The news is by your side.

Alla Comunità Montana si è discusso con il professor Dall’Aglio di Marketing&Territorio

28

Si è svolto questa mattina presso la Comunità Montana del Gargano uno Studio di fattibilità per il Marketing integrato di posizionamento turistico del Gargano.

Al tavolo di lavoro, una folta rappresentanza politica dei comuni interessati; ha fatto discutere l’assenza dei delegati di Peschici e Vieste, sottolineata ad inizio conferenza dal Presidente Pinto, il quale ha ricordato come questo fosse l’ultimo appuntamento utile, successivamente si terranno incontri ufficiali il 30/01 , presso il Cicolella di Foggia ed il 31/01 presso la sede della Comunità Montana del Gargano, alla presenza del Governatore della Regione Puglia Vendola, l’assessore regionale al Turismo Ostilio, il Presidente della Provincia Stallone e tutti gli assessori al ramo (trasporti, infrastrutture, cultura e turismo) degli enti e comuni interessati.

Dopo un’attenta diagnosi (scaturita da un indagine partita nel 2005 su un campione di 400 vacanzieri), sono state approntate le strategie da affrontare per migliorare il prodotto Gargano.

L’indagine ha evidenziato la bassa capacità competitiva del territorio, nonostante ciò si è registrato un forte incremento di turisti tedeschi e austriaci che, in forte calo sul resto del territorio italiano, hanno preferito le coste garganiche.

Non bastano le bellezze naturali, secondo lo studio, malcontenti si sono verificati sul rapporto qualità prezzo dell’offerta.

Curioso il dato che vede la “parola chiave “ Gargano come la più clikkata nei motori di ricerca, seguono Vieste, Peschici e San Giovanni Rotondo.

 I Tour Operator hanno riassunto il mix vincente in 4 punti:

  1. UNA ROBUSTA CAMPAGNA PUBBLICITARIA (creare l’identità Gargano)
  2. SVILUPPARE NUOVI PRODOTTI ( dastagionalizzare anche con offerte integrate)
  3. MIGLIORARE L’ACCESSIBILITA’ (soprattutto quella aerea)
  4. MIGLIORARE IL RAPPORTO QUALITA ‘ PREZZO

Si è affrontato inoltre il tema degli “Interventi di recupero edilizio nel territorio rurale”, riconvertendo edifici storici e di pregio in strutture ricettive. E l’immancabile necessità di bus-navetta con gli aeroporti di Pescara e Bari.

Scetticismo da parte dei convenuti inoltre sulla proposta di riconversione della tratta ferroviaria garganica in trenino panoramico ecologico, e della cosiddetta METROPOLITANA del Mare, servizio di aliscafi e catamarani per il trasporto veloce nei comuni costieri.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright