L'8 marzo scorso il Coordinamento delle Associazioni Animaliste della Provincia di Foggia ha incontrato Padre Franco Moscone, Arcivescovo della Diocesi Vieste-Manfredonia -S. Giovanni Rotondo. A Padre Franco è stato chiesto di chiarire pubblicamente che la mattanza pasquale di agnelli e capretti non è un gesto richiesto dalla Chiesa. Il suo predecessore Mons, Michele Castoro, sempre su richiesta del coordinamento, si era già espresso nel 2017 con un comunicato stampa contro la mattanza pasquale.  Il Coordinamento ha inoltre richiesto a Padre Franco di invitare sacerdoti della Diocesi a parlare nelle omelie più spesso di compassione verso gli animali e ad aprire, come già avviene a Vieste, la visita delle Chiese a chi ha animali a seguito, sempre nel massimo rispetto dei luoghi sacri. Al fine di sensibilizzare le giovani generazioni al rispetto dei più deboli, il Coordinamento ha chiesto di incontrare una volta all'anno bambini e ragazzi delle parrocchie della Diocesi e istituire una festa diocesana di ringraziamento dedicata agli animali. Gli animali infatti, oltre ad essere compagni di vita di per milioni di persone, vengono sacrificati per l'alimentazione umana perciò bisogna insegnare a trattarli con rispetto e riconoscenza. "L'uomo" afferma Francesca Toto referente provinciale del Coordinamento, " vive credendosi in cima ad un sistema piramidale in cui tutto è fatto per soddisfare i suoi bisogni. I gravi danni all'ambiente e l'uccisione quotidiana di milioni di animali devono insegnarci che il sistema in cui viviamo è circolare e pertanto ogni male fatto ad ambiente e animali si ripercuote sull'uomo stesso. L'incontro con padre Franco è stato piacevole, è una grande persona, sensibile alla tematica animale, come il suo predecessore Monsignor Michele Castoro. Nella nostra chiacchierata abbiamo riscontrato molti punti in comune, uno per tutti il collegamento tra la violenza su animali e quella sulle persone. Per questo ci siamo lasciati con la promessa di lavorare proprio per contrastarla, anche quando possibile, con azioni comuni ".

Pubblicato in Ambiente

La Sezione Bersaglieri "Gen. Michele Bosco" e il Gruppo Folk “La Vestesene” si fanno in due: tornano oggi e domani in piazza. Saranno nelle parrocchie: S. Giuseppe Operaio e Gesù Buon Pastore per sostenere la ricerca sulla sclerosi multipla. Dona anche tu: un gesto importante a sostegno della ricerca scientifica, regala una gardenia o un’ortensia. Due fiori per sottolineare lo stretto legame tra le donne e la malattia, perché le donne sono colpite il doppio degli uomini.

Vi aspettiamo.

Pubblicato in Società

COMUNEDI VIESTE

Provincia di Foggia SETTORE POLIZIA LOCALE

Ordinanza n. 19 del 07.03.2019

Oggetto: Ordinanza sulla circolazione stradale ex art. 5 c. 3° D.L.vo 285/92.

IL SINDACO Vista la nota della dell’Arcidiocesi Manfredonia-Vieste San Giovanni Rotondo, Vicaria di Vieste relativa alla tumulazione det resti mortali di Mons. Francesco De Nittis che si svolgera nel giorno 11 marzo 2019 presso la Basilica Con Cattedrale di Vieste; Ravvisata la necessita di dover circoscrivere area cittadina interessata dal corteo; Ravwvisata la necessita, inoltre, di chiudere al transito veicolare tutto il tratto stradale comunale interessato al percorso del corteo, cosi come indicato nella richiesta, nonché di vietare la sosta dei veicoli sui alcuni tratti di strada; Ritenuta la necessita di adottare 1 provvedimenti piu efficaci per limitare disagi ¢ pericoli per la circolazione stradale ed il transito det pedons; Visti gli artt. 5 e 7 del D. L.vo 30/04/1992, n° 285 e successive modifiche;

ORDINA

Per il giorno 11 marzo 2019, dalle ore 15:00 alle ore 19:00, l’interdizione al transito veicolare con divieto di sosta e rimozione forzata sul percorso del corteo, cosi come di seguito indicato:

C.SO CESARE BATTISTI- VIA DUOMO.

DISPONE

La chiusura al transito veicolare, durante il passaggio del corteo, di tutte le strade che si intersecano con le vie interessate dal percorso del corteo.

AVVERTE

I divieti di sosta con rimozione saranno resi noti a mezzo segnaletica provvisoria mobile. Ia chiusura al transito veicolare, ove disposta, sarà effettuata a mezzo installazione di transenne mobili. La chiusura al transito veicolare delle intersezioni sarà effettuata dal personale della Polizia Locale che coordinerà, per il controllo del flusso pedonale , il personale delle associazioni di volontariato denominate: Pegaso e Motoclub Gargano. Copia della presente sarà inviata alla Tenenza Carabinieri di Vieste; alla Tenenza G. di F. Vieste; alla Pol-Strada di Vieste: ai Servizi di Emergenza e Soccorso del 118; Al Servizio di nettezza urbana Tecneco; at Presidenti delle Associazioni di Volontariato sopra indicate.

La presente Ordinanza sarà resa nota alla cittadinanza a mezzo pubblicazioni sul sito Web del Comune di Vieste, ed mezzo comunicazione agli organi di stampa locali. La Polizia Locale e gli Agenti della Forza Pubblica sono incaricati della esecuzione della presente Ordinanza.

Il C. te Vicarto Locale

Gaetano Di Mauro

Isp. Sup.

Il Sindaco

Avy. Giuseppe NOBILETTI

Pubblicato in Personaggi

Termina, dopo più di due anni, il commissariamento della sezione azzurra. Il vice presidente del Consiglio regionale Giandiego Gatta, già commissario del locale circolo, d'intesa con il coordinatore provinciale Raffaele Di Mauro e con il dirigente provinciale Maurizio Ursi,  ha individuato nel giovane ingegnere viestano Vincenzo Dimauro la figura idonea a rilanciare il partito berlusconiano nell’importante comune garganico. “Un doveroso ringraziamento Forza Italia lo deve a Giandiego Gatta - spiega il coordinatore provinciale Raffaele di Mauro – che ha fortemente voluto e saputo ricostruire il tessuto del nostro partito a Vieste. Oggi la scelta condivisa, di chiudere il periodo di commissariamento e di aprire una fase nuova con un giovane e preparato professionista come Vincenzo Dimauro, che avrà il compito – conclude di Mauro - di proseguire nella riorganizzazione collegiale del partito in sinergia con la segreteria provinciale ed il nostro consigliere regionale.” 

Pubblicato in Politica

L'IPSSAR “E. Mattei” di Vieste ha realizzato un progetto PON per le classi quinte sul "Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola lavoro e tirocini/stage in ambito interregionale" Asse 1 - Istruzione - Fondo Sociale Europeo. obiettivo specifico 10.2 Miglioramento delle competenze chiave degli allievi. titolo del progetto: Azienda & Professione.

Il PON FSE 2014/2020 “Competenze per lo Sviluppo”, in coerenza con la politica nazionale, pone in primo piano la qualità delle risorse umane coinvolte nel sistema Istruzione.

Tale azione ha offerto alle studentesse e agli studenti del nostro Istituto la possibilità di completare e valorizzare la loro formazione arricchendola attraverso un’ulteriore esperienza in un contesto lavorativo avanzato ove hanno acquisito competenze innovative tali da facilitare le successive scelte di lavoro.Lo stage aziendale si è realizzato presso la struttura TOWER PLAZA HOTEL ***** di Pisa della catena alberghiera Allegroitalia, dal'11 febbraio al 3 marzo 2019, accompagnati dai docenti Di Vieste Maria e Laprocina Michele. I 15 allievi sono stati inseriti nei processi lavorativi dei servizi di Accoglienza Turistica, Enogastronomia settore Sala Vendita e Cucina, dove hanno avuto la possibilità di consolidare le competenze apprese a scuola e arricchire la formazione professionale.

Il Direttore della struttura, Gianluca GHELARDUCCI, si è complimentato con gli alunni per l'attività svolta mettendo in risalto una delle qualità che, spesso, gli alunni dimenticano, ma necessaria per crescere nel mondo dell'hotelleria: "l'umiltà".

Il Dirigente Scolastico Paolo SOLDANO ritiene che il raccordo tra il sistema scolastico e quello produttivo è non solo utile ma anche necessario.

Pubblicato in Società

«Sono passati in silenzio 5 anni, ma i risarcimenti per l'alluvione del 2014 sul Gargano non sono ancora arrivati». A puntare il dito sulla mancata risposta della Regione alle richieste del territorio, Gaetano Zaffarano di Fratelli d'Italia, che lamenta il perdurare di quei danni sull'economia agricola e turistica di tutto il Promontorio. Il consigliere regionale Fdi, Erio Congedo, presenterà una interrogazione ad hoc al governatore Emiliano.

I FATTI | Il 5 e 6 settembre 2014 il Gargano fu duramente colpito da un'alluvione catastrofica che causò ingenti danni ad aziende agricole, abitazioni e beni pubblici, strade, strutture turistiche. Vieste fu tra i Comuni maggiormente sferzati dalla violenza dell'acqua.
«L'Amministrazione comunale – ricorda Zaffarano, assessore a quei tempi – si adoperò nell'immediato, adottando tutte le misure e gli atti indispensabili alla limitazione dei danni». Con la delibera di Giunta 141/2014 del 9 settembre, a soli 3 giorni dalla devastazione, il Comune di Vieste chiese alle competenti autorità statali e regionali “la declaratoria dello stato di calamità naturale per i gravi danni arrecati da quelle eccezionali avversità atmosferiche”. «Con lo stesso provvedimento – prosegue Zaffarano – , come Giunta chiedemmo la concessione dei benefici previsti dalle vigenti norme per consentire il ripristino delle strutture pubbliche e private, il risarcimento dei danni patiti dai residenti e la messa in sicurezza delle aree a rischio. In seguito al riconoscimento dello stato di calamità il Comune di Vieste si adoperò per curare la parte relativa alla ricezione e conseguente istruttoria tecnico amministrativa delle domande di concessione di aiuto. L'attuale Giunta invece pare essersi addormentata».

AD OGGI, NIENTE | Anni di burocrazia, le risultanze dell'istruttoria riconobbero un importo complessivo di 171.600 euro, a fronte della richiesta quantificata in 1.785.924,14 euro: «Una cifra irrisoria – commenta l'esponente di Fratelli d'Italia – rispetto a quella necessaria per gli interventi di ricostruzione del potenziale produttivo agricolo, zootecnico e delle strutture fondiarie agricole danneggiate».
Da allora, dopo quasi 5 anni, nessun diritto, risarcimento o aiuto è stato riconosciuto alle aziende agricole viestane, nel rimpallo di responsabilità tra gli uffici della Regione Puglia: «Siamo rimasti ostaggio della burocrazia», denuncia Zaffarano. A farne le spese, l'agricoltura del territorio, fonte primaria di sostentamento insieme al turismo: «I segni del duro colpo inferto alla nostra economia da quell'alluvione, oltre a nuove emergenze strutturali e climatiche (nevicata Febbraio 2018)– conclude – si ripercuotono ancora sulla produzione ortofrutticola estiva del 2018 e la campagna olearia praticamente azzerate, con conseguenze nefaste sull'occupazione. È necessario che la Regione si attivi a dare risposte celeri, concrete e tangibili a sostegno dei nostri agricoltori, che con coraggio continuano a coltivare questa nostra terra».

Pubblicato in Politica

A mio avviso è un intervento indiscriminato quello che si sta facendo in questi giorni nella nostra città. Alberi sani in buono stato di vegetazione sono stati tagliati e si sta continuando a farlo. Sono alberi di Amelia (Albero del Rosario così chiamati perché dai loro semi si costruiscono i rosari) con più di mezzo secolo di età che abbelliscono paesaggisticamente la nostra città depurando l'aria e rinfrescandola nei periodi di calura estiva. Solo qualcuno di essi presentava problemi fitosanitari. L'aspetto dei viali interessati dopo il taglio è lunare. Con la presente chiedo un intervento tempestivo al sindaco per fermare lo scempio che si sta perpretando nei confronti degli inermi alberi di Amelia.

Francesco Clemente

dottore agronomo

Pubblicato in Ambiente

Una delegazione dell’Istituto Comprensivo “Rodari Alighieri Spalatro” parteciperà, venerdì 8 marzo, alla cerimonia per la Giornata Internazionale della Donna, al palazzo del Quirinale a Roma, alla presenza del Presidente della Repubblica e del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Il MIUR, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, ha indetto per l’a.s. 2018/2019 il Concorso Nazionale “Mai più schiave”, rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado, proponendo alle alunne e agli alunni spunti di riflessione sulla condizione di schiavitù, in contesti e forme diversi, in cui versano moltissime persone ancora oggi nel mondo, con particolare attenzione alle forme di sfruttamento delle donne e dei bambini , che purtroppo ancor oggi vivono in condizioni di estrema vulnerabilità e vengono scambiati come fossero merci.

L’Istituto comprensivo ha partecipato al Concorso con nove lavori complessivi tra video, cartelloni e canzoni inedite. La classe I F della Secondaria di I grado con un’opera grafica, nella sezione Poster 70x100, dal titolo “Via dell’Indifferenza” realizzata dall’alunno Samuele Tantimonaco si è classificata al secondo posto assoluto.

L’adesione al Concorso nasce dalla convinzione che la scuola è il luogo della promozione delle pari opportunità e della formazione alla cittadinanza responsabile, attraverso il riconoscimento dei diritti fondamentali della persona, rispetto ai quali la schiavitù rappresenta una delle più grandi forme di violazione. L’obiettivo perseguito con gli alunni è stato quello di approfondire il tema dei diritti inviolabili di tutte le persone, della dignità e della libertà umana e il divieto di schiavitù in ogni sua forma.

Il Dirigente scolastico

Prof. Pietro Loconte

Pubblicato in Società

COMUNE DI VIESTE

LEGA NAVALE ITALIANA                                 PUNTO D’ARTE CLUB

VIESTE                                                   ASS. CULT. VIESTE

Bandiscono il III° concorso nazionale di poesia inedita italiana 2019.

REGOLAMENTO

I Concorrenti dovranno inviare tre poesie non superiori a trenta versi. Di ogni poesia dovranno essere inviate sei (6) copie dattiloscritte. Queste non dovranno portare alcuna firma.

Nel plico, contenente le poesie, i concorrenti invieranno in una busta chiusa le proprie generalità, l’indirizzo, il numero di telefono e, se in possesso, l’indirizzo di posta elettronica.(EMAIL)

Saranno assegnati, alle poesie più meritevoli, i seguenti premi:

A-Premio dell’Amministrazione Comunale - Assessorato alla Cultura – Tema poesia

“Ricordi d’Infanzia”.

B-Premio dell’Amministrazione Comunale – Assessorato al Turismo – Tema Poesia

“Ricordi d’Estate”.

C-Premio della Critica - Poesia a tema libero.

D-Premio della giuria - Poesia a tema libero.

E-Premio Associazione Trabucchi – Tema poesia “Il Paesaggio”.

F-Premio Lithos – Tema poesia “La Pietra”.

G-Premio Artigianato Mediterraneo – Tema poesia “Il Gargano”.

H-Premio Bacco – Tema poesia “Il Vino”.

I-Premio Ceres – Tema poesia “Il Frumento”.

L-Premio L. N. I. – Tema poesia “Il Mare”.

M-Premio Punto d’Arte Club – Tema poesia “L’Amore”.

I plichi contenenti il tutto nonché una banconota da venti euro (20,00 euro) quale

contributo spese, dovranno essere inviati ad uno dei seguenti indirizzi:

Prof. RAFFAELE PENNELLI Via Santa Margherita, 59- 71019 VIESTE –FG-

Maestro SAVERIO SCIANCALEPORE Via Trieste, 12- 71019 VIESTE –FG-

Il giorno della proclamazione dei vincitori avverrà nel mese di giugno 2019.La data ed il luogo della proclamazione saranno comunicati, preventivamente, a tutti i partecipanti Via E-Mail, telefonicamente o con avviso postale.

I plichi dovranno essere inviati entro e non oltre il 30 aprile 2018.

Per ulteriori informazioni telefonare ai seguenti numeri:

334/7341946-oppure-al 340/1700219.

Il concorrente potrà scegliersi il lettore che darà voce al proprio componimento se lo riterrà opportuno.

I premi dovranno essere ritirati personalmente dai concorrenti o da persone da loro stessi delegate. Non è prevista la spedizione degli stessi.

Ad ogni concorrente sarà assegnato un attestato di partecipazione.

Il comitato Organizzatore non fa parte della Giuria; il suo compito è quello di consegnare a quest’ultima i lavori pervenuti in maniera anonima.

Il comitato organizzatore si impegnerà alla pubblicazione a mezzo stampa dell’elenco dei vincitori ed alla comunicazione a tutti i partecipanti a mezzo E-Mail o telefonicamente.

E’ gradito un breve curriculum vitae.

- NUNC EST BIBENDUM - ENOLOGIA E POESIA -

Pubblicato in Cultura
- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -