The news is by your side.

Premio Italian Factory per la giovane pittura italiana

9

Dopo il successo della I e della II Edizione del Premio Italian Factory per la giovane pittura italiana, Italian Factory indice la III Edizione, dedicata sempre alla giovane pittura italiana, e aperta a partecipanti al di sotto dei 30 anni.

Lo scopo del concorso è di offrire ai giovani artisti l’opportunità per emergere, farsi conoscere e comunicare. Il Premio Italian Factory per la giovane pittura italiana offre spazi e visibilità per rappresentare e rendere noto il lavoro dei giovani, valorizzando le energie artistiche nell’ambito della ricerca pittorica contemporanea, stimolandone la creatività, la qualità e l’innovazione.

Tra le caratteristiche principali del Premio Italian Factory per la giovane pittura ricorrono l’attenzione alla tradizione specifica del linguaggio pittorico mescolata con elementi (temi, soggetti, taglio, luce, composizione del quadro, etc) prelevati dalle forme mediali della contemporaneità; l'incessante mixaggio di cultura alta e bassa, di origine neopop; l'attenzione agli altri linguaggi, attraverso la mescolanza tra i diversi media, o il riferimento ad altri linguaggi, quali la fotografia o il video.

Il Premio Italian Factory per la giovane pittura italiana è un’occasione unica per i giovani artisti per emergere alla ribalta e attirare l’attenzione della critica e del pubblico. Per ogni edizione del concorso l’immagine dei vincitori viene infatti divulgata attraverso il circuito Promos Comunicazione, nella collana “Comunicare Arte”, presso locali, ristoranti, bar e luoghi di ritrovo giovanili e con una campagna pubblicitaria promossa dall’ufficio comunicazione di Italian Factory.

 

STORIA DEL PREMIO

 

Edizione 2004

315 giovani artisti under 30 hanno aderito alla I Edizione del Premio Italian Factory per la Giovane Pittura Italiana. I venti selezionati hanno esposto le loro opere a SuperstudioPiù, in attesa del verdetto della giuria, presieduta da Alessandro Riva e composta da Giovanni Frangi (pittore), Alessandro Mendini (architetto e designer), Eugenio Tassini (Direttore Carnet Arte), Fabrizio Ferri (fotografo), Antonia Jannone (gallerista), oltre a Chiara Canali (segreteria organizzativa).

20 i finalisti: Stefano Abbiati, Daniela Benedetti, Gabriele Benefico, Yuri Ceccotti, Marco Cerutti, Matteo Gonfalonieri, Daniele D'Acquisto, Emiliano Di Mauro, Simone Ferrarini, Daniele Girardi, Leonardo Greco, Andrea Grosso Ciponte, Iva Kontic, Andrea SiIva Lacarpia, Michela Lorenzi, Anna Madia, Luka Moncaleano, Elena Monzo, Davide Savorani, Marina Scognamiglio.

In questa edizione è stato eletto vincitore Luka Moncaleano, che ha presentato un'opera in cui dimostra la capacità di creare immagini inedite, indipendenza di intenti e d'espressione, il tutto supportato da una straordinaria attenzione verso temi di stretta attualità. Al quattordicenne vincitore è stata organizzata una mostra personale alla Fabbrica del Vapore di Milano, in collaborazione con il Comune di Milano.

Daniele Girardi, un’altro dei giovani artisti selezionati durante la prima edizione del Premio Italian Factory per la Giovane Pittura Italiana, a cui Italian Factory ha dedicato il progetto Chromo-Kit al CRT della Triennale di Milano,è risultato anche vincitore di una borsa di studio indetta dall'ISCP (International Studio & Curatorial Program) che gli ha consentito di soggiornare a New York per tre mesi a contatto con la comunità artistica locale e internazionale.

Edizione 2006

 

Circa 500 partecipanti, provenienti da tutta Italia, sono intervenuti alla II Edizione del Premio Italian Factory per la giovane pittura italiana 2006, a dimostrazione del grande successo riscontrato tra un pubblico di giovanissimi.

Dopo un’accurata selezione iniziale, sono stati prescelti i 20 finalisti che dal 24 giugno al 9 luglio hanno esposto le loro opere in una mostra a Milano presso la Casa del Pane – Casello Ovest di Porta Venezia.

La giuria era composta da Alberto Coretti (direttore di Urban Magazine), Fernando De Filippi (direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brera), Aron Demetz (artista), Lucia Matino (direzione Mostre ed Eventi del Pac di Milano), Marco Petrus (artista), Tiziano Scarpa (scrittore), Maurizio Sciaccaluga (critico d’arte) e Chiara Canali, responsabile della segreteria organizzativa del Premio.

I 20 selezionati del Premio Italian Factory 2006 sono stati: Simona Bramati, Maurizio Carriero, Mimmo Centonze, Cora Chiavedale, Raffaele Collu, Fabio Coruzzi, Andrea D’Aguanno, Cristiana Depedrini, Nebojsa Despotovic, Annaclara Di Biase, Emilia Faro, Paola Ferla, Ettore Frani, Mihailo Beli Karanovic, Daniele Giunta, Svitlana Grebenyuk, Piero Mezzabotta, Daniela Pedretti, Marco Salvetti, Cristiano Tassinari.

Tra i finalisti, la giuria ha decretato vincitore Cristiano Tassinari, giovane pittore nato a Forlì nel 1980, mentre all’artista ucraina Svetlana Grebenyuk  è stato aggiudicato un premio-acquisto non previsto.

Ai due giovani artisti sarà dedicato un progetto espositivo intitolato MNEMOSYNE presso Spazio 8, nuovissima location di archeologia industriale in via Col di Lana 8. L’esposizione – dal 4 al 21 ottobre 2007 – creerà un corto circuito tra diverse espressioni dell’arte contemporanea, un confronto tra due mondi visivi che riflettono le identità e i background culturali dei due artisti. Un evento per conoscere due nuovi talenti, un ulteriore momento di scoperta all’interno dei numerosi appuntamenti previsti per il 6 ottobre in occasione della terza Giornata del Contemporaneo.

GIORNATA DEL CONTEMPORANEO

 

All’interno delle iniziative previste per la Giornata del Contemporaneo, sarà presentata la nuova edizione del bando di concorso per il Premio Italian Factory per la giovane pittura italiana, le cui iscrizioni saranno aperte fino al 20 febbraio 2008.

Per eventuali ulteriori informazioni, si prega di contattare:

 

                         

tel. 02 . 36 51 74 80                           Con il patrocinio del Comune di Milano                      

fax. 02 . 36 51 74 88              

via Tertulliano 37                                

20137 Milano

info@italianfactory.org

www.italianfactory.org


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright