The news is by your side.

Ancora a proposito di cani randagi a Vieste

33

Ho letto il Vs articolo sui cani randagi che vivono ormai stabilmente nella zona del Nuovo Porto di Vieste, ma il problema non esiste solo in quella zona, anche noi abitanti di Via Quasimodo (zona Ufficio Collocamento) viviamo ormai da Mesi lo stesso problema.

Ci sono 4 o 5 Cani randagi che vivono ormai stabilmente davanti ai nostri portoni. A questi poi la notte si aggiungono altri cani del quartiere e puntualmente iniziano i loro concerti notturni. Ad ogni persona che passa oppure ogni macchina che si ferma inziano ad abbaiare e a volte anche ad aggredire e ringhiare. Naturalmente il problema non potrà essere mai risolto anche se è già stato segnalato varie volte alle autorità competenti ma le risposte sono le stesse che danno ai turisti che avete citato nel Vs articolo precedente. A dare da mangiare a questi animali sono Madre e Figlia di una nota Famiglia Viestana che se ne fregano delle nostre lamentele perchè per loro è una cosa normale dare da mangiare ai cani, e pertanto direi che tutti gli sforzi fatti finora dagli abitanti della zona per cercare di risolvere il problema sono inutili. Questa è Vieste. Inoltre vorrei segnalare un altro problema, ai cani randagi si aggiungono poi quelli del Veterinario di Zona. I dipendenti del Veterinario portano i cani che hanno in cura a fare i "BISOGNI" nella zona delle nostre abitazioni dove giocano i nostri bambini. Nessuno dei dipendenti si è mai degnato di raccogliere con paletta e sacchetto i "BISOGNINI" e puntualmente i nostri bambini arrivano a casa con scarpe piene di …..ci siamo capiti. Ormai mancano le condizioni minime di igiene . Ma il problema dei cani randagi non si limita alla Zona Nuovo Porto o alla Zona di Via Quasimodo, penso sia un problema che riguarda tutta la Città di Vieste, ma sappiamo che tanto si pensa a tutto, a costruire nuovi alberghi ed incassare soldi, ma questi problemi rimarranno sempre irrisolti.

 

Scusate lo sfogo, avrei da dire tante altre cose ma è meglio fermarsi qua.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright