Lunedì, 16 Dicembre 2019 10:13

Diocesi Manfredonia-Vieste-S.Giovanni Rotondo/ Giovedì si ricorda il 50° della morte di mons. Cesarano, la figura e l’opera dell’amato Pastore.

   Tra le figure notevoli della millenaria serie dei Pastori che hanno guidato l’Arcidiocesi sipontino-garganica, un posto importante occupa certamente Andrea Cesarano, arcivescovo per quasi 40 anni nel corso del secolo XX, la cui memoria è vivissima non solo tra i fedeli ma anche tra tutta la popolazione manfredoniana.

La nostra Arcidiocesi il prossimo 19 dicembre, 50° della morte di mons. Cesarano, ricorderà la figura e l’opera dell’amato Pastore con una commemorazione che si svolgerà in due momenti: dapprima nella sala “Vailati”, alle 16,00, con interventi di storici locali e dell’arcivescovo emerito mons. D’Ambrosio, e in cattedrale, alle 18,00, con una solenne concelebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo p. Franco Moscone.

Durante il periodo dell’occupazione nazista a Manfredonia, durato per fortuna solo dal 9 settembre al 1 ottobre 1943, mons. Cesarano svolse un’importante opera di coraggio, suggerita dalla preoccupazione amorosa per il gregge affidatogli, attraverso un dialogo caparbio e costruttivo che riuscì a trovare quello spazio necessario per efficaci soluzioni, volte a favore del bene dei singoli e della città. Fu, dunque, un autentico testimone della carità, promotore di dialogo e di cultura, costruttore di pace, ammirevole esempio di perfezione cristiana volto a salvarein due terribili momenti diverse vite umane destinate altrimenti alla fucilazione. Per questo gli fu concessa al merito la medaglia d’argento al valore civile.

Una pubblicazione del Diario di mons. Cesarano di quei giorni di occupazione, curata dal prof Tomaiuoli, archivista dell’Arcidiocesi, aiuta a conoscere direttamente l’azione svolta da questo Pastore per salvare diverse vite umane.

 

 

Le Onorificenze civili conferite a mons. Andrea Cesarano

 

Medaglia d'Argento al Valor Civile

 

«Nel drammatico scorcio di vita cittadina tra la dominazione nazista e quella alleata, Cesarano si prodigò per evitare assurde rappresaglie e distruzioni, meritandosi nel 1944 la Medaglia D'Argento al Valore Civile, con questa motivazione: «Durante il periodo dell’occupazione tedesca di Manfredonia, dal 9 al 26 settembre1943, sprezzante d'ogni minaccia occorreva, ove fossero in pericolo vite umane: sotto bombardamenti e mitragliamenti di aerei ponendosi anche a braccia aperte dinanzi ad una postazione di mitragliatrice pronte a far fuoco sulla folla, salvava numerose vite umane, aiutava fuggiaschi, riusciva ad impedire che si operassero distruzioni e rovine, con conseguenti eventi sanguinosi. Mirabile esempio di abnegazione e di altissima virtù cristiana.»»

 

Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana

 

«Per speciali benemerenze verso la Nazione, su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— 27 dicembre1963.

 

Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte

Pubblicato in Personaggi
Etichettato sotto

ReteGargano consiglia...

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -