Stampa questa pagina
Mercoledì, 29 Maggio 2019 11:50

Vieste/ Il Consiglio Comunale di ieri

Consiglio Comunale intenso quello che si è tenuto ieri mattina a Vieste, particolarmente atteso per gli argomenti posti all’ordine del giorno, ma soprattutto per ascoltare le parole del Sindaco in merito a quanto apparso negli ultimi giorni sulle pagine web di un sito di informazioni online. E Giuseppe Nobiletti non si è fatto attendere: chiedendo la parola appena dopo l’appello, ha fugato i dubbi relativi ad una sua presunta incompatibilità in quanto il villaggio turistico di suo padre sarebbe (stando all’esposto anonimo riportato dal sito foggiano) su terreni con usi civici. Stesso dicasi per la vicesindaca Rossella Falcone e per altri imprenditori, tutti politicamente vicini all’amministrazione comunale viestana e componenti della locale associazione antiracket. “Gran parte del territorio viestano è su terreni con usi civici, e parlo di circa 8.000 ettari”. A dimostrazione di quanto detto, Nobiletti srotolava e mostrava ai consiglieri una mappa del territorio comunale con evidenziate le tante aree rientranti nel discorso. “Ci sono intere zone su cui esistono numerose strutture turistiche, come la zona Scialara o Scialmarino, ma anche aree su cui sono presenti quartieri, come la C1 Sud e il Pantanello e, sembrerebbe, anche parte del centro storico. Questo è ciò che risulta da una delle perizie in possesso del Comune di Vieste, la cui attendibilità non è assicurata in quanto discordante con altre perizie e con quanto risulta nei registri della Regione Puglia. Ma ci tengo a precisare – sbandierando l’atto – che nel lontano 2007 mio padre aveva regolarmente affrancato gran parte del terreno su cui ricade il suo villaggio; manca solo una piccola area per la quale è in corso un contenzioso”. E a proposito del padre, con voce commossa ha aggiunto: “Vogliono far passare il settantaduenne Giacinto Nobiletti come il mostro di Vieste, come colui che non ha mai rispettato i dipendenti. Nella sua vita di imprenditore, qualche giorno fa ha commesso il grave errore di non dichiarare l’ingaggio di 4 donne al loro primo giorno di lavoro, ricevendo una pesante multa che deve pagare, così impara che gli imprenditori oggi non possono permettersi neanche un attimo di distrazione. Colgo l’occasione per fare i complimenti agli Ispettori dell’Ufficio del Lavoro che hanno fatto il proprio dovere, esortandoli a proseguire per cercare di debellare la pessima abitudine di sfruttare i dipendenti. Ma – ha proseguito il sindaco – il nome di mio padre è finito su quel sito (e sulla bocca di tutti) solo perché è il padre del Sindaco di Vieste; e per essere il padre del Sindaco di Vieste è stato aggredito e picchiato per ben due volte (ma questi episodi non vengono pubblicati su quel sito…)”. Tornando sugli usi civici, “sia nel 2017 che nel 2018 abbiamo inserito tra gli obiettivi del dirigente del settore il compito di fare chiarezza sulla questione usi civici e di rifare il regolamento abbassando le tariffe, al momento tra le più alte d’Italia, per consentire ai livellari di poter affrancare il proprio terreno diventandone proprietari a costi ragionevoli, ma non è riuscito a farlo; nel 2019 gli abbiamo chiesto di esternalizzare il servizio, incaricando una ditta specializzata a fare tutti i controlli necessari per capire effettivamente quali sono le aree ancora soggette ad usi civici, e ad informatizzare il tutto in modo che ogni cittadino potrà consultare la banca dati e, inserendo i dati catastali, capire una volta per tutte se il terreno è effettivamente di sua proprietà”. E ha anche smentito ulteriori inesattezze scritte nel presunto esposto anonimo: “non è vero che con i proventi degli usi civici si sarebbe potuto azzerare il debito comunale perché sono vincolati alla bonifica, così come non è falso che ho aumentato i costi ai cittadini: la Cosap (imposta per l’occupazione del suolo pubblico, ndr) non è aumentata, l’ho semplicemente fatta pagare! Piuttosto è diminuita per chi chiede il suolo pubblico per più mesi, in modo da non far trovare il paese spoglio ai turisti che vengono in bassa stagione. Così come sono diminuiti gli abbonamenti per la sosta, passando da 125 a 80 Euro stagionali da quando ci siamo insediati, ed abbiamo istituito due zone in cui i residenti il parcheggio non lo pagano per niente”. “Per un attimo avevo deciso di mollare – ha confessato -, ma l’affetto dei miei consiglieri comunali e di tanti cittadini mi ha spinto a restare; se devo essere sfiduciato, se dovete chiedere le mie dimissioni, fatelo per quello che ho fatto e che farò: per il risanamento del debito pubblico, per l’abbattimento e la ricostruzione della scuola media ‘Alighieri’, per i tanti finanziamenti pubblici ottenuti, per la chiusura definitiva della discarica, per la sistemazione delle strade, e potrei continuare per ore. Sfiduciatemi per questo, non per le chiacchiere da bar o per gli esposti anonimi fatti da persone che ragionano ancora con la mentalità della vecchia politica e che pensavano che con l’amministrazione Vieste Sei Tu avrebbero sistemato i fatti propri”.

Chiuso il capitolo usi civici, più consiglieri (Bevilacqua, Cannarozzi, Clemente e Marchetti) hanno chiesto informazioni in merito alla paventata chiusura del laboratorio di analisi; il Sindaco ha precisato che nulla è ancora stato deciso e che sta facendo costanti pressioni sul Presidente della Regione affinché l’unico laboratorio di analisi previsto sul Gargano dal piano di riordino ospedaliero venga allestito a Vieste. Unanime è l’idea di convocare un Consiglio Comunale monotematico (così come chiesto anche dalle locali sezioni di Forza Italia, Fratelli d’Italia e UDC) ma solo se presenti i rappresentanti regionali (presidente Emiliano o un suo rappresentante).

Tra gli argomenti previsti nella convocazione, c’è stata l’approvazione del regolamento relativo alle Zone a Traffico Limitato che entreranno in vigore dal prossimo 15 giugno: rispetto allo scorso anno, è stata introdotta la possibilità di transito con permanenza per massimo 30 minuti a quei proprietari di casa non residenti, così da dar loro la possibilità di scaricare i bagagli davanti al portone, modifica concordata direttamente con un legale che rappresentava questi utenti.

Inoltre l’amministrazione comunale si è impegnata a modificare atti e regolamenti per consentire la sosta sui parcheggi a pagamento ai possessori del talloncino riservato agli invalidi. La normativa nazionale non ha permesso l’introduzione immediata di questa agevolazione rimandando il tutto al prossimo anno.

Con otto voti favorevoli, sei contrari e un astenuto, è stata approvata anche la richiesta di cambio di destinazione d’uso (da turistico alberghiera a turistico residenziale) di 35 villette presenti nel territorio di Pugnochiuso, modifica che consentirà agli attuali proprietari di vendere queste unità abitative. In cambio, la ditta Marcegaglia si è impegnata a sistemare i belvedere nella pineta in località Ponte, realizzando aree di sosta e spazi per permettere ai turisti di fare foto, sia sulla sommità della collina, accanto alla strada, che sul lato sinistro della successiva discesa, in direzione Portonuovo.

Decisamente meno vibrante è stata la trattazione dei restanti punti all’ordine del giorno, ossia la ratifica di alcune delibere di giunta in cui c’erano variazioni di bilancio e una variante urbanistica chiesta dai proprietari del villaggio Baia degli Aranci.

Articoli correlati (da tag)

Pubblicato in Politica
Etichettato sotto