The news is by your side.

Aeroporti Puglia non crede nel Gargano: “Niente grandi alberghi, niente pista”

6

La provincia di Foggia è la quarta al Sud per numero di turisti: 4,3 milioni nel 2005, con un incremento del 10% rispetto a12001 mentre le prime tre province (Napoli, Salerno e Sassari) hanno evidenziato un calo. Lecce viaggia quattro posizioni più giù (con 3,1 milioni di turisti) Bari addirittura 11 (1,4 milioni di turisti), ma entrambe le province sono tra le prime cinque del Mezzogiorno (precedute soltanto da Sassari, Vibo Valentia e Nuoro) per numero di presenze straniere, effetto, evidentemente, dei voli sugli aeroporti di Brindisi e Bari. La domanda sorge spontanea: se anche Foggia potesse contare su un aeroporto, potrebbe intaccare la leadership di -Napoli, Salerno e Sassari? La domanda, girata ad Aeroporti di Puglia, non trova risposta. Perché Ap, prima di investire 70 milioni di euro (espropri compresi, secondo le stime in mano alla stessa società) per una seconda pista di 2,4 chilometri al «Gino Lisa» vuole essere certa di un ritorno degli investimenti. «Occorre prima investire nelle strutture ricettive – spiega il direttore generale di Ap Marco Franchini, protagonista di un vivace dibattitto sul tema con gli operatori turistici garganici nel corso della recente Borsa del Tursimo religioso a San Giovanni Rotondo – e poi eventualmente sulla pista. Un aeroporto va in break-even con almeno un milione di passeggeri: e dove sono in Capitanata grandi alberghi per accogliere turisti stranieri disposti a spendere? I quattro milioni attuali vengono tutti in auto dalle regioni limitrofe». Evidentemente perché non c'è l'aeroporto. Ma Franchini non ne vuol sapere. «Anche a Cortina non c'è l'aeroporto ma i turisti fanno la fila per riempire le costose infrastrutture ricettive. La nostra idea, allora, è un'altra: canalizziamo su Bari i turisti interessati al Gargano e quando avremo la certezza di una forte domanda, cui avrà fatto seguito un investimento degli imprenditori privati negli alberghi, pensiamo alla nuova pista». Continua il dilemma: investire nell'aeroporto per attrarre nuovi turisti o aspettare i turisti per investire nell'aeroporto? Ap è del secondo avviso, nel resto del mondo fanno diversamente.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright