The news is by your side.

A Roma la veglia per la morte di Padre Pio

31

A 39 anni dalla morte, San Pio, il frate cappuccino morto a San Giovanni Rotondo il 23 settembre 1968, sarà ricordato in una serie di appuntamenti organizzati nella chiesa di San Salvatore in Lauro a Roma, nell’omonima piazza poco distante da piazza Navona. Le iniziative prenderanno il via il 13 settembre e andranno avanti fino al 23 settembre, giorno della canonizzazione del Frate voluta da Giovanni Paolo II.

I gruppi di preghiera di Padre Pio, il loro coordinamento regionale e i volontari della protezione civile ricordano il santo di Pietrelcina. Nell’antica chiesa dei marchigiani in piazza San Salvatore in Lauro sono collocate numerose reliquie del santo, tra le quali mantello, guanti, bende, stola e il sangue delle stimmate che hanno segnato il corpo di Padre Pio. Tra gli appuntamenti importanti previsti durante la festa, la commemorazione delle stimmate il 20 settembre, la veglia il 22 settembre e la festa liturgica il 23. In occasione della festa di San Pio da Pietrelcina, protettore dei volontari della Protezione civile, il dipartimento della Protezione civile ha allestito, nel complesso monumentale in piazza san Salvatore in Lauro, una mostra fotografica con gli interventi dei volontari effettuati in Italia e all’Estero. Nel porticato della Chiesa, inoltre, sarà visitabile per l’occasione una mostra, dal titolo “L’onda della speranza”, realizzata con i disegni dei bambini dello Sri Lanka in ricordo dello tsunami che ha colpito il sudest asiatico il 26 dicembre 2004. La presentazione della manifestazione, si è svolta ieri in Campidoglio, alla presenza Mirko Coratti, presidente del consiglio comunale di Roma, Agostino Miozzo del dipartimento della Protezione civile, don Pietro don Giovanni, parroco della chiesa di San Salvatore in Lauro. «Roma con questa iniziativa – ha spiegato Mirko Coratti – si conferma città del dialogo, della pace, dell’incontro. Condivido il percorso sociale di Padre Pio e dei gruppi di preghiera. Sono inoltre orgoglioso del lavoro svolto dalla Protezione civile in Italia e all’estero. Roma si raccoglie in un momento religioso, come in passato è avvenuto per la morte di papa Giovanni Paolo II e per la festa della Gioventù, ricordando che Roma è la città del Vaticano, la città della Chiesa».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright