The news is by your side.

Consiglio comunale a Vieste

2

Consiglio comunale a Vieste
Convocato il Consiglio Comunale di Vieste per giovedì 29 marzo alle ore 16:30.
Quattro i punti all’ordine del giorno:

1) Programma integrato di riqualificazione delle periferie (PIRP) in Loc. Chiesola;

2)  Legge Regionale n. 19/2006 – Approvazione 2^ parte del piano sociale di zona (triennio 2005/2007);

3) Soc. Aurora Porto Turistico di Vieste SpA – contrazione mutuo bancApulia SpA

4) Costituzione Consorzio ATO (Autorità di Bacino)  FG/1 – Approvazione statuto e schema di convenzione.

Il Consiglio Comunale è stato convocato in seduta urgente data l’esigenza di approvare gli accapi in tempi brevi, soprattutto quello riferito ai PIRP in Loc. Chiesola che scadono il 2 aprile e quindi se non presentato il progetto si perde il finanziamento.
Proprio questa mattina la Commissione Ambiente e Territorio ha discusso l’argomento riguardante i PIRP, erano presenti il presidente della commissione Franco Notarangelo, i componenti Aldo Ragni, Pasquale Pecorelli, Matteo Del Duca, Pina Falcone, il presidente del consiglio Mascia e l’assessore al ramo Angelo De Vita.
Il dirigente dell’ufficio tecnico insieme al progettista ing. Dirodi hanno illustrato alla commissione i contenuti del PIRP inteso a riqualificare una zona ad alta densità abitativa come la Chiesola.
Il comune spera di ottenere il finanziamento dalla Regione Puglia e quindi dotare la vasta area di tutte le urbanizzazioni necessarie a rendere vivibile la Chiesola.
Vi sarà la possibilità di costruire alloggi per le famiglie disagiate, di sdemanializzare l’intera area e quindi legalizzarla totalmente a partire da quelle opere realizzate abusivamente e non ancora condonate perché costruite su un territorio demaniale.
Sarà tutto bello se sarà vero…o meglio se arriveranno i finanziamenti…se il Comune riuscirà ad avere quelle aree.
La domanda è: se questo non accadrà i cittadini della Chiesola quali garanzie avranno dal Comune di Vieste?

Altro argomento importante l’approvazione della seconda parte del piano sociale di zona, si tratta di una relazione tecnica preparata dall’ufficio che sarà inviata all’ufficio di piano per ottenere i finanziamenti regionali.
Purtroppo la nota dolente che nel triennio che scadrà il prossimo 31 dicembre, nessun comune facente parte del piano si è adeguato alla media pro-capite per abitante che ha il comune più alto.
Il Comune più alto naturalmente è Vieste con una media di 39 euro ad abitante, gli altri comuni sono fermi tra gli 8 ed 11 euro ad abitante.
Difficile per i comuni adeguarsi alla media di Vieste, difficile sarà per Vieste convivere con questa realtà dove i servizi sociali continuano a latitare, ancor più difficile pensare che il piano di zona possa funzionare con i soli finanziamenti regionali.
Di norma dal 2007 i Comuni dovrebbero versare nelle casse dell’Ufficio di piano le proprie somme stanziate in bilancio…gli altri comuni hanno poco o niente..Vieste ha rispetto ad altri uno stanziamento di oltre 500.000 euro.
Onda radio prossimamente si occuperà in maniera più ampia sia del PIRP che del PIANO DI ZONA con dibattiti in studio.
Sul bilancio il Consiglio Comunale sarà convocato per giovedì 5 aprile ma questa data naturalmente è ancora da confermare.