Venerdì, 01 Febbraio 2019 10:07

L’amministrazione dell’erario da parte del barone Turbolo per i feudi d’ischitella e Peschici. (9° e 10° parte).

Al primo agosto a Isidoro Mastromatteo ducati quarantasette e carlini 7 a compimento delli vini venduti al sig.re mandati detti denari per Giovanni de Stefano 47-3-10----------------------------------------------43-7-10-

A dì detto pagato a Leonardo di Giuseppe Russo per giorni undici che ha attellato la vigna-----1-2-8-----

A dì detto a Andrea Rivasicchio per fattura d’una gavata egna quindici………………………………….0-0-15

A dì’ detto a Giovanni Perrini ducati centotrentasei e due egna e quindici a compimento dei duecento da me dati al Sig.re Gio Berardino da Foggia a Napoli.

A dì 13 detto al mulattiero per ferrare il mulo. ---0-0-15---------------------------------------------------------------------

A 17 detto a Simio M° Matteo per compassare li terraggi per giorni due ducati -1---------------------------------

Per la cavalcatura dell’erario -------------------------------------------------------d -0- 2----------------------------------------

A Marco Recivicchio suo compagno-------------0---2----------------------------------------------------------------------------

Per spese di mangiare al compassatore d----0----------------4----------------------------------------------------------------

A dì 30 a Paulo Vodopia marito di Isabella Cugnidoro ducati centoquaranta per la sua parte che spettava delli ducati mille che al Sig.re ha dato l’Università.---------d 140--------------------------------------------------

Continua.

òòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòò

L’amministrazione dell’erario del barone Turbolo per i feudi d’Ischitella e Peschici dal 1602 al 1605 (10° parte).

A dì da Nicola de Givoya per il prezzo di una vacca con vitelli al Sig. re-d----------------------------15-2-10

A Matteo de Sridano per il prezzo di nove pezzi di vacche ducati settantasei------------------------76------

a Rogescio Micaglia per il prezzo di un toro ducati-----------------------------------------------------10-----------

A 7 Settembre 1604° Franc.co Cesare guardiano di San Francesco ducati sei a compimento di ducati 12 per i lasciti di Gio Francesco Turbolo per ordine del Sig.re ducati 6------------------------------------------------------------

A dì 20 detto spese per accomodare la chiave della camera del Signore   d 0------0—10-----------------------------

A dì 24 Ad alcuni uomini che hanno sbarcato le robbe M° Antonio d…………….0---0-----15---------------------------

A dì detto alli detti che salirono le robbe che vennero da Lanciano nel castello---0---2-----------------

A dì 4 Ottobre detto dati a Gioffreda che amministrò nella torre in la Tiano?(parola non decifrabile) d 30----

A 4 Ottobre a un uomo che ferrò i cavalli ------------------------------------------d 0-0-10---------------------------

A dì 9 detto ad Antonio Laulin corriere delle lettere di sopra -0-0-15----------------------------------------------

A due donne che caricarono le robbe dal magazzino 6---0---15-------------------------------------------------------

A 12 detto a Francesco Carbonaro a compimento dei ducati cento cha ha dato all’Ill.mo e Ecc.mo della dogana in Foggia ducati 70—0 ------------------------------------------------------------------------------------------------

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------791-4-0-----------------

Continua-

Giuseppe Laganella.

Pubblicato in Cultura

ReteGargano consiglia...

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -