Mercoledì, 07 Agosto 2019 10:03

Si infittisce il mistero dell'immagine dello stemma dei Dentice sulla Torre del vecchio Castello d'Ischitella.

Era il giorno del solstizio d'estate e sulla torre del vecchio castello d'Ischitella, ora Palazzo Ventrella, apparve un immagine strana di un pesce con delle stelle che richiamava la caratteristiche dello stemma dei Dentice, feudatari d'Ischitella dal 1398 a metà cinquecento.

La cosa si presentava alquanto strana per la coincidenza di questi manufatti incisi nello stesso periodo a Siponto ed Otranto e anche su analoghi monumenti medioevali. Il riflesso appariva sulla torre del vecchio castello che aveva una storia che poteva essere quella dei feudatari d'Ischitella Dentice. Infatti la leggenda dice che uno dei feudatari, che poteva essere benissimo una della famiglia Dentice, buttava i suoi nemici dalla torre. Torre su cui si riflettono le caratteristiche dello stemma Dentice, e se non perivano per il volo fatto venivano trafitti da lance appuntite che si trovavano alla base della torre. Questo è suffragato dalla testimonianza del proprietario della torre che mi raccontò che da bambino scendendo alla base trovò resti di ossa umane. Cercai di darmi una spiegazione del fenomeno del riflesso e pensai subito ad un riflesso del sole sui vetri del palazzo di fronte, che momentaneamente era disabitato perchè i proprietari erano a Milano.Ieri finalmente, con l'arrivo dei proprietari e con l'architetto Graziano d'Ischitella abbiamo provato a coprire i vetri delle finestre, ma il risultato è stato analogo, il riflesso con le sue forme strane ha continuato a persistere e non è sparito. A questo punto diventa interessante la spiegazione del fenomeno da parte di un esperto di illuminotecnica…. O altro.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura
Etichettato sotto

ReteGargano consiglia...

Osteria degli Archi

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -