Stampa questa pagina
Lunedì, 10 Giugno 2019 09:17

La Regione Molise interessata allo sviluppo del GINO LISA. “L’aeroporto di Foggia importante anche3 il nostro territorio”.

«L’aeroporto Gino Lisa di Foggia è da considerare in­frastruttura strategica anche per il Molise. Perciò, come Gruppo consiliare Pd, abbia­mo presentato una mozione per impegnare il presidente della Regione Toma a soste­nere potenziamento e amplia­mento dello scalo pugliese e avviare iniziative concrete af­finché l’area aeroportuale di­venti distretto produttivo eu­ropeo, capace di generare ri­levanti e qualificate ricadute economiche e occupazionali anche per il Molise». Lo annuncia la consigliera regio­nale molisana Micaela Fanelli. «Attraverso un coraggioso piano di sviluppo - ricorda la consigliera regionale del Par­tito democratico - Aeroporti di Puglia ha previsto un inve­stimento di 60 milioni per gli scali di Bari, Brindisi, Foggia e Taranto-Grottaglie». Per l’esponente Pd «è lampante che il potenziamento del Lisa contribuirà al rilancio dello scalo e allo sviluppo del traf­fico commerciale funzionale alle esigenze di mobilità dei centri di Puglia, Molise (For­tore, Basso Molise) e di parte del Beneventano, poli attrat­tivi dell’industria del turi­smo». Il finanziamento, della du­rata di 12 anni, ricorda anche Fanelli, «ha lo scopo di sup­portare il piano di investimen­ti previsto nel contratto di programma di AdP con ENAC 2019-2022 (circa 101 milioni), con il Piano strategico che conta, entro il 2028, di mo­vimentare 11 milioni di pas­seggeri sugli aeroporti puglie­si. La Regione Puglia ha chie­sto a Ryanair di esaminare la possibilità di utilizzare alme­no uno degli altri due aero­porti pugliesi, quello di Foggia o quello di Taranto. E su que­sto, la Regione Molise può e deve far sentire la propria vo­ce, indicando e puntando su quello della Capitanata, for­temente connesso al sistema viario e ferroviario con la pro­vincia di Campobasso».

«Non dobbiamo dimenticare l’adesione della Regione Mo­lise alla Zona economica spe­ciale Adriatica - conclude la consigliere molisana - in corso di istituzione da parte della Regione Puglia, quale mezzo per attrarre investimenti, ri­durre le burocrazie, accom­pagnare gli insediamenti, at­tivare ricchezze e lavoro, a cominciare dal Porto di Ter­moli (Campobasso), che di cer­to sarà rafforzata dalla pre­senza di un grande aeroporto, contribuendo alla ripresa eco­nomica anche del Molise».

Pubblicato in Economia