Lunedì, 10 Febbraio 2020 19:15

Ciao a tutti!

Mi chiamo Rebecca, ho 23 anni e vengo da Peschici, in Puglia. Sto studiando Geologia alla triennale a Chieti (CH) e mi laureerò questo Ottobre (dovrei, ma farò del mio meglio).

Da quando ero una bambina, ho sempre voluto fare qualcosa di buono per il mondo. Sono stata cresciuta come cristiana cattolica e quando ero piccola pregavo tutte le notti: "Se esisti Signore e mi stai ascoltando, non importa come, ma fammi fare qualcosa di utile, fammi iniziare un cambiamento positivo, fa' che la mia vita non sia vana..."

Sono nata in una piccola cittadina, dove mi sono sempre sentita "stretta" e tagliata fuori dal mondo. Quando avevo 16 anni mi sono iscritta ad un programma per passare un anno all'estero, e l'anno dopo, il 16 Agosto, presi un aereo per la Norvegia e iniziai la mia esperienza di 10 mesi in questo Paese.

Non fu semplice, ma imparai tanto e strinsi alcune amicizie per la vita. E imparai anche a parlare norvegese! Sono fortunata per aver mantenuto i contatti con la mia famiglia ospitante e con alcuni amici, infatti ci siamo fatti visita diverse volte.

Quando tornai in Italia, avevo quasi finito l'ultimo anno di liceo quando ricevetti una notizia scioccante: Avevo un tumore al cervello, e a causa di esso avevo perso per sempre l'udito dall'orecchio destro.

Il 7 Aprile 2015 mi operarono di urgenza e un mese dopo iniziai la radioterapia, che durò fino a Luglio. Mi caddero i capelli, la cosa di me stessa che mi piaceva di più. Mi sentivo con meno energia, con la nausea, e mi prudevano i cerotti applicati per segnare i punti da irradiare. Non posso dimenticare l'orribile sapore metallico che sentivo ogni volta che si azionava la macchina... Mentre tutto ciò accadeva, feci anche la maturità in una scuola con sconosciuti... In poche parole, quello fu il periodo peggiore della mia vita. Ma tanto altro sarebbe ancora dovuto accadere...

Dopo una breve terribile estate, a metà Agosto, iniziai la chemioterapia. Sono sempre stata magra, ma persi vari kili, a causa del fatto ovvio, ma anche perché un chemioterapico distruggeva i muscoli. Ebbi tutti i possibili effetti collaterali, tra cui un fastidioso bruciore sotto la pianta dei piedi. Quando finì la terapia, quasi un anno dopo, avevo 20 anni e pesavo meno di 40 kili. Il mio corpo, dicevano i medici, non avrebbe sopportato l'ultimo round che era stato pianificato.

Ci sono voluti un po' di anni per mettere a posto i pezzi: Ho sofferto a lungo di fortissimi mal di testa, e anche di  problemi con l'umore. Cercavo di rimanere forte, provando a credere che il giorno dopo sarebbe andato meglio.

Dopo qualche migliaio di giorni no, eccomi qui. Ancora viva, anzi, sana fuori e dentro, e grata per la vita. Sono una di quelli che ce l'ha fatta.

Ormai sono più di 2 anni da quando ho finalmente trovato il corso universitario che fa per me: Geologia. Adoro tutto di questa materia, però credo che la mia specializzazione sarà la Geomorfologia (capire come si è formato il paesaggio).

Mi piacerebbe davvero tanto fare la magistrale all'estero; acquisirei una prospettiva molto più ampia e, come forse avrete notato, amo viaggiare e scoprire altri modi di vivere e culture.

Entro il mese prossimo (Marzo 2020), mi iscriverò alla magistrale in Earth Surface Dynamics (Dinamiche della Superficie Terrestre) all'Università di Wageningen (nei Paesi Bassi), e concorrerò anche a vincere una borsa di studio per non pagare le tasse universitarie.

Sto facendo questa raccolta fondi per far avverare questo sogno. Anche se vincessi la borsa di studio, il costo della vita nei Paesi Bassi è circa €800 al mese. Sono disposta ovviamente a cercare un lavoro, ma mi servirebbe un aiuto extra. Non voglio arrendermi solo perché la mia famiglia non dispone delle possibilità economiche.
I miei genitori hanno sempre fatto di tutto per me.

Sono stata curata nel migliore ospedale di Milano, nel nord Italia, e così hanno speso tanto per pagare le medicine, i dottori, e per viaggiare avanti e dietro dalla Puglia. Voglio renderli fieri e fare il meglio di cui sono capace.

Se doni anche solo €1 te ne sarò per sempre grata. Condividi per favore!

Con amore, Rebecca




Se desideri donare direttamente, questo è il mio codice IBAN IT86G0503401795000000046032. Rebecca Losito

Pubblicato in Personaggi

Ascoli Satriano - United Monte Sant’Angelo 0-1

Gioventù San Severo - Castelluccio dei Sauri 5-2

Ruvese – Canosium 1-1

Top Player Minervino – Atletico Peschici 0-1

Trinitapoli - Vir­tus Biceglie 3-0

Ore 17,30

Palese - Fulgor Moffetta 15-0

 

LA CLASSIFICA

Trinitapoli 40

Palese 39

Peschici 35

Vir­tus Biceglie 30

Ascoli Satriano 25

Canosium 23

Ruvese e Castelluccio 22

United Monte Sant’Angelo e Gioventù San Severo 16

Top Player Minervino 8

Fulgor Moffetta 0

Pubblicato in Sport

Vir­tus Biceglie - Top Player Minervino 0-0

Atletico Peschici - Ascoli Satriano 0-0

Canosium – Trinitapoli 4-6

Fulgor Moffetta – Ruvese 0-7

United Monte Sant’Angelo - Gioventù San Severo 0-0

Castelluccio dei Sauri – Palese 2-3

 

LA CLASSIFICA

Trinitapoli 37

Palese 36

Vir­tus Biceglie e Peschici 30

Ascoli Satriano 26

Ruvese e Castelluccio dei Sauri 22

Canosium 20

United Monte Sant’Angelo e Gioventù San Severo 13

Top Player Minervino 8

Fulgor Moffetta 0

Pubblicato in Sport
Sabato, 01 Febbraio 2020 18:07

Seconda Categoria/ La 14° giornata.

LA 14° GIORNATA

Vir­tus Biceglie - Top Player Minervino

Atletico Peschici - Ascoli Satriano

Canosium – Trinitapoli

Fulgor Moffetta – Ruvese

United Monte Sant’Angelo - Gioventù San Severo

Castelluccio dei Sauri - Palese

 

LA CLASSIFICA

Trinitapoli 34

Palese 33

Vir­tus Biceglie e Peschici 29

Ascoli Satriano 25

Castelluccio dei Sauri 22

Canosium 20

Ruvese 19

United Monte Sant’Angelo 12

Gioventù San Severo 12

Top Player Minervino 7

Fulgor Moffetta 0

Pubblicato in Sport

Frutto di oltre due anni di assiduo impegno, il Saggio si basa principalmente sulle lettere, personali e redazionali, i diari ed i Saggi dello Scrittore torinese, la cui attività – con al centro il suo lavoro presso la Einaudi, iniziato contestualmente con la nascita della Casa Editrice– è costantemente inquadrata nel periodo storico che l’ha vista nascere.

Pubblicato dalle Edizioni Tracce di Pescara, il Saggio risulta piuttosto corposo – 614 pagine, più Note e Bibliografia – per le ampie citazioni dei testi pavesiani, essenziali per dimostrare la tesi di fondo, tendente a far uscire l’Autore torinese dai tanti cliché in cui è stato via via racchiuso e a evidenziarne la complessa e ricca personalità, che ne fanno uno dei punti di riferimento culturale e letterario della prima metà del ‘900.

La 4^ di copertina riporta una parte della Prefazione del noto poeta e saggista romano Plinio Perilli:

Poderosa e documentata, ma soprattutto intrigante, appassionata -e nondimeno lucida, neutrale, cioè finalmente imparziale – questa lunga monografia su Cesare Pavese colma forse un dovere d'attenzione nuovo, e assolutamente contemporaneo (in pieno abisso tecnocratico d’insipienza da Terzo Millennio, quasi d'analfabetismo “di ritorno” della nostra grande Storia, ergo Civiltà letteraria), dopo i decenni, viceversa,romantico-esistenzialisti delle vere e proprie incottature pavesiane: insomma i poderosi innamoramenti “generazionali” degli anni (50 e “60, fino almeno agli “80... In effetti, Il mito Pavese, lungo saggio e sorvolo esegetico (ma pressoché apologetico) di Armanda Guiducci, uscì nel1967...

Il libro di Piemontese è davvero bello e importante, poderoso, ispirato e documentatissimo, diremmo rapinoso: noi vi ci siamo immersi con grande piacere, perché è un saggio, ripetiamo, di sicuro, indiscutibile valore. Utile anche per rimettere a posto la posizione diciamo “tardo-novecentesca” dell'autore dei Dialog/ai con Leucò, di Lavorare stanca e de La luna e i falò... - ma questa volta al vaglio del nuovo secolo, ebbene sì, dell'era del Web.

Un libro, questo, che davvero ci voleva, dopo anni di stanca appunto del mito pavesiano, e dopo una sorta di impigrito accomodamento coi peccati veniali o mortali del Novecento - che in realtà ancora in parte sopravvivono.

Angelo Piemontese

Pubblicato in Cultura

Sabato 25 gennaio 2020 nell'Aula Consiliare "Azzarone" del Municipio di Peschici, si è tenuto un importante incontro con i Ragazzi delle 2 Parrocchie locali, Sant'Elia Profeta e Sant'Antonio da Padova, il Sindaco Francesco Tavaglione e l'Assessore alla "Gentilezza", Lucrezia Francesca Lagrande. I Ragazzi sono stati accompagnati dalle Catechiste e dai 2 rispettivi Parroci, Don Antonio Zoccano e Don Antonio De Padova. 

Il Progetto è stato voluto fortemente dall'Azione Cattolica Ragazzi (ACR), il cui tema dell'anno, "E' la citta' giusta!", ha proposto, proprio nel Mese della Pace, una riflessione sui Diritti e la necessità di Regole, che permettano davvero ad una Comunità, come quella cristiana, di crescere in umanità, secondo il Vangelo.

I Ragazzi dell'ACR Parrocchiale hanno posto domande, discusso con i Referenti dell'Amministrazione Comunale e si sono interrogati per capire come arrivare al "Bene Comune di Peschici", ovvero a qualcosa che giova all'intera collettività, attraverso l'adozione di pratiche, leggi e modi di vivere, che facciano, appunto, il bene di tutti. 

In conclusione, Enzo, un giovanotto esuberante del gruppo, ha sintetizzato: il bene comune, significa assumere nella vita la legge dell'amore nella relazione con gli altri e con il mondo e quindi Peschici sarà la "Città Giusta" solo se cresceremo con questo impegno concreto. 

Anna De Nittis 

Parrocchia Sant'Antonio da Padova 

Peschici

Pubblicato in Società

Un tavolo tecnico per discutere del progetto di prolungare la SS693 da Vico del Gargano  fino a Vieste e chiudere così l’anello viario in grado di collegare le principali località del Gargano. All’incontro, organizzato dalla deputata del Movimento cinque stelle Marialuisa Faro,  sono stati invitati i sindaci, il Parco Nazionale del Gargano, la Regione Puglia e la Soprintendenza di Foggia. All’iniziativa sarà presente l’On.Roberto Traversi, Sottosegretario delle Infrastrutture e Trasporti.

La tavola rotonda si terrà a Peschici, sabato 1 febbraio alle ore 16,00, presso il Comune di Peschici.

«L’incontro di sabato è un incontro molto importante per coordinarci e confrontarci, per rendere ancora più incisiva la nostra proposta per aumentare la sicurezza della rete stradale del Gargano e per rendere più attrattivo il nostro territorio- dichiara l’On. Marialuisa Faro. E’ importante la presenza del sottosegretario Roberto Traversi,che ha accettato il mio invito a partecipare all’incontro.

Con il sottosegretario abbiamo avviato una interlocuzione mediante un primo incontro al MIT che si è tenuto il 12 dicembre 2019 a Roma. Spero che questa iniziativa possa accelerare i tempi di realizzazione del progetto. È necessario fare squadra con tutti i soggetti del territorio, per rimarcarne l’importanza strategica del prolungamento della SS693». Conclude l’On. Marialuisa Faro.

Pubblicato in Ambiente

Ascoli Satriano - Top Player Minervino 3-0

Canosium - Vir­tus Biceglie 2-2

Gioventù San Severo – Atletico Peschici 3-2

Ruvese - Castelluccio dei Sauri 1-1

Trinitapoli - Fulgor Moffetta 11-0

Ore 17,30

Palese - United Monte Sant’Angelo 3-1

 

LA CLASSIFICA

Trinitapoli 34

Palese 33

Vir­tus Biceglie e Peschici 29

Ascoli Satriano 25

Castelluccio dei Sauri 22

Canosium 20

Ruvese 19

United Monte Sant’Angelo 12

Gioventù San Severo 12

Top Player Minervino 7

Fulgor Moffetta 0

Pubblicato in Sport

Ascoli Satriano - Top Player Minervino

Canosium - Vir­tus Biceglie

Gioventù San Severo – Atletico Peschici

Ruvese - Castelluccio dei Sauri

Trinitapoli - Fulgor Moffetta

 

 LA CLASSIFICA

Trinitapoli 31

Palese 30

Peschici 29

Vir­tus Biceglie 28

Ascoli Satriano 22

Castelluccio dei Sauri 22

Canosium 19

Ruvese 18

United Monte Sant’Angelo 12

Gioventù San Severo 9

Top Player Minervino 4

Fulgor Moffetta 0

Pubblicato in Sport

Successo di pubblico e critica per la Compagnia "Ars Nova", che nel weekend appena trascorso, ha portato sul palcoscenico dell'Auditorium Comunale "Paolo Granieri", la Storia di Maria Goretti, la bambina che appena dodicenne resistette con tutte le sue forze al tentativo di stupro di Alessandro Serenelli, suo vicino di casa di sei anni più grande di lei. 

Un vero e proprio sold out! Infatti, tra le poltrone, nei due giorni, si sono contati ben 500 spettatori, i quali si sono lasciati travolgere dalle emozioni della Santa di Nettuno. 

Un grande cast di oltre 30 persone, che coinvolgeva varie generazioni, dal nipote al nonno, ha egregiamente affrontato un tema così delicato e difficile, dopo 3 mesi di preparazione. 

La regia è stata affidata a Stefano Biscotti mentre la scenografia ha avuto la firma di Nicola Costante, Raffaele Delli Muti e Mimì Mazzone. I costumi, invece, sono stati realizzati dalle mani di Arcangela Biscotti e Maria Mattea Roncone. 

Il presidente, Camilla Tavaglione, in conclusione, ha anche ringraziato, oltre alle varie maestranze interpretative e tecniche, tutti coloro che hanno contribuito economicamente al progetto artistico-culturale. 

Peschici c'è. 

Pubblicato in Spettacolo

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -