Giovedì, 24 Ottobre 2019 09:46

Vieste/ Traffico di droga, 15 arresti. “Smantellato il clan Raduano”. I pm della DDA contestano anche l’aggravante della mafiosità. Il blitz NEVE DI MARZO è la prosecuzione dell’inchiesta ad agosto 2018 portò in claa il boss

Doppia operazione di carabinieri e Dda a Vieste con L’arresto/fermo di 17 persone, in esecuzione di due distinti provvedimenti caute­lari ed accusate a vario titolo di traffico di droga aggravato dalla mafiosità, armi e tentato omicidio sempre con l’aggravante della mafiosità. Il blitz denominato «Neve di marzo» scattato all’alba di ieri con l'emissione di 15 ordinanza cautelari fir­mate dal gip di Bari per traffico di droga aggravato dal metodo mafioso e armi, ha «smantellato il gruppo criminale che gestiva i traffici illeciti su Vieste e nel Gargano», hanno detto pm e inve­stigatori nella conferenza stampa a Bari. Sabato scorso poi, su decreto della Dda, sempre i ca­rabinieri avevano fermato per tentato omicidio aggravato dalla mafia due giovani viestani ac­cusati del ferimento di Giovanni Cristalli av­venuto in pieno centro lo scorso 14 ottobre. «Il contesto criminale sul quale si è investigato» scrive la Direzione distrettuale antimafia in una nota stampa «riguarda la violenta contrapposi­zione tra i due gruppi nati dalla scissione dell’organizzazione a suo tempo capeggiata da Angelo Notarangelo, ucciso il 25 gennaio del 2015, con i due gruppi che si sono fronteggiati per il controllo del traffico e dello spaccio di stupefacenti a Vieste, meta di un enorme flusso turistico; e che per questo rappresenta una piazza di spaccio di enor­me importanza. Si tratta di uno scenario di guer­ra» ( in 4 anni 10 omicidi, 1 lupara bianca, 6 agguati falliti) «culminato ultimamente con l’omicidio di Girolamo Perna del 26 aprile scorso». Il giovane viestano, già sfuggito a due agguati tra settembre 2016 e marzo 2017, fu assassinato sei mesi fa a 28 anni e davanti casa da un killer non ancora in­dividuato. Perna era ritenuto al vertice dell’omo­nimo gruppo che si è scontrato con quello ca­peggiato da Marco Raduano, 36 anni, detenuto per traffico di droga aggravato dalla mafiosità e armi dal 7 agosto del 2018 quando fu fermato con altri tre concittadini dai carabinieri su decreti della Dda. L’indagine «Neve di marzo» sfociata nel blitz antidroga di ieri con 15 arresti «costituisce l’approfondimento e la prosecuzione di quella che il 7 agosto 2018» prosegue la Dda «consentì il fermo di Marco Raduano e con lui di Liberantonio Azzarone, Luigi e Gianluigi Troiano» (padre e figlio). «Contestata al gruppo Raduano l’associa­zione a delinquere dedita al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo, mafioso, e dall’uso di armi. Durante le indagini, iniziate nell’estate 2017, diversi sono stati gli arresti ese­guiti dai carabinieri, con importanti sequestri di cocaina, marijuana e hashish e di armi, anche da guerra. Complessivamente, nell’indagine “Neve di Marzo", gli indagati sono oltre una trentina. Le investigazioni sono state svi­luppate dagli inquirenti con modalità tradizionali, strettamente connesse al monitorag­gio dinamico del territorio, ma pure con mirate indagini tecniche, anche di ultima ge­nerazione» (intercettazioni)». Secondo i pm «le due ope­razioni» (i 15 arresti per droga di ieri e i 2 fermi di sabato scorso per il tentato omicidio di Cristalli) «da un lato hanno portato a termine lo smantellamento del clan Raduano, dall’altro hanno consentito di stroncare sul na­scere con i 2 fermi il tentativo della criminalità organizzata viestana di ricostituire, dalle ceneri dei vecchi sodalizi, nuove entità associative di tipo organizzato». Anche il clan che sarebbe stato capeggiato dal defunto Perna (il giovane aveva sem­pre negato d’essere al vertice di una delle batterie coinvolte nella guerra di mafia) è stato colpito giudiziariamente: il blitz antidroga «Agosto di fuo­co» tra settembre e novembre 2018 portò all’arresto di una decina di persone; l’operazione «Scacco al re» dello scorso 21 marzo sfociò nell’arresto dei cugini Claudio e Giovanni Iannoli (già detenuti per «Agosto di fuoco») accusati del tentato omicidio di Raduano del 21 marzo 2018.

gazzettacapitanata

Pubblicato in Cronaca
Etichettato sotto

ReteGargano consiglia...

Ristorante Il Capriccio

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -