volontari disponibili a mettere in comune con altri le proprie passioni letterarie, portando i propri libri nella bibliocabina e, a loro volta, prendendone uno in prestito. Una banca dei libri gratuita, sostenibile e, perché no, dal sapore un po' vintage.
Il fenomeno vanta una lunga tradizione: la prima bibliocabina nasce nel Regno Unito, patria delle celebri cabine "red telephone kiosk". L’idea poi si è diffusa anche Oltreoceano, in particolare a New York, a partire da un programma di intervento urbanistico messo in campo per trasformare un elemento di arredo urbano ormai in disuso in minilibrerie di strada, in cui prendere e lasciare libri.
Il concetto è semplice: chi lascia un libro prende un libro, i libri vengono scambiati e la cultura si diffonde. A Mattinata, quindi, c'è una cabina telefonica che vi aspetta!

Pubblicato in Cultura

La Commissione straordinaria del Comune di Mattinata, come è già avvenuto a ridosso delle precedenti stagioni turistiche, ha ordinato il divieto, per motivi di pubblica sicurezza e per garantire la pubblica e privata incolumità, la sosta, il transito di mezzi e di persone e la balneazione su tutti gli arenili/spiagge accessibili e prospicienti i tratti di costa compresi tra la località “Gravaglione” e la località “Vignanotica”.
Si evince dall’atto emesso dall’ente pubblico:

”B) E’ vietata, per la località “Baia delle Zagare” (spiaggia Nord e spiaggia Sud), per le parti in concessione, ove la falesia è stata oggetto di intervento di messa in sicurezza, per motivi di pubblica sicurezza e per garantire la pubblica e privata incolumità, la sosta, il transito di mezzi e di persone ad una distanza inferiore a 3 metri dal piede della falesia;

C) E’ vietata, per la località “Mattinatella”, per motivi di pubblica sicurezza e per garantire la pubblica e privata incolumità, la sosta, il transito di mezzi e di persone ad una distanza inferiore a 10 metri dal piede della falesia.

E’ stato demandato ”all’Ufficio Tecnico Comunale – Settore 5 – di procedere l’apposizione dei cartelli di divieto e di ogni altro strumento finalizzato all’interdizione fisica di accesso a tali aree (segnalazione con cartellonistica, interdizione spiaggia con segnaletica verticale, interdizione viabilità veicolare e pedonale mediante cartellonistica);
ai concessionari di zone Demaniali Marittime e ai proprietari di terreni limitrofi con- costoni rocciosi, di apporre lungo la facciata di dette pareti il segnale di pericolo con la seguente dicitura: “pericolo caduta pietre”;

all’Ufficio Tecnico Comunale, alla Polizia Locale e a tutti gli organi di vigilanza- competenti di eseguire e far rispettare il presente provvedimento e gli atti presupposti e preordinati alla presente Ordinanza, anche verificando periodicamente la presenza dei cartelli di divieto apposti”.

Pubblicato in Ambiente

Dopo quasi tre mesi riapre la galleria di Monte Saraceno, sulla statale 89 garganica nel tratto Manfredonia-Mattinata. Per il momento solo nei fine settimana, ma a luglio e agosto, tutti i giorni eccezion fatta per le ore notturne. L'Anas dovrà completare i lavori di messa in sicurezza del tunnel con nuovi sistemi tecnologici. E lo farà entro marzo 2019. Intanto oggi la riapertura è stata accolta positivamente, soprattutto dai tanti turisti del week end, che in occasione di questo primo ponte estivo hanno affollato le spiagge del Gargano.

Pubblicato in Società

I Carabinieri della Stazione di Mattinata hanno rintracciato un imprenditore 51enne dalla doppia cittadinanza, italiana e svizzera, Coveri Matteo, dichiarandolo in stato di arresto provvisorio su mandato internazionale per l’estradizione emesso a suo carico dal Tribunale di Panama.
L’uomo è stato controllato in una struttura ricettiva di Mattinata ed è risultato destinatario di un mandato di arresto internazionale, emesso nel 2011 dal Tribunale di Panama, per il reato di truffa, reato per il quale è prevista la pena massima di sei anni di reclusione.
I militari dell’Arma di Mattinata, interfacciatisi con l’Interpol, hanno quindi avuto conferma dell’operatività in atto del mandato di arresto pendente sull’uomo, procedendo quindi al suo arresto provvisorio a fine di estradizione.
Al termine delle operazioni il COVERI è stato tradotto dagli uomini dell’Arma di Mattinata presso il carcere di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria italiana per le decisioni in merito. Sono in corso accertamenti al fine di verificare il motivo della sua presenza su questo territorio.

Pubblicato in Cultura

“Sulla chiusura della galleria ‘Monte Saraceno’ di Mattinata, il Consiglio regionale oggi ha fatto sentire forte la sua vicinanza a tutta la comunità garganica, con l’approvazione unanime di una mozione che impegna la Giunta pugliese a chiedere all’Anas la modifica del cronoprogramma dei lavori e, precisamente, degli orari di chiusura al traffico della stessa galleria, affinché non venga compromessa l’attività di ristoranti, negozi, strutture ricettive in genere, nel periodo di massimo flusso turistico per il nostro territorio. A ciò si aggiunge l’esigenza di garantire la sicurezza stradale degli utenti, costretti a percorrere la litoranea, una strada vecchia e pericolosa, per raggiungere Foggia e Manfredonia da Mattinata e Vieste e viceversa. Così come abbiamo chiesto la rivisitazione della tempistica dei lavori di manutenzione, perché preoccupati dalle conseguenze della dilatazione dei tempi di percorrenza per raggiungere gli ospedali più vicini: le ambulanze impiegherebbero di più e in taluni casi ciò potrebbe rivelarsi addirittura fatale per il soccorso. Adesso, sarà la Giunta regionale a prendere le redini della questione e, come sempre, vigileremo affinché tutto proceda nel più breve tempo possibile”.

Pubblicato in Società

Il calendario è stato concordato da Anas con Enti ed Istituzioni Locali durante specifiche riunioni presso la Prefettura di Foggia.
Nel dettaglio, per il mese di giugno proseguirà dal lunedì al sabato la chiusura totale della tratta compresa tra il km 0,000 ed il km 2,760, tra i territori comunali di Mattinata e Monte Sant’Angelo, ad esclusione quindi delle intere giornate di domenica e di sabato 2 giugno.
Nei mesi di luglio ed agosto e nella prima settimana di settembre verrà disposta la chiusura della galleria, dal lunedì al venerdì in esclusivo orario serale (dalle ore 19:30 alle ore 7:30 del giorno successivo), consentendo così la regolare transitabilità del tunnel dal lunedì al venerdì, dalle ore 7:30 alle 19:30, e senza limitazioni durante i weekend (sabato e domenica) ed i giorni festivi (Ferragosto).
A partire dalla prima settimana di settembre verrà poi nuovamente disposta la chiusura totale del tunnel ‘Monte Saraceno’; l’ultimazione dell’intero intervento è prevista entro la fine del prossimo inverno. Durante l’interdizione al traffico, come accade ad oggi senza particolari ripercussioni sulla viabilità, la circolazione viene deviata con indicazioni in loco sul vecchio tracciato della statale 89, attiguo alla tratta interessata dai lavori.
L’intervento – del valore complessivo di circa 5 milioni di euro – consiste nella installazione di Panelli a Messaggio Variabile, colonnine SOS ed impianto di illuminazione d’emergenza, oltre che nella sostituzione di vecchie lampade con altre di nuova generazione (Led) e di nuovo sistema di ventilazione; l’adeguamento degli impianti consente inoltre il conseguimento del risparmio energetico.
Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l'evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all'applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti “Pronto Anas” è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.

Ufficio Stampa Relazioni Esterne e Comunicazione

Pubblicato in Società

"Riaprite la galleria". E' il grido che si è alzato da Mattinata dove questa mattina si è svolto un sit in di protesta proprio all'ingresso del tunnel che collega Manfredonia a Mattinata e che permette di velocizzare i tempi di percorrenza per raggiungere il resto del Gargano dalla Puglia. Indice puntato contro l'Anas, rea secondo i manifestanti di aver iniziato i lavori di messa in sicurezza in un periodo dell'anno sbagliato. "Non contestiamo quello che stanno facendo. Anzi - ci dice ai nostri microfoni, Michele Bisceglia, coordinatore del comitato spontaneo, ben vengano. Quello che non capiamo è il periodo: non si possono iniziare i lavori alla vigilia della stagione turistica. E' assurdo". Ancora più amareggiati e arrabbiati gli operatori turistici di Mattinata: "Qui non ci viene più nessuno, il nostro fatturato è calato notevolmente" - ci dice una imprenditrice turistica. "Nemmeno i manfredoniani vengono più per una pizza o un caffè, cosa che con la galleria accadeva frequentemente" - aggiunge un ristoratore. Ma i disagi maggiori li avvertono coloro che sono costretti a fare quella strada tutti i giorni. "Anche più di una volta al giorno - urla un residente". "Per non parlare delle emergenze sanitarie. Un'ambulanza per raggiungere l'ospedale più vicino che è quello di Manfredonia è costretta a fare 7 chilometri di tornanti pericolosi della vecchia e fatiscente statale 89. Qui si scherza con il fuoco". "I politici - aggiunge un altro cittadino di Mattinata, oltre che fare passerella e farsi intervistare, vadano a sbattere i pugni nelle sedi opportune. Non basta inviare una lettera all'Anas". Già, i politici. A dire il vero il primo ad intervenire sulla questione nel mese di marzo è stato il consigliere regionale garganico, Giandiego Gatta il quale sta attendendo ancora risposte. Ieri la compagine politica era presente con più rappresentanti, dallo stesso Gatta, alla consigliera regionale Rosa Barone, ai parlamentari, Antonio Tasso e Antonio Lovecchio, tutti del M5S. Era presente anche il vice presidente della Provincia, Rosario Cusmai e una massiccia delegazione del Comune di Vieste guidata dal sindaco Giuseppe Nobiletti. Ad alzare la voce anche il presidente di Confcommercio Foggia, Damiano Gelsomino, il presidente di Federalberghi, Gino Notarangelo e la presidente degli Operatori turistici di Vieste, Mariella Nobiletti. Ed ancora il coordinatore provinciale di Forza Italia, Raffaele Di Mauro.

Saverio Serlenga

Pubblicato in Società
- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -