The news is by your side.

Arrestato l’autore della rapina alla Popolare di Vieste del il 20 luglio scorso

10

Il 20 luglio scorso, alle ore 11:45, un uomo a volto travisato e armato di taglierino perpetrava una rapina a mano armata ai danni dell'agenzia di Vieste della Banca Popolare di Milano portando con sé un bottino di circa 8000,00 curo. Oggi, 24 settembre 2007 i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Vico del Gargano, dopo prolungate indagini condotte con i colleghi della Tenenza di Vieste, in Barletta traevano in arresto il responsabile di tale delitto: BARILE Alessandro diciannovenne, pregiudicato di Barletta. L'ordine d'arresto è giunto dal GIP del Tribunale di Foggia su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica dott. BUQUICCHIO. I capi d'imputazione a carico dell'arrestato vanno dalla rapina aggravata alla detenzione e porto abusivo di arma da taglio, il tutto aggravato da una recidiva specifica infraquinquennale. Lo stesso, infatti, era già stato tratto in arresto in passato per reati analoghi. Il giorno della rapina il BARILE, a volto coperto e taglierino in pugno, con accento napoletano posticcio, intimava ai cassieri dell'agenzia, di consegnargli il contante dandosi subito dopo alla fuga nelle tortuose vie del centro storico facendo perdere le proprie tracce o almeno così credeva. Già fuori dalla banca lo stesso veniva affrontato da un'anziana signora che lo affrontava coraggiosamente, cercando invano di fargli lasciare il maltolto, fornendo successivamente una dettagliata descrizione del reo ai militari inquirenti. Il successivo minuzioso sopralluogo condotto dai Carabinieri permetteva il rinvenimento di alcune tracce che, supportate dalle immagini del sistema di video sorveglianza della Banca, permettevano l’individuzione del responsabile e la successiva richiesta all'Autorità Giudiziaria dell' Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere eseguita in data odierna. Il rapinatore dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la casa circondariale di Foggia a disposizione dell'A.G. mandante.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright