The news is by your side.

Stefano Bollani chiude questa sera il Peschijazz

7

Dopo il coinvolgente sassofonista Steve Grossman, sul palco del Peschijazz è la volta di Stefano Bollani (ore 21, porto di Peschici, ingresso libero). Stefano Bollani è diventato in pochi anni uno dei musicisti italiani più apprezzati da pubblico e critica. Se ne sono accorti anche in Giappone, dove "Swing journal", la più autorevole pubblicazione jazz del paese, gli ha conferito nel 2003 il New star award: prima volta per un musicista europeo.  Stefano Bollani si afferma nel jazz, avendo occasione di collaborare con grandissimi musicisti (Richard Galliano, Gato Barbieri, Pat Metheny, Michel Portal, Phil Woods, Lee Konitz, Han Bennink, Paolo Fresu…) sui palchi più prestigiosi del mondo (da Umbriajazz al Festival di Montreal, dalla Town Hall di New York alla Scala di Milano).  Rapide sono le tappe dell’ascesa del pianista milanese, toscano d’adozione: dall’importante collaborazione, tuttora attiva, con il suo mentore Enrico Rava, iniziata nel 1996, all’affermazione nel referendum della rivista Musica Jazz (miglior nuovo talento 1998); dalla direzione del proprio gruppo l’Orchestra del Titanic (all’ attivo numerosi concerti e due dischi per l’etichetta Via Veneto) alla realizzazione di dischi e spettacoli-omaggio alla musica leggera del passato ("Abbassa la tua radio" con, tra gli altri, Peppe Servillo, Irene Grandi, Marco Parente, Elio delle storie tese… e "Guarda che luna!" con Gianmaria Testa, la Banda Osiris…) fino alla consegna, nel settembre 2003 a Napoli, del Premio Carosone, solitamente destinato a cantanti. Questa sera sulla spiaggia di Peschici ore 21,00.