The news is by your side.

Peschici, situazione torna lentamente alla normalità (11)

6

Peschici: i turisti tornano a casaSta tornando lentamente alla normalità la situazione nella zone colpite dall'inferno delle fiamme. Nel pomeriggio la maggior parte dei turisti di Peschici, che alloggiava temporaneamente nelle scuole di Vieste, è stata ricondotta in autobus nelle strutture ricettive in cui erano ospitati sino a ieri. A loro è stata data la possibilità di recuperare effetti personali ed eventualmente l'auto abbandonati nella fuga. L'unità di crisi locale costituita in municipio a Vieste sta organizzando anche il rientro in patria di circa 100 turisti stranieri, soprattutto tedeschi. Le strade sono tornate ad essere tutte percorribili. Delle sette scuole utilizzate complessivamente per accogliere i circa 700 sfollati, cinque sono state sgomberate. Intanto però ieri l'inferno del Gargano ha fatto due vittime. Sono morti carbonizzati i fratelli Romano e Maria Carmela Fasanella, entrambi pensionati di Peschici rispettivamente di 71 e 81 anni. L'uomo, risiedeva a Milano e, insieme alla sorella possedeva, un appartamento nel residence Julia. Pochi anni fa era deceduto un altro fratello, Michele Fasanella, che parroco della chiesa di Sant'Antonio, una delle due parrocchie di Peschici. Intanto però alcuni cittadini delle zone distrutte dalle fiamme promuoveranno un'azione risarcitoria contro il Comune di Peschici e la Provincia di Foggia dinanzi al giudice di pace 'per concorso omissivo colposo nella causazione degli incendi' che hanno colpito il Gargano. 'Sarà chiesto – fanno sapere i legali Giacinto Canzona e Stefania Crispino – un risarcimento per danni materiali e disagi quantificato in circa 2.000 euro per ciascun ricorrente". Immediata la risposta del primo cittadino: 'verificheremo cosa chiedono questi cittadini' afferma il sindaco di Peschici, Francesco Tavaglione. 'In democrazia – ha concluso Tavaglione – bisogna accettare tutto, dalle critiche ai fatti positivi".


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright