Venerdì, 13 Settembre 2019 10:15

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ Tancredi, il Gargano negli occhi e nel cuore nei fascinosi “Racconti di viaggio”

Il Gargano di Antonio Beltramelli, di Riccardo Bacchelli, di Anna Maria Ortese, di Pier Paolo Pasolini è stato raccontato con roc­chio del forestiero che s’inoltra in una realtà sconosciuta. Nei loro ragguagli c’è stupore e quella linea di scandalo di fronte ad un mondo che appare atem­porale e in qualche modo alieno. Il mas­siccio promontorio che chiude la Puglia a nord e si protende con prepotenza ver­so un Adriatico pieno di storia ci viene offerto nei suoi screziati fotogrammi co­me un limite tra storico e astorico, reale e magico. Nella prima metà del ‘900 è ancora così, sembra ancora una terra impenetrabile; quasi un continente a sé stante appena sol­cato dalla piccola ferrovia che l’attra­versa nei percorsi più dolci. Dal Gargano, ter­ra di contadini, pa­stori, pescatori, boscaioli sono uscite moire di emigranti spargendosi in tutte le terre emerse, ma molti ritornando ad immaginare come potevano cambiare i propri paesi, come avrebbero tenuto testa alla galoppan­te modernità. Certi libri non te li aspetti da chi è partito e non te li aspetti così grondanti di amore per la propria terra ritrovata nello splendore della sua verità naturalisti­ca, storica, artisti­ca, in una parola, umana. Non nuova a lunghe peregrina­zioni e forte di ro­busti romanzi, Lu­cia Tancredi di San Marco in Lamis ma trapiantata a Mace­rata da anni, ci consegna le chiavi di un suo avvincente inno al suolo patrio nel recente Gargano negli occhi. Racconti di viaggio (Ev, pp. 284, euro 20,00). A 56 anni se li è ripassati tutti i diciotto paesi del suo Gargano, ci ha camminato con incontaminata emozione e ha scoperto tesori inesauribili viaggiando in una geografia difficile, cha dai tenebrosi in­terni della Foresta Umbra si divincola verso coste radiose, ora basse, ora orlate di laghi e di altissime falesie.

La varietà dei paesaggi, così come le differenze dell’economia di base (una vocazione agropastorale dell’interno di­stinta da quella marinaresca e mercan­tile della costa, ora piegata al turismo di massa) non resistono ad una certa coe­renza antropologica e ad uno stile di vita che sembrano scritti secondo il sapiente equilibrio tra natura e storia. Tancredi non si ferma alla superficie di ciò che gli occhi vedono, ma s’immerge completamente nello spirito di una terra che ha subito, pur ai margini, tutte le domi­nazioni (da quella romana al Regno di Napoli) e le cocenti sopraffazioni di un ceto dominante, predone di masse plebee. Accanto agli immancabili castelli, alle chiese, ai palazzi l’autrice ha messo in risalto ogni angolo, ogni anfratto, ogni scorcio di realtà nobilitata dalla mano sagace degli abitanti. Tutte le tappe del viaggio, introdotte da ridenti sommarietti, hanno conosciuto soprattutto la lingua gustosa e nutriente dell’esploratrice, spalmata con tocchi appetitosi sulle sue prelibate scoperte. È come se ad ogni aprirsi di strada e ad ogni rivelazione di orizzonti, ad ogni svolta di incontri Tancredi aves­se addobbato il suo Gargano con lunghe carezze, intingendo il suo occhio pit­torico in un lento godimento di sensa­zioni e di risonanze. Il Gargano auscul­tato nei suoi profondi echi di animale di pietre e di piante, incapace di rivelare i suoi millenari se­greti carsici eppure ugualmente dispo­sto a produrre tanti piccoli popoli con le loro peculiarità. Ecco allora il tuffo nell’antro di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Ange­lo, le stimmate di Padre Pio a San Giovanni Rotondo, le mille sorgenti di Vico con i suoi in­teressantissimi «Eccitati» settecen­teschi emuli di quel raro esemplare di fraticello che era Michelangelo Ma­nicone, la casa di Pietro Giannone a Ischitella, le strettoie del borgo anti­co di Rodi ancora memori dei «vucculi» delle donne che chiamano i loro uo­mini a mare. E che dire di quegli im­maginifici di San Nicandro con Do­nato Manduzio alla testa di una ritro­vata tribù ebraica trasmigrata in Terra Santa, dell’utopia di una società più giusta dell’anarchico Carmelo Palladino di Cagnano Varano, della sterminata collezione archeologi­ca del farmacista Matteo Sansone a Mat­tinata? Uomini e paesi che non si possono raccontare in poche righe e che vanno rinviati alle pagine impagabili di questa divoratrice di bellezze che resta incan­tata sulla laguna di Lesina e di Varano, dove il mare si vede dopo uno strato di altra acqua e si assiepa oltre gli istmi oggi recuperati secondo una mentalità più ecologica. Sembrano appartenere ad un altro emisfero quelle ali di fenicot­tero o di airone che danzano all’oriz­zonte. È uno straniamento talmente for­te che potrebbe essere la scrittrice l’an­guilla di questi nobili pantani, guizzante con quei suoi verbi dinamici usciti dalla sua prensile psicologia: slentare, slar­gare, scavallare, sbracare, scialare. Tut­to in un turbine di sensazioni e nel ri­schio di un contagio emotivo, così ec­cessivo da non potersi sfogare che nella lettura deliziante di questo straordina­rio vademecum dell’anima

Sergio D’Amaro

Etichettato sotto

ReteGargano consiglia...

retegargano.it supplemento on line de Il Faro settimanale.- Reg. Tribunale Foggia n.6 dell'11 giugno 1996
p.zza Kennedy, 1 - Vieste (FG) - info@retegargano.it
Direttore responsabile: ninì delli Santi

- Rete Gargano - Notizie dal Promontorio -