E’ stato un vero tour che ha toccato quasi tutti i comuni del Gargano quello di Sa­verio Siorini, presidente del comitato Terra Nostra Gargano, costituitosi quasi un an­no fa, a seguito della protesta degli allevatori, agricoltori, itticoltori e cacciatori del promonto­rio nei confronti dell'Ente Parco, esasperati dal­le regole troppo stringenti dell’area protetta e dalle aggressioni della fauna selvatica a coltu­re e bestiame.

Da allora il comitato si è dato un’organizzazio­ne e diversi obiettivi, proponendo le proprie istanze alla comunità e alle istituzioni: ridefini­zione del perimetro dell’area protetta, revisione dei vincoli amministrativi, gestione efficace del­la fauna selvatica.

Siorini ha promosso una se­rie di incontri con i sindaci dei comuni garganici per discutere di questi temi, con un riscontro, in termini di ascolto, più che positivo. Hanno ri­sposto alle sollecitazioni del presidente il sin­daco di Vieste Giuseppe Nobiletti, di Cagnano Claudio Costanzucci, di Vico Michele Se­mentino, di San Giovanni Michele Crisetti, di Apricena Antonio Potenza, di San Nicandro Costantino Ciavarella, di Rignano Luigi Di Fiore, di San Marco Michele Merla e di Ischitella Carlo Guerra.

“Gli incontri sono stati mol­to costruttivi - ha spiegato a l’Attacco Siorini -, ho colto che i sindaci vedono di buon occhio l’ar­rivo del nuovo presidente Pasquale Pazienza. Certo, un pò di cose andrebbero riviste, in par­ticolare in termini di sicurezza. Secondo i sin­daci il problema della fauna selvatica riguarda maggiormente la presenza di cinghiali e molti di loro pensano che in effetti l’indennizzo riconosciuto dall’Ente in caso di attacchi al bestiame non è di sufficiente ristoro.

Ma purtroppo i para­metri non sono decisi dal Parco, che però do­vrebbe fare da tramite presso gli enti preposti. Quanto alla riperimetrazione, alcuni ammini­stratori pensano che potrebbe essere una so­luzione, altri hanno avanzato l’ipotesi di esclu­dere dalla tutela quelle aree che non hanno un valore paesaggistico o ambientale ma che po­trebbero essere utili per l’insediamento di nuo­ve attività produttive o il potenziamento di quel­le esistenti.

Ora l’idea è quella di proporre un do­cumento condiviso tra i comuni, sottoscritto dai sindaci, in cui identificare le criticità del Parco e proporre le soluzioni”.

Intanto prosegue la raccolta firme tra i cittadini del promontorio promossa dal comitato, do­menica scorsa ha fatto tappa a Manfredonia. Sono circa 12 mila le sottoscrizioni raccolte fi­nora.

“Non faccio fatica a crederci - ha commentato Merla a l’Attacco-. Capisco che le persone pos­sano essere arrabbiate ma immagino che sia più una reazione di pancia, perchè appare al­l’esterno che ci siano solo vincoli, spetta alla di­rigenza cambiare questa concezione.

Il Parco rappresenta una risorsa e non credo vadano ri­visti i confini né le regole. C'è bisogno che l’en­te faccia la sua parte, per far fronte ai problemi di tutti. In più le leggi nazionali e regionali, an­che senza Parco, imporrebbero i medesimi vin­coli, sarebbe un paradosso quindi privarci del­l’area protetta tenendoci le restrizioni".

E’ anche giusto riconoscere che le difficoltà di certi settori produttivi non verrebbero meno liberandosi del Parco, ha sottolineato Costan­zucci. “Da sindaci è logico che siamo dalla par­te dei nostri operatori economici ma non credo che il Parco sia responsabile della mancanza di insediamenti produttivi.

Le procedure buro­cratiche vanno certamente snellite ma le lun­gaggini sono un problema che riguarda il Pae­se, non il Parco. Non credo quindi che si possa fare un passo indietro sull’area protetta. Tante zone fuori dal Parco sono più depresse delle al­tre, mi sembra solo che si voglia trovare un ca­pro espiatorio”.

Nobiletti è stato chiaro: “A Vieste non avvertia­mo nessuna esigenza di riperimetrazione, per noi il Parco è un’opportunità che va colta. Non vediamo tutte queste limitazioni e quindi non condivido l’astio nei confronti dell’ente. Il Gar­gano va preservato e protetto, altrimenti radia­mo al suolo tutto e non se ne parli più”.

Per Carmine Danelli, sindaco di Rodi non è la riperimetrazione la priorità che il Parco deve affrontare. “Se però un domani mi verrà prospet­tata una analisi che evidenzia vantaggi per il territorio potrei anche essere d’accordo – ha precisato il primo cittadino -, purché non si tratta di trovate poco serie.

Detto questo il Png è sempre una risorsa, ma se si pensa ancora che possa rappresentare un freno alla cementificazione, alla speculazione, si sbaglia. Giusta la tutela ma se bisogna fare una lotta di 6 mesi per aprire una finestra, diventa inutile. Parco sì quindi ma con buon senso". Di tutt'altro avviso Potenza che ha ricordato che già qualche anno fa è stata approvata una de­libera di consiglio per uscire dal Parco.

“Una provocazione, certo ma stiamo pensando dav­vero di chiedere la riperimetrazione di un ente che dalla sua nascita è stato un flop, un carroz­zone per sistemare amici di amici, senza bene­fici per il territorio e limitazioni degli investimen­ti. Anche le governances che si sono succedu­te (ad eccezione di Costanzucci) sono state de­ludenti. Anche la norma è sbagliata, con le no­mine che arrivano da Roma mentre ci sarebbe bisogno di chi si sporca le mani nella gestione del territorio”.

Lapidario anche Fentini, sindaco delle Tremiti che ha fatto sapere che la propo­sta di riperimetrazione finirà in consiglio. “Siamo disposti ad ascoltare tutti - ha aggiunto Di Fiore -. Il Parco finora forse ha cercato poco di estrapolare la sua azione dalle norme, la ve­duta del nuovo presidente sembra essere più lunga, nel rispetto delle leggi. Tuttavia non bi­sogna escludere nulla per prendere la strada più idonea, neanche la riperimetrazione, se si rivela utile al territorio”.

Cinzia Celeste

l’attacco

Pubblicato in Ambiente

Proseguono gli incontri territoriali di animazione per presentare gli avvisi pubblici di recente pubblicazione del GAL Gargano, che sono:

  1. l’intervento 3.2 “Creazione di start-up extra agricole” che sostiene la diversificazione delle imprese nel settore agricolo e per le imprese non agricole.
  2. l’intervento 1.3 “L’anello mancante: un piano d’azione garganico per l’economia circolare” che favorisce le imprese extra-agricole che intendono realizzare investimenti finalizzati ad un uso efficiente delle risorse, rendendo le produzioni e i processi produttivi ecocompatibili e rispettosi dell’ambiente.

Gli incontri di animazione, sono previsti:

  • Martedì 11 febbraio 2020 ore 17:00 a San Giovanni Rotondo–Sala Consiliare, Piazza dei Martiri n. 5;
  • Mercoledì 12 febbraio 2020 ore 18:30 a San Marco in Lamis– Laboratori Urbani Artefacendo, Via Dante Alighieri presso la villetta; - NUOVA DATA - 
  • Giovedì 13 febbraio 2020 ore 17:00 a ViesteSala Consiliare, Via Lorenzo Fazzini n. 29.

L’investimento massimo ammissibile per entrambi gli interventi ammonta ad euro 70.000,00 con un contributo pubblico a fondo perduto massimo di euro 35.000,00.

Per ulteriori informazioni e dettagli potete consultare il nostro sito internet www.galgargano.com, oppure visitare i nostri profili social su Facebook, Twitter e Instagram, oppure iscrivervi al nostro canale Telegram.

Pubblicato in Economia

Al via sul Gargano due cicli di Teatro Diffuso, la pratica artistica gratuita per adolescenti da 12 a 18 anni che Bottega degli Apocrifi ha ideato nel 2013 e che è diventato nel tempo un rito collettivo di libertà.

Due le città garganiche che vedranno rinnovarsi il rito, costituito da 13 appuntamenti in ogni comune: San Marco in Lamis a partire da lunedì 3 febbraio e Monte Sant’Angelo a partire da giovedì 6 febbraio. Gli appuntamenti si svolgeranno dalle ore 15.00 alle ore 19.00.

Un percorso tra formazione e produzione durante il quale i partecipanti saranno guidati da registi e attori professionisti, che portano il loro lavoro nelle principali piazze italiane e internazionali; un percorso di avvicinamento al teatro, che manifesta la sua efficacia quando – specie per i ragazzi – si traduce in avvicinamento a sé stessi, ai propri limiti e al loro superamento. Un esercizio collettivo di libertà che porta insita la contaminazione: immaginare una fascia d’età così elastica, permette infatti di innescare i principi dell’educazione peer to peer, fa sì che il gruppo impari ad agire come corpo unico, a “essere insieme”, che è poi il principio fondante del fare teatro.

Teatro Diffuso è attivato all’interno del progetto Crescincultura, selezionato dall’Impresa Sociale “Con i Bambini” nell’ambito del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”, che vede come capofila il Circolo Legambiente Festambiente Sud.

Per informazioni sugli appuntamenti e per iscrizioni:

Bottega degli Apocrifi / Teatro Comunale “Lucio Dalla”

via della Croce – Manfredonia

 0884.532829 – 335.244843

Info sul progetto Crescincultura: https://percorsiconibambini.it/crescincultura/

Pubblicato in Spettacolo

 Incontri di presentazione

Sono state pubblicate il 30 gennaio sul BUR Puglia due diverse forme di sostegno per le imprese che intendono realizzare investimenti nell’area del GAL del Gargano:

  • Il primo bando  riguarda l’attesa riapertura dei termini per presentare domande di sostegno all’interno del diffuso e partecipato intervento 3.2 del Piano di Azione Locale, Creazione di Start-up extra-agricole”. Dopo la chiusura dei termini a dicembre e un primo bilancio positivo, riparte un bando che ha riscosso grande attenzione e partecipazione in tutto il territorio garganico, con una dotazione finanziaria rimasta a disposizione di euro 825.000,00;

Gli incentivi riguardano attività di diversificazione aziendale ed economica necessaria per la crescita, l’occupazione e lo sviluppo sostenibile nelle zone rurali. I beneficiari del bando sono agricoltori e coadiuvanti familiari che diversificano in attività extra-agricole e microimprese e piccole imprese che avviano o ampliano attività extra agricole. Potranno essere finanziate iniziative finalizzate alla realizzazione di prodotti artigianali e industriali non compresi nell’allegato I del TFUE, servizi innovativi inerenti l’IT a supporto delle aziende e delle popolazioni del territorio, attività finalizzate al tempo libero e alla valorizzazione dei prodotti culturali e naturali, oltre alle attività volte a valorizzare produzioni artigianali caratteristiche dell’area Garganica.

I beneficiari dell’intervento sono persone fisiche che intendono avviare un’impresa extra-agricola e imprese non agricole già costituite come società di persone o società di capitali. Le risorse finanziarie attribuite al presente Avviso Pubblico sono pari ad euro 1.500.000,00.

Ammissibili a finanziamento sono gli investimenti per:

  • l’avviamento di imprese extra-agricole che utilizzano sottoprodotti di produzione o materiale riciclabile in una o più fasi di produzione;
  • il miglioramento dell’efficienza energetica e realizzazione di piani aziendali volti a ridurre il 30% degli scarti aziendali;
  • l’attivazione di sistemi di controllo per il monitoraggio dell’impatto ambientale attraverso il Life Cycle Assessment (LCA) e Carbon Footprint;
  • l’utilizzo da parte delle imprese che operano nell’ambito dell’agro-artigianato dei sottoprodotti dell’agricoltura per produrre beni e servizi diversi da quelli agricoli.

L’investimento massimo ammissibile per entrambi gli interventi ammonta ad euro 70.000,00 con un contributo pubblico a fondo perduto massimo di euro 35.000,00.

Sono previsti numerosi incontri di presentazione dei due interventi nei comuni dell’area GAL, allo scopo di incontrare i beneficiari dell’intervento e fornire tutta l’assistenza necessaria per la partecipazione ai bandi.

Gli incontri di animazione, che si terranno alle ore 17:00, si svolgeranno:

  • Lunedì 3 febbraio 2020 a Peschici – Sala Consiliare, Piazza Sandro Pertini n. 1;
  • Martedì 4 febbraio 2020 a Mattinata – Sala Consiliare presso il Museo Civico, Via Giuseppe di Vittorio;
  • Mercoledì 5 febbraio 2020 a San Giovanni Rotondo –Sala Consiliare, Piazza dei Martiri n. 5;
  • Giovedì 6 febbraio 2020 a Monte Sant’Angelo – Green Cave, Via Giuseppe Garibaldi n. 27;
  • Venerdì 7 febbraio 2020 a Rignano Garganico – Sala Consiliare, Via Leonardo da Vinci n. 6;
  • Giovedì 13 febbraio 2020 a ViesteSala Consiliare, Via Lorenzo Fazzini n.29.
Pubblicato in Economia

È di questi giorni la polemica tra il Consigliere provinciale del PD Generoso Rignanese e il Presidente della Provincia di Foggia, NICOLA Gatta, circa il Giro d’Italia. Ebbene, a voler prescindere dal merito della querelle in corso, è davvero incredibile e singolare che i komunisti montanari, evidentemente in crisi, volutamente confondano la figura del Presidente della Provincia Gatta (Nicola), con quella del Vicepresidente del Consiglio Regionale della Puglia Gatta (Giandiego), al fine di creare confusione sfruttando la omonimia per gettare discredito su un autorevole rappresentante di Forza Italia, sempre presente a Monte Sant’Angelo e ultra suffragato in tutto il Gargano. È chiaro che Giandiego Gatta rappresenti da sempre un avversario di livello per la sinistra di Capitanata, ma giungere a questi mezzucci da quattro soldi per contrastarlo è davvero inqualificabile. Che cosa si fa per campare....!!!

Forza Italia –

Monte Sant’Angelo

Pubblicato in Politica

Sono trascorsi 40 giorni dalla morte dell’operaio di 54 anni, dipendente della ditta assegnataria dei lavori di sistemazione straordinaria della Panoramica Sud.

I Movimenti “VERSO IL FUTURO” e “FORZA ITALIA”, forti del diritto dei cittadini di conoscere la Verità su quanto accaduto, hanno posto al Sindaco d’Arienzo e all’Assessore ai Lavori Pubblici, Michele Fusilli, una serie di domande, invitando nel contempo il Presidente Vergura a convocare il Consiglio Comunale per fare chiarezza su questa tragica vicenda.

Il Sindaco e l’Assessore ai Lavori pubblici non hanno risposto affatto e il Presidente Vergura non ha adottato alcuna iniziativa, mentre un imbarazzante comunicato del PD ha tentato, invano, di spostare su un altro tema l’attenzione dei cittadini.

“FORZA ITALIA” e “VERSO IL FUTURO”, però, non sono così ingenui e sentono il dovere di ritornare sull’argomento, riproponendo quelle e altre domande.

Tutti i cittadini hanno notato che, da quel triste giorno, i lavori di manutenzione straordinaria della Panoramica Sud sono fermi. Infatti, non c’è traccia dell’impresa aggiudicataria e dei suoi lavoratori: PERCHÈ? NON CI RISULTA CHE IL CANTIERE SIA SOTTO SEQUESTRO. C’E’ UN VERBALE DI SOSPENSIONE DEI LAVORI? COSA STA ACCADENDO? I LAVORI RIPRENDERANNO? QUANDO?

IL LAVORO CHE STAVA EFFETTUANDO L’OPERAIO DECEDUTO È STATO AUTORIZZATO CON UNA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE O CON UNA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE? OPPURE È STATO AUTORIZZATO VERBALMENTE? E, SE COSÌ FOSSE, DA CHI? LA STRADA IN CUI SI STAVA EFFETTUANDO L’INTERVENTO (“POGGIO DEL SOLE”) È PUBBLICA O PRIVATA?

IL GIORNO DOPO L’INCIDENTE, CHI HA COLLOCATO IL TABELLONE DEI LAVORI DELLA PANORAMICA IN QUEL POSTO COSÌ DISTANTE?

Sia chiaro: “FORZA ITALIA” e “VERSO IL FUTURO” smetteranno di porre domande soltanto quando sarà fatta piena luce su quel tragico incidente.

 

Forza Italia e Verso il Futuro

Monte Sant’Angelo

Pubblicato in Ambiente

Sono trascorsi venti giorni da quando chiedemmo al Sindaco d’Arienzo di fare luce su quanto era accaduto nel cantiere dove, purtroppo, ha trovato la morte un operaio di 54 anni: NESSUNA DELUCIDAZIONE È STATA FORNITA AI CITTADINI MONTANARI!

Contemporaneamente chiedemmo al Presidente Vergura di convocare il Consiglio Comunale per fare chiarezza sull’intera, tragica vicenda, ma ANCHE DA LUI NESSUNA INIZIATIVA!

L’art. 36 del Regolamento di funzionamento del Consiglio Comunale consente la istituzione di una Commissione di indagine. La proposta può essere avanzata, nel nostro caso, da 7 Consiglieri Comunali o dal Presidente del Consiglio Comunale.

Due sono le ipotesi in campo: la prima, quel cantiere era stato attivato legittimamente nel rispetto di tutte le norme e di corrette procedure amministrative; la seconda, quel cantiere era stato aperto “in barba” a ogni sorta di norma.

Se è vera la prima ipotesi, perché il Sindaco e l’Assessore ai Lavori Pubblici non comunicano alla popolazione che tutto era in regola?

I cittadini hanno il diritto di conoscere la verità, poiché sul Comune (e cioè sulla collettività) potrebbero ricadere danni di carattere finanziario: NON È GIUSTO CHE SI DEBBA ASPETTARE IL PRONUNCIAMENTO SOLTANTO DELL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA, NEI CONFRONTI DELLA QUALE NATURALMENTE RIPONIAMO LA NOSTRA FIDUCIA!

Il Movimento “VERSO IL FUTURO” e “FORZA ITALIA” sollecitano ancora una volta il Sindaco a rispondere ai quesiti rivoltigli.

In caso di perdurante silenzio del Sindaco, il Movimento “VERSO IL FUTURO” e “FORZA ITALIA” invitano, ancora una volta, il Presidente Vergura a portare in Consiglio Comunale la proposta della istituzione di una Commissione di indagine.

DI FRONTE ALLA MORTE DI UN OPERAIO NESSUN CONSIGLIERE COMUNALE PUÒ RITENERE DI AVERE LA COSCIENZA A POSTO, SE NON SI ACCERTANO I FATTI E SE NON SI DÀ RISPOSTA AL DIRITTO DI CONOSCERE LA VERITÀ, SPAZZANDO OGNI DUBBIO E SCONFIGGENDO QUALSIASI INGIUSTIFICATA TITUBANZA. 

Forza Italia e Verso il Futuro – Monte Sant’Angelo

Pubblicato in Politica

L’XI edizione del festival teatrale di Legambiente è dedicata al mito, inizia con uno spettacolo per ragazzi con il mito classico di Ade e Persefone, prosegue con la leggenda vichese di Taborre e Maddalena e chiude e con un incontro musicale con la cantautrice Erica Mou.

Due gli incontri: uno dedicato al cibo e l’altro ai miti garganici.

Inizia domani 28 dicembre 2019, con “Ade e Persefone” (ore 17, auditorium delle Clarisse – ingresso libero), spettacolo teatrale della Piccola Compagnia Impertinenteper ragazzi e le loro famiglie, l’XI edizione del Teatro Civile Festival intitolata “Miti e Storie del Gargano”. Segue alle 19 nella Green Cave l’incontro “Il Granaio d’Italia – la produzione artigianale di Pasta, terzo appuntamento del progetto Agri.Cultura – BIOrizzonti, con assessorato all’agricoltura della regione puglia e Slow Food Gargano.

Il festival prosegue il 29 dicembre con l’incontro “Miti e Storie del Gargano” (ore 18.30 nella Green Cave – ingresso libero), dedicato al patrimonio mitologico del promontorio e con lo spettacolo “Taborre e Maddalena” di Armamaxa Teatro (ore 21, auditorium delle Clarisse – ingresso libero). Termina in musica il 30 dicembre con il concerto di Erica Mou, la cantautrice pugliese, che chiuderà anche le attività 2019 della Green Cave (ore 21 nella Green Cave – prenotazioni al 379 117 5345).

Il Gargano è terra che offre un vasto patrimonio di miti e leggende che nei secoli si sono stratificati e che hanno conosciuto un’evoluzione nel tempo. Alcuni di questi, come il mito di Diomede e quello di Garganus, ci sono stati tramandati da fonti letterarie antiche e medievali, altri, come laleggenda di Taborre e Maddalena e Cristalda e Pizzomunno, o alcune figure delle piccole leggende rurali o domestiche, hanno lasciato traccia nella cultura orale, tramandata nei secoli. Dopo le anteprime dei giorni scorsi con Maria Leonarda Notarangelo sui miti dauni e la saga di Diomede, torniamo con un programma di eventi che ci mette in contatto con il fenomeno del mito in generale, ma anche con una forte attenzione al patrimonio mitologico della nostra terra.

Il festival è organizzato da Legambiente FestambienteSud e sostenuto da Regione Puglia (FSC 2014-20) e Comune di Monte Sant’Angelo.

PROGRAMMA E SCHEDE ARTISTICHE

28 DICEMBRE 2019

ore 17 – TEATRO CIVILE FESTIVAL

SPETTACOLO TEATRALE PER RAGAZZI CON LA PICCOLA COMPAGNIA IMPERTINENTE

ADE E PERSEFONE

Auditorium delle Clarisse - ingresso libero

Scritto e diretto da MICHELE CORRERA e ANGELICA D’AMBROSIO, con SIMONA BORDASCO, ASIA CORRERA, MICHELE CORRERA, MARIO MIGNOGNA. Produzione PICCOLA COMPAGNIA IMPERTINENTE.

Ade è il dio degli Inferi, confinato nel suo regno a controllare le numerose anime che di giorno in giorno arrivano per occupare il proprio posto, mentre spia da lontano la ragazza di cui èinnamorato: Persefone, figlia della dea Demetra. A dare una scossa alle giornate monotone del dio ci pensano Pena e Panico, due demonetti pasticcioni e impacciati, che decidono di fargli conoscere Persefone portandola da lui.Demetra, infuriata, farà di tutto per impedire che Ade si intrometta nella vita di sua figlia.

Riusciranno Ade e Persefone a sfidare il loro destino e ad avere la meglio?

ore 19 – PROGETTO AGRI.CULTURA_BIORIZZONTI

IL GRANAIO D’ITALIA – LA PRODUZIONE ARTIGIANALE DI PASTA

In collaborazione con Assessorato all’agricoltura della Regione Puglia e Slow Food Gargano

PIO DI GIORGIO, responsabile condotta Slow Food Gargano

DOMENICO PRENCIPE, Pastificio Casa Prencipe

PAOLA CAMPANARO, Molino Campanaro srl

LEONARDO PETRUCCELLI, Az. Agricola Zilletta di Brancia

Segue assaggio guidato di paste con Domenico Prencipe.

29 DICEMBRE2019

ore 18.30 - TEATRO CIVILE FESTIVAL

MITI E STORIE DEL GARGANO

Incontro con GIUSEPPE MARATEA, ANDREA PACILLI, GRAZIA GALANTE, MARCO TROTTA.

Il Gargano è terra che offre un vasto patrimonio di miti e leggende che nei secoli si sono stratificati e che hanno conosciuto una evoluzione nel tempo. Alcuni di questi, come il mito di Diomede e quello di Garganus, ci sono stati tramandati da fonti letterarie antiche e medievali, altri, come le leggende di Taborre e Maddalena e Cristalda e Pizzomunno, o alcune figure delle piccole leggende rurali o domestiche, hanno lasciato traccia nella cultura orale, tramandata nei secoli.

ore 21 - TEATRO CIVILE FESTIVAL

SPETTACOLO TEATRALE CON LA COMPAGNIA ARMAMAXA TEATRO

TABORRE E MADDALENA

Auditorium delle Clarisse - ingresso libero

di ENRICO MESSINA,con ENRICO MESSINA, MIRKO LODEDO,
musica originale in scena MIRKO LODEDO, collaborazione alla messa in scena MICAELA SAPIENZA, organizzazione MASSIMO MOMOLI. Produzione ARMAMAXA teatro - Residenza Teatrale di Ceglie Messapica / CASARMONICA

Raccontare storie è necessità profonda dell’essere umano. Dare forma di storia all’esperienza vissuta per comprendere e dare ordine a quanto accade; per conservarne la memoria. Lo spettacolo narra la storia di due giovani che la sorte ha destinato a vite diverse. Fuggono dal loro impossibile amore e trovano rifugio in una radura del Gargano, presso la casa di un vecchio pastore costruita “intorno” al suo letto, scavato dentro un albero di pere. Nell’incontro silenzioso dei tre, l’uomo offre ai due ragazzi un frutto poi, piantati i semi raccolti per tutta la sua vita, comincia la narrazione. E racconta loro la storia di un re di un’epoca lontana che aveva tre figli e un grande giardino con, al centro, un albero di pere... Il lavoro nasce dall’incontro di un attore e un musicista che, ritrovatisi intorno ad una tavola imbandita, hanno cominciato a raccontarsi. Perché così nascono le storie: con i suoni e le parole semplici di chi si ritrova a condividere un pasto.

30 DICEMBRE2019

ore 21 – TEATRO CIVILE FESTIVAL – CONCERTO DI FINE ANNO

ERICA MOU

Green Cave, evento con prenotazione 379 117 5345

ERICA MOU, nome d’arte di Erica Musci – è una delle più interessanti cantautrici italiane. Nata a Bisceglie, in Puglia, classe 1990, scrive e compone da sempre la propria musica, in cui alterna grazia innocente a sensuale ironia. Una delle voci più singolari del panorama musicale italiano, da anni si dedica ad una intensa attività live in tutta Italia. Per noi è un ritorno, perché è stata già nostra ospite a FestambienteSud2011.

Pubblicato in Cultura

Il presidente dell’Ente Parco Nazionale del Gargano, Pasquale Pazienza, ha convocato per domani 27 dicembre, ore 11, il consiglio direttivo. All’ordine del giorno le comunicazioni del presidente, l'approva­zione del verbale della seduta precedente e variazioni al bilancio di esercizio 2019.

In­tanto si scopre che il consulente nominato per l'Oasi Lago Salso spa, l’amico com­mercialista Gianfranco Ursitti, è anche re­sponsabile amministrativo e finanziario del GAL Gargano, sempre con sede a Monte S. Angelo.

Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 30

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi
ASSOCIAZIONE "IL FARO DEL GARGANO" - Vieste (FG) - P. IVA 04229820719

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -