The news is by your side.

Pista Gino Lisa, tra un anno potranno atterrare aerei da 70 posti

18

Tra un anno aerei come l’ATR 72 potranno atterrare al Gino Lisa di Foggia. Finalmente un po’ di chiarezza sulla pista dell’aeroporto foggiano, dopo la riunione in Camera di Commercio. L’amministratore unico di Aeroporti di Puglia, incontrando Promodaunia e altri rappresentanti istituzionali ha chiarito che i lavori di messa a norma, già appaltati, in 300 giorni consentiranno l’atterraggio di aerei da 70 posti. Ma Di Paola non ha escluso che possano atterrare anche aerei da 100 posti; dipenderebbe dalla lunghezza della tratta e dalle condizioni del velivolo.
Non è escluso però che il Gino Lisa possa avere una nuova pista, da 2200 metri, che consentirebbe l’atterraggio di charter da 180 posti. Si tratta della vecchia pista militare, trasversale a quella attuale. Ma occorre la volontà degli enti locali. “Abbiamo già informato Provincia e Comune di Foggia – ha detto Di Paola – affinchè vengano adottati strumenti urbanistici che ci consentano di operare. Non vorremmo, a progetto definito, ritrovarci di fronte a ostacoli che ci impedirebbero di portarlo a termine”. La Regione invece dovrebbe stanziare i fondi necessari: almeno 25 milioni di euro; 43 milioni di euro se si decidesse di realizzare anche piazzali e piste di rullaggio. A ciò andrebbero l’attuale pista AP spende dai 600 ai 700 euro all’anno. Nell’incontro si è discusso anche del network regionale che prevede il Foggia-Venezia. Di Paola, non solo ha ribadito che si può modificare, ma ha anche detto che le compagnie aeree potranno concorrere anche per il Foggia-Milano, anche se già attualmente operativo. “A mio avviso – ha detto Di Paola – . oggi Itali Airlines opera con tariffe, con una qualità e un livello di servizi che con il progetto del network riusciremmo a garantire a livelli migliori”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright