Silvestri gas

ADTM srl, Ente di Formazione accreditato presso la Regione Puglia, organizza presso la sede di Peschici il corso di formazione per il conseguimento della qualifica di Operatore Socio Sanitario,  rivolto a 18 soggetti  inoccupati o disoccupati e  residenti o domiciliati in Puglia, che abbiamo compito i 17 anni di età e che abbiano assolto all'obbligo formativo ai sensi della normativa vigente.
Il  corso è  gratuito  ed  è finanziato dalla Regione Puglia sul programma operativo regionale 2014-2020. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata all'1 aprile 2019 ore 12,00. Per
info ed iscrizioni visita il sito www.adtm.it, chiama lo 0881638927 oppure recati presso la sede operativa in via Cavour ex I.T.T. a Peschici dalle ore 9,00 alle 12,00.

Pubblicato in Avvisi

A dì 15 detto a Giuseppe Bono ,ducati dieci egna quindici presentati fattomi buoni per il presente del rascello che a carico chiuso che si avevano da far buoni al nolo ducati 10-0-15-

E più dati a M.ro Antonio d’Herrico sopra lo carico per la 60 di pane-------------------------------------2-2—

Alli 17 mandato al Sig.re in Ischitella per Marazzo ducati quaranta----------------------------------------40----

A Nicola Radaco per sforcellare sarmentare inforcellare e legare le vigne--------------------------------15----

A Gio Paulo della Cava per potare et arredarle ducati dodici---------------------------------------------12-----

A 20 Giugno detto ducati tre fatti buoni a Notaio gio Fran.co de stasio in conto della mastrodattia presentati in conto all’Ill.mo a Giuseppe Bono alla marina------------------------------------3------------

A 28 detto alli vaticali d’Ischitella e Peschici ducati quattro egna quindici per la viatica di some 33 di vino alla marina-----------------------------------------------------------------------4-0-15------------------------------------------------

E più alli detti ducati otto per some 82 careggiate in Vico---------------------------------8-2-----------------------

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------886—8--------------

Continua.

Giuseppe Laganella.

Pubblicato in Cultura

E deve altri ducati dodici esatti da lo stesso per la vendita di tre cavalli -------------12-1-------

A primo giugno 1604 a Carlo Marcellone che portò le sarde in Lanciano per ilnolo ducati 6-----

A 13 detto pagato alli vaticali d'Ischitella per some 118 di vino portate alla marina 5-4-10---

A Giuseppe Buono un ducato---------------------------------------------------------------1------

A Domenico Pugliso e Mattheo de Vico per some 56 -------------------------------2-4-------

A Franesco Colella per some otto----------------------------------------------------------0-0-2-

A Jura Selenca per some tre---------------------------------------------------------------0-0-15

A Bogdano de Bogdano per some quattro-----------------------------------------------0-1-------

A Iura Vaccaro per some due-----------------------------------------------------------------0-0-10--

A 13 Giugno detto a Ludovico de Monte commissario del lettore per l'adoglio per lo Sig.re di Peschici------------------------------------------------------------6-3-10-------------------------

Continua.

Giuseppe Laganella.

Pubblicato in Cultura

Sono tre gli incontri di presentazione dei bandi e degli interventi del Piano di Azione Locale del GAL Gargano previsti il 07 marzo a Monte Sant’Angelo, presso la sede del GAL Gargano in via Jean Annot, l’08 marzo a Peschici presso la Sala Consiliare, ed il 12 marzo a San Marco in Lamis presso il laboratorio Arte Facendo.

Ad intervenire agli incontri, con inizio previsto alle ore 18:00, ci saranno il Presidente del GAL Gargano, Biagio Di Iasio, i Sindaci dei Comuni e la struttura tecnica del GAL che, al termine di ciascuna presentazione sarà disponibile a fornire ogni utile informazione sulle modalità di partecipazione, le ammissibilità delle spese e le tempistiche delle procedure. A questi primi incontri previsti seguiranno ulteriori appuntamenti che coinvolgeranno tutti i 15 Comuni dell’area GAL.

“Dopo l’adempimento di tutte le procedure burocratiche previste - dichiara il Presidente DI Iasio - il GAL è ormai pronto ad avviare gradualmente tutti gli interventi attuativi della propria strategia di sviluppo locale. L’attività di animazione sul territorio è in tal senso uno strumento efficace per incontrare i beneficiari dei singoli interventi e per fornire tutta l’assistenza tecnica e amministrativa per la partecipazione ai bandi”.

Particolare attenzione, nella presentazione dell’intero Piano di Azione Locale del GAL, sarà rivolta al bando “Sviluppo locale e reti” (intervento 2.5) che vede come obiettivo principale, all’interno di una dotazione finanziaria di complessivi € 200.000,00, la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali tra diversi operatori del territorio da parte di forme aggregative di PMI della filiera alimentare del territorio rurale del GAL, ed al bando di prossima pubblicazione “L’anello mancante - un piano d’azione garganica per l’economia circolare” (intervento 1.3) per sostenere la transizione delle imprese artigianali ed industriali verso un’economia efficiente in termini di risorse, promuovere la crescita verde, l’eco-innovazione e la gestione delle prestazioni ambientali nel privato attraverso una copertura finanziaria di € 1.500.000,00.

Pubblicato in Economia

Corso  Gratuito per la Qualifica di OPERATORE SOCIO SANITARIO finanziati dal Fondo Sociale Europeo, dallo Stato Italiano e dalla Regione Puglia, Avviso Pubblico n.1/FSE/2018 - POR Puglia FESR-FSE 2014-2020

Il corso avrà una durata di 1000 ore, suddivise in 550 di aula e 450 di stage presso aziende del settore.

I destinatari dei percorsi per O.S.S. saranno coloro che avranno compiuto il 17° anno di età, alla data di iscrizione al corso e che abbiano i seguenti requisiti:

  • inoccupati o disoccupati
  • residenti o domiciliati in un Comune del territorio regionale pugliese
  • in possesso del diploma di scuola dell'obbligo ai sensi della normativa vigente.

Per i cittadini "stranieri", requisito di accesso sarà il possesso di una buona conoscenza della lingua italiana

La domanda di partecipazione alle prove di selezione dovrà pervenire, pena l'esclusione, entro il giorno  lunedì 11/02/2019 ore 12,00 esclusivamente a mezzo:

- consegna a mano da parte dell'aspirante alla partecipazione, che rilascerà propria firma autografa, presso la sede di Foggia Via L. Rovelli, 48;

Saranno esclusi i Candidati che presenteranno le domande incomplete o non conformi alle modalità indicate nel regolamento.

Documenti richiesti :
[x] Fotocopia della CARTA di IDENTITÀ in CORSO DI VALIDITÀ
[x] Fotocopia del CERTIFICATO di “STATO OCCUPAZIONALE” rilasciato dal CENTRO per l’IMPIEGO

Pubblicato in Avvisi

“Vuoi un figlio? Mandami qualche scatto. Gli inviati del programma LE IENE hanno incastrato “il Dio della fertilità” Elia, un uomo di Peschici che ingannava clienti alla ricerca di una gravidanza in cambio di foto intime. Elia, una volta scoperto, ha negato tutto. “Non ho nessun potere”, ha detto all’inviata sul posto.

Il servizio al link di seguito:

https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/leiene/ruggeri-foto-della-vagina-e-posizioni-sessuali-le-chiede-il-dio-della-fertilita_F309552501009C14

Pubblicato in Società

A 27 a Gio Dom.co Ciarletta per conto di Gio.Vincenzo Cessa ducati cinquanta……………      50

A 29 detto al Sig.re per li zappatori ducati undici e tarì tre----------------------------------------11-3--

A dì detto al guardiano di S.Francesco per ordine del Sig.re------------------------------------6-----

A dì 3 Aprile 1604 in Foggia a Zaccheria per per rimettere ducati quttrocento et uno egna e tre- 400-1-3----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Alle barche che portarono le forcelle da Rodi carlini dodici--------------------------------------------

Per accomodare la spada del Sig.re carlini quattro----------------------------------0-2-----------------

Per tt 26 di sale ,cioè a carlini dieci et 16 a carlini 5 /1/2 ducati 14 -4-------------------------14-4---

A 15 detto a Gio Do.co Ciarletta massaro del Cessa ducati centoventi------------------------120---

A 20 detto comprato un giarrone per tenere l'acqua carlini 9-------------------------------------------

A 25 detto a Giuseppe Russo ducati quattro----------------------------------------4----------------------

A 27 detto al Sig.re in castello carlini venticinque------------------------------------2-2-10---------------

Al Sig.per mano di Gio Francesco de Giulianis ducati 152 -0-10 per conto delli giorni dati 152-0-10-

A dì 25 Maggio detto deve al Sig.re carlini terntadue esatti per la scaricatura di cavalli 32 da Paulo Bovaglia----------------------------------------------------------------------------------3-1--

 

CONTINUA.

Giuseppe Laganella.

Pubblicato in Cultura

Il caciocavallo podolico in un gelato. Sembra incredibile, ma è uno dei gusti proposti al bancone della gelateria Michel, a Peschici. Non è l'unico, a suonare originale: c'è il gelato alla Burrata di Andria e quello al grano arso, quello "del pastore" - con ricotta fresca di capra, composta di pere e noci e addirittura quello alle pettole.

E pure quello al lampascione, al pane di Altamura, al cacioricotta e allo scorzone (tartufo) locale. L'idea è di Michel Draicchio, che nel 2019 festeggia 20 anni di attività nella cittadina garganica, una delle più amate dai turisti d'estate. "Ci piace esaltare il nostro territorio, chi viene da noi fa un percorso gustativo nelle nostre tradizioni - dice il titolare - e infatti su biglietti da visita e tovaglioli ho fatto scrivere che qui si gusta 'un gelato da ricordare'".

Tutto è partito nel 1999 con il 'peschiciano', mix di cioccolato fondente e fichi secchi - "quelli pugliesi che si facevano essiccare d'inverno, all'interno dei quali c'è una mandorla - poi la voglia di distinguersi ha preso il sopravvento. "Ho rischiato, all'inizio, e mi capitava anche di dover buttare gelato che nessuno voleva - ricorda Draicchio - ma la sfida era proprio quella di non fare copia incolla, di non utilizzare semilavorati ma prodotti autentici". Vengono tutti dal Gargano, sono Igp e doc di presidi Slow food; solo le nocciole arrivano dal Piemonte, come il pistacchio lucano o di Bronte.

Le mandorle sono di San Giovanni Rotondo, le noci di Vico: "Però mi servo solo di produttori diretti, che coltivano la terra. E quindi preferisco essere io stesso a tostare mandorle, nocciole e noci per farne poi il gelato, passando l'intera giornata in laboratorio". Anche la frutta è locale e di stagione, da Michel non esistono sapori esotici. Merito di un piccolo terreno di proprietà dove crescono pere, fichi e agrumi, e dei parenti che fanno arrivare i loro fichi d'India, le nespole e i gelsi.

Ora Draicchio si sfizia, proponendo il gelato al caciocavallo podolico abbinato a una composta di mele cotogne, quello alla Burrata di Andria con marmellata di pomodoro pachino e olio extravergine d'oliva I clienti, quel gelato, se lo devono meritare. E allora Draicchio ha deciso di accompagnare le vaschette in vetrina con etichette che recitano i nomi dei gusti in italiano, spesso anche in inglese, a volte necessariamente in dialetto. "Faccio divertire le persone dicendo loro: "Provi a chiamarlo in dialetto, altrimenti non glielo do". E la cosa curiosa è che spesso sono gli stranieri ad azzeccare la pronuncia giusta, sia quelli che arrivano dall'Est, forse per affinità linguistiche, sia gli inglesi".

Non è semplice pronunciare correttamente 'U crusti' né tantomeno 'u culach qu mustocot' - entrambi dolci tipici della zona - ma la spesa vale l'impresa. "Prepariamo anche gelato affumicato con vari legni, lo arricchiamo a volte con il rosmarino, e c'è anche quello alla resina. Vista la posizione della gelateria, nel centro di Peschici, avrei potuto più semplicemente fare un gelato commerciale, forse avrei pure guadagnato di più. Ma sin dall'inizio ho voluto fare un gelato che rispecchiasse la nostra mentalità, il nostro essere pugliesi, il nostro modo di vivere".

Anna Puricella

repubblicabari

Pubblicato in Società

A dì 18 Ottobre 1604 spese per spese due di caso e una di caso di cavalli comprati dall'arciprete a carlini ventisette il caso e a 28 i casi per i cavalli---------------------------8-1---------------------------

A dì 28 detto a Simmio de Mastromatteo et a Comparello per compassare le vigne per giornate sette a carlini cinque al giorno per uomo ducati sette…………………………….7-----------------

Ad Antonio Russo che è venuto per segnare le vigne -----------------------------------1-------------5

Per le spese dei sopradetti per otto giorni ducati -----------------------------------------3----------------

A dì detto a m.ro Bartolomeo di Lucera e m.ro Battista in conto della fabbrica del magazzino-10-----

Per la fattura e aratura di due tratti fatti per la casa del centimolo------------------------1-2--------------

A dì 30 detto mandato al Sig.re in Ischitella per per Nicola di Marco di Paulo ducati settantacinque-75---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

A 15 Novembre a Giuseppe di Trani per ordine del Sig.re carlini quindici…………………….1-2-10---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per una bestia che portò il vino e il riso in Ischitella…………………………..10-1-------------------

A Scariscio per il vino della bottega e per il tenimento fatto alla vigna et per accomodare li ferri carlini ventiquattro……………………………………………………………………..2-2-------

Per una soma di cerchi per le botti carlini quindici 1-2-10----------------------------------------

Per un'altra comprata nel bosco e portata dalli muli del Sig.re 1--------------------------------

A di 28 Novembre a m.ro Bartolomeo a conto della fabbrica del magazzino------------3---

 

òòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòò

 

L'amministrazione dell'erario del barone Turbolo per i feudi d'ischitella e Peschici dal 1602 al 1605 (26° parte).

A 1 Dicembre detto dato a Tonno mulattiero che portò il Sig.re a Ischitella ducati 30-------------------

A dì detto ducati centoeotto e carlini nove per l'orzo di 21 tta di orzo comprato da Paulo di giorgio.108-4-10----------------------------------------------------------------------------------------------------

A m° Bartolomeo per taa 300 di calce avute da m° Gio Abruzzese al Sig Cesare Iafelice e al mulo che lo portò in Rodi-----------------------------------------------------------------------3-3-10------------

A Lazzaro Slenicchio ducati sette fattoli buoni presentati che doveva il Sig.re a Paulo Bovonio per compra di un cacallo…………………………………………………..7----------------------------------

Ducati settantasette esatti da Carlo Parente da Gio Francesco de giulianis per conto della piazza affittata dall'anno per tutto Agosto 1604--------------------------------------------67---------------------

Ducati quaranta esatti da detto Carlo da Nicola Giroya che presentato mi doveva-----------------40---

Ducati ventiquattro esatti da detto Carlo presentato mi doveva Jurasmo Rovichi per conto di grani 24------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ducati quarantuno et egna uno per mezzo del Sig.re 28 e cannate sei di vino esatti da Gio Francesco de giulianis per detto Carlo …………-------------------------------------------------------41-0-1----

Per tta 312 et uno d'orzo consegnato a Carlo Parente mandato in Ischitella e date in castello ducati centoottanta sette e carlini sette---------------------------------------------------187-3-10--------------

---------------------------------------------------------------------------------------------------------636-4 Continua.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

 

L’amministrazione dell’erario per il barone d’’Ischitella e Peschici (23° parte).

A 4 Gennaio 1604 per un mazzo di cordelle per legare la trabacca per portarla in Ischitella-----------------------------0-0-5-

A Giulia che ha fatto la culata----------------------------------------------------------- 0-0-10------------------------

A Mro Giuffreda per i remi per la fregata----------------------------------------------2----------------------------

A dì 17 detto al Percettore per l’adaglio-------------------------------------------------6-1-10------------------

Alli vaticali per careggiare le botti di vino----------------------------------------------------------1-2-10------

Ad un corriere per portare le robbe che venivano da Napoli -------------------0-0-15------------------

Ad un altro corriere che portò le altre robbe al Sig. in Ischitella-------------------0-0-15-----

D un cavallo che portò Carlo Marcellone in Ischitella------------------------------------0-1--------------

òòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòò

Per spago per cucire li matarazzi che si lavarono 0-0-10-----------------------------------------------

Al fattore di Calena per censo delle vigne-----------------2-2-10-------------------------------------------

A Beardino Morisco per some dieci di vino-----------------------20----------------------------------------

A Do Vincenzo Barbaro per fattura di candele----------------------------------0-2-10----------------------

A mastro dell'ostrato del castello Battista per accomodo dell'ostrato del castello------------2-3----

A 22 detto a Giuseppe d'errico per spese del castello per ordine del Signore------------------6------

Allo popolo di Peschici per le esequie della Sig.ra ducati tre che altri tre li pagò il Sig.re—3-

A dì 19 Novembre 1603 spese in infermità della Sig.re Gio Francesco per il pesce per i medici 0-0-15-------------------------------

Per due pollastri per fare il vestito-------------------------------------0-1-2------------------------

-----------------------------------------------------------------------------------------------------56-3-9-1/2/

Continua.

Giuseppe Laganella.

Pubblicato in Cultura
- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -