The news is by your side.

Carpino chiede lo stato di calamità

26

Abitazioni allagate, danni alle colture. L’assessore Ortore: “un’intera comunità in ginocchio”.

Il consiglio comunale di Carpino ha chiesto il riconoscimento di «eccezionale evento atmosferico» per gli ingenti danni subiti a seguito del vio­lento nubifragio abbattutosi sul terri­torio comunale nelle scorse settimane. «Una comunità letteralmente in ginoc­chio», ha dichiarato l'assessore all'Agri­coltura, Mario Ortore. Le zone agricole dell'intero territorio comunale, coltivate ad uliveto ed ortaggi, sono state completamente devastate dal­la violenza delle acque: letteralmente sdraricati un numero incalcolabile di alberi. La quasi totalità della viabilità rurale è stata resa impraticabile: gli strati bi­tuminosi sono stati spazzati via dalla violenza delle acque meteoriche, tanto da compromettere seriamente il prosieguo della campagna olearia appena iniziata. La situazione più grave è stata ac­certata presso gli appezzamenti coltivati ad ortaggi ubicati nella "Piana di Car­pino" ed in località "Orto e Paludi", dove le colture esistenti sono state comple­tamente devastate e sommerse, com­promettendo le coltivazioni anche fu­ture. Per quanto concerne il centro abitato, i primi accertamenti hanno riguardato la zona "167" e gli edifici dell'Istituto Au­tonomo case popolari, laddove erano stati segnalati pericoli imminenti per la pubblica e privata incolumità: una ven­tina le famiglie che sono state evacuate e fatte alloggiare presso gli alberghi della zona e presso parenti del luogo, nei giorni del maltempo. In pieno centro abitato la situazione più drammatica, in particolare in via Padre Pio, anche per la presenza di un canale per il deflusso delle acque piovane di competenza del Consorzio di Bonifica montana del Gargano: la inaudita vio­lenza delle acque ha trasportato nel canale detriti di,ogni genere, alberi di pino d'aleppo e fango che hanno let­teralmente ostruito ogni sbocco, pro­vocando così la rottura degli argini e la fuoriuscita dell'acqua che ha raggiunto i piani terreni delle case circostanti.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright