Giovedì, 14 Marzo 2019 09:27

L'amministrazione dell'erario del barone d'Ischitella e Peschici dal 1602 al 1605. (37° parte)

E in più deve per una tta e mezzo di pane per il vignarolo per mesi tre e giorni diciasette di un tumulo e mezzo al dì ducati sei e due---------------------------6--2----------------------------------------

E in più deve per un tt e mezzo di pane in diversi luoghi e per il castello sottoil q.   3--------

E in più il 4 gennaio per il pane fatto per il sig.re nel castello tt uno ducati due-------------2-----

A dì detto 7 dato in castello tt sette e mezzo di grano a a ducati due il…..15--------------------------

Per some quattro di cechi dati per odrine del Sig.re al notaio Gio Franceso de Stasio-------------------------------6-4-----------------------------------------------------------------------

E in più ducati 54 per il prezzo della casa che comprò Giuseppe Bono a lume di candela e dal sig.re affittata a a Francesco Bodnizza et in quella dove abitano al presente il detto Francesco------54--

A Bartolo di Lucera a conto del magazzino ducati 11----------------------------------------------------

E in più ducati trecento pagati in Foggia in potere di Piero saguino il primo luglio 1605---300---

Ducati trentacinque dati per grani a------ Geronimo Fratese et consegnati a Carli Parente ----35---

E in carlini venticinque per lo censo della della vigna al fattore di Calena------2-2-10-Continua.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura
Etichettato sotto

ReteGargano consiglia...

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -