The news is by your side.

Serie A – Muore tifoso; rinvio a Milano, scontri a Bergamo

10

Un tifoso laziale rimane ucciso in un'area di servizio autostradale nei pressi di Arezzo; Inter-Lazio e Roma-Cagliari rinviate, Atalanta-Milan sospesa.

Chi si chiedeva se la morte dell'ispettore catanese Raciti e la garbata e straordinariamente umana reazione di sua moglie fossero servite a qualcosa ora forse può rispondere.

No. Non sono servite nè l'una nè l'altra. La dodicesima giornata del campionato di serie A verrà ricordata come un'altra pagina nera del nostro calcio, l'ennesima: in mattinata, mentre i tifosi raggiungono le proprie squadre in trasferta, nella piazzola di un autogrill sulla A1, a poca distanza da Arezzo, si incrociano tifosi della Lazio diretti a Milano per la partita con l'Inter, e sostenitori della Juve in viaggio verso Parma.

Forse vola qualche parola, nasce una discussione, probabilmente anche un breve tafferuglio: le testimonianze discordano molto su quello che sarebbe accaduto. Ma su quanto causa la morte di un uomo raramente si fa chiarezza subito: fatto sta che uno dei ragazzi romani tifosi della Lazio si accascia sul sedile della propria auto colpito alla testa da un proiettile entrato nell'abitacolo dal lunotto posteriore.

Quello che è successo lo si intuirà dopo; e lo si capirà definitivamente solo a indagine conclusa. Dalla pistola d'ordinanza di una degli agenti delle patugglie della Stradale, chiamate a sorvegliare ogni autogrill per evitare danneggiamenti e tafferugli, pare essere partito un colpo: "Un incidente – dirà più tardi il Questore di Arezzo Vincenzo Giacobbe – il nostro agente voleva evitare che uno screzio tra due esigui gruppi di persone degenerasse."

"Un atto deliberato" risponderanno gli amici del ragazzo ucciso.

Per il tifoso colpito non c'è più nulla da fare: i soccorsi sono inutili. Si chiamava Gabriele Sandri e aveva 26 anni. Faceva il disk-jockey ed era molto popolare nella movida del litorale laziale. Tifoso da sempre seguiva la squadra ovunque.

La notizia si diffonde immediatamente, alimentata dalle trasmissioni radiotelevisive dei prepartita: la Polizia diventa un nemico da colpire.

Inter-Lazio e Roma-Cagliari, su richiesta della Lega e in accordo con le società vengono rinviate. A San Siro si vivono momenti di tensione tra le due tifoserie, rimaste fuori dallo stadio, e gli agenti già pronti a organizzarne l'accesso. I sostenitori di Inter, Milan, Atalanta e Brascia si sono poi trovati in piazza Duomo per manifestare il loro disdegno riguardo la decisione di far giocare comuque le gare del pomeriggio.

Esplodono scontri violenti a Bergamo dove la gara verrà sospesa al 7', su richiesta dei funzionari dell'ordine pubblico, dopo un tentativo di invasione di campo dei tifosi atalantini. Gara sospesa anche a Taranto, in serie C1. Cori contro le forze dell'ordine un po' in tutti gli stadi dove si inizia a giocare con 10' di ritardo e con il lutto al braccio che qualcuno non indossa (Seedorf) e molti toglieranno tra primo e secondo tempo o dopo pochi minuti di gara.

Sul fronte delle indagini la Polizia ha eseguito i rilievi sul luogo della morte di Sandri e sequestrato tutti i filmati girati dalle telecamere a circuito chiuso dell'area di servizio.

La giornata si chiude con i risultati, nonostante tutto, e i gol; in attesa di capire. Ammesso che serva…

 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright