Venerdì, 06 Settembre 2019 09:38

Seconda Categoria/ Peschici, capitano-manager Borgia: puntiamo alla salvezza, ma la stagione è lunga mai dire mai“

L’orgoglio c’è, pulsa nel cuore. La voglia di esporsi me­no, ma non importa. Non è nel suo Dna. Dopo la promozione in Seconda categoria di tre me­si fa (e dopo oltre un decennio di assenza dalla categoria), il capitano (e manager) del Pe­schici Vincenzo Borgia, rial­laccia il discorso da dove l’ave­va terminato. Le urla di gioia, da quella vittoria del torneo di Terza categoria, sono finite, il tempo per la lunga festa è or­mai tramontato. Ma è da quell’entusiasmo, da quel ge­neratore d’energia positiva, che il capitano granata vuole ripartire per la prossima sta­gione ormai alle porte (la pri­ma di campionato è prevista per domenica 6 ottobre). «Le neopromosse devono vo­lare sull’entusiasmo - esordi­sce Borgia - giocheremo per meritarci questa categoria guadagnata sul campo. E’ un anno storico, va iniziato come si deve». Poche indicazioni, messaggi chiari. Conta lo spirito, l’al­chimia, l’incrocio di sguardi d’intesa. Da subito, perchè la Seconda categoria con squadre blasonate non aspetta. La pre­parazione è iniziata: al “Maggiano” sono in tanti a voler indossare quella maglia, la so­cietà sta cercando ancora qual­che uomo di categoria. Il pre­sidente Gianni Ranieri, i di­rigenti Francesco Mongelluzzi, Leo Angelicchio, Rocco Acerra. Domenico e Matteo Mastromatteo sono al lavoro da gior­ni. Serve un Peschici più im­ponente della scorsa stagione: chi l’ha visto all’opera qualche mese a, parlava di una squadra granitica, tosta, sempre pro­positiva, brava a proporre la manovra con tanti uomini e a serrare le fila con altrettanti. Un po’ all’olandese, un Peschi­ci ‘totale’, per scomodare un aggettivo certamente ardito. Proverà a non scomporsi an­che in Seconda un organico che può e deve fare del collettivo la sua forza. Bisogna capire co­me, ma quello è il compito del tecnico Teodoro Vlassis. Quan­do si tratta d’intuizioni, d’al­tronde, il capitano Vincenzo Borgia difficilmente sbaglia. Quello del pompiere è un com­pito che gli si addice come pochi. «Lo zoccolo duro è ri­masto, stiamo inserendo gente di categoria, più qualche giovane - conclude -, nello spo­gliatoio verrà trasmesso lo stesso credo della stagione pas­sata».

A. V.

Pubblicato in Sport
Etichettato sotto

ReteGargano consiglia...

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -